Il problema dell'umanità è che gli stupidi sono sempre molto sicuri,
mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi. (B. Russell)

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

ALTERNATIVE:LE SCONFITTE INSEGNANO MA SOLO A CHI VUOLE IMPARARE



di Massimo Marino

Il 27 maggio e il 15 giugno ho scritto due interventi (Elezioni: il Re è nudo, qualcuno troverà le mutande? e  Europa: Il Parlamento di Arlecchino) che analizzano risultati e conseguenze delle elezioni europee del 26 maggio e di altri risultati elettorali del periodo, dalle politiche e amministrative in Spagna ( con Barcellona e Madrid fra gli altri) alle amministrative e regionali (Piemonte) in Italia. Mi sembra che le riflessioni si adattino bene anche alle più recenti elezioni politiche in Grecia con cui si chiude la meteora Syriza di Tsipras e come in un tragico gioco dell’oca si torna alla casella di partenza: i Conservatori di Neo Demokratia tornano al governo con Mitsotakis (figlio). 

La formazione dei gruppi al PE ha seguito il copione prevedibile da mesi, la prevedibile alleanza del vecchio-nuovo gruppo che comprende En Marche di Macron con i due alleati di prima (Popolari e Socialisti) in una nuova-vecchia, anzi vecchissima maggioranza. Prevedibile anche  l’isolamento dei 5Stelle che non hanno potuto costruire alcun gruppo e sono finiti nell'ottavo gruppo: NI (cioè i non iscritti che noi chiamiamo gruppo misto). Non ho mai dato credito neanche per un attimo agli annunci prelettorali di Di Maio su un nuovo ipotetico gruppo al PE.

Non è una polemica con Di Maio, anche se chi minimamente conosce il quadro delle forze europeo vedeva quanto fosse poco credibile l'annuncio, ma una costatazione di quanto sia indietro lo scenario politico europeo che neppure comprende uno dei soggetti più interessanti dell’Europa come i 5Stelle collocandoli alla leggera nei rivoli locali del populismo. Quella al PE è stata una tragica occasione mancata già nel 2014 per Verdi, Podemos e alcuni altri per costruire con il M5S un dirompente scenario di alternativa, l’unico possibile peraltro. 

E come sempre le occasioni mancate si pagano, che è quanto stà avvenendo. Non solo per Podemos e i 5Stelle ma anche per i Verdi collocati fra i vincitori mentre il loro composito gruppo è il quarto di fatto alla pari con I&D (Identità e Democrazia) di Salvini e Le Pen. In realtà più indietro perché ospitano nel gruppo parecchi aggregati indipendenti (dai Pirati ad alcuni autonomisti e socialisti radicali).

E per porsi almeno come terzo polo europeo dovrebbero più che raddoppiare i loro 74 seggi attuali. Mentre la GUE cioè la sinistra europea si stà gradualmente spegnendo prima per mancanza di idee poi per mancanza di seggi, oggi ridotti a 42 con modeste diatribe irrisolte al loro interno. La penosa lacerazione interna di Podemos è l’esempio più grave.
 
Tutto come prima quindi con qualche sovranista-populista o destrorso (o come volete chamarli) in più. Rompono le palle, è vero, ma solo per fare scena sui media che in genere gliela offrono volentieri perché in fin dei conti non danno fastidio a nessuno. Anzi riempono le prime pagine dei media europei che così evitano accuratamente di mettere in evidenza qualche serio problemino che ha l’Europa e il Pianeta e che imporrebbe di parlarne  in modo approfondito e urgente. 

* Per esempio, la crisi del clima e l’inquinamento che stanno accellerando. 

* Per esempio, i giochi di guerra a cui l’apparato militare USA si esercita con l’Iran essendo un po’ al tramonto, ahimè, il badget degli incassi sia sullo scenario guerriero Iraq-Siria-Isis che quello dell’Afghanistan. 

* Per esempio, la crisi demografica priva di qualunque controllo con il declino dell’Europa e l’ipersviluppo demografico in almeno tre continenti con la sua inevitabile appendice delle migrazioni di massa crescenti. 

* Per non parlare di povertà e corruzione, scenari dilaganti a tutte le latitudini come prodotto evidente di assenza e crisi di leadership e di progetti. Una volta si parlava di weltanschaung, cioè di formulare una visione del mondo che dovrebbe rendere possibile e magari gradevole il futuro dei nostri popoli e tutelato il nostro pianeta almeno per il secolo in corso. Questione invece di scarso interesse per la gran parte dei leader attuali del mondo. 
 
Nei miei interventi cercavo di trovare gli aspetti comuni che uniscono forze diverse che si dichiarano alla ricerca di una vera alternativa sociale, ecologica, popolare, con un approccio culturale che contesti l’idea della crescita senza limiti e insieme dell’austerità, del cosiddetto neoliberismo come unico modello possibile di progresso. In particolare seguo e in qualche modo sostengo da anni con interesse i 5Stelle italiani, ma anche l’esperienza storica dei Verdi tedeschi e la novità che dal 2014 sembrava emergere in Spagna con Podemos.  Praticamente le tre più importanti esperienze che conosco e fra le poche che hanno ottenuto un qualche rilievo elettorale e sociale significativo. Il resto è tutta fuffa minoritaria.
 
Ho più volte sottolineato l’aspetto assolutamente più rilevante nel campo istituzionale di questa epoca storica: la tendenza consolidata e crescente all’astensionismo elettorale, che è in quanto tale un fenomeno sociale rilevante da capire. Voglio ricordare, con un certo disagio, che nel 1968 nelle elezioni politiche italiane andava a votare il 98% degli elettori.

Pochi i commenti di merito sui miei interventi. A parte quelli che mi riproponevano la necessità di una sinistra ...(buonanotte !),  sostenere i verdi .. (questi italiani, no grazie! ), ripensare ad un nuovo Ulivo .. (viva la Xylella !), dare spazio alla Bonino..(quella berlusconiana o quella piddina ?), interventi nel merito pochi. 
 
Sono convinto che dalle sconfitte si può e si deve imparare molto. Perché Salvini come Trump, Tsipras come Macron, Erdogan come Al Sisi sono il prodotto di una sconfitta storica o meglio di un fallimento per inadeguatezza: della sinistra come dell’ambientalismo, del pacifismo come del multiculturalismo, tutti prodotti del secolo scorso come tali oggi inutilizzabili.

E quindi bisogna buttare tutto al macero e ricominciare da zero: riscrivere una nuova storia di idee, di culture e di lotte all’altezza dei decenni che verranno che saranno letteralmente “ infuocati” da tutti i punti di vista.
 
Concludevo quasi due mesi fa le mie riflessioni in modo apparentemente azzardato: “   Da domani forse serve altro: proporre al centro della scena, ma proprio al centro, fuori dagli incubi delle destre e delle sinistre, una larga alleanza popolare, ecologista, sognatrice e radicale, che sollevi lo sguardo dal proprio ombelico, che non sia ossessionata solo dalle elezioni, che guardi il futuro, aspiri ad essere maggioranza sociale e non gruppuscolo e proponga con realismo una rivoluzione per vivere felici. Non chiedetemi come, so che è difficile ma non c’è altro di più realistico.”
 
Fra i pochi Igor Giussani su www.decrescita.com pubblicando il mio intervento, cosa per cui lo ringrazio, entra nel merito in particolare di questa mia conclusione ponendo quattro argomenti che la rendono difficile da condividere. Argomenti tutti assolutamente ragionevoli ma non sufficienti per concludere “  Nun Se Pò Fa”. Io dico che si può fare. Anche perchè non si può fare altro. Provate a dire alla Greta quindicenne vostra vicina di casa che non si può fare .... 
 
Che si voglia fare un blog, scrivere un libro, organizzare un seminario o un convegno internazionale, fare il giornalista free lance nei campi di rifugiati siriani o dedicarsi a salvare i profughi in mare, organizzare un comitato ambientalista o una associazione di immigrati marocchini, fondare un partito ecologista che non c'è o un movimento popolare di liberazione del pianeta che servirebbe, nel secolo della crisi climatica dobbiamo buttare a mare tutta l’immondizia culturale che ci tiriamo dietro dal secolo scorso e con santa pazienza ricominciare a scrivere un nuovo possibile percorso di alternativa a partire da tutto quello che di interessante di recente è nato, è cresciuto e forse è già fallito. Perché le sconfitte insegnano molto, anzi moltissimo, ma solo a chi ha intenzione di imparare.
 
PS. Nei prossimi giorni uscirà un mio lungo intervento sulle riforme istituzionali e costituzionali che si stanno facendo, alcune buone altre no, su quelle che non si stanno facendo e si potrebbero fare. Anche su questo terreno andrebbe costruita una Alternativa credibile e comprensibile di riforme che oggi assolutamente non c’è.

Massimo Marino
Torino, 14.07.2019
 
 
 


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
08 - 10 MARZO 2019 MILANO - FAI LA COSA GIUSTA - XVI EDIZIONE
01 MARZO 2019 LUCCA - CONFERENZA PIANO DI STUDI DELLA SCUOLA WALDORF
09 MARZO 2019 MILANO - INCONTRO COME SOPRAVVIVERE IN UNA ERA DIGITALE
15 MARZO 2019 BATTAGLIA TERME (PD) - DOCUMENTARIO UNA POPOLAZIONE FUORI DAL GREGGE
12 - 14 MARZO 2019 LONDRA - PARTECIPAZIONE COLLETTIVA ALLA LONDON BOOK FAIR 2019
APPROVATA GRAZIE AL MOVIMENTO 5 STELLE PRIMA SERIA LEGGE ANTICORRUZIONE
INFORMAZIONE: IL GRATUITO HA UN PREZZO ALTISSIMO - LA TESI DI M. GABANELLI
APPELLO DI LEADERS FOR PEACE
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it