Là dove é il tuo amore, un giorno sarai anche tu
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

LA POVERA CASA DELLE DONNE DI ROMA



di Maurizio Di Gregorio

La vicenda della Casa delle Donne si Roma è un caso esemplare di cui si parla in questi giorni. La giunta Raggi, (come già la precedente giunta Marino) aveva chiesto che fossero pagati i fitti agevolati degli ultimi 10 anni (per un totale di 880.000 euro) ma si è trovata  davanti il consorzio  di gestione  della Casa delle Donne che ha cercato di continuare a fare quel che fa da sempre: non pagare.
 
Dopo due anni di trattativa e dopo che all’ennesima richiesta comunale di pagamento dei fitti arretrati veniva risposto chiedendo addirittura l’assegnazione gratuita del Palazzo ove si trova il centro, la Giunta Raggi decide di affrontare la questione di petto: avoca a sé la gestione dell’ immobile della Casa delle Donna, predisponendo con delibera comunale il reintegro del bene comunale tra le disponibilità dell’amministrazione con l’intenzione di intervenire direttamente in un progetto complessivo comunale di servizi rivolti alle donne e articolato anche nelle zone di periferia.
 
Cioè prende atto del fallimento del progetto Casa delle Donne ed interviene con un piano di riassegnazione degli spazi aperto anche alle associazioni attualmente ospitate dalla struttura ma anche alle altre. Con regolari Bandi di Concorso.
Un voltare pagina ed un ritorno alla legalità.
 
Apriti Cielo: il consorzio Casa delle Donne diffonde alcuni comunicati ed un volantino in cui proclama la  Guerra Santa contro il Comune che vuole sfrattare la Povera Casa delle Donne.
 
Inizia anche la solita raccolta di firme di solidarietà e si giunge persino ad una manifestazione sotto il Comune di alcune centinaia di donne tra cui spicca la presenza gongolante di alcune ministre del PD come Marianna Madia, l’immancabile Laura Boldrini, Veronica Pivetti ed altre. Loredana De Petris e Fassina (Leu). Nei Social si sprecano i commenti anti5stelle e si diffondono le classiche dichiarazioni di solidarietà.
 
Intervengono allora in reazione le Donne del M5Stelle romano e le altre assessore comunali:

Le portavoce e i portavoce del M5S romano rifiutano di essere rappresentati come "fascisti senza cultura" che ignorano...

Pubblicato da Alessandra Maiorino su lunedì 21 maggio 2018
 
E subito dopo la stessa sindaca Virginia Raggi:  In questi giorni ho letto molti articoli e ricevuto molti messaggi secondo i quali questa amministrazione vorrebbe chiudere la Casa delle Donne.Ebbene, chiariamo subito che questo è FALSO! Questa amministrazione non intende chiudere la Casa delle Donne né intende procedere a sgombero. E questo viene anche confermato dalla lettura della mozione votata in aula dai consiglieri M5S il cui contenuto è stato strumentalmente capovolto per far passare la tesi contraria. Cosa vogliamo fare?

 
Ma vediamo come stanno le cose. E riportiamo in poche righe e per sommi capi tutta la lunga storia:
 
Il Complesso del Buon Pastore è un ex convento del ‘600 situato nel cuore di Trastevere, al centro di Roma di 3.500 metri quadrati più giardino e corte interna per un totale di oltre quattromila metri disponibili divenuto di proprietà comunale e restaurato con larghezza di mezzi dal Comune di Roma.  
 
Al suo interno vi è anche un bar, un ottimo ristorante (recensito su Tripadvisor) ed  una specie  di albergo. Vi si tengono molti spettacoli teatrali musicali e artistici (a pagamento) come parecchi convegni seminari e consultori (a pagamento).
 
Al suo interno vi agiscono trenta tra associazioni cooperative e onlus. Sono riunite in un Consorzio di Gestione che ne aveva vinto il bando del Comune di Roma intorno al 2000.
 
Questo bando però regolarizzava  anche il periodo precedente dal 1983 (anno in cui l’immobile con la delibera n. 6325 del Comune di Roma, veniva destinato “a finalità sociali, con particolare riguardo alla cittadinanza femminile” e assegnato, ma solo in parte, al Centro femminista separatista, costituito da dieci associazioni e gruppi del Movimento femminista)
all’anno 2000. 
 
Con esso venivano già condonati  15 anni di fitti non pagati e si stabiliva un nuovo fitto mensile intorno agli ottomila euro, già decurtato del 90 % del valore reale dell’immobile (80.000/mese) proprio in considerazione del valore sociale delle attività  lì condotte.
 
Da considerare che numerosi altri beni del Comune di Roma furono dati in uso ad associazioni e coop. sociali con un affitto agevolato già scontato dell’80%. Per la  Casa delle Donne invece lo sconto reale fu del 90%.
 
In realtà da allora sono stati pagati solo 600.000 euro di affitti e si sono accumulati 880.000 euro di affitti non pagati: una discreta somma che la Giunta Raggi correttamente ha cercato di recuperare sia per riassestare il deficit delle Casse del Comune, sia per poter rifinanziare i progetti necessari come la viabilità, le scuole, e gli asili nido e le altre tante necessità della capitale.
 
Il Comune di Roma ha il dovere giuridico, oltre che politico e morale di risanare il bilancio di una città disastrata come Roma ma riconosce  anche l’opportunità della valorizzazione delle iniziative sociali: infatti anziché emettere una sentenza di sfratto giunge all’ultima delibera in cui si fa carico anche della necessità di riorganizzare i servizi rivolti alle donne nel Comune di Roma e deliberando il ritorno  della struttura al Comune, e annuncia nel contempo la creazione di nuovi bandi aperti anche alle associazioni attualmente attive all’interno della stessa casa delle Donne.
 
Immediata però la reazione negativa e la mobilitazione della Casa delle Donne, forse suggerita ed ispirata anche da esponenti di altre forze politiche (PD e Leu) evidentemente interessati alla strumentalizzazione politica della vicenda ed al suo esito negativo.
 
Nelle righe di sopra trovate i link dei documenti citati. Tra essi emerge ancora un altro fatto: il Consorzio non ha mai rendicontato (tranne che nel 2007) le sue attività al Comune di Roma come invece stabilito dallo stesso atto di concessione. Pertanto possiamo sostenere che vi è stata una condotta completamente illegale protratta negli anni, nonostante le condizioni di assoluto favore alle quali il bene pubblico era stato concesso in gestione.
 
Le circa 30.000 donne che usufruiscono ogni anno della casa delle Donne  non hanno naturalmente idea, e con loro la cittadinanza romana tutta (che si adatta da sempre ai prezzi ultracari romani di abitazioni uffici e laboratori), che  quel bel Convento del ‘600, restaurato e ripristinato dal Comune di Roma, ha versato in 30 anni in media solo 1.400 euro mensili, non quindi un fitto d’occasione per  un bicamere al centro di Roma, ma per una grande ed accogliente palazzo di 4.000 metri quadrati nel costoso centro storico romano.
 
La situazione è certamente complessa, non dimentichiamolo:  nella Casa delle Donne da un parte vi sono anche attività di pregio e con chiaro valore socioculturale, dall’altra alcune sono discutibili e solo commerciali e una buona parte della struttura è chiaramente sottoutilizzata. Comunque sia, il fitto già agevolato non viene versato nonostante le attività commerciali e quelle socioculturali di un certo successo. Una realtà quindi che forse socializza i costi e nasconde i profitti, oppure che non è gestita economicamente in modo corretto, alla dunque una morosità da irresponsabili con il Comune di Roma.
 
Per così  arrivare negli ultimi giorni all’attuale situazione pubblica con già le prime strumentalizzazioni politiche.
 
Speriamo che la vicenda non si risolva in una occasione di scontro tra forze politiche antagoniste e prevalga, da ambo le parti e soprattutto da parte delle donne della Casa delle Donne di Roma quello che non vi è finora mai stato: uno spirito di collaborazione con le istituzioni cittadine. Come del resto già in atto nel caso di diversi centri sociali che pagano regolarmente il fitto concordato col Comune e non hanno alcun problema.
 
APPUNTI SU UN CERTA MENTALITA’
Soffermiamoci infatti sui paradigmi mentali degli attori di questa vicenda: se da una parte Virginia Raggi si fa carico sia delle necessità economiche del Comune, sia della necessità di salvaguardare ed anzi rilanciare una tipologia di servizi cittadini per le donne, dall’altra alcune associazioni femministe si mobilitano e scendono in campo lancia in resta per difendere il loro ”fortino cittadino”.
Mentre nessuno le vuole cacciare, esse non comprendono ancora che si possono avere altri atteggiamenti diversi con le istituzioni cittadine e ciò è sintomatico di un modo di pensare e di vivere.
 
Un mentalità italiana, di sinistra e più specificatamente romana.
 
Facciamo un altro esempio  a questo proposito : anni fa avvenne la riforma delle Ferrovie dello Stato con un primo scorporo gestionale tra Stazioni e Traffico Ferroviario: fu creata  per le Stazioni, una società a capitale misto stato/privati, Grandi Stazioni.
 
Il suo commissario incaricato del restauro e del rilancio di Roma  Termini si trovò davanti ad una realtà inaspettata e originale: praticamente nessuna delle attività commerciali aperte in concessione dentro la vecchia Stazione Termini (bar, ristoranti, edicole, tabacchi, negozi di articoli da regalo e souvenir) pagava gli affitti, no, non regolarmente, non pagavano proprio nulla (non che mancassero i soldi caspita !!) ed ancora più grave nessuno glieli aveva mai sollecitati.
 
Con una eccezione: la libreria della Stazione, il cui titolare Borri, poi fatto cavaliere, pagava regolarmente tutto ed in serena solitudine. La libreria Borri fu infatti l’unica a veder riconfermata la concessione alla Stazione Termini e ricevette anzi in premio la concessione ad aprire librerie in tutte le altre grandi stazioni italiane. (la faccenda fu anche oggetto di un approfondito servizio del settimanale Espresso)
 
(Come un una fiaba dal lieto fine oggi le Librerie  Borri a Roma Termini e Roma Tiburtina sono gestite brillantemente dalle figlie del Cavalier Borri che hanno invece ceduto alla Feltrinelli le rimanenti altre nelle diverse città: questa è la storia dietro le librerie Feltrinelli che oggi vedete nelle varie  stazioni cittadine).
 
Nei decenni passati vi era in molti luoghi, e soprattutto a Roma,  questa mentalità: se non si era proprio costretti, nessuno pagava i suoi conti, solo ad esservi costretti questo succedeva. E la situazione era tollerata anche ai livelli bassi per nascondere le grandi ruberie e corruzioni a livello nazionale e politico.
Questa modalità di comportamento economico era la medesima sia per i corrotti che i corruttori di concessioni pubbliche sia per gli usufruttuari. Non pagava nessuno. A sinistra, come a destra.
 
Spesso gli assegnatari delle case popolari neppur pagavano i sia pur minimi affitti a cui erano sottoposti. Ed una volta emancipatisi dal bisogno  le rivendevano.  Del resto ospizi e  ospedali moltiplicavano ricoverati per ottenere maggiori quote e via dicendo…
 
Recentemente la Raggi è stata accusata per aver sfrattato una sede del vecchio MSI (… se la prende solo con la destra) poi come è intervenuta sulla Casa delle Donne è stata prontamente accusata di fascismo. Un cosa stupida e parecchio vergognosa.
 
UN'ALTRA MENTALITA’
Con un'altra mentalità si sarebbe potuto procedere in altri modi, Quali?
 
Per esempio Laura Boldrini, che ha percepito parecchi milioni di euro durante la sua Presidenza della Camera avrebbe potuto gentilmente e facilmente ripianare in un colpo solo  il debito della Casa delle Donne verso il Comune (solo 880.000 euro). Così da sostanziare il suo impegno femminista. E magari farsi aiutare per il suo rilancio dalla ricca borghesia di Nonunadimeno.
 
Oppure in alternativa le 30 tra associazioni cooperative e onlus che svolgono attività lì dentro potrebbero versare l’affitto di loro competenza: a conti approssimativi  266 euro mensili ciascuna, a Roma Centro neanche il costo di un box auto.
 
Oppure ancora i circa 80.000 firmatari della petizione su Change in difesa della Casa delle Donne avrebbero potuto più efficacemente fare un colletta (oggi è più usato il termine crowdfunding) contribuendo per 10 euro ciascuno in modo immediatamente più efficace e concreto.
 
Per fare questo tipo di cose, occorre però un certo tipo pensiero dentro la testa, un differente paradigma culturale, una mentalità basata sull’onestà, sul rispetto della cittadinanza e delle istituzioni e sul senso di responsabilità comune: elementi assenti dalle mentalità mafiose, e clientelari, sia di destra che di sinistra, e movimenti purtroppo compresi.
 
Un approccio basato sul rispetto e sulla nonviolenza che ad essi sembra mancare. Peccato, questo può essere un oggetto del cambiamento.
  
 
LA POVERA CASA DELLE DONNE
Invece di una naturale riconoscenza per la straordinaria possibilità di un bene cittadino che hanno goduto (e peraltro parzialmente neanche adoperato) il comitato di Gestione della Casa delle Donne oggi prova persino ad estorcere una concessione gratuita dell’immobile stesso senza rendersi conto che l’insieme delle condotte tenute e reiterate negli anni quasi configura un reato di associazione a delinquere con finalità di Truffa nei confronti dello Stato.Di ciò, esse sono certamente inconsapevoli, e qui veniamo ad esaminare un altro aspetto della questione: il vittimismo.
 
E’ tipico infatti dei movimenti femministi odierni agire e mobilitarsi sull’onda del vittimismo. Esasperando alcuni problemi reali. Alcune lo professano scientemente, altre ne sono succubi.
 
Esse si concepiscono non come esseri liberi e responsabili ma sempre e soprattutto come vittime, Vittime dei Tempi e in modo più marcato di tutto quello che si declina al maschile:  l’uomo, il Padre, (ma più in segreto anche della Madre)  e lo Stato.
 
Con tale pensiero esse pensano di essere assolte e libere da ogni responsabilità e questo permette loro di avanzare inesistenti  e comodi diritti riparatori nei confronti delle controparti sia maschili (che al caso femminili)  usati e rivendicati comunque come datori di possibilità, come Bancomat. Chi è riconoscente al Bancomat?
 
Un modo neanche tanto subdolo per ottenere spazio e privilegi dai partner maschili come da genitori e amici, come anche soldi dallo Stato gonfiando statistiche su femminicidi e violenze sessuali e  infine carriere indebite lucrando sulle quote rosa.
 
Un esempio tipico di tale mentalità  è Asia Argento che ha fatto una carriera e guadagnato milioni di dollari da una relazione sentimental-sessuale (da lei simulata) protratta nel tempo col suo produttore, salvo 20 anni dopo denunciarlo come mostro sessuale. Poverina, un'altra povera vittima! Me-too hanno detto altre. Non che un problema non ci sia ma ecco in due parole una bugia violenta, nell'insieme la disonestà del vittimismo.
 
Il tutto è una faccenda troppo complessa per questo semplice articolo sulla Povera Casa delle Donne di Roma. Del resto chi me lo fa fare di addentrarmi nei meandri della sofferenza contemporanea o negli arrovelli d’Occidente?
 
In memoria di Liliana Ingargiola, indimenticabile e diversa.

Maurizio Di Gregorio
Nemi, 23-05-2018

Immagine in testa a sinistra
Liliana Ingargiola a 19 anni
e in fondo a destra:
Lilian Ingargiola nella  tarda maturità.


Liliana Ingargiola aprì materialmente il riluttante portone secolare dell’antico palazzo del tribunale di via del Governo Vecchio, prima sede della Casa delle Donne di Roma
Fu una delle leader del MLD (Movimento di Liberazione della Donna - un altro tipo di femminismo, quello radicale non separatista ed abbastanza innocente  dei primi anni '70).
E' deceduta il 24 novembre 2012 a Roma.




 
© FioriGialli. Tutti i diritti riservati.
E' fatto divieto di pubblicazione sia totale che parziale in altra sede senza una ns. specifica autorizzazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge.



Le estremiste femministe poi sono socialmente pericolose. Secondo la loro ideologia la famiglia sarebbe oppressione sulla donna, e allora aiutano le donne separate ad impadronirsi di figli e mantenimenti con false accuse: maltrattamenti, stalking, anche pedofilia. È un business che in un paese civile porterebbe in carcere le avvocate e psicologhe e attiviste che lo praticano

Grazie di questo articolo caro Maurizio.

scritto da: Andrea Sebastianelli il 25/05/2018 alle 15:59
Ho trovato questo articolo molto interessante soprattutto perché va contro una retorica dietro la quale spesso c'è poca concretezza. Al di là dell'importanza di continuare ad avere una Casa delle donne funzionante, c'è un altro aspetto da tener conto. Oggi le norme anticorrusione sono molto stringenti e un sindaco si trova a dover fare bandi anche per le cose più piccole. Le associazioni, dunque, devono comunque imparare a partecipare ai bandi per gestire strutture e attività. Il tempo degli affidamenti a fiducia (potrei dire anche: purtroppo) è finito. La notizia importante è che la Casa delle donen non chiuderà ma dovrà rispettare tutto ciò che richiede la legge.

Grazie per questo articolo e per il bel sorriso di Liliana

Sono una donna gay dichiarata, conosco bene la realtà del buon pastore,gestita a parer mio malisssimo avendo quel luogo una potenzialità enorme,e magari il comune facesse dei bandi,ci farei un pensierino.
Concordo pienamente con quanto su scritto,è una vergogna he donne dichiaratesi femministe,fanno le vittime in quel modo e concorfo con la "mentalità tipica romana" che tutto ci è dovuto,solo diritti e non doveri.brava Alba Montuori hai detto solo la pura verità!

Liliana non avrebbe mai fatto del vittimismo, del settarismo, non avrebbe mai politicizzato con scopi utilitaristici e di parte questa vicenda.
Spero che Virginia Raggi ne raccolga, almeno in parte, la grande eredità morale.

Trovo veramente spiacevole e di pessimo gusto strumentalizzare la figura di Liliana Ingargiola, che non è più tra noi. Che senso ha? L'autore dell'articolo la conosceva o ha chiesto il permesso ai suoi eredi per utilizzare il suo nome e la sua immagine? Pensa così di avvalorare la propria tesi?

Prima di dare i numeri con questo articolo schizofrenico forse è meglio che lei si documenti sulla reale gestione di questo bene, tenuto in piedi non dal comune in tutti questi anni Si vergongni!

"Intanto, non è vero che non paghiamo l’affitto. Paghiamo tutto quello che riusciamo a pagare: più o meno la metà di un canone di più di 8000 euro al mese, insostenibile per chiunque svolga attività sociale.
Ma la Casa, a parte questo parziale mancato pagamento non costa un euro di denaro pubblico, non ha mai ricevuto un euro pubblico per le spese di gestione. Gratuitamente le donne tengono aperto tutto il giorno, sei giorni a settimana, a tutti e tutte il Buon Pastore, svolgono attività culturali e offrono servizi a donne che non se lo possono permettere. Pagano la manutenzione di un palazzo pubblico del 600, che spetterebbe al Comune di fare. Le donne della Casa, le associazioni femminili e femministe si stanno prendendo cura di un bene comune e, cosa, non certo da meno, stanno salvando e mantenendo aperto un luogo in cui si produce cultura e politica delle donne, si pratica la libertà e la solidarietà.
L’altra alternativa è che l’unica funzione del patrimonio pubblico sia servire per fare cassa, per essere venduto, come si dice nel nuovo “contratto di governo”, che l’unica misura che ne regola l’uso sia il mercato, che il patrimonio pubblico, che è di tutti noi, possa essere usato solo dai più ricchi.
Oppure che il suo destino sia essere abbandonato al degrado e poi svenduto, come è accaduto a Palazzo Nardini.
Si tratta, come sempre di fare una scelta."

Per Penelope: il suo intervento è strumentale e non entra nel merito della questione. Come ho scritto non seguo le varie interpretazioni vittimistiche con relative strumentalizzazioni politiche.

Penso che Il Comune deve agevolare, per quanto può le associazioni culturali e sociali, ma al contempo i cittadini che ne usufruiscono devono contribuire con un canone anche se agevolato e rendicontare al Comune. Questa è onestà, legalità e rispetto per gli altri/e. Non ne aveva mai sentito parlare vero?

per Ludovica: il commento antecedente al suo, spiega abbastanza bene la citazione di Liliana Ingargiola: Liliana non avrebbe mai fatto del vittimismo, del settarismo, non avrebbe mai politicizzato con scopi utilitaristici e di parte questa vicenda.

Liliana, oltre ad altre qualità, era onesta, anche quando sbagliava, era onesta - e questo, suppongo, lo possono confermare coloro che la hanno conosciuta in vita.

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
24 FEBBRAIO 2018 - ROMA -MANIFESTAZIONE PER LA LIBERTA' DI SCELTA SUI VACCINI
15 - 16 MAGGIO 2018 - ROMA AUDITORIUM - ASCANIO CELESTINI - PUEBLO
08 APRILE 2018 - ROMA AUDITORIUM - FRANCO CARDINI: ISLAM - SUNNITI CONTRO SCITI
20 NOVEMBRE 2017 ARDEA (ROMA) - CONVEGNO - RICONOSCIMENTO E VALORIZZAZIONE DELLA FIGURA DEL CAREGIVER
17 - 24 NOVEMBRE 2017 MANZIANA (VT) - LABORATORIO DI TEATRO DELL'OPPRESSO SUL TEMA DELL'OBBLIGO VACCINALE
16 DICEMBRE 2017 ROMA - WORKSHOP DAI LUCE AI TUOI DESIDERI
18 NOVEMBRE 2017 FIRENZE - CITY BOUND. EDUCAZIONE ESPERIENZIALE ALL'ARIA APERTA IN CITTA'
24 SETTEMBRE DECIMA EDIZIONE FIDUCIA DAY - ROMA
21 SETTEMBRE ROMA EVENTO FIORIGIALLI - INCONTRO CON DAYA BAI
23 SETTEMBRE 2017 ROMA - INCONTRO CON DAYA BAY
27-29 OTTOBRE - INTRODUZIONE ALLA COMUNICAZIONE NONVIOLENTA
30 SETTEMBRE - 10 OTTOBRE - CAMBIARE VITA E LAVORO, ISTRUZIONI PER L'USO - (TR)
16-17 SETTEMBRE 2017 STRESA - CONVEGNO INTERNAZIONALE MEDICINA HILDEGARDIANA
20 - 21 MAGGIO 2017 - TERRA NUOVA FESTIVAL
19 maggio 2017 - Il bambino nel secondo settennio
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it