Il silenzio è l'eloquenza della sapienza
Samael Aun Weor
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
VIVERE INSIEME
INTRODUZIONE ALLE CULTURE COMUNITARIE
VIVERE INSIEME
REPORTAGE DA AUROVILLE
<b>REPORTAGE DA AUROVILLE </b>




La Comunità di Adventure di Auroville

Adventure è una Comunità intenzionale, nel senso che raggruppa un numero di persone che hanno deciso di condividere uno spazio e un tempo sia fisico che spirituale.
È situata nella cosiddetta Green Belt di Auroville, la cintura verde dedicata al rimboschimento, all'agricoltura, al verde.  Nonostante ciò è molto vicina al centro della township Auroville, al Matrimandir, al Visitors' Center, alla Solar Kitchen, inoltre contigua al villaggio Tamil di Edyanchavadi e attigua alla Udavi School, la prima scuola di Auroville (in senso temporale).
Fisicamente viviamo in alloggi chiamati "capsule", abitazioni tradizionali di questa zona, fatte di legno con il tetto di foglie di palma o cocco, aperte ai quattro lati con portelloni triangolari, in qualche caso
Continua...

IL DONO DEL VECCHIO RABBINO
IL DONO DEL VECCHIO RABBINO
Il “Dono del vecchio rabbino” racconta la storia di un monastero in decadenza nel quale vivevano quattro anziani monaci e l’abate i quali erano molto preoccupati per la fine del loro ordine monastico.
Nei boschi intorno al monastero si trovava una capanna usata ogni tanto come eremitaggio da un rabbino.
Dopo anni di preghiere, contemplazioni e meditazioni, il gruppo dei monaci aveva sviluppato una certa sensibilità e percepivano la presenza del rabbino quando era presente nella capanna-eremo.
L’abate, afflitto e addolorato per la situazione difficile del suo monastero decide di chiedere consiglio al rabbino.
Continua...
ESPERIMENTI GIAPPONESI PER NUOVE GENERAZIONI
ESPERIMENTI GIAPPONESI PER NUOVE GENERAZIONI di Lex Veelo

La conferenza internazionale sugli ecovillaggi è stata una meravigliosa opportunità per conoscere realtà in Giappone che intendono attuare progetti per la creazione di ecovillaggi. Ci era stato detto che la gente in Giappone un tempo aveva un forte senso della comunità nei loro migliaia di villaggi rurali e nei quartieri cittadini. Avevano anche un antico e sacro, senso di comunione con la natura, in particolare con gli alberi e con le foreste. Il Giappone infatti è ancora oggi riuscito a conservare il 66% della loro nazione insulare con la foresta, che rappresenta una cifra impressionante se si considera che la forte pressione di cancellare le foreste per ottenere aree coltivabili sempre maggiori ed alimentare la popolazione in aumento.
Versione Stampabile << torna indietro

IL VILLAGGIO DEL SOLE


Il Villaggio del sole è una proprietà privata in cui vivono attualmente solo alcune persone che portano avanti un progetto che piano piano si realizza sempre in nuovi aspetti. Alcune persone vivono in pianta stabile ed altre in maniera più saltuaria, ma tutte lavorano concretamente alla realizzazione di un eco villaggio naturista con la speranza di poter sperimentare un modo di vivere che sia sostenibile, naturale e sereno, nel tentativo di tornare ad instaurare l’armonia originaria tra gli uomini e l’ambiente circostante attraverso stili di vita naturali. Non si tratta di un progetto incentrato sulla politica, la religione o sulle istituzioni gerarchiche, ma cerca di dare ulteriore spazio alla dimensione spirituale, alla libertà e al senso di responsabilità. Attraverso un accordo con l'Associazione di Promozione Sociale AssoNatura ospitano la loro sede operativa e le loro attività, che sono riservate ai soci, come previsto dalla legge nazionale n. 383/2000.

VILLAGGIO DEL SOLE: UN MODELLO CONTRO LA CRISI

Dal sito del villaggio, le scelte economiche che stanno alla base del modello di semplicità :
1. Niente carte di credito. Sono state quasi ufficialmente bandite in quanto il credito al consumo è fonte di debito.
2. Nessun ricorso alle banche. Solo un contro corrente unitario aperto in una banca etica ed utilizzato per piccole somme, in casi comunque eccezionali, quando non è possibile lo scambio tra persone. I rapporti di scambio sono comunque improntati sulla fiducia.
3. Bancomat solo per emergenze.
4. Baratto se possibile, altrimenti denaro, soprattutto da persona a persona, senza intermediari.
5. Scelta dei prodotti e dei servizi su basi etica rispetto ai fornitori.
7. Riutilizzo di beni usati.
8. Utilizzo ridotto al minimo della Televisione, solo come schermo per video che interessano la comunità e anche questo utilizzo è raro. Ai bambini è concessa un’ora al giorno di televisione. L’informazione che si segue è quella della rete internet, attraverso giornalismo partecipativo e volontario.
9. Per la medicina ci si rivolge naturalmente ai rimedi naturali attraverso l’erboristeria. La guarigione passa per l’alimentazione e per il rapporto sano con l’ambiente e i suoi elementi.
10. Auto di seconda mano per ridurre lo spreco di denaro sul valore di bolla. Auto alimentate a GPL o a metano sono la scelta migliore per ridurre l’inquinamento.
11. Si rispettano le esigenze di tutti, ma si limitano gli usi dei servizi al criterio di necessità. Utenza unica per acqua, luce, telefono.
12. Riscaldamento alimentato da una stufa con legna autoprodotta.
13. Poco lavoro nell’inverno e di più d’estate. Nessuno fa un lavoro da dipendente, nessuno fa una attività commerciale da lavoro autonomo.
14. Tanto tempo dedicato ai bambini.
15. Creazione di nuove relazioni di vita e affettive.

COS'E' IL VILLAGGIO DEL SOLE?

Il Villaggio del sole è un Ecovillaggio Naturista in continua crescita, sede di AssoNatura - Associazione Naturista di Promozione Sociale e luogo prescelto per l'insediamento di una comunità di vita naturista. Vi risiede una famiglia e dei primi associati semi-residenti. Oltre alla sede di Assonatura, trovano posto su questa collina, il camping, gli orti naturali coltivati dai residenti, boschi, noccioleto, prati ed un Eco Bed & Breakfast. All'interno della struttura c'è anche la sala massaggi, lo spogliatoio, un locale da ballo, la segreteria, il luogo di distribuzione dei prodotti del G.A.S. (Gruppo d'Acquisto Solidale), 3 camere del B&B, una cucina, due bagni interni ed uno esterno, l'appartamento dei residenti ed una grande cantina di 60 mq. C'è una piscina panoramica di 5 x 11,5 mt. sul colmo della collina; due Gazebo, uno con venticinque posti a sedere ed uno vicino alla piscina con 16 posti a sedere; tavolini e sedie sull'aia, il tempietto dei massaggi in mezzo albosco, un campetto da volley e volano, un ping-pong, un area giochi per bambini (con altalena, scivolo, dondolo e altri giochi) situata nell'aia di fronte alla casa; un parcheggio interno e un percorso di trekking naturista che attraversa i boschi interni alla proprietà della durata di circa 20-25 minuti.

Il Villaggio del sole è anche...

• Un progetto. In continua crescita, in continua costruzione, in continua evoluzione. • E' il recupero di un'area del territorio Astigiano abbandonata.[…]
• E' il recupero di una grande cascina costruita 100 anni fa (abbandonata per più di 15 anni) dalle persone che l'avevano abitata; un recupero che rispetta l'edilizia rurale contadina e che la valorizza sviluppando un progetto orientato alle energie rinnovabili e pulite e all'edilizia artigianale, all'autocostruzione e al ri-uso.
• E' il recupero intelligente di un insediamento collocato in un area "depressa", con annessi progetto e aspettative perché diventi un centro di vita e lavoro per molte persone.[…]
• E' un terreno di 35.000 mq. che si adagia su una dolce collina del Basso Monferrato Astigiano, all'interno della Comunità Collinare Valrilate. Al colmo della collina c'è una vecchia cascina costruita nel 1908. Un vigneto, un noccioleto, un grande bosco, prati e un orto biologico abbracciano la grande aia. Una grande pineta si evidenzia all'interno del fitto bosco. […]
• E' una casa per le persone che vi abitano d'inverno che sono 3 e d'estate, che al momento sono 5.
• E' un luogo di incontro sociale e culturale; di sperimentazione e scoperta; di serenità e relax; di vita quotidiana, di volontariato, di lavoro, di vacanza e di benessere.

COSA NON E' IL VILLAGGIO DEL SOLE?

Lo scopo di questo paragrafo è quello di chiarire anche ai "navigatori distratti" qual'è la realtà. Al di là delle loro fantasie e proiezioni mentali. Proprio per ribadire la nostra filosofia (che, non necessariamente, è la tua) a scanso di equivoci e/o dubbi che pare siano nati in qualche visitatore.

Quindi chiariamo che, al momento, IL VILLAGGIO DEL SOLE:

• NON è un attività commerciale di tipo turistico: NON è quindi un Agriturismo, NON è una pensione, NON è un albergo, ecc. ecc.;
• NON e un attività commerciale di altro tipo;
• NON è un "secondo lavoro" per chi vi presta attività di volontariato, ne per i componenti il Consiglio Direttivo di AssoNatura, che pur dedicandoci buona parte del proprio tempo libero, non percepiscono nessun "secondo stipendio";
• NON è un ristorante, un bar, una "piola", ecc. ecc.;
• NON è una pro-loco, una bocciofila, ecc.ecc.;
• NON è un'associazione a copertura di una attività commerciale non autorizzata;
• NON è un luogo appartenente al termine generalista di "New Age" che non significa nulla. Anche se all'interno del villaggio si lavora alla crescita personale e alla sperimentazione di filosofie empiriche e non, dei più svariati generi: questo proprio perché pensiamo che l'unico maestro è quello che esiste sopito dentro ognuno di noi. E la via da percorrere è quella di scoprirlo. […]
• NON è un luogo o una comunità "religiosa" o pseudo religiosa. Abbiamo sempre ribadito la nostra indipendenza da qualsiasi organizzazione, sia essa religiosa o altro. [… ]
• NON è un progetto nato dal "marketing", cioè dall'intenzione di "vendere" qualcosa o peggio di creare mode e bisogni per poi soddisfarli. • NON è una SETTA: lo chiariamo, anche perchè il ministero dell'interno, sotto l'ex governo Prodi, ha varato una Squadra Speciale Anti Sette, nata intorno alla fine del 2006, con poteri speciali; cioè coercitivi. E di sicuro con il neo governo Berlusconi non andrà meglio per la libertà delle persone. […]
• Infine, NON è quasi niente di quello che menti povere hanno necessità di classificare, inquadrare, catalogare in qualche modo.
...L'elenco forse continua (man mano che ci verrà in mente qualcos'altro).

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Come vivere insieme
Le comunità intenzionali
Progetti e realtà comunitarie
Gli Ecovillaggi
Libri Consigliati
Nuovi progetti comunitari
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
27 - 28 GENNAIO 2018 VICENZA - WORKSHOP MAPPA DELLE RELAZIONI
18 NOVEMBRE 2017 BOLOGNA - CONVEGNO ANCHE FUORI SI IMPARA
13 - 14 GENNAIO 2018 VICENZA - FACILITIAMOCI LA VITA - SEMINARI PER COMUNICARE CREARE E DECIDERE ASSIEME
31 OTTOBRE 2017 - CASTELLO DI PETROIA GUBBIO (PG) - BANCHETTO, FESTA MEDIEVALE E PERNOTTAMENTO
24 NOVEMBRE 2017 MILANO - SESSUALITA' DI COPPIA E FASI DI VITA
 Link
Auroville
Monterosso Villaggio Ecologico Sostenibile
GEN Global Ecovillage Network
Damanhur
Casa Cares
Findhorn
Rete Italiana Ecovillaggi
Torri Superiore
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo
 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it