Il mondo va male non a causa di coloro che fanno del male
ma a causa di coloro che sanno e lasciano fare!! 
Albert Einstein
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
VIVERE INSIEME
INTRODUZIONE ALLE CULTURE COMUNITARIE
VIVERE INSIEME
REPORTAGE DA AUROVILLE
<b>REPORTAGE DA AUROVILLE </b>




La Comunità di Adventure di Auroville

Adventure è una Comunità intenzionale, nel senso che raggruppa un numero di persone che hanno deciso di condividere uno spazio e un tempo sia fisico che spirituale.
È situata nella cosiddetta Green Belt di Auroville, la cintura verde dedicata al rimboschimento, all'agricoltura, al verde.  Nonostante ciò è molto vicina al centro della township Auroville, al Matrimandir, al Visitors' Center, alla Solar Kitchen, inoltre contigua al villaggio Tamil di Edyanchavadi e attigua alla Udavi School, la prima scuola di Auroville (in senso temporale).
Fisicamente viviamo in alloggi chiamati "capsule", abitazioni tradizionali di questa zona, fatte di legno con il tetto di foglie di palma o cocco, aperte ai quattro lati con portelloni triangolari, in qualche caso
Continua...

IL DONO DEL VECCHIO RABBINO
IL DONO DEL VECCHIO RABBINO
Il “Dono del vecchio rabbino” racconta la storia di un monastero in decadenza nel quale vivevano quattro anziani monaci e l’abate i quali erano molto preoccupati per la fine del loro ordine monastico.
Nei boschi intorno al monastero si trovava una capanna usata ogni tanto come eremitaggio da un rabbino.
Dopo anni di preghiere, contemplazioni e meditazioni, il gruppo dei monaci aveva sviluppato una certa sensibilità e percepivano la presenza del rabbino quando era presente nella capanna-eremo.
L’abate, afflitto e addolorato per la situazione difficile del suo monastero decide di chiedere consiglio al rabbino.
Continua...
ESPERIMENTI GIAPPONESI PER NUOVE GENERAZIONI
ESPERIMENTI GIAPPONESI PER NUOVE GENERAZIONI di Lex Veelo

La conferenza internazionale sugli ecovillaggi è stata una meravigliosa opportunità per conoscere realtà in Giappone che intendono attuare progetti per la creazione di ecovillaggi. Ci era stato detto che la gente in Giappone un tempo aveva un forte senso della comunità nei loro migliaia di villaggi rurali e nei quartieri cittadini. Avevano anche un antico e sacro, senso di comunione con la natura, in particolare con gli alberi e con le foreste. Il Giappone infatti è ancora oggi riuscito a conservare il 66% della loro nazione insulare con la foresta, che rappresenta una cifra impressionante se si considera che la forte pressione di cancellare le foreste per ottenere aree coltivabili sempre maggiori ed alimentare la popolazione in aumento.
Versione Stampabile << torna indietro

COHOUSING NUMERO ZERO


di Anais Ginori

Allora, ci siamo. Dopo mesi di trattative pare che l’incastro sia stato finalmente trovato. Paolo e Alessandra prenderanno gli appartamenti al pianoterra insieme a Bruna. Ludovica ed Elena staranno invece al primo piano, Chiara e Matteo su nella mansarda, dalla quale si vede il mercato di Porta Palazzo e il padiglione di vetro disegnato da Fuksas. Le riunioni sono state estenuanti, ma il gruppo ha tenuto, e alla fine l’assegnazione delle case è diventata quasi un gioco. Ad incastro, naturalmente. Nome in codice “Tetris”: come trovare la formula di coabitazione perfetta tra due famiglie, tre ragazze single e una madre con due figli. Un piccolo condominio solidale, anzi il primo esempio di cohousing metropolitano in Italia, il concetto delle comuni anni Settanta rivisitato ai tempi della crisi e della società post-ideologica. L’appuntamento è in via Cottolengo 4. «L’indirizzo giusto per chi sogna di sovvertire un modo di convivere fatto di isolamento e diffidenza» scherza Paolo Sanna, progettista trentenne di origini sarde. Nella borsa a tracolla ha tutte le planimetrie presentate in agosto al Comune dalla cooperativa Numero Zero.

«Ci chiamiamo così perché siamo un progetto pilota e perché tra di noi ci cantiamo la canzoncina “Via dei Matti Numero Zero”». La vecchia casa di ringhiera dell’Ottocento, stretta tra negozi di kebab e bancarelle etniche, è davvero “senza soffitto e senza cucina”. La cancellata si apre a fatica, a terra ci sono vetri rotti, pezzi di legno. Paolo indica il cortile, ora desolato, e già lo immagina tra un anno, quando la palazzina di tre piani e quasi 600 metri quadrati dovrebbe essere pronta. «Sarà il nostro centro di gravità. Vorremmo renderlo vivo, verde, popolato dalle grida dei bambini: tutto il contrario di quei cortili d’asfalto in cui è affisso un cartello che vieta giochi e schiamazzi». In uno dei locali all’ingresso, la cooperativa vuole creare un nido di quartiere. La prima iscritta è lapiccola Giulia, figlia di Paolo e Alessandra, che ha quasi un anno. Ci saranno anche due spazi lavanderia, una cantina comune per il vino, un forno per le cene condominiali sul per il bricolage «dove i più abili aiuteranno i maldestri». Scordarsi le comunità hippie di un tempo, le notti insonni passate a immaginare grandi rivoluzioni. Oggi è già una conquista mettere insieme più utenze della luce per ottenere dal gestore un contratto più conveniente, o superare la “sindrome dell’ascensore”: quegli interminabili minuti di silenzio quando si è costretti a fiancheggiare un vicino con un algido «buongiorno, buonasera». 

In gergo, si chiama cohousing, appunto. «È qualcosa di molto di più rispetto al tradizionale condominio, dove ognuno è trincerato all’interno del suo appartamentino, e qualcosa di meno di una comunità stile anni Settanta dove a legare tutti i membri è la condivisione profonda di un progetto di vita» racconta Matthieu Lietaert, ricercatore all’Istituto Universitario Europeo di Fiesole. La sua guida «Cohousing e condomini solidali », pubblicata due anni fa da Terra Nuova Edizioni, è diventata la bibbia di questo movimento nato nel Nord Europae che si staespandendo anche in Italia, da Treviso a Roma, da Milano a Bologna, con lo slogan “Scegli il tuo vicino”. È la filosofia del “living together”, celebrata dal settimanale Newsweek in un’inchiesta che mostra come molti giovani americani abbiano reagito alla crisi economica e immobiliare andando a vivere insieme. Non un’utopia, ma un calcolo preciso. I gruppi di cohousing creano economie di scala su molte voci abitative. L’acquisto di un immobile diventa più conveniente su grandi superfici, così come i lavori di ristrutturazione, e gli acquisti di ogni genere — dai mobili alla spesa — vengono fatti all’ingrosso. Il risparmio complessivo per le famiglie può essere di almeno il 15% alla fine di ogni mese. «Ma l’aspetto più interessante è soprattutto immateriale. È la creazione di quei servizi sociali che non vengono garantiti dal welfare» spiega Mimmo Tringale, direttore della rivista Terra Nuova, punto di riferimento di queste nuove comunità. In alcuni casi, ad esempio, sono previste fasce orarie per tenere insieme i bambini di più famiglie, oppure garantire assistenza alle persone più anziane. Altre volte, vengono organizzati percorsi di car sharing fino ai rispettivi luoghi di lavoro.
 
Oltre il cavalcavia a nord di Milano, nell’ex quartiere operaio della Bovisa, Matteo e Barbara stanno aprendo gli scatoloni. Da pochi giorni, sono state consegnate le prime case di Urban Village, progetto di cohousing in una vecchia fabbrica di barattoli riadattata con il patrocinio del Politecnico. «Vivevamo nella chinatown di via Paolo Sarpi, in un piccolo bilocale » racconta Matteo, 35 anni. «Sono stato conquistato dall’idea di un vivere alternativo». Anche Maria, consulente editoriale e insegnante di canto, si è trasferita alla Bovisa per cercare una convivenza «più ricca d’anima». Poi ci sono Lorenzo, 30 anni, titolare di una piccola società di software, Floriana che lavora in una cooperativa sociale. Nessuno dei trentadue nuclei familiari del “villaggio” si conosceva prima. Tutti i futuri “coabitanti” si sono incontrati tramite il sito cohousing.it, che conta già 4.500 iscritti.

Fonte: Repubblica

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Come vivere insieme
Le comunità intenzionali
Progetti e realtà comunitarie
Gli Ecovillaggi
Libri Consigliati
Nuovi progetti comunitari
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
27 - 28 GENNAIO 2018 VICENZA - WORKSHOP MAPPA DELLE RELAZIONI
18 NOVEMBRE 2017 BOLOGNA - CONVEGNO ANCHE FUORI SI IMPARA
13 - 14 GENNAIO 2018 VICENZA - FACILITIAMOCI LA VITA - SEMINARI PER COMUNICARE CREARE E DECIDERE ASSIEME
31 OTTOBRE 2017 - CASTELLO DI PETROIA GUBBIO (PG) - BANCHETTO, FESTA MEDIEVALE E PERNOTTAMENTO
24 NOVEMBRE 2017 MILANO - SESSUALITA' DI COPPIA E FASI DI VITA
 Link
Auroville
Monterosso Villaggio Ecologico Sostenibile
GEN Global Ecovillage Network
Damanhur
Casa Cares
Findhorn
Rete Italiana Ecovillaggi
Torri Superiore
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo
 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it