Là dove é il tuo amore, un giorno sarai anche tu

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
LE ARTI DEL BENESSERE
Medicine naturali del corpo, della mente e dell'anima
LE ARTI DEL BENESSERE
LO SPIRITUALE NELLA MEDICINA
<b>LO SPIRITUALE NELLA MEDICINA</b>


Negli ultimi decenni abbiamo assistito in Occidente a duna graduale involuzione della formazione del medico in contrasto con la grande evoluzione “scientifica” della medicina; essa è andata via via svuotandosi dei contenuti più ricchi e trascendenti, per dar posto invece esclusivamente ad insegnamenti scientifici di impostazione meccanicistica. E’ scomparsa così l’immagine dell’uomo nella sua interessa psichica e somatica, sostituita da quella di un omuncolo scomposto nelle sue singole parti fino ad arrivare all’infinitesimale. Ciò è da imputare indubbiamente al generale cambiamento della psiche dell’uomo occidentale che, nel divenire moderna, ha perduto la capacità di accettare i suoi aspetti arcaici come parte integrante del Sé.
Continua...
LA SALUTE OLISTICA
<b> LA SALUTE OLISTICA </b>







Teresa Chindamo

SANI NEL CORPO
Se proviamo a sfogliare le pagine di un giornale o a fermare per un attimo l'attenzione sui messaggi pubblicitari che ci vengono offerti dallo schermo televisivo o dai cartelloni affissi sui muri delle nostre città, possiamo notare l'accanimento con cui ci vengono proposti integratori alimentari, vitamine, oligoelementi, tutte apprezzabili conquiste della nostra epoca che suscitano il nostro entusiasmo e una nuova fiducia. Anche il meritato successo dei prodotti biologici e biodinamici, la ribellione che si diffonde sempre più tra i cittadini contro l'inquinamento di ogni genere che ci soffoca sono una prova evidente della nuova considerazione in cui teniamo la nostra salute.
Continua ...
CHE COS'E' LA TERAPIA OLISTICA
<b>CHE COS'E' LA TERAPIA OLISTICA </b> di Maggi Lidchi Grassi

Per avvicinarsi nel modo giusto alle terapie “olistiche” è importante sapere che il corpo ha in sé un meccanismo che lavora costantemente per mantenere la salute e che la malattia ne fa parte, è il messaggio per dirci che qualcosa dev’essere fatto.
La terapia è cattiva se riduce e sopprime, è olistica se si propone di aiutare l’individuo ad evolversi.
L’omeopatia, l’agopuntura e tutte le altre terapie alternative possono essere praticate in un modo meccanico e superficiale che le riduce al livello di una terapia qualunque, che si accontenta di sopprimere i sintomi. Vorrei citare qui un passaggio di Henry Miller che parla di una sua esperienza di guarigione “olistica” avvenuta ad Epidauro.
Continua...
MEDICINE CHE UCCIDONO
<b>MEDICINE CHE UCCIDONO </B> di Maurizio Blondet

I farmaci "di sostituzione ormonale" promettono alle donne di restare giovani, di ritardare la menopausa e di sconfiggere l'osteoporosi. Ora si scopre che due medicinali molto diffusi, il Premarin e il Prempro, provocano cancro, embolia polmonare, infarto e demenza.
In USA, almeno 14 milioni di donne si sono viste prescrivere le due medicine. Ma poiché esse sono in commercio da 40 anni, sono circa cento milioni (tre generazioni) le donne americane in pericolo. Lo ha stabilito uno studio di un ente indipendente, il Women's Health Initiative (WHI).
Il principio attivo dei due farmaci è estrogeno estratto dall'urina di vacche e cavalle, che contiene tre tipi di estrogeni, di cui due non naturali per la donna. Inoltre il Premarin contiene progesterone sintetico, anch'esso non identico all'ormone umano. Il dosaggio aumenta la pericolosità.
Continua...
PSICODINAMICA
<b>PSICODINAMICA </b> di Marco Ambrosio

Conosciuta anche come Dinamica Mentale, è quanto di più efficace si possa attualmente utilizzare per sviluppare e ottimizzare le proprie risorse mentali, in quanto sintetizza il meglio tra tutte le possibilità offerte da Training Autogeno, Sofrologia, rilassamento psicofisico, meditazione creativa.
La condizione di partenza è uno stato di profondo rilassamento autoindotto tramite semplicissime tecniche di immaginazione creativa e respirazione, allo scopo di rallentare la frequenza delle onde cerebrali dallo stato beta allo stato alpha. Lo stato beta è la condizione che normalmente ci permette di interagire razionalmente con la realtà contingente e indica che le onde cerebrali (misurabili con l'elettroencefalografo) oscillano con una frequenza di circa 14 Hz (cicli al secondo). Le onde alpha hanno una frequenza di circa 8-13 Hz e caratterizzano lo stato di coscienza (o supercoscienza) che principalmente interessano la Psicodinamica.
Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

LA SALUTE E LA MALATTIA



di Alice Bailey

 (1)   I mali degli uomini che investono il sistema circolatorio, i reni, la vescica e la lubrificazione delle giunture troveranno la CURA nei costituenti vegetali e soprattutto nel giusto assestamento della natura emotiva. (3 – 945).

 (2)   Nei casi di ebetismo e idiozia, come pure nello stadio dell’età avanzata che definiamo decadenza senile, il filo ancorato nel cervello si è ritirato, mentre quello che trasmette l’impulso di vita rimane ancorato nel cuore. Vi è vita, ma nessuna consapevolezza intelligente; vi è movimento, ma nessuna direzione intelligente. In caso di decadenza senile, se nel corso della vita è stato utilizzato uno strumento d’ordine elevato, un apparente funzionamento intelligente può perdurare, ma non è che un’illusione, dovuta alla vecchia abitudine e al vecchio ritmo già stabilito e non ad un proposito coerente e coordinato. (4 – 497).

 (3)   Pochissimi disturbi del corpo fisico denso sorgono da quel corpo. Alcuni derivano direttamente da quello eterico, ma a questo stadio dell’evoluzione la maggior parte delle malattie ha origine nel corpo emotivo e la parte rimanente in quello mentale. Generalizzando potremmo dire che:
 
 il 25% delle malattie che affliggono la carne sorgono nel corpo eterico.
 il 25% nel corpo mentale,
 il 50% hanno origine nel corpo emotivo. (2 – 158/9).

 (4)   Spesso si domanda: perché i santi, e chi è chiaramente orientato verso la luce sono sovente malati, nervosi o soffrono di diversi stati patologici? La ragione è che la forte tensione cui è sottoposto il fisico, per lo spostamento delle forze, è di solito eccessiva, tanto da produrre quelle condizioni indesiderabili. Queste inoltre sono spesso aggravate dalle stoltezze dell’aspirante che cerca di dominare il corpo fisico. E comunque assai preferibile che gli effetti sgradevoli si producano nel fisico, anziché nel corpo astrale o mentale. Di ciò si tiene poco conto, donde l’importanza data all’idea che le malattie, la salute cagionevole e le indisposizioni siano indice di errori individuali, di mancanze e di ciò che si chiama peccato. Può essere effettivamente così, ma nel caso dell’aspirante che cerca seriamente di disciplinare e controllare la sua vita, non sono dovute a queste cause. Sono il risultato inevitabile di uno scontro di forze: quelle risvegliate che salgono e quelle proprie del centro cui affluiscono. Ciò comporta tensione, squilibri fisici e (come abbiamo visto) disordini e turbamenti vari. (15 – 544/5).

 (5)   In generale i disturbi si suddividono in cinque categorie principali, e ci siamo occupati solo dell’ultima. Essi sono:
 
1. Malattie ereditarie:
a. Inerenti al pianeta stesso e con effetto definito sull’umanità, tramite contatto col suolo e l’acqua.
b. Sviluppatesi nel genere umano in epoche precedenti e trasmesse di generazione in generazione.
c. Caratteristiche di qualche famiglia particolare ed ereditate da un suo membro come parte del karma prescelto. Le anime si incarnano in certe famiglie proprio per questa opportunità.
2. Malattie invocate da tendenze innate nell’uomo. Sono governate dal suo segno astrologico, sia del sole che dell’ascendente; ne tratterò più avanti.
3. Malattie contagiose (epidemiche o endemiche) che hanno origine di gruppo e quindi coinvolgono l’individuo in quanto parte del karma del suo gruppo ma generalmente non connesse al suo karma personale.
4. Malattie contratte e incidenti che sono effetto di azioni imprudenti o di abitudini errate in questa vita, che specificamente condizionano il karma futuro. Una cosa è degna di nota a proposito degli incidenti. Essi sono spesso provocati da ciò che si potrebbe considerare come “esplosioni di forza”. Esse sono generate da un uomo o da un gruppo per sentimenti di odio, gelosia o vendetta, che reagiscono o “tornano indietro”, come boomerang, sulla vita del singolo.
5. Malattie dei mistici, di cui stiamo trattando. In genere sono causate dall’energia di un centro inferiore, risvegliato e attivo, che si trasferisce ad uno più alto. Ciò avviene in tre fasi, ognuna delle quali comporta sue proprie difficoltà fisiologiche:
a. L’energia del centro inferiore diventa molto attiva prima di cominciare a salire. Ciò causa iperattività degli organi situati nell’area del corpo presieduta da quel centro, con conseguente congestione, infiammazione, e, di norma, malattia.
b. I “processi di elevazione” sono in atto, producendo attività intensa nel centro superiore e riducendo quella del centro inferiore. Succede un periodo instabile durante il quale le forze oscillano da un centro all’altro, dando luogo alla discontinuità che caratterizza la vita del mistico nei primi stadi di sviluppo. Ciò avviene in particolare quando si tratta del plesso solare. Dapprima l’energia viene respinta dal centro superiore e l’inferiore la riassorbe, ma solo per tornare continuamente a risalire, fin quando il superiore non è in grado di assorbirla e trasmutarla.
c. L’energia sale definitivamente nel centro superiore. Ciò comporta un difficile periodo di assestamento e tensione, con ripercussioni fisiche che questa volta si manifestano nell’area controllata dal centro superiore. (15 – 547/8).

 
 (6)   Il cancro, la tubercolosi e le varie forme di sifilide (dovute alla attività di lunga ‘data del centro sacrale) scompariranno a mano a mano che il centro del cuore e quelli superiori prenderanno il sopravvento. /15 – 551).

 (7)   Molte delle difficoltà dei mistici e degli occultisti di oggi sono dovuti al fatto che letteralmente “giocano col fuoco” senza saperlo; perché non osservano l’ordinata e giusta sequenza di sviluppo…; perché seguono pratiche per cui non sono pronti, non ancora adattate ai corpi occidentali, che essi osservano ciecamente senza comprenderne il processo né i risultati. Finché non si comprenderà la regola fondamentale che “l’energia segue il pensiero” effetti terribili saranno inevitabili. Per esempio, il mistico il cui pensiero sia focalizzato sul Cristo, e Lo consideri come estraneo a sé e in qualche luogo in cielo, e sia l’oggetto di tutti i suoi desideri, è spesso debilitato e infermo. Perché? L’energia che cerca di penetrare in lui e permearne tutto l’organismo non si espande oltre il centro del cuore, donde è continuamente respinta e ricacciata fuori del fisico dalla forza del suo pensiero. Il Cristo, per lui, è altrove. Il suo pensiero è fuori, e quindi l’energia esce dal corpo. Molto si discute oggi fra gli iniziati se la debilitazione generale della razza umana sia o non sia da attribuirsi in parte al fatto che la sua aspirazione e il suo pensiero — costantemente diretti a una meta esterna e non (come avrebbe dovuto) al centro di vita e di amore entro ogni essere umano, le ha sottratto molta dell’energia che le occorre. Nonostante che per secoli si sia insegnato che il regno di Dio è all’interno, gli occidentali non l’hanno accettato né hanno agito in conformità, ma hanno invece cercato la realtà fuori, volgendo la loro attenzione alla Personalità di Colui che impartì loro una verità capitale. Egli non ha mai  cercato o desiderato la loro devozione. Il prezzo di questa distorsione della verità è stato un corpo sempre più devitalizzato e l’incapacità, propria del mistico medio, di vivere in modo concreto, e tuttavia divino, sulla terra. (15 – 596/8).

 (8)   D’altro canto la malattia è un processo di liberazione, nemico di ciò che è statico e cristallizzato. Ma non per questo la si deve accogliere di buon grado, né si deve incoraggiare la morte. Se così fosse, si giungerebbe a coltivare il morbo e a premiare il suicidio. Per buona sorte dell’umanità, tutta la vita è contro la malattia, e reagendo sul pensiero umano fomenta il terrore della morte. Il che è bene, poiché l’istinto di auto-conservazione e di preservare l’integrità della forma è principio vitale nella materia, e la tendenza a perpetuare la vita nella forma è una delle nostre massime facoltà, dono divino, che persisterà. Ma nel genere umano sarà sostituita, un giorno, dall’uso della morte quale cosciente processo di liberazione, per economia di forza e per dare all’anima uno strumento di manifestazione migliore. L’umanità però, in complesso, non è ancora pronta per tale libertà d’azione. I discepoli e gli aspiranti dovrebbero, comunque, iniziare lo studio di questi nuovi principi di esistenza. (17 – 14).

 (9)   Cos’è la Malattia?
1. L’infermità è disarmonia e carenza di allineamento e di controllo.
a. È presente in tutti i regni di natura.
b. Nei suoi effetti, è purificatrice.
c. L’umanità ha terapie sue proprie, prodotte dalla mente dell’uomo.
2. La malattia è un fatto naturale.
a. L’antagonismo la rafforza.
b. Non è conseguenza di errore di pensiero.
3. La malattia è un processo di liberazione, e si oppone a ciò che è statico.
4. Come ogni altro processo, è governata dalla legge di causa ed effetto.
La guarigione è operata in tre modi:
1. Con le svariate terapie elaborate dalle scuole mediche, chirurgiche e affini.
2. Mediante la psicologia.
3. Per intervento dell’anima.
Inoltre, le cause principali della malattia sono di tre specie: psicologiche; ereditarie, per contatti sociali; karmiche. (17 – 32).

 (10) Il guaritore, d’altro canto conosce bene le forze e le energie interne, e un poco le cause esoteriche delle malattie, ma è deplorevolmente ignorante dell’organismo umano, e non comprende:
Primo: che il male è talvolta la manifestazione di condizioni soggettive indesiderabili. Quando appaiono in superficie essi somatizzano, possono essere individuate, curate ed eliminate. È bene rammentare che tale processo di manifestazione ed eliminazione può anche arrecare la morte del corpo. Ma l’Anima procede. Una breve vita conta ben poco nel suo grande ciclo, e vale la pena sperimentare un intervallo di infermità (an-che se arrechi la morte) che spazzi via gli stati emotivi e mentali patologici. Secondo: che il male è talora dovuto al ritirarsi dell’anima dalla sua dimora, ed è parte di quel processo. Noi lo chiamiamo morte, e può essere improvviso e istantaneo, o protrarsi a lungo, poiché l’anima può impiegare mesi e anni per lasciare lentamente la forma, che allora muore poco a poco. (17 – 41).
 (11)  I bagni di mare — è bene notarlo — hanno effetto salubre sul corpo fisico. L’acqua marina, assorbita attraverso la pelle e talvolta dalla bocca, agisce come un potente profilattico. (17 – 62).

 (12)  Quanto più avanzato è l’aspirante, maggiore è la probabilità che i malanni cui va soggetto siano pronunciati e anche violenti, secondo l’afflusso, più o meno intenso, dello stimolo proveniente dall’anima. (17 – 66).

 (13) Insomma: malattia e disordine di qualsiasi natura (esclusi quelli incidentali e, in certa misura, quelli dovuti alle condizioni generali del pianeta, che possono causare epidemie specialmente virulente, come spesso accade dopo una guerra), e tutte le varietà di malferma salute si possono ascrivere allo stato dei centri, da cui dipendono l’attività o l’inerzia delle nadi; questi, a loro volta, agiscono sul sistema nervoso e condizionano quello endocrino; la corrente sanguigna diffonde poi in ogni parte del corpo lo stato morboso. (17 – 198/9).

 (14) La grandissima importanza che l’uomo annette alla malattia è imbarazzante per l’anima, poiché conferisce indebita preminenza alla forma, per sua natura effimera e sempre mutevole, mentre — per l’anima —le Vicissitudini del corpo valgono solo in quanto contribuiscono ad arricchire la sua esperienza. (17 – 296).

 (15)   La malattia è un’imperfezione transitoria, e la morte è solo un metodo per riconcentrare l’energia, prima di rinnovare l’attività, che tende sempre e senza sosta al miglioramento. (17 -297).
 (16)   Qualsiasi malattia è effetto dell’azione o dell’inattività di qualcuna delle sette energie che scorrono nel corpo umano. (17 – 304).

 (17)   Un giusto comportamento in caso di cattiva salute è efficacissimo per infrangere separazioni, solitudine e isolamento; ecco perché un periodo di malattia vissuto in tal modo raddolcisce il carattere e conquista le simpatie. A spartire e a condividere, in senso ampio, s’impara nel dolore: anche questa è una legge. (17 – 545).

 (18)   Perché gli uomini migliori, o spirituali, soffrono, assai spesso, di malattie fisiche? Ciò avviene, probabilmente, perché l’energia dell’anima — a quello stadio — affluendo nel corpo fisico vi incontra una certa resistenza, di intensità proporzionale. L’attrito che se ne genera è così elevato che la malattia ne è la pronta conseguenza. (17 – 565).

 (19)   L’uomo non sa quanto — in senso oggettivo — egli accresca la virulenza del male rivolgendovi di continuo il pensiero, concentrando l’attenzione sulla regione colpita. (17 – 570).

 (20)   Quanto più la persona è determinata a sottomettere la sua personalità al dominio dell’anima, tanto più violenta è la battaglia, con ripercussioni fisiche gravi. Rientrano fra queste i mali dei discepoli e dei mistici, in gran parte di natura nervosa, che sovente aggrediscono il cuore o la circolazione del sangue. (17 – 592).

Vedere anche: “Ghiandole” , e “Corpo eterico” , (6 – 640), (17 – 595).

Estratto dal Compendio di Insegnamenti: Rifletti su Questo (prossima uscita per la prima volta in edizione italiana)
 
Il Libraio delle Stelle © Tutti i diritti riservati.
E' fatto divieto di pubblicazione sia totale che parziale in altra sede senza una ns. specifica autorizzazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge.
 

Per approfondire i Testi di Alice Bailey e delle scuole collegate

 


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Medicine naturali
Tecniche per il corpo
Oltre il corpo
Terapie olistiche
Libri Consigliati
Chi è Chi
Psicologia Umanistica
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
16 - 17 FEBBRAIO 2019 AOSTA - CORSO RIFLESSOLOGIA PLANTARE
15 GENNAIO 2019 PORTICI (NA) - BAGNO DI GONG CON ANTONELLA NOTTURNO
26 FEBBRAIO 2019 CIVITANOVA MARCHE (MC) - YOGA CORRETTIVO
02 - 03 FEBBRAIO 2019 BOLOGNA - 5° CONGRESSO NAZIONALE FENG SHUI
17 GENNAIO 2019 BOLOGNA - IL POTERE DELLO YOGA
IN ARGENTINA VACCINAZIONI OBBLIGATORIE PER TUTTA LA POPOLAZIONE
03 - 12 GENNAIO 2019 KERALA (INDIA) - AYURVEDA RETREAT LEARNING E RELAXING
08 GENNAIO 2019 FIRENZE - TRATTAMENTI SHATSU
19 - 20 GENNAIO 2019 VIMODRONE (MI) - CORSO STONE MASSAGE
18 - 20 GENNAIO 2019 OULX (TO) - YOGA IN ASCOLTO DEI RITMI DELLA NATURA
12 GENNAIO 2019 TORINO - PULIZIA DELL'AURA CON I MAESTRI DI LUCE
16 - 20 GENNAI0 2019 PISA - CORSO DI KU NYE - MASSAGGIO TIBETANO
 Link
Naturalmente - La Spezia
Enciclopedia Olistica
Villaggio Globale
Medicine Naturali
Associazione Italiana Reiki
Psicologia Spirituale
La Terza Onda
Floriteria -Fiori di Bach
Buena Vista-Metodo Bates
Centro Anti Vampiri
Centro Natura Bologna
Scuola Olistica
Enrico Cheli
AAM Terra Nuova
The Living Spirits
La Tartaruga
Le mani in mano (Shiatsu, Tuina ecc.)
Associazione Culturale Amici del Tai ji
Scuola Taoista
C.Y Surya - scuola di Ayurveda
I colori dell'Energia
Salute e Benessere
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo


 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it