Le cose sono unite da legami invisibili, non si può cogliere un fiore senza turbare una stella - Albert Einstein

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

MIGRANTI: SERVE UNA TERZA VIA, NE PORTI CHIUSI NE PORTE APERTE



di Massimo Marino

1) Apparentemente sul problema dei migranti in Italia ci sarebbe poco da discutere.L’Italia sarebbe divisa in due.
Più o meno la metà sarebbero razzisti. O comunque non vogliono i migranti perché abbiamo già problemi nostri e non possiamo occuparci dei loro. Con gradazioni diverse, anche molto diverse, di sadismo o di egoismo condividerebbero nella sostanza l’idea di ributtarli tutti a mare, chiudere i porti e gli altri confini. Anche perché fra i migranti si nasconderebbe di tutto, dall’isis, al virus.  Qualche tentennamento ci sarebbe per quelli che fuggono dalle guerre sotto casa, che sono probabilmente solo una minoranza, ma nella sostanza la soluzione sarebbe questa.  Neanche tanto si farebbe eccezione  per donne e bambini. A secondo del punto di vista questi sarebbero quelli che  mettono sempre al primo posto gli italiani ( quindi veri patrioti), da un altro punto di vista sarebbero tutti razzisti. Punto.

L’altra metà dell’Italia sarebbero antirazzisti, quindi per definizione altruisti e favorevoli a dare una mano a tutti quelli che affogano nel Mediterraneo. I migranti hanno il diritto di vivere (come noi?) o comunque sopravvivere in ogni caso a guerre, crisi climatica, povertà. Dobbiamo quindi aprire i porti e le porte a tutti o comunque a tutti quelli che specie attraverso il Mediterraneo rischiano la vita per emigrare e vogliono sbarcare ( in Europa, non in Italia perlopiù). E naturalmente la libertà di muoversi sul pianeta non deve essere frustrata. Questa metà dell’Italia, che soffre l’emergenza ma non costruisce soluzioni vere non sembra sempre interessata a cosa succede prima, durante e dopo il viaggio a quelli che intraprendono l’avventura disperata dell’immigrazione irregolare.

La mia è ovviamente una palese forzatura delle posizioni, una lettura esagerata delle opinioni che dividono la società italiana e non solo quella. Però, grazie anche ad un sistema dei media che esaspera e banalizza tutto, queste appaiono le posizioni. Sono quelle su cui si fanno le crociate. Di cui si discute al bar e in tv. Su cui si decide quale partito sostenere. Su come comportarsi per la strada.  Un’altra posizione non appare mai, quindi: o sei di qua o sei di là.Più o meno da 5-6 anni questo tema, che secondo me non sarebbe affatto fra quelli più drammatici se fosse gestito solo decentemente, è diventato una fra le principali emergenze nell’immaginario di molti. Ha occupato le prime pagine dei media costantemente, scalzato solo per qualche mese dal virus.

Oggi si ricomincia. Tema su cui si organizzano le crociate, si fanno le fortune elettorali di questo o di quello, qualche volta anche un bel po’ di soldi. Si organizzano risse furiose su FBK dove gli insulti volano come farfalle in un prato fiorito ( “sporco razzista” .. “schifoso nemico degli italiani “ ..  e via così ). Si inventa un' invasione ( sarebbe un disegno voluto per cambiare la composizione etnica dell’Occidente! ). Oppure, dall’altro fronte, si sostiene che alcune centinaia di migliaia di irregolari e clandestini nel nostro paese entrati dal 2014 in poi non sono un problema ( e invece lo sono eccome, prima di tutto per loro stessi).
 

Di gran lunga il tema diventa il più discusso, rendendolo così ben più importante di tanti altri. Ad esempio del fatto che il timido programma di interventi sul clima di COP 21 di Parigi del 2015 è praticamente saltato è non c’è un piano B. Qualcuno, come Greta e alcuni altri giovani leader che emergono qua e là sul pianeta, senza guardare in faccia nessuno e lontani dal gioco della politica, ci ripetono, forse con troppo garbata rabbia,  che non possiamo scoprire fra 10-15 anni che il piano B non c’è. E che siamo ( “saranno” quelli della generazione cento che vivrà il nostro secolo) letteralmente fottuti.

Una bella rissa in TV sui migranti è il sogno di tutti partiti, di destra e di sinistra, dei loro esponenti più televisivamente gettonati. Non vedono l’ora di farla. Alla fine dei conti costa poco, anche se quello che accomuna i contendenti è la quasi assoluta mancanza di idee e progetti per mettere sotto controllo il fenomeno delle migrazioni irregolari.  

Che tu sia di sinistra o di destra hai sicuramente un bell’elenco di ragioni, e anche belle solide, per esporre le tue opinioni ed al contrario di molti altri temi caldi su cui le differenze fra i partiti evaporano fino a renderle difficili da riconoscere, non ti costa quasi nulla dichiararti da una parte o dall’altra. 

Il quadro della dimensione del fenomeno è relativamente noto e rimando, per chi fosse interessato ad approfondire, ai contributi della sottostante bibliografia, scelti fra quelli che ritengo più utili ed interessanti.
Ricordo soltanto alcuni dati essenziali: l’Italia è percorsa negli ultimi anni da quattro  flussi di migrazioni   di un certo rilievo ognuno dei quali pone dei problemi, che si potrebbero gestire normalmente e si impone che i flussi siano governati attraverso un razionale percorso di scelte di investimenti, di azioni organizzative, di aggiornamenti legislativi e di progetti culturali.

Il primo è il flusso da Sud a Nord del paese (e non viceversa) che solo dal 2002 ad oggi ha coinvolto un milione di persone soprattutto giovani.

Il secondo è il flusso di giovani migranti ( molti di livello scolastico elevato) che abbandona il paese in gran parte verso altri paesi europei specie del nord Europa. Dal 2006 al 2019 gli emigrati ufficiali sono 2 milioni. In misura uguale uomini e donne con un’età media attorno ai 30 anni. 

Il terzo è il flusso di migranti regolari che entrano in Italia da altri paesi. In maggioranza dai paesi europei dai quali è più facile ottenere il visto di ingresso, ma anche da vari paesi extra UE specie del nord Africa. Gli stranieri regolari sono oggi quasi 5.5 miloni, meno del 10% della popolazione. Fra l’altro l’Italia è il paese europeo che negli ultimi anni molto più degli altri ha concesso la cittadinanza trasformando stranieri regolari in cittadini italiani a tutti gli effetti. I nuovi italiani negli ultimi dieci anni sono più di un milione.

Il quarto flusso è quello dei migranti irregolari, detti anche clandestini. Sul loro numero, provenienza, collocazione e  destinazione attuale ho letto veramente di tutto e anche fonti più o meno ufficiali si fanno notare per il modo confuso e a volte poco serio con il quale “danno i numeri”. Con qualche rischio mi azzardo quindi a fare queste stime: dal 2014, nel pieno della  guerra civile in Siria e della seconda guerra civile in Libia, fino ad oggi sono entrati in Italia almeno 600mila stranieri in modo irregolare più o meno clandestino, fra i quali molte decine di migliaia utilizzando il visto turistico e poi eclissandosi. Tre quarti degli ingressi è avvenuto via mare utilizzando per lo più i barconi di gruppi criminali organizzati ma con il tempo anche attraverso sbarchi autonomi e autogestiti. Si parla di un centinaio di gruppi che hanno terminali permanenti nei principali paesi africani, ma anche mediorientali e in alcuni paesi asiatici.

Alcuni gruppi sono in grado di mantenere i rapporti con gli sbarcati e indirizzarli verso le più diverse attività. Sono proliferati soprattutto dopo che la Libia è stata affondata da noi e fatta a pezzi dai successori di Gheddafi, la Siria è stata dilaniata dalla guerra civile e l’Isis ha indebolito numerosi altri paesi. E prima ancora la crisi dei balcani e lo spappolamento della ex jugoslavia, in qualche modo sedata dai nostri bombardamenti in Kossovo poi costituendo un Protettorato, hanno aperto altri varchi dall’est europeo. 
 

Almeno 300mila hanno poi con il tempo abbandonato l’Italia verso altri paesi. Per quanto in questi anni siano stati emessi più di 100mila fogli di via (espulsione) non più di 6000 all’anno in media sono stati rimpatriati ( in numero costante all’epoca di Minniti, di Salvini e della Lamorgese).

Degli altri 300mila  all’incirca la metà hanno ottenuto forme di registrazione della loro posizione: con permessi di soggiorno di vario tipo e durata o come  richiedenti asilo,  in base alla loro supposta provenienza e condizione. Oppure con permessi di protezione umanitaria che allargava lo spettro delle regolarizzazioni. Questi ultimi fortemente ridimensionati dal DL 113 dell’ottobre 2018 ( detto decreto Salvini) che ha ricollocato nell’area della clandestinità alcune  decine di migliaia di irregolari. Neppure lui secondo me aveva chiaro quale vantaggio ne potesse trarre visto che erano già tutti qui, ma probabilmente lo riteneva un buon spot elettorale.  

Dei 100-150 mila rimanenti, senza alcuna forma di riconoscimento e regolarizzazione, non sappiamo nulla e se sono ancora in Italia alimentano il mercato del lavoro ( nero e clandestino ma in gran parte stagionale od occasionale), della prostituzione ( all’incirca il 10% almeno delle 100mila prostitute italiane sono straniere, molte irregolari e clandestine e per un terzo circa minorenni).  Si stima che potrebbero esserci circa 100mila badanti straniere che in buona parte lavorano in nero e sono in parte irregolarmente presenti in Italia.  Si può stimare che sono parecchie migliaia in buona parte irregolari quelli coinvolti nello spaccio di droghe sintetiche e hashish. Per lo più marocchini, tunisini, nigeriani e albanesi.

Ovviamente restano decine di migliaia di stranieri, entrati clandestinamente, allontanatisi dagli hotspot, o con i permessi scaduti, che vivono nel nostro paese ai limiti della sopravvivenza ma non compiono assolutamente nessun reato. Ed essendo “invisibili” sono tagliati fuori da qualunque forma di sostegno economico istituzionale e da qualunque attività lavorativa regolare. Con il tempo e solo in alcune zone parte di loro riescono ad ottenere forme di assistenza sanitaria.

Fra queste centinaia di migliaia di irregolari, a parte rumeni e ucraini più facilmente entrati via terra, gli altri arrivati via mare hanno una composizione abbastanza composita nel tempo. Negli ultimi anni in grande maggioranza si tratta di migranti economici, tunisini i più presenti nell’ultimo anno dopo la crisi del nuovo governo di Elyes Fakhfakh e l’arrivo del Covid19. Solo in misura minore sono quelli realmente provenienti da zone di guerra o coinvolti da gravi tragedie ambientali.  

3) Se lo scontro fra razzisti e antirazzisti produce in genere pochissime idee da entrambe le parti sulle soluzioni del problema, non c’è dubbio che mediaticamente ed elettoralmente hanno stravinto quelli che vogliono i porti chiusi. Mi sono convinto sempre di più con il tempo di quale è il risultato della richiesta di aprire le porte a tutti, sorvolare sul dopo e ignorare gli enormi problemi che questo scenario  provoca, prima di tutto ai migranti stessi, prima e dopo aver attraversato il Mediterraneo. 

Il risultato è stato quello di avere trasformato due penosi partitini della destra italiana in grandi partiti popolari e di massa. Vuol dire che la politica che suggerisce in questo scenario le  “porte aperte “è gravemente sbagliata e ne serve un’altra. Abbiamo aperto il varco ad un centinaio di gruppi criminali, potenziato lo spaccio e la prostituzione con nuove leve di disperati, permesso che senza valide proposte alternative e soluzioni ragionevoli le peggiori idee razziste e fascistoidi si insinuassero nella vulgata comune di molti.

Le ONG, che hanno immaginato di svolgere un ruolo positivo raccogliendo qualche migliaio di migranti ai bordi del confine marittimo libico, paradossalmente rendendo più semplice e più redditizio il commercio dei barconi che così non vengono neppure sequestrati  e possono tornare indietro con poco consumo di carburante pronti per un nuovo giro, sono cadute in un clima di sospetto diffuso. Carola Rackete eroina lo è solo per una minoranza che è alla ricerca delle proprie Giovanna d’Arco. Nessuno è interessato ne in grado di conoscere dove finiscono, che vita fanno, come sopravvivono poi, le centinaia di migliaia di persone  a molte delle quali ad oggi non siamo in grado di offrire nulla se non nuove forme di schiavismo e di diversa sofferenza. Fanno eccezione soltanto le esperienze di alcune comunità religiose e pochi altri.

Dunque lo Stato, chi governa, e dietro di lui tutte quelle parti della società civile organizzata e non che ritengono obiettivi prevalenti la convivenza multietnica, il diritto ad una sopravvivenza decente, la sicurezza e la tutela sanitaria per tutti, deve riprendere in mano la situazione, cambiare drasticamente rotta, che non vuol dire stare in mezzo e in silenzio, e trovare nuove vie.  Ma esistono?
Certo che esistono.
  1. Per prima cosa lo Stato deve spazzare via tutta la filiera organizzata del crimine che attraverso gli scafisti e le altre strade irregolari via terra di ingresso nel paese controllano prima alla partenza e poi all’arrivo il destino di molte migliaia di persone. Il modo migliore per farlo mi sembra quello di sostituirsi totalmente agli scafisti  ed ai gruppi criminali e gestire direttamente l’ingresso in forme regolamentate di tutti i migranti. Intendo una azione non emergenziale ma costruita con il tempo che ci vuole per diventare stabile, con l’obiettivo di cancellare l’immigrazione irregolare, raccogliere in elenchi e graduatorie singoli e famiglie interessate a migrare, prelevarli  nei campi profughi o a casa loro se ce l’hanno e con navi o aerei, organizzare un percorso regolare di ingresso nel paese e poi di eventuale spostamento nel resto dell’UE. Per alcune decine di migliaia di persone all’anno.
Si tratta di aprire progressivamente sportelli ufficiali presso le principali ambasciate e consolati in vari paesi africani, e in alcuni mediorientali e asiatici. Un impegno ben difficile ma non più di altri. Naturalmente le domande supererebbero di gran lunga le possibilità ma tutta l’Europa sarebbe costretta a fare i conti con questa diversa via per affrontare un problema che comunque tutti continueranno ad avere.

 L’iniziativa dello Stato andrebbe presa con una collaborazione permanente delle associazioni degli imprenditori specie del settore dell’industria e dell’agricoltura, delle principali associazioni di stranieri già esistenti in Italia, delle associazioni di volontariato e delle ong disponibili. Progressivamente questa struttura dovrebbe accentrare tutti gli aspetti dell’integrazione di tutte le forme di immigrazione. Nella fase iniziale di accoglienza andrebbe garantito un minimo gettone di sopravvivenza e semplificate le procedure per permettere fin da subito la possibilità di utilizzo dei migranti in attività di lavoro sostanzialmente gratuito nelle migliaia di comuni che hanno bisogno di interventi sociali o di manutenzione del territorio. 

 Per mia esperienza diretta con un gruppo di migranti ho visto che la possibilità di operare da subito è anche psicologicamente gradita da molti migranti rinchiusi nei centri in attesa di un permesso che magari arriva dopo più di un anno. Mentre si avvia questo percorso, con l’obiettivo di proporlo come nuovo strumento all’intera UE, andrebbe preclusa, in modo più intransigente, qualunque entrata irregolare, prima di tutto rendendo ardua qualsiasi attività delle organizzazioni criminali, ampliando e irrigidendo anche attività del tipo di quella  dell’Agenzia di Frontiera Frontex. 

Si tratta quindi di chiudere i porti e chiudere le porte a tutte le forme di migrazione irregolare e clandestina e aprire i porti e le porte ad un sistema permanente di immigrazione e integrazione avviata, regolata, gestita dallo Stato insieme ai molti soggetti che hanno titolo o disponibilità ad operare insieme.

Da alcuni anni ci sono già esperienze e progetti, certo di dimensione limitata e privata, anche se in genere sostenuti dal Ministero degli Interni, che vanno in questa direzione.
corridoi umanitari sono un modello di accoglienza che gli Stati Europei hanno già a disposizione come alternativa sicura e legale ai viaggi della disperazione. Come anche in Francia e Belgio le ambasciate e consolati italiani, su richiesta di associazioni private possono già rilasciare visti umanitari con validità territoriale limitata alla sola Italia ai sensi del Regolamento (CE) n. 810/2009 del 2009 (art.25). 

I profughi coinvolti dai promotori del progetto sono ospitati in strutture disponibili secondo il modello dell’“accoglienza diffusa” garantendo la possibilità di integrazione nel tessuto sociale e culturale, l’apprendimento della lingua italiana, la scolarizzazione dei minorenni. Il progetto “Apertura di corridoi umanitari” ha preso il via in Italia il 15 dicembre 2015 con la firma di un Protocollo d’intesa tra la Comunità di Sant’Egidio, la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, la Tavola Valdese e il Governo italiano. Sebbene poco conosciuti sono già quasi una decina i progetti attuati, ad esempio con i villaggi SOS, con gruppi di profughi dall’Etiopia, dalla Giordania e dal Niger ed evacuati dalla Libia. Progetti finanziati ad esempio dall’otto per mille della Chiesa cattolica e da raccolte fondi della Comunità Sant’Egidio che in totale hanno già coinvolto forse quasi duemila persone, per lo più donne, bambini e famiglie.

Anche la Merkel nel 2015 e 2016 ha attuato il progetto di ingresso organizzato dalla Germania, per circa un milione e mezzo di profughi siriani prelevati dai campi di raccolta di confine dopo che la guerra civile e l’isis hanno portato alla fuga almeno 5 milioni di persone. Ma una iniziativa permanente dell’Italia avrebbe un grande impatto. E’ chiaro che inizialmente servirebbero risorse consistenti e azioni mirate e in qualche modo fortemente simboliche: ad esempio ottenendo la possibilità di organizzare con un trasporto via mare l’evacuazione progressiva di alcuni campi di raccolta di stranieri in Libia. Già l’UNHCR ha chiesto più volte di subentrare alle milizie libiche nella gestione di alcuni campi e associazioni di dimensioni ridotte si sono offerte di aprire piccoli corridoi.

In prospettiva però si tratta di garantire un ingresso regolare in Italia di quelle migliaia di persone all’anno che comunque il sistema economico e sociale non solo può assorbire ma addirittura richiede per necessità.

Si tratta di costruire un diverso rapporto, da una parte più autorevole e dall’altra meno ambiguo, con molte realtà dell’Africa e del Medio Oriente alle quali per il momento succhiamo petrolio e vendiamo armi.
Non dimenticando che strategicamente l’impegno principale dovrebbe essere quello di poter garantire a tutti  il diritto di NON migrare per necessità dalla propria terra.

Massimo Marino
23-08-2020

Letture:
Che cosa è Frontex (Interno.gov.it )
Corridoi umanitari: cosa sono e come funzionano (sositalia.it)
Dossier migrazioni 1 - 2 -3  (Igor Giussani)
Dossier migrazioni (CNMS – Francesco Gesualdi)
Fra Tunisia e Libia una multinazionale del traffico umano ( Ferruccio Bellicini – unimondo.org )
I dati sulla cittadinanza in Italia ( Fabio Colombo- lenius.it )
Mafia Nigeriana (wikipedia.org)
 Migrazioni: l’insopportabile ipocrisia dell’accoglienza ( Maurizio Pallante)
Migranti irregolari e rimpatriati ( Milena Gabanelli)
Migranti ( lenius.it)
Per battere Salvini mutate l’agenda ( Giandomenico Crapis – FQ)
Rapporto Immigrazione 2018-2019 ( caritasitaliana.it )
Rapporti sull’immigrazione e l’integrazione ( integrazionemigranti.gov.it )
UNCHR arrivi dal Mediterraneo anno 2020
Un Medio Oriente libero e tollerante torniamo al sogno di Lawrence d’Arabia ( dirittiglobali.it - Edgar Morin)

 


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
08 - 10 MARZO 2019 MILANO - FAI LA COSA GIUSTA - XVI EDIZIONE
01 MARZO 2019 LUCCA - CONFERENZA PIANO DI STUDI DELLA SCUOLA WALDORF
09 MARZO 2019 MILANO - INCONTRO COME SOPRAVVIVERE IN UNA ERA DIGITALE
15 MARZO 2019 BATTAGLIA TERME (PD) - DOCUMENTARIO UNA POPOLAZIONE FUORI DAL GREGGE
12 - 14 MARZO 2019 LONDRA - PARTECIPAZIONE COLLETTIVA ALLA LONDON BOOK FAIR 2019
APPROVATA GRAZIE AL MOVIMENTO 5 STELLE PRIMA SERIA LEGGE ANTICORRUZIONE
INFORMAZIONE: IL GRATUITO HA UN PREZZO ALTISSIMO - LA TESI DI M. GABANELLI
APPELLO DI LEADERS FOR PEACE
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it