Il problema dell'umanità è che gli stupidi sono sempre molto sicuri,
mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi. (B. Russell)
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
VIVERE INSIEME
INTRODUZIONE ALLE CULTURE COMUNITARIE
VIVERE INSIEME
REPORTAGE DA AUROVILLE
<b>REPORTAGE DA AUROVILLE </b>




La Comunità di Adventure di Auroville

Adventure è una Comunità intenzionale, nel senso che raggruppa un numero di persone che hanno deciso di condividere uno spazio e un tempo sia fisico che spirituale.
È situata nella cosiddetta Green Belt di Auroville, la cintura verde dedicata al rimboschimento, all'agricoltura, al verde.  Nonostante ciò è molto vicina al centro della township Auroville, al Matrimandir, al Visitors' Center, alla Solar Kitchen, inoltre contigua al villaggio Tamil di Edyanchavadi e attigua alla Udavi School, la prima scuola di Auroville (in senso temporale).
Fisicamente viviamo in alloggi chiamati "capsule", abitazioni tradizionali di questa zona, fatte di legno con il tetto di foglie di palma o cocco, aperte ai quattro lati con portelloni triangolari, in qualche caso
Continua...

IL DONO DEL VECCHIO RABBINO
IL DONO DEL VECCHIO RABBINO
Il “Dono del vecchio rabbino” racconta la storia di un monastero in decadenza nel quale vivevano quattro anziani monaci e l’abate i quali erano molto preoccupati per la fine del loro ordine monastico.
Nei boschi intorno al monastero si trovava una capanna usata ogni tanto come eremitaggio da un rabbino.
Dopo anni di preghiere, contemplazioni e meditazioni, il gruppo dei monaci aveva sviluppato una certa sensibilità e percepivano la presenza del rabbino quando era presente nella capanna-eremo.
L’abate, afflitto e addolorato per la situazione difficile del suo monastero decide di chiedere consiglio al rabbino.
Continua...
ESPERIMENTI GIAPPONESI PER NUOVE GENERAZIONI
ESPERIMENTI GIAPPONESI PER NUOVE GENERAZIONI di Lex Veelo

La conferenza internazionale sugli ecovillaggi è stata una meravigliosa opportunità per conoscere realtà in Giappone che intendono attuare progetti per la creazione di ecovillaggi. Ci era stato detto che la gente in Giappone un tempo aveva un forte senso della comunità nei loro migliaia di villaggi rurali e nei quartieri cittadini. Avevano anche un antico e sacro, senso di comunione con la natura, in particolare con gli alberi e con le foreste. Il Giappone infatti è ancora oggi riuscito a conservare il 66% della loro nazione insulare con la foresta, che rappresenta una cifra impressionante se si considera che la forte pressione di cancellare le foreste per ottenere aree coltivabili sempre maggiori ed alimentare la popolazione in aumento.
Versione Stampabile << torna indietro

REPORTAGE DA AUROVILLE


La Comunità di Adventure di Auroville

Adventure è una Comunità intenzionale, nel senso che raggruppa un numero di persone che hanno deciso di condividere uno spazio e un tempo sia fisico che spirituale.
È situata nella cosiddetta Green Belt di Auroville, la cintura verde dedicata al rimboschimento, all'agricoltura, al verde.  Nonostante ciò è molto vicina al centro della township Auroville, al Matrimandir, al Visitors' Center, alla Solar Kitchen, inoltre contigua al villaggio Tamil di Edyanchavadi e attigua alla Udavi School, la prima scuola di Auroville (in senso temporale).

Fisicamente viviamo in alloggi chiamati "capsule", abitazioni tradizionali di questa zona, fatte di legno con il tetto di foglie di palma o cocco, aperte ai quattro lati con portelloni triangolari, in qualche caso sollevate dal terreno e, come nel mio caso, con la parte inferiore in muratura.

Comunque ogni abitazione è differente, alcune hanno il "dojo" esterno o una cucina o un laboratorio, tutte i servizi esterni, tutte a una certa distanza e non a vista una dall'altra, immerse naturalmente nel verde.

Servizi in comune sono la cucina, un ufficio chiuso in muratura da cui ci colleghiamo ad internet con un sistema centralizzato, un dojo detto Ganesha dove ci riuniamo regolarmente per meditare insieme, cantare bhajans un paio di volte la settimana, tenere riunioni per organizzare i lavori e le decisioni comuni, e fare il cosiddetto sharing settimanale.

Lo sharing, che in inglese vuol dire condivisione, è un momento molto importante, solitamente il giovedì sera dopo cena, alle 8, ci riuniamo nel dojo (una grande capanna di forma ottagonale aperta su tutti i lati) con al centro un piccolo mandala di fiori e candele, incenso e le foto dei Maestri, ma anche con altre simbologie non solo indiane. Dopo una breve meditazione o concentrazione collettiva e il canto di un om, cerchiamo di aprire i nostri cuori agli altri, partendo dagli avvenimenti della settimana, ma non necessariamente, cercando di comprendere e farci comprendere, aprendosi appunto, e condividendo le nostre sensazioni, positive o negative del momento, cercando di tirar fuori per noi e per gli altri ciò che tante volte tende a restare nel fondo...

E' una pratica che poche altre comunità fanno, anzi devo dire che proprio giovedì scorso, per la prima volta si è fatto una specie di sharing aperto anche ad altre comunità che lo avevano richiesto: eravamo circa 25 persone, da 5 comunità diverse, 4 di Auroville: Adventure, Veritè, Evergreen, Creativity, ed una degli USA, una famiglia di cui è in visita ad Auroville.
Naturalmente non siamo andati in profondità sul personale, piuttosto abbiamo esaminato l'idea di comunità intenzionale e le sfide che comporta questa scelta di convivenza e di condivisione.
È stato una serata molto intensa, tutte le fasce di età dallo 0 ai 60 anni erano rappresentate (visto che c'era un neonato e due bambini alla fine addormentati in mezzo al cerchio) a momenti tutti insieme, a momenti in piccoli gruppi, sotto un cielo stellato da sogno ed ispirazione, un esperimento talmente riuscito che si è deciso di ripeterlo almeno mensilmente...

Ecco, questa è una delle ragioni per cui scelgo di vivere qui, mi sembra di essere il più possibile vicino allo spirito di Auroville ed alla tensione ideale e pratica che ci ha spinto qui.

La comunità è composta di un numero variabile di persone, ufficialmente siamo una quindicina, ma qualcuno è assente, una coppia lui inglese lei svizzera sono in viaggio a Calcutta, i due figli di lei, 14 e 18 anni, che solitamente vivono qui, sono con il padre, sempre ad Auroville, c'è poi una coppia di Americani USA con al momento la figlia ventenne che ha vissuto per
alcuni anni da bambina ad Auroville, ora frequenta l'università in USA ma rimarrà qui per sei mesi, suo fratello arriverà stanotte dagli USA, un'australiana che è stata tra i fondatori della comunità da ragazza molto giovane, ora è un'infaticabile e bravissima organizzatrice, un tedesco temporaneamente ad Ampi ( una specie di selvaggia dependance di Adventure, un'isola di rocce in un fiume a 150 km da qui), un belga ed io che siamo in fase di integrazione nella comunità, un giovane tamil, una ragazza olandese
che proprio oggi ha deciso di allontanarsi, un altro tedesco che sta facendo house sitting (curando l'abitazione) dei due assenti, ed alcuni ospiti che si avvicendano, ma che rimangono qui comunque  almeno una settimana, se non più a lungo.

Inoltre c'è un certo numero di persone che gravitano intorno, amici amiche, colleghi di lavoro, condividono qualche pasto o si trattengono con qualcuno di noi o sono in visita.

Ma non è che siamo sempre tutti insieme, anzi c'è molta libertà ed indipendenza, ai pasti naturalmente la cucina in comune incoraggia lo stare insieme, il pranzo viene preparato da una ragazza Tamil ed a turno da uno di noi, per la cena all'inizio della settimana ci si offre spontaneamente per una serata, se no ci si prepara da sé, a turno si lavano i piatti, ecc.

Altro momento comunitario è il lavoro nei campi il martedì mattina, tutti insieme adesso stiamo facendo un lavoro di rimboschimento sostituendo alberi che a causa della loro acidità erano negativi per il terreno, con altri più adatti a questo clima da "foresta tropicale asciutta".

Ognuno di noi comunque ha attività ed occupazioni personali che ci portano a star fuori ed a collaborare con lo sviluppo di Auroville in altre situazioni, ma sono frequenti gli scambi di opinione ed il confrontarsi su tutto quello che ci  accade intorno.

Finanziariamente la comunità si regge sulla coltivazione e le vendita dei cashew nuts, gli anacardi tipici di questa zona, per i quali al momento del raccolto vengono ingaggiati anche lavoratori Tamil, anche con il contributo finanziario dei guests ed  di chi come me è arrivato da poco e paga un contributo tipo affitto per occupare una casa che potrà diventare mia con un versamento una tantum per le infrastrutture e la casa stessa, poi ognuno partecipa alle spese del mangiare e a tutte le altre spese ordinarie o
straordinarie, oggi per esempio abbiamo deciso di comprare delle nuove batterie-accumulatori per l'energia elettrica che ci viene fornita dai pannelli solari, li compreremo a rate tassandoci tutti mensilmente, insomma una convivenza organizzata che già di per sé è qualcosa di particolare se paragonata ad un qualsiasi condominio, pensare composto da persone dai paesi più disparati del globo, con età e background diversi...  Eppure tutto è molto ragionato, sereno, in un certo senso "spirituale" anche se
completamente "normale".

Naturalmente questa vicinanza e convivenza ci porta a confidarci e a conoscerci sempre di più, ad aiutarci ed a condividere i tanti momenti sia materiali che spirituali della giornata, spesso ci accompagniamo in visita al Matrimandir, partecipiamo ai vari momenti culturali e artistici di Auroville secondo i nostri gusti personali o la disponibilità del momento.

Per ma è un'esperienza nuova molto stimolante, è chiaro che anche in certi momenti è una sfida misurare la propria libertà con la libertà degli altri, è una famiglia allargata e sappiamo quali difficoltà si incontrano già solo in famiglia o tra coniugi, non parliamo di piccoli gruppi di amici che magari hanno scelto di passare le ferie in campeggio insieme... Sappiamo quanto possano essere devastanti queste esperienze.

Invece per me per ora è tutto molto positivo, un confronto con me stesso anche nel tipo di vita molto naturale, completamente all'aria aperta di giorno e di notte, nel sole sotto la pioggia nel buio punteggiato di stelle o inondato dalla luce della luna anche nel letto in questi giorni, a diretto contatto con le piante, i fiori i profumi ma anche gli animali piccoli e grandi, l'atavica paura del buio ma anche la luce delle candele, i profumi degli incensi, i momenti da dedicare alla cura del corpo con lo yoga e la ginnastica, e dello spirito con la concentrazione e la meditazione finalmente in un ambiente naturale, la lettura giornaliera di Savitri,
magari al tramonto nell'anfiteatro nei giardini del Matrimandir, al suono della musica di Sunil, ecco alcune delle ragioni che mi hanno spinto a questa scelta e che quotidianamente me la fanno confermare.

Con voi condivido tutto ciò, in modo da farvi sentire un po¹ qui con me, sperando di comunicarvi un po¹ di serenità e di energia per affrontare le vostre sfide quotidiane nella "civiltà" occidentale, anche voi, lo so, sensibili alle motivazioni che mi hanno portato qui.

C'è una rana alla mie spalle che vi invia il suo saluto !

OM

Luigi




ciao.ma sai che sono anni che vi cerco li vicino a palazzuolo e non sono mai riuscita a trovarvi?forse sbaglio strada.poi ho sempre paura di dar fastidio.c'è per caso una specie di via o percorso preciso da fare??grazie mille

Bravo Luigi!!.. che c'è di meglio che seguire la vita elementare.. quella composta dai ritmi naturali.. scandita dal susseguirsi delle stagioni..dal sorgere e calare della Luna.. quasi un sogno ad occhi aperti e non è escluso che prima o poi ti faccia visita dal momento che avendo già messo piede nella mitica India.. è rimasta dentro,una grande nostalgia. Ora mi avvicino alla permacultura.. poi un passo dietro l'altro vedrò dove mi portano.. buon tutto!
Alfa

quello che hai scritto mi ha fatto venir voglia di venirvi a trovare.se non cambio idea se vi trovo ci vediamo. buon estate claudio

E' bello leggere di Adventure, ma quando è nata? Sono stata diverse volte ad Auroville, qualche lustro fa, e mi pare, da come scrivi, che Adventure sia meno strutturata delle altre parti della città, sbaglio? Se volessi venire per un periodo, a chi mi devo rivolgere? Chi mi può dare tutti i dettagli, indirizzo compreso?
Se qualcuno mi risponde dovrebbe farlo utilizzando ma mia mail: "luxmorelux@gmail.com" Grazie
Auguri a tutti voi che state cambiando il mondo
Libera

Mi piacerebbe conoscervi. Per favore potreste dirmi dove vi trovare e come faccio a raggiungervi?
Grazie.
Loretta

Io vi ho già scritto facendovi alcune domande, ma non ho ricevuto risposta.
Libera

Sarò in India nel mese di febbraio e vorrei sapere se eventualmente posso farvi visita per qualche giorno e quali sono le condizioni.
Vi avevo scritto lo scorso settembre, perchè la descrizione della vostra esperienza mi è piaciuta. Ho già visitato Auroville molti anni fa, più di una volta. Ora, non più giovane, vorrei viverla più da non solo come visitatrice. E' possibile? Forse potreste rispondere ad ambedue i messaggi. Grazie e spero a presto
Libera

ciao a tutti voi vorrei desiderei, conoscervi e stabilirmi da voi, sono un ragazzo 40 enne tutto fare , di ottima costituzione fisica e morale ,lavorare per uso comune come fate voi e ritrovare la mia dimenzione di libertà non so come fare a trovarvi la mia e-mail è andreascarro@yahoo.it il mio numero di telefono se volete aiutarmi a stabilirmi con voi è 3208696434 fatemi sapere come si fa a raggiungervi a granara datemi indicazioni.... il vostro indirizzo è per caso fiorigialli snc via cassani 32 00046 grottaferrata? fatemi sapere

meraviglioso...straordinario!!!!!.....mi interessa sapere dove posso trovare uno di questi villaggi in italia per farne parte attiva!! per contatti 339 69 20 841 - 091 890 80 92- email: globalservice.comm@libero.it

Interessante il tutto, ma dove si trova Auroville e in che lingua comunicate tra voi? E se ho capito bene la comunità è aperta ad accogliere nuove persone interessate a questa esperienza

che bello....è sempre stato il mio sogno...ho cercato di realizzarlo in Sardegna ma ad oggi non sono riuscita...ma ci riuscirò....se qualcuno vuole partecipare...può telefonarmi..3333447747 Rosella




sono fortemente interessato a condividere questo tipo di vita, mi chiamo michele ho 50a libero. scrivetemi.

nel mio vagabondare notturno, casualmente ho avuto modo di conoscere questo sito, con piacere ho letto gli intenti e gli condivido pianamente. io sono disposto, e voi?

è da tanto che ci penso, da quando ero ragazzina, ma non credevo fosse realizzabile una cosa del genere, che bell'articolo hai scritto......
ultimamente la civiltà mi sta sempre più stretta, soffoco, voglio poter liberare la mia Energia, i miei Talenti e qui non posso, la mia famiglia è ideologicamente lontana da questi argomenti e questo pesa ancora di più nel prendere una decisione così drastica, sono convinta che questa scelta gioverebbe molto ai miei bambini.....vedremo, mai dire mai e mai scoraggiarsi, quando sarò pronta il passo sarà fattibile...un abbraccio e tanti auguri.....

Leggo ora il tuo commento scritto il gennaio scorso. Anch\'io sono in Sardegna, ma la storia è lunga, appena posso ti chiamo
Libera

Forse tuo sogno e' posibile, lo faro'in Toscana nel 2014, se tutto va bene, una comunita', ancora e' un po' presto, ma... se vuoi scrivimi! mia E.Mail: naldi6565@yahoo.it
Rinaldo - Firenze

Ciao,il mio nome e' Angus e vivo in Sicilia. Da tempo sono stato alla ricerca di un posto in mezzo alla natura dove andare a vivere e creare una comune eco...finalmente l'ho trovato e acquisito! Ho cominciato con la sistemazione degli alloggi di cui mi sono occupato da solo e sapeste che fatica!Tra una cosa e l'altra da un paio di giorni ho iniziato con la cura della vegetazione presente! Per chi e' alla ricerca di uno stile di vita sano,in mezzo alla natura e agli animali,per chi volesse condividere dei bei momenti nella semplicita'della vita,la musica,la pittura,l'arte in generale,la letteratura,la filosofia ecc...attivita' come yoga,biodanza.... per chi e' propenso a uno stile di vita rilassante, e appagante allo stesso tempo per chi sente di voler impastare le proprie mani nella terra e rotolarsi nell'erba !!! Se desiderate maggiori informazioni potete contattarmi alla mia mail personale per conoscerci meglio e per saperne di piu' sul posto e sul progetto! A presto! Angus. (giuseppescarlata@rocketmail.com)

Hola,
mi chiamo Mariel, e mi è sempre piaciuto visitare Euroville. o vivere in una comunita'.
Inizilmente vorrei poter visitarla e magari viverci alcuni mesi.
quale sarebbe il periodo migliore?
quale sono le prassi per entrarci?
quanto economicamente va a incidere compreso il viaggio la mia permanenza? escluso il viaggio?
Ringrazio anticipatamente
con un sorriso colorato saluto
Mariel

Buongiorno sono un cinquantenne disoccupato ma finanziariamente autosufficiente.
amo l'esplorazione in senso allargato e so fare un po di tutto.
mi interessa sapere come si può fare per organizzare un'esperienza ad Auroville.
quali sono i costi di permanenza e di viaggio,
quali documenti permessi e vaccini sono necessari,
per Mé e per mia figlia ventitreenne.

scritto da: Giacomo Dragone il 15/06/2015 alle 12:49
Salve vorrei isolorarmi dalla mia indipendenza, ,, come posso risolvere il mio problema, , spero che mi potete aiutare, ,, , ho48 anni e fisicamente sto a posto, ,,,

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Come vivere insieme
Le comunità intenzionali
Progetti e realtà comunitarie
Gli Ecovillaggi
Libri Consigliati
Nuovi progetti comunitari
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 Link
Auroville
Monterosso Villaggio Ecologico Sostenibile
GEN Global Ecovillage Network
Damanhur
Casa Cares
Findhorn
Rete Italiana Ecovillaggi
Torri Superiore
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo
 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it