Come parli, così è il tuo cuore.
Paracelso

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
ECONOMIA CONSAPEVOLE
Etica e spiritualità per una nuova
economia consapevole e sostenibile
ECONOMIA CONSAPEVOLE
DI FRONTE AL FETICISMO DEL DENARO
L'ETICA E' INSUFFICIENTE

DI FRONTE AL FETICISMO DEL DENARO<BR>L'ETICA  E' INSUFFICIENTE
Raoul Vaneigem
Di fronte al feticismo del denaro, l'etica, necessaria quanto si vuole, è insufficiente. Sperare di moralizzare gli affari é vano quanto incitare ad una maggior igiene chi vive su un cumulo di spazzatura. Niente, in compenso, é più apprezzabile della libertà di parola concessa a tutti affinché una fioritura di idee nuove presieda alla ricostruzione dell'esistenza individuale e della società in un momento in cui un sistema fondato sulla ricerca esclusiva del denaro che rovina i
Continua...
LA SERENITA' INTERIORE
Plutarco

Gli insensati disprezzano e trascurano
perfino i beni di cui dispongono
perché con il pensiero
sono perennemente protesi verso il futuro
UN'ALTRA ECONOMIA: CARTA DEI PRINCIPI
UN'ALTRA ECONOMIA: CARTA DEI PRINCIPI
1. Sono comprese nella definizione di altra economia, intesa come diversa e alternativa a quella oggi dominante, tutte le attività economiche che non perseguono le finalità del sistema economico di natura capitalistica e di ispirazione liberista o neo liberista. In particolare sono da essa rifiutati gli obiettivi di crescita, di sviluppo e di espansione illimitati, il perseguimento del profitto ad ogni costo, l’utilizzazione delle persone da parte dei meccanismi economici e nel solo interesse di altre persone, il mancato rispetto dei diritti umani, della natura e delle sue esigenze di riproduzione delle risorse.
2. Le attività di altra economia perseguono il soddisfacimento delle necessità fondamentali e il maggior benessere possibile per il maggior numero di persone, sono dirette all’affermazione di principi di solidarietà e di giustizia, hanno come finalità primaria la valorizzazione delle capacità di tutti. Sono comprese in questa definizione anche le attività che prevedono la parziale o graduale uscita dal sistema economico dominante e le sperimentazioni di stili e modelli completamente nuovi di vita sociale, di
Continua...
IN CHE MODO IL LAVORO E' IN RAPPORTO CON LE FINALITA' E GLI SCOPI DELL'ESSERE UMANO?
IN CHE MODO IL LAVORO E' IN RAPPORTO CON LE FINALITA' E GLI SCOPI DELL'ESSERE UMANO?

di Maurizio Di Gregorio

Tutti gli insegnamenti spirituali hanno sempre riconosciuto che qualsiasi uomo non deve lavorare solo per tenersi in vita ma anche per tendere verso la perfezione. Per i bisogni materiali sono necessari vari beni e servizi che non potrebbero esistere senza il lavoro dell’uomo, per perfezionarsi però l’uomo ha bisogno di una attività dotata di senso che magari anche attraverso l’affronto e la soluzione delle difficoltà gli permetta di esprimersi, di”trovarsi”, di realizzare un opera con cui si senta in armonia e che gli permetta anche un rapporto armonico con la società e con tutto l’universo. Per Schumacher i fini del lavoro umano sono: 1) provvedere a fornire i beni necessari ed utili; 2) permettere a ciascuno di utilizzare e di perfezionare i propri doni e talenti, come buoni amministratori di se stessi; 3) Agire al servizio degli altri per liberarci del nostro egocentrismo ...Continua...
MESSAGGIO DALL'UNIVERSO
MESSAGGIO DALL'UNIVERSO


di E.F. Schumacher

Il nostro "ambiente", si potrebbe dire, è l'Universo meno noi stessi. Se oggi sentiamo che non tutto è in ordine con l'ambiente, al punto che richiede la protezione del suo Segretario di Stato, il problema non riguarda l'Universo come tale, ma il nostro impatto su di esso. Questo impatto sembra produrre, troppo spesso, due effetti deleteri: la distruzione della bellezza naturale, che è sufficiente già di per sé, e la distruzione di ciò che viene chiamato "equilibrio ecologico", o la salute e il potere di sostenere la vita della biosfera, che è anche peggio. Qui farò riferimento solo al secondo punto, e cioè ciò che stiamo facendo al pianeta. Chi è "noi" in questo contesto? E' la "gente-in-generale"? E' la popolazione mondiale? Sono tutti e nessuno? No, non sono tutti e nessuno. La grande maggioranza delle persone, anche oggi, vive in un modo che non danneggia seriamente la biosfera o esaurisce il dono delle risorse naturali.
Queste sono le persone che vivono in culture tradizionali. In genere ci riferiamo a loro come ai poveri del mondo, perché conosciamo di più la loro povertà piuttosto che la loro cultura. Molti diventano anche più poveri nel senso che perdono il loro capitale più prezioso, cioè la loro tradizione culturale, in rapida disintegrazione. In alcuni casi uno potrebbe a ben diritto affermare che diventano più poveri mentre diventano un po' più ricchi. Mentre abbandonano i loro stili di vita tradizionali e adottano quelli del moderno occidente, possono anche avere un crescente impatto dannoso sull'ambiente.
Resta il fatto, tuttavia, che non è la gran parte della popolazione povera a mettere a rischio la Navicella Spaziale Pianeta ma il relativamente esiguo numero di ricchi. La minaccia all'ambiente, e in particolare alle risorse e alla biosfera, deriva dallo stile di vita delle società ricche e non da quello dei poveri. Anche nelle società povere troviamo alcuni ricchi e finché questi aderiranno alla loro tradizione culturale fanno poco danno, o non lo arrecano affatto. È solo quando vengono "occidentalizzati" che scaturisce il danno all'ambiente. Ciò dimostra che il problema è alquanto complicato. Non è semplicemente questione di ricchi o poveri – i ricchi fanno danni e i poveri no. È una questione di stili di vita. Un americano povero può fare molti più danni ecologici di un asiatico ricco. Continua...

Versione Stampabile << torna indietro

ECONOMIA E SPIRITUALITA'


di Paolo Scroccaro

 

«Per chi ragiona bene, la ricchezza conforme a natura ha i suoi limiti e il suo confine, tracciato tutto intorno dal bisogno come da un compasso» (Plutarco, La passione della ricchezza, 4) I termini che fanno da titolo non sono necessariamente antitetici, come l'opinione comune è per lo più portata a credere; un accordo, un nesso organico può nuovamente ricomparire, come già era accaduto in epoche premoderne. Imponendo una "misura" risanatrice all'economia e alla tecnica, seguendo gli orientamenti già discussi, rivitalizzando le possibilità interiori degli individui, restituendo ad essi quelle qualità che il fanatismo del lavoro "meccanico" aveva eclissato, si ricreano anche i presupposti per una contestuale rivivificazione del senso, oggi smarrito, del culto, della festa e della vita contemplativa. 

Tutto questo è in sintonia con gli insegnamenti della saggezza tradizionale.
La furia produttivistica, diffondendo l'ossessione per l'azione smisurata e per la velocità illimitata in ogni campo, ha reso impossibile un'esistenza dignitosa alle persone e agli altri esseri in un mondo continuamente stravolto dalle illusorie promesse del profitto e del Prodotto Nazionale Lordo; con il tramonto del paradigma economicistico, delle cui avvisaglie si è detto in precedenza, la vita potrà finalmente tornare a gustare quei ritmi naturali, lenti, ristoratori, che gli idoli del progresso avevano sottratto.

"Nel mondo devastato dalla tecnica, potrà prodigiosamente rifiorire una nuova ospitale dimora, proprio come il tenace filo d'erba riesce ad aprirsi uno spazio vitale nell'asfalto della strada abbandonata" Sarà così possibile recuperare il legame sociale, che l'etica mercantile aveva marginalizzato, e con esso lo spirito della comunità non utilitaristica, rispettosa di tutti gli esseri in quanto tali, sensibile alla sacralità dell'ordine dell'universo, capace di porre al vertice delle sue attenzioni la cura per la conoscenza disinteressata e per la realizzazione interiore degli individui, in armonia con il cosmo che gratuitamente nutre e sorregge.
Tra dimensione politico-economica ed esigenza spirituale, vi può essere intima connessione o, al contrario, opposizione; come ben sapevano Aristotele e gli antichi, una comunità virtuosa e ordinata sul piano civile ed economico, favorisce anche la ricerca spirituale, poiché le virtù "dianoetiche", che costituiscono il vertice naturale dell'individuo e della polis, hanno come presupposto quelle "etiche". Quindi, per dirla con San Tommaso,"è necessario alla perfezione della comunità umana che vi siano uomini dediti all'inutile vita contemplativa". (Commento alle Sentenze, 4, d. 26, 1, 2).

Ai nostri giorni, purtroppo, tra i citati momenti non può che regnare la contesa, poiché la saggezza filosofica, oltre ad essere assai rara e mescolata a deformazioni culturali di vario genere, è per di più osteggiata in nome dell'attivismo produttivistico, strutturalmente incapace di rispettare quanto non rientra nel suo progetto di dominio. Gli attardati sostenitori di esso continuano ad imporlo come unica medicina per la nostra civiltà, che proprio a causa di esso si trova gravemente ammalata; essi perciò ben meritano il giudizio rivolto in un'antica commedia al medico ciarlatano:
"La tua medicina non fa che aggravare la malattia".

Se una riforma radicale diventa oggi indispensabile, essa non può che partire dagli esempi concreti, forniti da quanti sono capaci di testimoniare in anticipo quello che ai più non risulta ancora visibile, avendo essibisogno di attendere l'ulteriore precipitare degli eventi, vale a dire l'approfondirsi della crisi della civiltà produttivistica.
"La riforma deve cominciare da se stessi. Prediche agli altri, articoli magnifici che pretendono di salvare il mondo [...] pensare che tutto questo possa portare ad una soluzione equivale ad ingannarsi [...] non posso né parlare né pensare di trasformare il mondo, se non comincio con chi mi è più vicino" (R. Panikkar, Ecosofia, Cittadella 1993, pag. 53).

Nello stesso tempo, è vero che "l'uomo non raggiunge la salvezza, la pienezza umana, come persona [...] se non si realizza nella polis" (Ecosofia, pag. 32).

Individuo e comunità rappresentano qui il microcosmo e il macrocosmo, la comunità è in un certo senso la proiezione dell'individuo, come diceva Platone, i cui suggerimenti politici meritano d'essere rimeditati.
La vera politica non è apparato tecnico-burocratico, volto alla gestione del potere e dell'esistente, come oggi accade ovunque, a destra, al centro e a sinistra. La grande politica, cioè l'arte politica "regale" di cui parlava Platone (cfr. Politico 276 e) si prende cura della polis in profondità e non esteriormente, cioè secondo l'Idea, non secondo il calcolo pragmatico del momento: ma i tempi non sembrano ancora maturi per una tale rinascita della politica, occorre pazientare e intanto preparare l'humus e seminare, affinché qualcosa, più avanti, possa germogliare. Nell'attesa, possono contare molto le testimonianze individuali, che possono veicolare migliori e più saggi comportamenti collettivi, per i quali non deve risultare sprecato il detto di Solone: "Noi non scambieremo la nostra virtù con la loro ricchezza".

L'emergere d'individui capaci di tanto è possibile là dove si affermi una trasformazione graduale del livello coscienziale, orientato verso un ampliamento della visione e non del possesso: a tal fine, è indispensabile
imparare a superare l'attaccamento alle forme limitative, cioè agli oggetti grossolani (denaro, P.N.L., mezzi tecnologici sempre più potenti, merci di consumo superflue se non nocive...) e sottili (prestigio, celebrità, sentimentalismi, moralismi superficiali...); così facendo si impara via via a disciplinare quella tensione desiderante che spinge incessantemente verso le cose, trasformando la vita in tormento esistenziale, poiché "il desiderio troppo intenso verso ogni cosa suscita la più intensa paura di rimanerne privi, e in tal modo la nostra gioia diviene debole e malsicura, come fiamma esposta al vento" (Plutarco, La serenità interiore, 16);inoltre, occorre ricordare che "la dolcezza e il sorriso della vita non provengono dall'esterno" (Plutarco, Virtù e Vizio, 1).

A seguito dell'espansione coscienziale di cui sopra, il moto psichico agitato, veloce, ossessivo, diventa più calmo; si impara ad apprezzare la lentezza, il ritmo che ritorna su se stesso, tipico delle realtà cosmologiche inviolate: e poiché "gli uomini nelle città, troppo bramosi di vanità o di sconvolgimenti, manifestano insanità" (Pindaro), per conseguire questa stazione spirituale è oggi più che mai necessario poggiare su quel sostegno che è dato dal sottrarsi il più possibile al frastuono della città, proprio come faceva H. D. Thoreau1, e cercare ristoro e ispirazione nella natura selvaggia2, o almeno non troppo stravolta dalla violenza tecnologica.

"Credi a chi ne ha esperienza: nelle foreste troverai più che non nei libri. L'albero e le rocce ti insegneranno ciò che non puoi imparare dai maestri"
(San Bernardo di Chiaravalle, Lettera a Enrico Murdach)

Si comincia così a sperimentare ed assaporare una leggerezza esistenziale prima sconosciuta, poiché l'energia mentale, in quanto pressata di continuo da stimoli artificiosi, tipici del degrado cittadino, era
insidiosamente attirata verso mete centrifughe ed eterogenee, con le inevitabili implicazioni quanto a smarrimento, inquietudine, lacerazione interiore. Il vivere risultava così perennemente instabile, frastornato
nel flusso sregolato del divenire, del consumismo, del desiderio: era cioè privo di "centro"; ora invece acquista via via dignità, compostezza, fierezza, stabilità irremovibile... proprio come il maestoso abete al
limitare superiore della foresta, che essendo saldamente radicato nel suolo accogliente, può vincere le asperità del luogo che, ripido e scosceso, non può che apparire inospitale all'inesperto viaggiatore
occasionale.

Vi è già in tutto questo un qualche adombramento della condizione tipica di antichi dei, perché ci si installa in una dimensione preparatoria rispetto alla conquista dell'imperturbabilità assoluta cara a Giuliano e agli altri filosofi classici d'Occidente e d'Oriente, i quali consideravano la pax profunda, la perfetta "non-agitazione" (cioè la condizione di trascendenza rispetto al mutamento aritmico e sgraziato) come vetta
irrinunciabile alla quale conduce il sentiero della realizzazione3.

Non a caso, anche nella Bibbia è prescritto:"Abbiate otium (fermatevi)e riconoscete che io sono Dio" (Salmi, 45, 11)

Quel che vale per il singolo, vale anche per l'insieme: la società caotica è caratterizzata dall'agitazione produttivistica insensata, cui si attaglia bene il giudizio di Plutarco:

"Gli insensati disprezzano e trascurano
perfino i beni di cui dispongono
perché con il pensiero
sono perennemente protesi verso il futuro"
(La Serenità Interiore, 14)

Tale società manca di stabilità e armonia, e riproduce necessariamente (cioè per essenza e non per accidente) conflitto, sfruttamento, insoddisfazione, dolore... una collettività composta e guidata da individui
scentrati e psicolabili, non potrà mai essere riordinata artificiosamente tramite megaprogrammi sociopolitici pretenziosi che, magari in buona fede, propongono astrattamente ideali di pace, di eticità, di solidarietà, cui non corrispondono realizzazioni personali adeguate4, nemmeno da parte di coloro che di tali programmi sono promotori... Solo persone interiormente pacificate e capaci di autonomia rispetto al dominio della megamacchina sociale dominante, possono far maturare, nel luogo adatto, i semi per una comunità capace di armonia e reciprocità, operando giorno dopo giorno per il suo comparire non nel grigiore delle rumorose sedi politiche, ma nella compostezza discreta della testimonianza, poiché l'esempio ha una forza straordinaria, quella della causa finale che attira invece di coartare, come ben sapeva Plutarco che non a caso scrisse le Vite Parallele.

Per concludere con il massimo di semplicità:
"Quando tanti uomini piccoli in tanti posti piccoli fanno delle cose piccole, cambiano la faccia del mondo" (Proverbio tradizionale)

 Note
1- "Penso che non riuscirei a mantenermi in buona salute, sia nel corpo che nello spirito, se non trascorressi almeno quattro ore al giorno -e generalmente sono di più- vagabondando per i boschi, per le
colline e per i campi, totalmente libero da ogni preoccupazione terrena." (H. D. Thoreau, Camminare, Mondadori 1991, pag. 11).

"Una regione in cui una foresta primitiva affondi le proprie radici nel materiale decomposto di un'altra foresta primitiva è un territorio che favorisce non soltanto la fioritura di grano e di patate, ma anche di poeti e di filosofi per le generazioni a venire." (Camminare, pag. 39).

2- A. Naess ha opportunamente elogiato l'esperienza del "vivere in capanna" con queste parole:"Nei paesi scandinavi, la consapevolezza energetica viene sviluppata fin dall'infanzia attraverso la
tradizione della friluftsliv, cioè della vita a contatto con la natura. Dopo aver soggiornato in una capanna, il ritorno a una vita in cui l'energia è utilizzata nel modo usuale, il fatto che tanta ricchezza sia accolta senza gioia, lo spreco incredibile di cui è oggetto hanno sempre un forte impatto emotivo. La tradizione della vita nelle capanne è uno degli elementi ecosoficamente più efficaci di vigilanza permanente contro i
comportamenti distruttivi della vita moderna." (Ecosofia, Red 1994, pag. 114).

Ovviamente, esperienze del genere non solo educano alla sobrietà nel campo dei consumi più di mille prediche: più in generale, e conseguentemente, concorrono a far apparire quella sensibilità contemplativa
alla quale allude anche San Bernardo nella citata Lettera a Murdach e in altre.

3- Così come l'Assoluto viene indicato nei testi religiosi e filosofici come completezza, autosufficienza, non-dipendenza, allo stesso modo la persona e la comunità cercheranno di portare all'atto qualità capaci di
imitare tale "pienezza" di essere, con la quiete che ne consegue: "D'un tratto cessò il vento, e fu bonaccia, senza un alito: un Dio addormentò le onde" (Odissea).
La prossimità alla pace interiore e allo stato contemplativo, o comunque la preparazione ad essi, richiede certe costanti nella vita individuale e comunitaria, che seguono il filo conduttore del "limitare ciò che è causa di abnorme moto psichico", in nome dell'adeguazione ai ritmi cosmici, immagine nel tempo dell'eterno sovratemporale, come dicevano gli antichi. Da qui discendono la disciplina del desiderio, delle passioni, dei consumi, l'elogio dell'indipendenza, dell'autosufficienza, della serena lentezza esente da agitazione e dell'economia ordinata e stazionaria, non funzionale al profitto ma al bene comunitario.

4- "[...] Chi governa deve prima acquisire il controllo su se stesso, raddrizzare la propria anima [...] chi è scomposto non può dare compostezza, chi non ha ordine dentro di sé non può darlo agli altri." (Plutarco,
Chi governa deve avere paideia).Vale qui anche il verso di Euripide: "Fai il medico degli altri, e tu sei coperto di piaghe"

Paolo Scroccaro [07/10/2005] Fonte: estovest.net  



Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Lavoro e realizzazione
Le vie della prosperità
Economia per il pianeta
Economia per essere
Libri Consigliati
Economia e Spiritualità
Finanza Etica
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:

Economie consapevoli
Nord-Sud
Globalizzazione
Politica e società

per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER, la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti ed offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
29 MARZO 2019 BOLOGNA - CONSUMO CONSAPEVOLE E SLOWFASHION
01 MARZO 2019 MILANO - MI ILLUMINO DI MENO - LUCI SPENTE RISPARMIO ACCESO
09 MARZO 2019 BATTAGLIA TERME (PD) - LA TUA CASA? UN NIDO SANO E CONFORTEVOLE
IN FRANCIA ARRIVA
LA BANCA DEI POVERI

ABOLIRE LA CASSA INTEGRAZIONE PER UN WELFARE UNIVERSALE
GREEN ECONOMY
IN ITALIA
ECCO I DATI

 Link
Banca Etica
Mag2
ManagerZen
Grameen Bank
Libera
Goose Pimples
Pari Center
Altreconomia
Rete Economia Solidale
Ctm L'altromercato
Liberomondo
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo

 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it