forestiero che vai cercando la pace al crepuscolo, 
la troverai alla fine della strada. (F. Battiato)
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
LE ARTI DEL BENESSERE
Medicine naturali del corpo, della mente e dell'anima
LE ARTI DEL BENESSERE
LO SPIRITUALE NELLA MEDICINA
<b>LO SPIRITUALE NELLA MEDICINA</b>


Negli ultimi decenni abbiamo assistito in Occidente a duna graduale involuzione della formazione del medico in contrasto con la grande evoluzione “scientifica” della medicina; essa è andata via via svuotandosi dei contenuti più ricchi e trascendenti, per dar posto invece esclusivamente ad insegnamenti scientifici di impostazione meccanicistica. E’ scomparsa così l’immagine dell’uomo nella sua interessa psichica e somatica, sostituita da quella di un omuncolo scomposto nelle sue singole parti fino ad arrivare all’infinitesimale. Ciò è da imputare indubbiamente al generale cambiamento della psiche dell’uomo occidentale che, nel divenire moderna, ha perduto la capacità di accettare i suoi aspetti arcaici come parte integrante del Sé.
Continua...
LA SALUTE OLISTICA
<b> LA SALUTE OLISTICA </b>







Teresa Chindamo

SANI NEL CORPO
Se proviamo a sfogliare le pagine di un giornale o a fermare per un attimo l'attenzione sui messaggi pubblicitari che ci vengono offerti dallo schermo televisivo o dai cartelloni affissi sui muri delle nostre città, possiamo notare l'accanimento con cui ci vengono proposti integratori alimentari, vitamine, oligoelementi, tutte apprezzabili conquiste della nostra epoca che suscitano il nostro entusiasmo e una nuova fiducia. Anche il meritato successo dei prodotti biologici e biodinamici, la ribellione che si diffonde sempre più tra i cittadini contro l'inquinamento di ogni genere che ci soffoca sono una prova evidente della nuova considerazione in cui teniamo la nostra salute.
Continua ...
CHE COS'E' LA TERAPIA OLISTICA
<b>CHE COS'E' LA TERAPIA OLISTICA </b> di Maggi Lidchi Grassi

Per avvicinarsi nel modo giusto alle terapie “olistiche” è importante sapere che il corpo ha in sé un meccanismo che lavora costantemente per mantenere la salute e che la malattia ne fa parte, è il messaggio per dirci che qualcosa dev’essere fatto.
La terapia è cattiva se riduce e sopprime, è olistica se si propone di aiutare l’individuo ad evolversi.
L’omeopatia, l’agopuntura e tutte le altre terapie alternative possono essere praticate in un modo meccanico e superficiale che le riduce al livello di una terapia qualunque, che si accontenta di sopprimere i sintomi. Vorrei citare qui un passaggio di Henry Miller che parla di una sua esperienza di guarigione “olistica” avvenuta ad Epidauro.
Continua...
MEDICINE CHE UCCIDONO
<b>MEDICINE CHE UCCIDONO </B> di Maurizio Blondet

I farmaci "di sostituzione ormonale" promettono alle donne di restare giovani, di ritardare la menopausa e di sconfiggere l'osteoporosi. Ora si scopre che due medicinali molto diffusi, il Premarin e il Prempro, provocano cancro, embolia polmonare, infarto e demenza.
In USA, almeno 14 milioni di donne si sono viste prescrivere le due medicine. Ma poiché esse sono in commercio da 40 anni, sono circa cento milioni (tre generazioni) le donne americane in pericolo. Lo ha stabilito uno studio di un ente indipendente, il Women's Health Initiative (WHI).
Il principio attivo dei due farmaci è estrogeno estratto dall'urina di vacche e cavalle, che contiene tre tipi di estrogeni, di cui due non naturali per la donna. Inoltre il Premarin contiene progesterone sintetico, anch'esso non identico all'ormone umano. Il dosaggio aumenta la pericolosità.
Continua...
PSICODINAMICA
<b>PSICODINAMICA </b> di Marco Ambrosio

Conosciuta anche come Dinamica Mentale, è quanto di più efficace si possa attualmente utilizzare per sviluppare e ottimizzare le proprie risorse mentali, in quanto sintetizza il meglio tra tutte le possibilità offerte da Training Autogeno, Sofrologia, rilassamento psicofisico, meditazione creativa.
La condizione di partenza è uno stato di profondo rilassamento autoindotto tramite semplicissime tecniche di immaginazione creativa e respirazione, allo scopo di rallentare la frequenza delle onde cerebrali dallo stato beta allo stato alpha. Lo stato beta è la condizione che normalmente ci permette di interagire razionalmente con la realtà contingente e indica che le onde cerebrali (misurabili con l'elettroencefalografo) oscillano con una frequenza di circa 14 Hz (cicli al secondo). Le onde alpha hanno una frequenza di circa 8-13 Hz e caratterizzano lo stato di coscienza (o supercoscienza) che principalmente interessano la Psicodinamica.
Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

RICERCA SUL CANCRO E DOMANDE SCOMODE


di Antonio Scardino

Il quesito è semplice: da quando è iniziata la ricerca medica sul cancro, l’incidenza dei tumori negli esseri umani è diminuita o aumentata? Una domanda banale, apparentemente, che in realtà in troppo pochi si pongono. Nonostante gli enormi afflussi di denaro convogliati verso gli istituti di ricerca di tutto il mondo e gli slogan ottimistici, quando non addirittura trionfalistici, di luminari e politici, negli ultimi dieci anni l’incidenza media dei tumori è aumentata globalmente del 30 per cento.

Per fare un esempio, vent’anni fa una donna su venti veniva colpita dalla sventura del cancro alla mammella, dieci anni fa era una su dieci. Oggi, una donna su otto soffrirà statisticamente di tale patologia. Per questo tipo di tumore, come per gli altri del resto, si attribuisce un ruolo fondamentale all’aumentare dell’età media delle persone. Intanto la ricerca scientifica continua e non si può certo negare che da quando la medicina, negli anni 30 ha deciso di studiare con sistematicità scientifica l’origine e la cura dei tumori non si siano fatti degli enormi passi avanti. Allora perché gli approcci terapeutici fondamentali applicati su larga scala rimangono quelli della radio e della chemioterapia? Perché rendono i migliori risultati clinici.

Chi scrive ha speso quindici anni della propria vita fra Italia, Stati Uniti e Francia a disegnare vaccini a dna contro il cancro e ha creduto fermamente agli slogan e al dogma che è nella ricerca che va investita la fiducia di tutti. In realtà, chiunque abbia fatto il ricercatore avrà almeno una volta sentito dentro di sé, ogni giorno di più, il peso della responsabilità di non porsi le questioni vere, fino in fondo.

Negli anni, acquisendo nozioni e conoscenze, andando ai congressi, osservando con sempre più nitidezza le cellule nella lente del microscopio, discutendo, scrivendo, si avverte il germogliare di un grano di coscienza che si sceglie volontariamente di coltivare o di soffocare. Nonostante il sospetto, quasi sempre si fa finta di non vedere e di non sentire. Si finge che non è vero che Olivier Schwartz, oncologo della Salpetriere di Parigi, viene licenziato perché ha scritto un libro nel quale dichiara il fallimento della ricerca scientifica nel campo della applicazione dei terapeutici al cancro. Si finge di ignorare la pressione delle grandi multinazionali sui ricercatori scettici, l’ostracismo delle riviste scientifiche per gli argomenti scomodi.

Negli anni 90 ero al National institute of health e si discuteva dell’isolamento politico e scientifico del capo dipartimento di statistica del National cancer institute perché sosteneva che è un’evidenza matematica l’assenza di risultati concreti nella lotta al cancro, e perché per primo denunciò l’enorme disparità fra i troppi fondi stanziati per la ricerca scientifica e il pochissimo denaro utilizzato per l’epidemiologia, l’osservazione sociale e, soprattutto, ambientale quali ambiti gravidi di notizie per l’individuazione dei fattori causali dei tumori e l’individuazione di azioni preventive concrete.

Ancora una volta, forse, la domanda sarebbe troppo facile, o troppo scomoda: non ci chiediamo come, dove o quanto, come sempre facciamo per distrarci, ma chiediamoci il perché? Perché l’incidenza dei tumori è aumentata del 30 per cento, quindi? Perché in troppi fanno finta che l’incidenza delle leucemie non sia aumentata in numerose comunità che vivono attorno alle centrali nucleari, alle discariche, a certe fabbriche o alle emittenti radio molto potenti (tema ben affrontato da Terra domenica scorsa)? Perché non si dice mai che numerosi tumori sono dovuti al fumo di tabacco e all’assunzione di alcol, sì, ma soprattutto alla scarsa igiene dell’aria, delle acque e della terra? Perché nessuno ha mai detto che la plastica che si usa per i biberon e le bottiglie rilasciano sostanze molecolari simili agli ormoni femminili, potenziali cause prime degli squilibri endocrini a carattere tumorigenico? Non ce lo chiediamo perché il cancro è un business immenso.

Guardiamo in faccia la realtà, non prendiamoci in giro. Nel nostro sistema nervoso prima e sociale poi è perfettamente concepibile che una malattia sia fonte di guadagno illimitato; scoprirne le cause principali è interesse di nessuno, o quasi nessuno, soprattutto se queste cause collidono con il sistema industriale.

Chi scrive ha assistito a riunioni dove si decideva di investire tempo e denaro su patologie cancerose delle quali sono affetti gli individui abbienti, di pelle bianca (melanoma, tumore della prostata e cancro della mammella) rispetto ad altre che affliggono categorie umane in prospettiva meno “redditizie”.

Non sarebbe stupefacente immaginare che un certo tipo di umanità speri nella cronicizzazione del tumore e studi per tale obiettivo, invece di puntare alla sua eradicazione, così da poter vendere pillole da somministrare ai malcapitati. E finché non si farà un serio lavoro su noi stessi per comprendere in che ambiente viviamo, se è giusto lo stile di vita che conduciamo, finché non scandaglieremo le reali motivazioni che ci spingono a decidere in che modo vogliamo che i nostri figli vivano in futuro sulla Terra, non criticheremo mai la realtà e il modo in cui la modifichiamo. Rimuoveremo sempre, facendo finta che i come, i dove e i quanto siano più importanti dei perché.


Antonio Scardino è un grande!! E' un vero intellettuale. Di quelli che purtroppo non ci sono più e di cui tutti noi avremmo grandissimo bisogno.L'ultimo vero intellettuale di cui io ricordi è Pasolini, che analizzava con profondità la realtà traendone verità che non tutti esprimevano perchè scomode al potere.Scardino ha perfettamente ragione:I cibi che mangiamo, l'aria che respiriamo,le ferite inferte all'ecosistema costituiscono un immenso pericolo alla nostra salute.La medicina tradizionale cinese non avrebbe nessuna remora ad affermare con sicurezza che:L'UNIVERSO E' MALATO - L'UOMO CHE E'PARTE INTEGRANTE DELLO STESSO NON PUO'CHE AMMALARSI.
UN SALUTO ED UN RINGRAZIAMENTO AD ANTONIO SCARDINO.
"LA VERITA' VI FARA' LIBERI" - NAMASTE' - CARLO DEL BELLO

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Medicine naturali
Tecniche per il corpo
Oltre il corpo
Terapie olistiche
Libri Consigliati
Chi è Chi
Psicologia Umanistica
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
2-4 Giugno Workshop SORELLA ACQUA
Corso di TECNICA METAMORFICA RIMINI 13 e 14 maggio 2017
TRATTAMENTO CRANIOSACRALE - FIRENZE
MEDITAZIONE CON AKHILA - FIRENZE
BIODINAMICA CRANIOSACRALE PEDIATRICA
DOMENICA 19 FEBBRAIO 2017
GIUDICE INTERIORE: LIBERARSI DALL’AUTOGIUDIZIO

 Link
Naturalmente - La Spezia
Enciclopedia Olistica
Villaggio Globale
Medicine Naturali
Associazione Italiana Reiki
Psicologia Spirituale
La Terza Onda
Floriteria -Fiori di Bach
Buena Vista-Metodo Bates
Centro Anti Vampiri
Centro Natura Bologna
Scuola Olistica
Enrico Cheli
AAM Terra Nuova
The Living Spirits
La Tartaruga
Le mani in mano (Shiatsu, Tuina ecc.)
Associazione Culturale Amici del Tai ji
Scuola Taoista
C.Y Surya - scuola di Ayurveda
I colori dell'Energia
Salute e Benessere
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo


 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it