Di ciò di cui non si può parlare si tace. - Ludwig Wittgenstein
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
TU & IO
Incontro amicizia condivisione unione,
l'Amore e i suoi impedimenti
TU & IO
COME L'ALBERO DALLA TERRA
Come l'albero dalla terra
e dalla roccia l'acqua
dall'uomo l'amore
Danilo Dolci-1957
PER QUANTO STA IN TE
Kostantinos Kavafis

E se non puoi la vita che desideri
cerca almeno questo
per quanto sta in te:
non sciuparla
nel troppo commercio con la gente
con troppe parole e in un viavai frenetico.
Non sciuparla portandola in giro
in balia del quotidiano gioco
balordo degli incontri e degli inviti
sino a farne una stucchevole estranea.
QUANDO AMI
AMI TUTTO IL MONDO

Cecilia Chailly
Quando ami, ami tutto il mondo. E non solo le persone, anche gli animali, le piante, gli oggetti. L'amore non può essere un gioco di potere, e forse neppure una relazione, perché é uno stato d'animo autonomo, che comprende tutto....
Devo accettare di amarti incondizionatamente, perché solo così posso vivere questo sentimento che altrimenti mi corrode come un acido.Voglio alimentarmi dell'amore che ho per te, é la carica della mia esistenza, la linfa della mia vita che altrimenti é spenta. Amando te amo il mondo. E vorrei che il mondo partecipasse alla gioia del mio amore, e non importa se é solo mio né se il tuo preferirai darlo a qualcun altro....

da "Era dell'Amore"
ONDA DELL'AMORE
Cecilia Chailly
Se é vero che c'è un destino, se é vero che il pensiero e quindi i sentimenti esistono e si trasmettono, come é possibile che tu trovi qualcuno che tu ami più di me?
Il mio amore é la mia forza, con esso posso superare tutte le gelosie, tutte le necessità. A me basta amarti. E amando te amerò anche me, e tutti quelli che mi circondano. E cercherò solo l'amore, solo nei luoghi e nelle persone che mi permetteranno di tornare a vivere col sorriso sempre aperto...E il tuo spirito sarà con me, nel cerchio che con gli altri formeremo, e gireremo insieme nella ruota dell'amore cosmico che per sempre ci circonderà.

da"Era dell'Amore"
Aver bisogno

Se tu fossi incerta
ti sarei da guida
Se fossi impaurita
ti farei coraggio.
Se fossi debole
ti rafforzerei.
Se fossi smarrita
ti condurrei per la via.
Se fossi minacciata
potrei difenderti.
Se fossi triste
suonerei una musica pura.

Da sola, sarei tuo compagno
se poi, ti sciogliessi in lacrime
potrei asciugarle
con i miei capelli
e ricomporre il tuo sentimento.
Se fossi disperata
potrei darti Luce.

Io, sono l’altra parte
quella che non si svela mai
estremo bagliore
del momento grave.
 
Misteriosa paura
ti tiene allo specchio.
Tu forse conosci dagli altri,
Così forte, sicura e invulnerabile,
l’amore che si riceve
e nulla sai ancora
della preziosa bellezza
dell’amor che si dà.

P.I. 30-06-2005
TUTTI I FIGLI DEL MONDO
Figli del finir della notte / figli del sorger del giorno / figli di mezzogiorno / figli dell’ora del tè / figli del tramonto /. Fanciulli del sole e bimbe della luna / Figli nati in un campo / figli nati in fretta / figli annunciati / figli improvvisati / figli cesarei / figli di un padre / figli di una madre / figli di un padre e di altra madre / figli di una madre e di altro padre / figli di un padre e di una madre / figli senza padre / figli senza padre né madre / figli della fortuna / figli dell’incoscienza /figli dell’irruenza / figli di un giorno mai scordato / figli di un Dio dimenticato / Figli del sogno e della visione / Figli dell’amore e del dolore / Figli della coscienza / Figli nati in guerra / figli del dopoguerra / figli verso un’altra guerra/ Figli della pace e del riposo / figli della Luce.... Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

NATURA, UOMO, DONNA


Dalla prefazione dell'autore del libro:

Quando osservo la mia biblioteca, mi inquieta spesso, e stranamente, il modo in cui tutti i libri si inseriscono con tanta facilità in qualche categoria. Per la maggior parte trattano di filosofia, psicologia e religione, e rappresentano punti di vista diversi, provenienti da ogni grande cultura del mondo.
Eppure, con monotonia assoluta e opprimente, ognuno di quei libri si esaurisce nel trito dualismo di tutte le discussioni filosofiche e teologiche, variato di tanto in tanto da compromessi tanto scontati quanto scostanti. Ogni volume è facilmente riconducibile all’idealismo o al naturalismo, al vitalismo o al meccanicismo, alla metafisica o al positivismo, allo spiritualismo o al materialismo e i testi "di compromesso" di solito sono tanto insipidi quanto possono esserlo raccolte compilatorie di luoghi comuni e sentimentalismo.

Sottesa a tutti questi dualismi sembra esserci una fondamentale divergenza di opinioni riguardo ai due grandi poli del pensiero umano: lo spirito e la natura. Alcuni autori si limitano a prendere posizione "a favore" o "contro" l’uno o l’altra. Altri cercano di riconciliare i due principi, ma poi il loro pensiero non riesce a sottrarsi ai soliti schemi e inavvertitamente finiscono per parteggiare per uno dei due.
Certo, è azzardato per un filosofo affermare di essersi allontanato decisamente da questi schemi e, allo stesso tempo, aver detto qualcosa di sensato. Per questo la discussione si esaurisce per lo più in equilibrismi tra le categorie, e tentare di dissolverle significa, in linea di massima, dissolvere la discussione.

Ma non si tratta soltanto di categorie, di logica e dispute filosofiche. L’opposizione tra spirito e natura è anche questione di vita e di sentimento. Sin da quando ho iniziato a occuparmi di questi argomenti, mi sono sempre chiesto come mai i sostenitori della vita dello spirito sembrino sentirsi a disagio all’interno della natura e del loro stesso corpo tanto che, anche quando non identificano la natura con il male, finiscono sempre per liquidarla con qualche elogio di maniera, puramente formale. Per cui, spesso, mi sono trovato a simpatizzare con i pagani e con la loro fiera, corposa ribellione contro questo spiritualismo estenuato, sebbene poi non mi sia mai schierato definitivamente dalla loro parte, dato che la loro filosofia del "cogli la rosa finché sei in tempo" si conclude sempre nella disperazione oppure in un vacuo utopismo che, inevitabilmente prima o poi, giunge allo stesso risultato.

Ma sono davvero inconciliabili le gioie del corpo e le delizie dello spirito disincarnato? Sono sempre più convinto che i partigiani delle due opposte filosofie condividano le stesse premesse, e che queste siano spesso inconsce.
Inoltre, queste premesse ci vengono tramandate dalle istituzioni sociali, come le strutture linguistiche e l’apprendimento dei ruoli che ci influenzano secondo modalità di cui non siamo affatto consapevoli. Così le immagini convenzionali del santo e del peccatore, dell’asceta e del lussurioso, del metafisico e del materialista possono avere davvero molto in comune e la loro opposizione è solo apparente. Come l’alternarsi di caldo e di freddo sono i sintomi della stessa febbre.

Questo genere di premesse inconsce si rende finalmente visibile quando cerchiamo di comprendere culture molto distanti dalla nostra. Anch’esse hanno postulati nascosti, ma dal confronto con queste culture le differenze fondamentali alla fine balzano all’occhio con tutta evidenza. E ciò accade particolarmente con le culture dell’Estremo Oriente, poiché si tratta di civiltà avanzatissime che si sono sviluppate in totale indipendenza dall’Occidente, elaborando schemi di pensiero e di linguaggio sorprendentemente diversi da quelli di matrice indoeuropea.

Per questo l’importanza dello studio del pensiero e della lingua cinesi non si esaurisce nella possibilità che ci dà di comunicare con i cinesi – sebbene anche ciò sia piuttosto rilevante. In realtà, studiare la Cina ci offre la possibilità di comprendere meglio noi stessi, proprio perché, fra tutte le grandi culture del mondo, quella cinese è la più diversa dalla nostra e dal nostro modo di pensare.

La constatazione che la filosofia cinese non può venire instradata sui binari del pensiero occidentale né di quello indiano per me è sempre stata fonte inesauribile di gioia. E questa irriducibilità è percepibile in particolar modo trattando del rapporto tra spirito e natura, poiché nel pensiero cinese non ci sono categorie corrispondenti a questi due concetti così come noi li interpretiamo. Nella cultura cinese il conflitto tra spirito e natura non è neppure concepibile, poiché in questa cultura la pittura e la poesia più "naturalistiche" sono allo stesso tempo le forme d’arte più "spirituali".

Questo libro non è, tuttavia, un’esposizione formale della filosofia cinese della natura. Di ciò ho già ampiamente discusso in un mio libro precedente, "The Way of Zen", e l’argomento è stato stupendamente trattato anche da Joseph Needham nel suo "Science and Civilization in China".
In questa sede il mio obiettivo non è quello di esporre e paragonare sistemi filosofici diversi, bensì di riflettere su un grande problema umano alla luce della visione cinese della natura, e in particolare alla luce dell’esposizione che ne hanno fatto Lao-tzu e Chuang-tzu. La rilevanza del problema del rapporto tra uomo e natura e l’intento generale di questo libro ritengo siano esposti e discussi con sufficiente ampiezza nell’Introduzione che segue, dove spiego inoltre perché il problema del rapporto uomo-natura implica anche quello del rapporto uomo-donna – una questione, quest’ultima, davanti alla quale gli spiritualisti della nostra cultura hanno sempre storto il naso.

Questo è un libro in cui programmaticamente "penso ad alta voce", e a questo proposito vorrei ripetere alcune riflessioni che già formulavo nella prefazione alla mia "Supreme Identity" : "Non sono di quelli che ritengono virtù irrinunciabile per il filosofo il fatto che passi la vita a difendere una posizione coerente.
È sicuramente frutto di una sorta di presunzione intellettuale l’impedirsi di ‘pensare ad alta voce’, e il non volere assolutamente permettere che una certa tesi appaia in stampa prima di sentirsi disposti a difenderla fino alla morte.
La filosofia, come la scienza, è una funzione sociale, per cui un uomo non può pensare bene da solo, e il filosofo deve rendere pubblico il suo pensiero sia per imparare dalla critica cui verrà sottoposto, sia per arricchire l’insieme generale delle conoscenze. Se dunque, di tanto in tanto, mi capiterà di fare qualche affermazione in tono apodittico e dogmatico, è solo per desiderio di chiarezza, e non per la tentazione di ergermi a oracolo".

È diffusa in Occidente la credenza che gli studi intellettuali e filosofici siano meri ornamenti, del tutto inessenziali, della civiltà, e che comunque abbiano un valore di gran lunga inferiore ai risultati pratici o tecnologici.
Questo atteggiamento rischia fortemente di venir confuso con l’affermazione, tipica del pensiero orientale, secondo cui la vera conoscenza non è esprimibile a parole e si trova ben oltre la portata dei concetti.
In realtà le nostre azioni sono inesorabilmente guidate da una filosofia dei fini e dei valori, e se questa filosofia rimane a livello inconscio si espone al rischio di diventare una cattiva filosofia, con effetti pratici disastrosi.
Il cosiddetto "antintellettualismo" orientale è ben al di sopra sia del pensiero sia del mero attivismo. Una conoscenza del genere non può venir raggiunta facendo scomparire dalla propria coscienza i concetti, nell’illusione di sacrificare così il proprio intelletto. Ogni premessa distorta potrà venir abbandonata soltanto da chi giungerà alle radici del proprio pensiero e ne vedrà la reale struttura.

Alan W. Watts



Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
L'arte di amare
Eros e sessualità
Le relazioni interpersonali
Libri Consigliati
Chi é chi
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Amore
Sessualità
Tantra
Donne identità e salute
Uomini identità e salute

per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER, la più ampia scelta ed i migliori
libri con sconti ed offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
4 LUGLIO 2017 MILANO - CURA DELL ANIMA
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo
 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it