Di ciò di cui non si può parlare si tace. - Ludwig Wittgenstein

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
BIONoNBIO
Per un biologico davvero naturale
ovvero il biologico oltre il mercato
BIONoNBIO
IL CIBO COSMICO
Per prima cosa conoscere il cibo.Dal cibo tutti gli esseri sono nati, col cibo essi vivono, verso cibo essi muovono. Al cibo tutti ritornano.
da Upanishad
IL MANIFESTO
DEL CONTADINO IMPAZZITO

<b>IL MANIFESTO<br> DEL CONTADINO IMPAZZITO </b>








libero adattamento
del Manifesto di Wendell Berry


Se amate il guadagno facile,
l’aumento annuale di stipendio,
le ferie pagate.
Se desiderate sempre più cose prefabbricate,
se avete paura di conoscere i vostri vicini di casa,
se avete paura di morire….
allora nemmeno il vostro futuro
sarà più un mistero per il potere,
la vostra mente sarà perforata in una scheda
e messa via in un cassettino.
Quando vi vorranno far comprare qualcosa
vi chiameranno,
quando vi vorranno far morire per il profitto
Continua...
ANIMA DEL BIOLOGICO
OVVERO IL BIO OLTRE IL MERCATO

ANIMA DEL BIOLOGICO <br>OVVERO IL BIO OLTRE IL MERCATO

di Maurizio Di Gregorio

Il Bio, (l’alimentazione, l’agricoltura e la cultura del biologico),  ha superato  in Italia i 50 anni, l’età di un giovane adulto. Se ne parla spesso come di un mercato che è poi il punto di incontro dei suoi tre componenti. La diffusione di un'agricoltura e di una alimentazione naturali, sane equilibrate e nonviolente sono il bel risultato ottenuto grazie al lavoro, all’impegno, alla visione e al sogno di tanti uomini e donne che sono stati in questi anni i pionieri fondatori e costruttori del biologico. Come ciò è stato possibile in una nazione che ha espresso il più piccolo movimento ecologista, è una curiosità speciale. Qui vogliamo trattare del bio oltre il mercato, cioè del bio come pratica di vita, cultura vissuta, intenzione originaria ed anima che si realizza. A 50 anni bisognerebbe occuparsene.  Continua...
TERRA, ANIMA, SOCIETA' Vol. 1
TERRA, ANIMA, SOCIETA' Vol. 1 A.a.V.v. Resurgence Book
se vuoi comprarlo
  
Questo libro raccoglie una serie di straordinari articoli, raccolti in due volumi, della prestigiosa rivista internazionale Resurgence che celebra la pubblicazione del 200° numero. Cos’è Resurgence? È una rivista con molte idee e visioni originali che aiutano a costruire una prossima era ecologica, un’era che unirà la terra, il sé e la società. Resurgence ci parla della fondamentale distruttività della globalizzazione economica; il bisogno di “un’economia come se la gente contasse qualcosa”, l’importanza del rapporto umano, la spiritualità, la ruralità, la nonviolenza e il Terzo Mondo. Una visione in cui natura, società, spiritualità sono parti integranti l’uno dell’altra. Nel corso della vita possiamo imparare a riconoscere i problemi del mondo e possiamo imparare ad affrontare anche i quesiti più profondi della nostra esistenza, ma dovremmo anche imparare a riconoscere il legame imprescindibile tra noi e il mondo.
Continua...
L'IGIENE CONTRONATURA DELL'INDUSTRIA ALIMENTARE
L'IGIENE CONTRONATURA DELL'INDUSTRIA ALIMENTARE

di Edward Goldsmith

In tutto il mondo i piccoli produttori di generi alimentari e i commercianti di tipo tradizionale stanno progressivamente chiudendo a causa di gravose leggi dello Stato, che impongono spese fuori dalla loro portata in nome dell' "igiene". Ma è quest'ultimo il vero motivo che fa chiudere i piccoli produttori alimentari e lascia che le grandi industrie ripuliscano il loro mercato? Per i piccoli produttori alimentari e i commercianti di ogni tipo diventa sempre più difficile sopravvivere da soli nel contesto di un'economia globalizzata e impegnata a massimizzare il commercio e lo sviluppo. Tale tendenza si è enormemente accentuata grazie anche alle regole imposte dall'Organizzazione mondiale del commercio (WTO), che obbliga i governi ad aprire i mercati nazionali agli alimenti di importazione, in particolare a quelli, solitamente ben sovvenzionati, degli Stati Uniti. Il prezzo della soia importata in India e proveniente dagli USA sarebbe di 34,8 dollari al quintale, invece degli attuali 15,5, se il governo americano non lo sovvenzionasse. [1] Nessun contadino, né in India né altrove, può competere con questo prezzo. Continua...
TERRA, ANIMA, SOCIETA' vol. 2
TERRA, ANIMA, SOCIETA' vol. 2 di A.a.V.v. Resurgence Book
se vuoi comprarlo

E' il secondo volume della selezione di articoli pubblicati nel corso degli anni dalla prestigiosa rivista inglese "Resurgence", diretta da Satish Kumar, che da oltre 40 anni coniuga insieme ecologia profonda, temi sociali e crescita interiore spirituale. Tratta di temi tutti attualissimi e scritti, come contributo volontario, da autori di fama internazionale quali Vandana Shiva, Noam Chomsky, Fritjof Capra, James Lovelock, Matthew Fox, Theodore Roszak, Lester Brown, Larry Dossey e tanti altri. Cos’è Resurgence? È una rivista con molte idee e visioni originali che aiutano a costruire una prossima era ecologica, un’era che unirà la terra, il sé e la società. Resurgence ci parla della fondamentale distruttività della globalizzazione economica; il bisogno di “un’economia come se la gente contasse qualcosa”, l’importanza del rapporto umano, la spiritualità, la ruralità, la nonviolenza e il Terzo Mondo.
Continua...
LA TRUFFA E' EXTRAVERGINE
LA TRUFFA E' EXTRAVERGINE
Marchi nobili. Etichette curate. Ma aziende inesistenti. E nelle bottiglie non c'era olio d'oliva. Una banda ha venduto in Italia e in Europa 100 tonnellate di liquido sospetto Li hanno bloccati sul più bello. L'olio extra vergine pugliese, "quello tinto con la clorofilla... che è veleno ed è pure cancerogeno", ridevano per telefono, stava per sbarcare negli Stati Uniti. I container pronti, gli acquirenti già trovati: sono arrivati i carabinieri e hanno sequestrato tutto. Intanto però avevano già invaso i piccoli market di Milano e provincia. Ma anche molti negozi in Germania, Svizzera, e per rimanere in Italia, in Toscana, Liguria, Veneto. Il prossimo business era quello dell'Europa dell'est. In un anno e mezzo avevano messo già sul mercato 400 mila lattine di olio contraffatto, cattivo e pericoloso per la salute dell'uomo. "Ma in fondo, noi, mica spacciamo droga. Non facciamo niente di male", si rincuoravano tra loro. Continua...
CONSUMARE VERDE O CONSUMARE MENO?
CONSUMARE VERDE O CONSUMARE MENO?

di George Monbiot

Molti comprano prodotti biologici convinti di salvare l’ambiente. Invece di nuovi consumi serve un cambiamento politico. Non andare avanti così. I climatologi avevano detto che gli inverni sarebbero stati più umidi e le estati più secche. Quindi non possiamo dire che le inondazioni siano dovute ai cambiamenti del clima, ma neanche che siano compatibili con attuali modelli climatici.
A causa dell'innalzamento del livello dei mari e della maggiore quantità di pioggia caduta durante l'inverno, basterà che lo straripamento dei fiumi coincida con l'alta marea di primavera per creare i presupposti per una catastrofe. Il nostro principale obiettivo deve essere impedire che i ghiacci della Groenlandia e dell'Antartico occidentale si sciolgano. L'unica cosa che dobbiamo chiederci a proposito dei cambiamenti climatici e' come evitare che ciò succeda. Sono uscite decine di libri e sembrano dare tutti una risposta: possiamo salvare il mondo scegliendo uno stile di vita più saggio e più verde. A luglio il Guardian ha pubblicato un estratto del nuovo libro di Sheherazade Goldsmith, che ci spiega "come vivere entro i limiti della natura".
È facile: basta farsi da soli il pane, il burro, il formaggio, la marmellata e i sottaceti, tenere una mucca da latte, avere un po' di maiali, capre, oche, galline, anatre, alveari, giardini e frutteti. Be', che state aspettando? Continua...
ATTENTI A QUEGLI 8: I VELENI IN TAVOLA
ATTENTI A QUEGLI 8: I VELENI IN TAVOLA
Pesticidi.
Antiparassitari e diserbanti chimici sono impiegati nelle coltivazioni di frutta e ortaggi e contaminano tutto il ciclo alimentare. Sono state trovate tracce persino nel latte materno. Questi trattamenti sono ancor più intensivi per i prodotti fuori stagione che è bene evitare. I prodotti biologici sono, naturalmente, esenti dalla presenza di residui chimici.

Metalli pesanti.
I metalli pesanti come mercurio, piombo, cadmio e il cromo, contaminano prevalentemente il pesce. Sono a rischio anche le coltivazioni e gli allevamenti vicini a discariche che non garantiscono la completa impermeabilità del suolo.

Mangimi.
In Europa ed in Italia polli e vitelli vengono
Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

IL MITO VEGETARIANO



di Lierre Keith

Non è stato un libro facile da scrivere. E per molti di voi non sarà un libro facile da leggere. Lo so. Sono stata una vegana per quasi vent’anni. Conosco bene le ragioni che mi hanno portato a adottare una dieta estrema, e sono onorevoli, perfino nobili. Ragioni quali la giustizia, la compassione, una bramosia disperata e onnicomprensiva di mettere a posto il mondo. Di salvare il pianeta: gli ultimi alberi che testimoniano il trascorrere del tempo, i pezzi di natura selvaggia che ancora consentono la sopravvivenza di specie in via d’estinzione, silenziose nelle loro pellicce e piume. Di proteggere chi è vulnerabile e senza voce. Di nutrire chi ha fame. E da ultimo, di non partecipare all’orrore dell’allevamento intensivo.

Queste passioni politiche hanno avuto origine da una fame così profonda da sconfinare nella spiritualità. O almeno questo era il mio sentire, e non è cambiato. Voglio che la mia vita sia un grido di battaglia, una zona di guerra, una freccia puntata e scagliata verso il cuore della dominazione: la società patriarcale, l’imperialismo, l’industrializzazione, ogni sistema di potere sadico. Se queste immagini marziali vi disturbano, posso riformulare il concetto: voglio che la mia vita, il mio corpo, sia un luogo nel quale la terra è rispettata, non divorata; dove non c’è posto per il sadismo, e dove la violenza si ferma. E voglio che il mangiare – il primo degli accudimenti – sia un atto che dia forza anziché uccidere.

Questo libro è stato scritto per portare avanti queste passioni, questa fame.
Non è un tentativo di deridere chi sostiene i diritti degli animali, né chi desidera un mondo più gentile. Al contrario, è il tentativo di rendere omaggio ai nostri più profondi desideri di vivere in un mondo più giusto. Questi desideri – di compassione, di sostenibilità e di una distribuzione più equa delle risorse – non trovano una risposta nella filosofia o nella pratica del vegetarianismo. Siamo stati fuorviati. I Pifferai Magici vegetariani hanno le migliori intenzioni.

Anticipo qui quanto ripeterò in seguito: tutto quello che sostengono sull’allevamento intensivo è vero. È crudele, dispendioso e distruttivo. Niente in questo libro è finalizzato a giustificare o a promuovere le pratiche adottate dalla produzione industriale di cibo, a nessun livello. Ma il primo errore consiste nel ritenere che l’allevamento intensivo – una pratica utilizzata da meno di cinquant’anni – sia l’unico modo di allevare gli animali.

I calcoli relativi al consumo di energia, alle calorie consumate, alla quantità di esseri umani non nutriti, sono tutti basati sul concetto che gli animali mangino i cereali. Si possono anche nutrire gli animali con i cereali, ma non è questa l’alimentazione con la quale si sono evoluti. I cereali non esistevano fintanto che l’uomo non ha imparato a coltivare le erbe annuali, al massimo 12.000 anni fa, mentre l’uro – il progenitore selvatico della mucca domestica – era già presente sulla terra da due milioni di anni.

Per la maggior parte della nostra storia gli erbivori non sono stati in competizione con gli esseri umani. Mangiavano quello che non possiamo utilizzare come cibo – la cellulosa – e la convertivano in sostanze di cui possiamo nutrirci: le proteine e i grassi. I cereali incrementano notevolmente la velocità di crescita del bestiame (c’è un motivo per cui viene utilizzata l’espressione “ingrassato a granoturco”) e la produzione di latte delle mucche. Ma questo modo di alimentare gli animali finirà con l’ucciderli. Il delicato equilibrio batterico del rumine di una mucca diventa acido e si infetta. Le galline sviluppano la steatosi epatica se alimentate esclusivamente a cereali, e non hanno bisogno di alcun cereale per sopravvivere. Le pecore e le capre, anch’esse ruminanti, non dovrebbero mai nemmeno entrare in contatto con quegli alimenti.

Questo malinteso nasce dall’ignoranza, un’ignoranza che percorre in lungo e in largo il mito vegetariano, coinvolge l’essenza dell’agricoltura e quella della vita stessa. Noi siamo cittadini industrializzati e non conosciamo le origini del nostro cibo. Ciò include i vegetariani, malgrado essi sostengano di possedere la verità. Me compresa, per vent’anni. Chiunque mangiasse carne commetteva un errore: solo io avevo capito davvero come stavano le cose. Sicuramente la maggior parte delle persone che si nutrono di carne proveniente da allevamenti intensivi non si è mai domandata che cosa sia morto, e come.

Ma, francamente, lo stesso vale per la maggior parte dei vegetariani. La verità è che l’agricoltura è l’attività più distruttiva che gli esseri umani abbiano imposto al pianeta, e continuare a diffonderla non ci salverà. La verità è anche che l’agricoltura comporta la completa distruzione d’interi ecosistemi. La verità è che la vita non è possibile senza la morte, e che – indipendentemente da ciò che mangiate – qualcuno deve morire per alimentarvi. Voglio un resoconto completo che vada ben oltre ciò che di morto c’è nel vostro piatto.

Voglio essere a conoscenza di ogni cosa che è deceduta durante l’intero procedimento, ogni cosa che è stata uccisa per portare quel cibo sulla vostra tavola. Questa è la domanda più radicale, ed è la sola domanda che ci possa portare alla verità. Quanti fiumi sono stati interrotti da dighe o prosciugati, quante praterie arate e quante foreste abbattute, quanto humus1 è stato ridotto in polvere ed è volato via? Voglio notizie di tutte le specie – non solo degli individui ma delle intere specie – i chinook,2 il bisonte, il passero locustella, i lupi grigi.

E voglio di più che il semplice conteggio di quanti ne sono morti o andati via. Li rivoglio indietro. Il mangiare soia non li farà tornare, per quanto serio e onesto possa essere chi ve l’ha detto. Il 98% delle praterie americane è scomparso per lasciar posto a monocolture di cereali annuali. In Canada gli aratri hanno distrutto il 99% dell’humus originario. In effetti, la scomparsa dell’humus «rivaleggia col riscaldamento globale quanto a pericolo ambientale». Quando la foresta pluviale viene abbattuta per alimentare il bestiame, i progressisti ne sono scandalizzati, sono consapevoli e pronti al boicottaggio. Ma il nostro attaccamento al mito vegetariano ci rende silenziosi, inquieti, e in definitiva immobilizzati, quando il responsabile è il grano, e la vittima la prateria.

Abbiamo abbracciato come un articolo di fede il vegetarianismo pensando che fosse la strada verso la salvezza, per noi e per il pianeta. Com’è possibile che risulti contemporaneamente distruttivo? Dobbiamo deciderci ad affrontare le risposte. Ciò che si profila tra le ombre della nostra ignoranza, e del nostro rifiuto, è una critica alla civilizzazione stessa. Il punto di partenza può anche essere ciò che mangiamo, ma la conclusione dev’essere un intero modo di vivere, un’organizzazione globale del potere, e non una piccola quantità di attaccamento personale a esso. Mi ricordo di un giorno in quarta elementare quando miss Fox scrisse due parole sulla lavagna: civilizzazione e agricoltura.

Me lo ricordo per il tono della sua voce, la solennità delle parole, la spiegazione che rasentava la retorica. Si trattava di qualcosa di Importante, con la i maiuscola, e io avevo capito. Tutto ciò che di buono c’è nella cultura umana ha avuto origine dall’agricoltura: tutta la tranquillità, la grazia, la giustizia. La religione, la scienza, la medicina e l’arte erano nate, e potevano essere vinte le battaglie senza fine contro la fame, la malattia e la violenza; e tutto ciò perché gli esseri umani avevano trovato il modo di far crescere il proprio cibo. La verità è che l’agricoltura ha provocato una perdita netta nell’ambito dei diritti e della cultura umani: schiavitù, imperialismo, militarismo, divisioni di classe, fame cronica e malattie.

«Il vero problema, quindi, non è chiarire come mai alcuni popoli siano stati più lenti di altri nell’adottare l’agricoltura, serve piuttosto capire perché sia stata intrapresa, considerato che è così ovviamente brutale» scrive Colin Tudge della London School of Economics. L’agricoltura è anche ri-sultata devastante per le altre creature con le quali condividiamo la terra, e in definitiva per i sistemi di supporto della vita del pianeta stesso. Molte sono le questioni in gioco.

Se desideriamo un mondo sostenibile, dobbiamo essere disposti a esaminare tutte le relazioni di potere che costituiscono il mito sul quale si basa la nostra cultura. Dovessimo dimenticare qualche aspetto saremmo destinati a fallire. Porsi domande a questo livello è difficile per la maggioranza delle persone. In questo caso, il conflitto emotivo inevitabile quando si oppone resistenza nei confronti di qualunque egemonia è aggravato dalla nostra dipendenza dalla civilizzazione, e dall’individuale impotenza ad arrestarla. La maggior parte di noi non avrebbe alcuna probabilità di sopravvivere se le infrastrutture industriali dovessero venir meno domani. E la nostra consapevolezza è parimenti ostacolata dalla nostra impotenza.

Non troverete nell’ultimo capitolo una lista delle Dieci Semplici Cose da fare perché, in tutta onestà, non esistono dieci semplici cose che salveranno la terra. Non c’è una soluzione individuale. C’è piuttosto una complessa rete di modifiche gerarchiche, vasti sistemi di potere che devono essere affrontati e demoliti. Possiamo non essere d’accordo su quale sia il modo migliore per farlo, ma dobbiamo farlo, se vogliamo che la terra abbia una qualche possibilità di sopravvivere.

In definitiva tutta la determinazione di questo mondo risulterà inutile in assenza di sufficienti informazioni per tracciare una rotta percorribile, sia personalmente sia politicamente. Uno dei miei obiettivi nello scrivere questo libro è di fornire tali informazioni. La grande maggioranza della popolazione degli Stati Uniti non produce cibo, e tanto meno lo caccia o lo raccoglie.6 Non abbiamo modo di renderci conto di quanta morte sia contenuta in una porzione di insalata, in una ciotola di frutta o in un piatto di carne. Abitiamo in ambienti urbani, nell’ultimo sussurro delle foreste, migliaia di chilometri lontani dai fiumi devastati, dalle praterie, dalle paludi, e da milioni di creature che sono morte per garantirci le nostre cene. Non abbiamo neppure idea di quali domande porci per scoprirlo.
.
Nel suo libro Long Life, Honey in the Hearth, Martin Pretchel scrive del popolo Maya e del loro concetto di kas-limaal, che può essere tradotto approssimativamente come «indebitamento reciproco, contributo reciproco», «Il sapere che ogni animale, pianta, persona, vento e stagione è in debito con i frutti di qualunque altro essere vivente è una conoscenza adulta. Essere senza debiti significa che non vuoi essere parte della vita, e che non vuoi crescere ed essere adulto» spiega uno degli anziani a Pretchel.

L’unica strada per uscire dal mito vegetariano passa attraverso la ricerca del kas-limaal, della conoscenza adulta. Questo è un concetto di cui abbiamo bisogno, soprattutto coloro tra noi che hanno a cuore le ingiustizie. Io so di averne avuto bisogno. Nella storia della mia vita, il primo morso di carne dopo i miei vent’anni di privazione segnò la fine della mia giovinezza, il momento nel quale ho cominciato ad assumere le responsabilità dell’età adulta. È stato il momento in cui ho smesso di combattere contro il concetto di base: per qualcuno che vive, qualcun altro deve morire.

Nell’accettazione di questo dato di fatto, con tutta la sofferenza e la pena che comporta, è contenuta la possibilità di scegliere una via differente, una via migliore. Gli allevatori consapevoli hanno un approccio molto diverso da quello degli scrittori nel condurci lungo la strada che dalla distruzione porta alla sostenibilità. Questi allevatori agiscono disponendo di informazioni completamente differenti. Ho sentito attivisti vegetariani sostenere che un acro di terra8 è sufficiente per due sole galline. Joel Salatin, uno dei Grandi Sacerdoti dell’allevamento sostenibile – che alleva veramente galline – sostiene che il numero reale è di 250 per acro.9 A chi preferite credere? Quanti di noi ne sanno abbastanza da poter avere anche solo un’opinione?

Frances Moore Lappé afferma che ci vogliono da 5,5 a 7,2 chilogrammi di cereali per ogni 450 grammi di carne.10 Invece, Joel Salatin alleva bestiame senza usare affatto i cereali, facendo ruotare i ruminanti su pascoli dove crescono spontaneamente molte varietà di erbe perenni, contribuendo così – anno dopo anno – alla formazione di nuovo humus.

Noi che apparteniamo alle culture urbane industrializzate non abbiamo nessun rapporto con i cereali, le galline, le mucche, e tanto meno con l’humus. Non abbiamo le basi, fondate sull’esperienza, per controbattere alle argomentazioni dei vegetariani per motivi politici. Non abbiamo alcuna idea di cosa si nutrano le piante, gli animali o il terreno, e in quali quantità. Il che significa che non abbiamo la più pallida idea di cosa noi stessi stiamo mangiando. Affrontare le verità relative all’allevamento intensivo – che comporta un trattamento degli animali crudele, e un pesante pedaggio ambientale – è stato per me, all’età di 16 anni, un fatto di profonda importanza.

Sapevo che la terra stava morendo. Era un’emergenza giornaliera contro la quale mi sarei battuta per sempre. Sono nata nel 1964. Il silenzio senza vita e l’annuale rinascita della natura erano per me concetti inseparabili. L’inferno era qui, nelle raffinerie di petrolio del Nord del New Jersey, nello sviluppo tentacolare dell’asfalto nelle periferie, nella crescente ondata di esseri umani che stava sommergendo il pianeta. Ho pianto con Iron Eyes Cody, desiderato ardentemente la sua canoa silenziosa e un continente incontaminato ricco di fiumi e paludi, uccelli e pesci. Mio fratello e io ci arrampicavamo su un vecchio melo selvatico nel parco locale, e fantasticavamo su come avremmo potuto comprare un’intera montagna. Nessun altro era ammesso, non servivano discussioni. Chi avrebbe potuto vivere in quel posto? Gli scoiattoli, era la sola risposta che avrei potuto fornire.

Lettore, non ridere. Non considerando Bobby, il nostro criceto, gli scoiattoli erano gli unici animali che avessi mai visto. Mio fratello, dando sfogo alla sua mascolinità, cominciò a torturare gli insetti e a tirare con la fionda ai passeri. Io divenni vegana. Sì, ero una bambina particolarmente sensibile. La mia canzone preferita a cinque anni – e qui siete autorizzati a ridere – era Those Were the Days di Mary Hopkin. Per quale tragico e romantico passato avrò mai potuto piangere all’età di cinque anni? Ma quella canzone era così triste, così intensa: potevo ascoltarla in continuazione fino a ritrovarmi esausta per il gran piangere.

D’accordo, è buffo. Ma non posso ridere del dolore che provavo per essere una testimone impotente della distruzione del mio pianeta. Quello era un fatto reale, e mi opprimeva. E i vegetariani politici mi offrirono un conforto irresistibile. Senza alcuna comprensione della natura dell’agricoltura, della natura della natura o – in definitiva – della natura della vita stessa, non avevo alcun modo per sapere che, per quanto oneste fossero le loro motivazioni, la ricetta proposta conduceva alla stessa distruzione che desideravo ardentemente bloccare.

Questo genere di motivazioni, abbinate alla mancanza di adeguata conoscenza, sono proprie del mito vegetariano. Per due anni, dopo essere tornata a mangiare carne, mi sentii obbligata a seguire le conversazioni tra vegani sulla rete. Non so dire perché. Non stavo cercando uno scontro. Non ho mai scritto nulla di mio. Molte sottoculture piccole e appassionate sono pervase da elementi che rasentano il culto, e il veganesimo non fa eccezione. È possibile che questo mio impulso fosse in relazione col mio stato confusionale: spirituale, politico, personale.

Forse stavo tornando a visitare il luogo dell’incidente: era qui che avevo distrutto il mio corpo. Oppure mi ponevo delle domande, e volevo capire se ero in grado di tener testa alle risposte che una volta avevo convintamente condiviso, risposte che erano sembrate corrette, mentre adesso apparivano vuote. O forse non ne conosco il perché. Questo mi lasciava ansiosa, arrabbiata e disperata ogni volta. Un intervento in particolare segnò un punto di svolta. Un vegano propose la sua idea di prevenire che gli animali fossero uccisi, non dagli esseri umani ma dagli altri animali.

Qualcuno avrebbe dovuto costruire una recinzione nel mezzo del Serengeti e dividere così i predatori dalle prede. Uccidere è sbagliato, e nessun animale dovrebbe mai morire; quindi i grossi felini e i canidi selvatici dovrebbero essere confinati da una parte, mentre gli gnu e le zebre dovrebbero vivere dall’altra. Costui sosteneva di sapere che i carnivori sarebbero stati bene perché non avevano bisogno di essere tali. È una menzogna messa in giro dall’industria della carne.

Lui stesso aveva visto il proprio cane mangiare l’erba, e quindi i cani – diceva – possono vivere di erba. Nessuno fece obiezioni. Anzi, altri si accodarono. «Anche il mio gatto mangia l’erba» scrisse una donna piena di entusiasmo. «Anche il mio lo fa!» aggiunse qualcun altro. Tutti concordavano sul fatto che erigere una recinzione sarebbe stata la soluzione per evitare la morte degli animali. È bene notare che il luogo in cui si sarebbe dovuto realizzare questo progetto salvifico era l’Africa.

Nessuno fece menzione del fatto che sia i carnivori sia i ruminanti sono stati fatti sparire dalle praterie del Nord America per far posto alle coltivazioni dei cereali di cui si nutrono i vegetariani. Tornerò sull’argomento nel capitolo 3. Ne sapevo abbastanza per capire quanto ciò fosse folle. Ma nessun altro in quel contesto era stato in grado di intravedere qualche errore in questo schema. Quindi, partendo dal presupposto che molti lettori manchino delle conoscenze che servono per giudicare questo piano, mi accingo ad accompagnarvi in questa critica.

I carnivori non sono in grado di sopravvivere nutrendosi di cellulosa. È possibile che occasionalmente mangino erba, ma ne fanno un uso medicinale, solitamente come purgante per liberare dai parassiti il loro apparato digerente. I ruminanti, invece, si sono evoluti per mangiare erba. Dispongono di un rumine (da cui deriva il termine ruminante), il primo di una serie di stomaci che agiscono da contenitori per la fermentazione.

Ciò che effettivamente avviene all’interno di una mucca, o di una zebra, è che i batteri mangiano l’erba, e gli animali mangiano i batteri. I leoni, le iene e gli esseri umani non dispongono dell’apparato digerente dei ruminanti. In realtà, dai nostri denti fino al retto, siamo fatti per mangiare carne.

Non abbiamo alcun meccanismo che ci consenta di digerire la cellulosa. E quindi, dalla parte della recinzione dove sono relegati i carnivori, tutti gli animali saranno destinati alla fame. Alcuni potranno sopravvivere più a lungo di altri, e costoro finiranno i loro giorni come cannibali. I saprofagi potranno godere di una festa da Martedì Grasso, ma – quando tutte le ossa saranno state ripulite – patiranno la fame anche loro. E il cimitero non si ferma qui: senza gli erbivori che brucano l’erba, la terra finirà per diventare un deserto. Perché? Perché in assenza degli erbivori che mantengono livellati i campi, le piante perenni crescono e mettono in ombra la propria base.

In un ambiente fragile quale il Serengeti, la decomposizione è prevalentemente fisica (agenti atmosferici) e chimica (ossidativa), non batterica e biologica come in un ambiente umido. In realtà, i ruminanti sono responsabili della maggior parte delle funzioni biologiche del terreno digerendo la cellulosa e restituendo i nutrienti, ora di nuovo disponibili, sotto forma di urine e feci. Senza i ruminanti, la vegetazione tenderà a crescere in eccesso, poi ridurrà la crescita e infine inizierà a uccidere le piante.

La nuda terra è a questo punto esposta al vento, al sole e alla pioggia, i minerali vengono lavati via e la struttura del terreno distrutta. Nel nostro tentativo di salvare gli animali avremo ucciso ogni cosa. Dalla parte della recinzione dove sono stati relegati i ruminanti, gli gnu e i loro amici si riprodurranno con la stessa efficacia di sempre. Ma senza la selezione dei predatori, ci saranno rapidamente più erbivori che erba. Gli animali saranno troppi per la loro fonte di cibo, mangeranno le piante fino alla base e finiranno col morire di fame, lasciandosi dietro un paesaggio seriamente degradato. La lezione qui è ovvia, sebbene sia abbastanza profonda da ispirare una religione: noi abbiamo bisogno di essere mangiati tanto quanto di mangiare.

Gli erbivori hanno bisogno della loro cellulosa giornaliera, ma anche l’erba necessita degli animali: del concime, che contiene azoto, minerali e batteri; dell’azione meccanica del brucare; e richiede anche quelle risorse accumulate nei corpi degli animali che vengono liberate dai processi di putrefazione quando gli animali muoiono. L’erba e gli erbivori hanno bisogno gli uni degli altri, così come i predatori e le prede. Non esistono correlazioni a senso unico, e neanche situazioni di dominanza e subordinazione. Mangiando non ci stiamo sfruttando gli uni con gli altri. Stiamo semplicemente facendo i turni.

Quella è stata la mia ultima visita ai forum vegani. Mi sono resa conto in quel momento che persone così profondamente ignoranti della natura della vita – con il suo ciclo minerale e lo scambio di carbonio, il suo equilibrio intorno a un’antica rotazione di produttori, consumatori e organismi che degradino  – non sarebbero state in grado di farmi da guida, o di prendere una qualsiasi decisione utile a una cultura umana sostenibile. Allontanandosi dalla conoscenza adulta, la conoscenza che prevede che la morte sia radicata nel sostentamento di qualunque creatura – dai batteri ai grizzly – non saranno mai in grado di nutrire la fame emotiva e spirituale che mi provocava dolore da quando avevo accettato quel sapere.

Può darsi che alla fine questo libro sia un tentativo di lenire questa mia sofferenza. * Ho altri motivi per scrivere questo libro. Uno è la noia. Sono stanca di sostenere le stesse discussioni, specialmente quando non sono facili da condurre. I vegetariani possono sintetizzare il loro programma in poche semplici parole – la carne è un omicidio – e soluzioni che si spiegano da sole, come quella che riguarda i 7,2 chilogrammi di grano. Io potrei controbattere con i miei slogan (le monocolture sono un omicidio? La marcia del milione di microbi?), ma non sono comprensibili per il normale pubblico.

Debbo partire dal principio, dalle prime proteine che si organizzano per dare adito alla vita, passando poi alla fotosintesi, alle piante, agli animali, ai batteri, al suolo, per arrivare all’agricoltura. Io chiamo questa chiacchierata «microbi, concime e monocolture» e mi servono trenta minuti buoni per la premessa, che è essenzialmente un’educazione di base sulla natura della vita. È vero, queste sono informazioni – materiali, emotive, spirituali – che noi tutti avremmo dovuto ricevere prima dei quattro anni di età.

Ma chi è rimasto che possa insegnarcele? E non è forse vero che tutto ciò che c’è di sbagliato in questa cultura è contenuto in quella domanda? Ma non è solo la quantità d’informazioni che rende difficile la discussione. Spesso l’interlocutore non le vuole sentire, e la resistenza può essere estrema. Il termine “vegetariano” non riguarda soltanto ciò che mangi e neppure ciò in cui credi. Concerne il chi sei ed è un’identità totalizzante. Io non sto mettendo in discussione soltanto una filosofia, o un insieme di comportamenti alimentari. Io sto minacciando l’idea che un vegetariano ha di se stesso. La maggior parte di voi reagirà mettendosi sulla difensiva e arrabbiandosi. Ho ricevuto lettere piene di odio ancora prima di aver cominciato questo libro. E no, grazie, non ho bisogno di riceverne altre.

Ma sto anche scrivendo questo libro perché sia una storia che serva da ammonimento. Una dieta vegetariana – soprattutto una versione a basso contenuto di grassi, e in modo particolare una dieta vegana – non fornisce un’alimentazione sufficiente per il mantenimento in buone condizioni del corpo umano nel lungo periodo. Per parlar chiaro: vi danneggerà. Io lo so. Dopo due anni da quando ho intrapreso la dieta vegana la mia salute è peggiorata, e l’ha fatto in modo catastrofico. Ho sviluppato una patologia degenerativa delle articolazioni che mi accompagnerà per il resto della vita. È cominciata quella primavera come uno strano, fastidioso dolore profondo in una sede che non sapevo potesse risultare sensibile.

Per la fine dell’estate sembrava che ci fossero delle schegge nella mia spina dorsale. Seguirono anni di dolore sempre crescente, e anche più frustranti visite da vari specialisti. Ci sono voluti quindici anni per avere una diagnosi al posto di una pacca sulla testa. La spina dorsale di una teenager non cade a pezzi senza una ragione eppure, malgrado la mia perfetta descrizione dei sintomi, nessuno dei medici prese in considerazione la discopatia degenerativa. Adesso ho le radiografie e mi viene prestata attenzione.

La mia spina dorsale assomiglia a un incidente aereo. Dal punto di vista nutrizionale questo è quanto è successo. Dopo sei settimane di dieta vegana sperimentai il mio primo episodio d’ipoglicemia, sebbene non abbia imparato come classificarla prima che fossero passati diciotto anni, e fosse diventata parte della mia vita. Dopo tre mesi di dieta le mie mestruazioni cessarono, il che avrebbe dovuto costituire un indizio del fatto che probabilmente non si era trattato di una buona scelta. Nello stesso periodo cominciò anche la spossatezza, e continuò a peggiorare insieme alla sempre presente sensazione di freddo. La mia pelle era così secca che si desquamava, e durante l’inverno mi doleva così tanto da tenermi sveglia la notte.

All’età di ventiquattro anni ho sviluppato la gastroparesi, che – ancora una volta – non è stata diagnosticata né curata fino all’età di trentotto anni, quando mi affidai a un medico che si occupava del recupero dei vegani. Sono stati quattordici anni di nausea costante, e ancora adesso non posso mangiare dopo le cinque del pomeriggio. A tutto ciò si sommavano la depressione e l’ansia. Discendo da una lunga e venerabile progenie di alcolisti depressi, quindi – ovviamente – non ho ereditato la migliore genetica per la salute mentale.

L’ultima cosa di cui avevo bisogno era la malnutrizione. Il veganesimo non è stata la sola causa della mia depressione, ma certamente ha contribuito in modo rilevante. Sono trascorsi lunghi anni durante i quali il mondo era costituito da un peso grigio e inutile, sempre uguale a se stesso, costellato esclusivamente da occasionali attacchi di panico. Ero frequentemente annientata dall’impotenza. Se non riuscivo a trovare le chiavi di casa, mi accasciavo sul pavimento del soggiorno, immobilizzata sull’orlo dell’abisso.

Come potevo andare avanti? Che voglia ne avevo? Le chiavi erano perse e io con loro, insieme al mondo e all’intero cosmo. Tutto era crollato, vuoto, privo di significato, quasi ripugnante. Sapevo che non era un atteggiamento razionale, ma non riuscivo a uscirne fintanto che non aveva fatto il suo corso. E adesso so perché. La serotonina è prodotta a partire dall’aminoacido triptofano. Inoltre, tutto il triptofano del mondo non comporterà alcun miglioramento in assenza di grassi saturi, che sono necessari per consentire ai neurotrasmettitori di funzionare. Tutti quegli anni di collasso emotivo non erano dovuti a un fallimento personale; avevano una spiegazione biochimica, per quanto autoinflitta. C’è qualcosa di altrettanto noioso dei problemi di salute di altre persone? Cercherò di rendere sintetico questo elenco.

La mia spina dorsale non è guarita, ma il passare a una dieta costituita da prodotti di animali alimentati a erba ha consentito un parziale recupero, e alleviato moderatamente i livelli del dolore. I miei recettori per l’insulina non sono ancora in numero adeguato, ma le proteine e i grassi mantengono la mia glicemia stabile e contenta. Negli ultimi cinque anni ho avuto mestruazioni molto regolari, sebbene abbia sviluppato un tumore agli organi riproduttivi del quale attribuisco la responsabilità alla soia.

Il mio stomaco funziona bene – non alla grande, ma discretamente – fintanto che assumo betaina cloridrato a ogni pasto. Grazie alle mie pratiche spirituali, e alla dieta densa di nutrienti, mi sono liberata della depressione, e ogni giorno ringrazio il cielo. Ma la sensazione di freddo e la spossatezza sono costanti. In alcuni giorni il solo respirare richiede più energia di quanta non ne abbia. Non dovete sperimentare su voi stessi: vi è consentito apprendere dai miei errori.

Tutti gli amici della mia giovinezza erano radicali, virtuosi e di forti sentimenti. Il vegetarianismo era la strada ovvia, e il veganesimo il passo successivo. Coloro tra noi che lo hanno praticato per un periodo prolungato hanno finito con l’esserne danneggiati. Se sto mettendo in discussione il vostro stile di vita, la vostra identità, potreste provare confusione, paura e rabbia leggendo questo libro. Ma datemi ascolto, se non volete fare la mia stessa fine. Vi sto chiedendo di tenere duro, di leggere questo libro e di analizzare i contenuti dell’Appendice. Per favore. Soprattutto se avete bambini o desiderate averne. Il mio orgoglio non mi impedisce di supplicarvi. *

I fumatori vi confermeranno che non c’è niente di paragonabile a un ex fumatore. Il bisogno di fare proseliti sembra essere una conseguenza inevitabile del conseguimento della salvezza o, forse nel loro caso, dell’ossigeno. Ho fatto del mio meglio per evitare un tono di superiorità morale e punto piuttosto al coinvolgimento. Mi auguro di esserci riuscita. In defi-nitiva, preferisco essere utile che ritenermi nel giusto. Soprattutto considerando il futuro con il quale dovremo confrontarci e l’importanza della posta in gioco. I valori sottesi al vegetarianismo – giustizia, compassione e sostenibilità – sono i soli che possono contribuire a creare un mondo di relazioni paritarie invece che di dominazione; un mondo dove gli esseri umani sono vicini a ogni creatura – ogni roccia, ogni goccia di pioggia, e a tutti i nostri fratelli con una pelliccia o le piume – con umiltà, deferenza e rispetto: l’unico mondo che abbia una possibilità di sopravvivere a quell’abuso chiamato civilizzazione. È con la speranza che questo mondo sia possibile che metto a disposizione questo libro.

Lierre Keith

tratto dal libro:
Il Mito Vegetariano.
Cibo, giustizia, sostenibilità: non bastano le buone intenzioni
Sonzogno editore - 17,50 euro


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Alimentazione
Agricoltura
Culture del cibo
Libri Consigliati
Chi è Chi
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:

Agricoltura e giardino 
Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Alimentazioni naturali
Alimentazione del bambino 
Allergie e intolleranze 
Cibi ed Alimenti 
Digiuno disintossicante
Macrobiotica
Metodo Kousmine
Ricette & Ricettari
Diete alimentari

per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
NON CI INDURRE IN TENTAZIONE: NOCCIOLE E FONDI UE PER IL BIOLOGICO
12 - 15 SETTEMBRE 2019 CHIUDUNO (BG) - ANIME IN FIERA
27 APRILE - 01 MAGGIO 2019 BELGIOIOSO (PV) - OFFICINALIA - XXXIII MOSTRA MERCATO DEL BIOLOGICO BIODINAMICO E ECOLOGIA DOMESTICA
13 APRILE 2019 FORLI - I SABATI DELL' ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE
13 APRILE 2019 SAN QUIRICO D ORCIA - FACCIAMO IL PANE
06 - 07 APRILE 2019 CASTELLO DI TABIANO (PR) - FIORI SAPERI SAPORI - I EDIZIONE
06 APRILE 2019 BATTAGLIA TERME - CUCINA BIO - LE QUATTRO STAGIONI
02 APRILE 2019 BATTAGLIA TERME (PD) - CORSO IL NUTRIZIONISTA DI TE STESSO
13 - 14 APRILE 2019 PONSACCO (PI) - CORSO DI CUCINA PER L'ANIMA
06 - 07 APRILE 2019 ARESE (MI) - NATURBIO FESTIVAL - X EDIZIONE
ALLARME SALUTE:
USA IMMETTONO UN SALMONE MUTANTE

DIVIETO UE COMMERCIO SEMENTI TRADIZIONALI
VIETATO IL VINO NATURALE
E' MORTO GINO GIROMOLONI, 'PADRE' DEL BIOLOGICO ITALIANO, FONDATORE DELLA COOPERATIVA ALCE NERO
L'EUROPA AL CENTRO DEL BIO
IL FINTO COTONE
LE VITTORIE E LE SCONFITTE
DEGLI OGM NEL MONDO

SPAGNA REGINA NELLA COLTIVAZIONE DEL BIOLOGICO
LA RETE DELLE FATTORIE SOCIALI IN SICILIA
L'UNIONE EUROPEA APPROVA IL MAIS TRANSGENICO SYNGENTA
CARLO PETRINI PER L'EXPO 2015 - VIDEO
IL VENTO FA IL SUO GIRO
UN FILM SPECIALE

 Link
AAM TerraNuova
IL LIBRAIO DELLE STELLE
Agricoltura Biodinamica
Biobank
Mondo Biologico Italiano
ACU Ass. Consumatorii
La Buona Terra
Sicurezza Alimentare
Vegetarian societies
LA MELA
Crystal Waters Permaculture
Unione Vegetariana Intern.
Centro Natura - Bologna
Cucina Salutare
Vegan
Il Vegetariano
La Gioia di Vivere
Permacultura
zen zero
A.S.C.I.
Civiltà Contadina
Slow Food
Associazione Vegetariana italiana
Biofach
LinksOrganic
Dialuogo
Biomela
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo




 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it