Il silenzio è l'eloquenza della sapienza
Samael Aun Weor
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
I SENTIERI DELL' ESSERE
Le mille Vie della Spiritualità
I SENTIERI DELL' ESSERE
LA PRATICA DA SEGUIRE
Un monaco chiese a Dong-Shan:
C'è una pratica che le persone debbano seguire?
Dong Shan rispose:
quando diventi una vera persona c'è una tale pratica.
Sai essere freccia, arco, bersaglio?
<b>Sai essere freccia, arco, bersaglio?

Sai essere freccia, arco, bersaglio?
Conosci la sequenza delle costellazioni?
La fusione dell'idrogeno in elio?
Sai misurare la tua integrità?
Se rispondi
Avrai l'immortalità.

Laura Scottini

MEDITAZIONE TAOISTA
<b>MEDITAZIONE TAOISTA </b>





 

Chiudi gli occhi e vedrai con chiarezza.
Smetti di ascoltare e sentirai la verità.
Resta in silenzio e il tuo cuore potrà cantare.
Non cercare il contatto e troverai l'unione.
Sii quieto e ti muoverai sull'onda dello spirito.
Sii delicato e non avrai bisogno di forza.
Sii paziente e compirai ogni cosa.
Sii umile e manterrai la tua integrità.

 

IL VUOTO CHE DANZA
IL VUOTO CHE DANZA










di H.W.L. Poonja


Rimani ciò che sei ovunque tu sei.
Se fai così, saprai immediatamente
di essere Quello che hai cercato
per milioni di anni.

Non c'è ricerca,
perchè si cerca solo qualcosa che si è perso.
ma quando niente è andato perduto
non ha senso
cercare qualcosa.

Qui semplicemente Stai Quieto.
Non formare nemmeno un pensiero nella mente.
Allara saprai
Chi sei realmente.

per tre motici la ricerca e la pratica
sono follie fuorvianti
sono l'inganno della mente
per posporre la libertà.
Continua...

PAROLE SU DIO
PAROLE SU DIO

di Simone Weil

Non è dal modo in cui un uomo parla di Dio, ma dal modo in cui parla delle cose terrestri, che si può meglio discernere se la sua anima ha soggiornato nel fuoco dell’amore di Dio. … Così pure, la prova che un bambino sa fare una divisione non sta nel ripetere la regola; sta nel fatto che fa le divisioni.

Il bello è ciò che si desidera senza volerlo mangiare. Desideriamo che sia. Restare immobili e unirsi a quel che si desidera senza avvicinarsi. Ci si unisce a Dio così: non potendosene avvicinare. La distanza è l’anima del bello.

Nella prima leggenda del Graal è detto che il Graal, pietra miracolosa che in virtù dell’ostia consacrata sazia ogni fame, apparterrà a chi per primo dirà al custode della pietra, il re quasi paralizzato dalla più dolorosa ferita: “Qual è il tuo tormento?”. La pienezza dell’amore del prossimo sta semplicemente nell’essere capace di domandargli: “Qual è il tuo tormento?”, nel sapere che lo sventurato esiste, non come uno fra i tanti, non come esemplare della categoria sociale ben definita degli “sventurati”, ma in quanto uomo, in tutto simile a noi, che un giorno fu colpito e segnato dalla sventura con un marchio inconfondibile. Per questo è sufficiente, ma anche indispensabile, saper posare su di lui un certo sguardo. Continua...
I BAMBINI
DAGLI OCCHI DI SOLE

I BAMBINI<br> DAGLI OCCHI DI SOLE










Vidi i pionieri ardenti dell’Onnipotente
superando la soglia celeste che è volta alla vita
discendere in frotta i gradini d’ambra della nascita;
precursori d’una moltitudine divina,
essi lasciavano le rotte della stella del mattino
per l’esigua stanza della vita mortale.

Li vidi traversare il crepuscolo di un’era,
i figli dagli occhi di sole di un’alba meravigliosa,
i grandi creatori dall’ampia fronte di calma,
i distruttori possenti delle barriere del mondo
che lottano contro il destino nelle arene della Sua volontà,
operai nelle miniere degli dei,
messaggeri dell’Incomunicabile,
architetti dell’Immortalità.

Nella sfera umana caduta essi entravano,
i volti ancora soffusi della gloria dell’Immortale,
le voci ancora in comunione coi pensieri di Dio,
i corpi magnificati dalla luce dello spirito,
portando la parola magica, il fuoco mistico,
portando la coppa dionisiaca della gioia,
Continua...
IL SEGRETO DELLE STELLE CADENTI
IL SEGRETO DELLE STELLE CADENTI

di Maurizio Di Gregorio

Tutti cerchiamo qualcosa. Se lo cerchiamo nel mondo materiale pensiamo di trovarlo all’esterno di noi stessi. Se lo cerchiamo nel mondo spirituale siamo portati a credere di poterlo trovare all’interno di noi. Una massima dice: la risposta è dentro di te. Una battuta invece dice: la risposta è dentro di te, ma è sbagliata. Ambedue le affermazioni sono vere perché si riferiscono a due esseri diversi. Uno vero e l’altro falso. Come si fa a sapere quale é l’Io interiore che contiene tutte le risposte della vita? Dalla felicità. Nel primo caso si sa solo che si è felici, sia pure per un attimo, si è completamente, immensamente e interamente felici e più correttamente si dovrebbe chiamarla beatitudine. Nel secondo caso sappiamo solo, che a dispetto di ogni altra cosa, momentanea soddisfazione o eccitazione, non si è veramente felici. 
Aivanhov, definendo la natura umana, parla della coesistenza di una natura inferiore e di una natura superiore. All’interno di ognuno è una continua lotta tra due esseri (o stati di essere) in competizione che Aivanhov chiama Personalità e Individualità. “Persona “ è la maschera e in ogni incarnazione la maschera è diversa, “Individualità” è l’abitante della maschera, colui che non cambia, il vero Sé divino. La personalità è in parte ancora inesistente nel bambino ma già tracciata, si sviluppa con l’età come la trama di un tessuto e si consuma nella vecchiaia. Il risveglio dell’anima consiste nel riconoscimento del Sé interiore e nell’abbandono momentaneo della maschera della personalità. Ora anche se possiamo capire qualcosa del nostro essere maschera, né la mente, né il cuore né la volontà sono risolutivi.
E questo perché mente cuore e volontà sono una triade che esiste tanto nella natura delle Individualità quanto nella natura della Personalità.
“Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto” Quale è, in ogni dato momento, il cuore che chiede, la mente che cerca, la volontà che agisce? La strada dell’evoluzione spirituale, cioè della evoluzione dell’essere allo Spirito, è insidiosa perché ad ogni sviluppo della Individualità segue uno sviluppo della Personalità. Differentemente il discernimento è possibile solo dal punto di vista della Coscienza Superiore che è esattamente ciò che si illumina.
Fuori da questa esperienza si persiste sempre in un tipo di coscienza media, anche se ampliata o sofisticata, una coscienza media perché media in un equilibrio precario le necessità delle due nature....Continua...
I SETTE ASPETTI DELLA NUOVA COSCIENZA
I SETTE ASPETTI DELLA NUOVA COSCIENZA
di Ervin Laszlo

Il grande compito, la grande sfida del nostro tempo è cambiare se stessi.
Questo elenco delle principali caratteristiche della nuova visione, della nuova coscienza, è scritto per stimolare la trasformazione, perché è possibile acquisire una nuova consapevolezza, perché tutti possono evolvere, tante persone l'hanno già fatto ed è diventata una conditio sine qua non della nostra sopravvivenza sulla Terra.
La prima caratteristica è l'olismo, la visione olistica, per contrastare la visione frammentaria, disciplinaria, atomistica, che separa tutto: la mente dalla natura, l'uomo e la società dalla biosfera, e tutti i campi della realtà l'uno dall'altro. La visione olistica è proprio quella comprensione Continua...
I FIGLI DELLA LUCE
I FIGLI DELLA LUCE




 


I Figli della Luce si nutrono di Pace, Libertà, Amore, Giustizia, Grazia, Benevolenza, Comprensione, Compassione, Generosità, Bontà, Luce, Verità, Positività, trasmettendo tutto questo intorno a loro. Le creature che vengono in contatto con i Figli della Luce percepiscono la Positività dell’operato della “Luce Amore” e uno stato di benessere entra in loro. Non sono consapevoli della fonte di questa Positività, ma stanno volentieri in compagnia dei Figli Luce dispensatori d’Amore.
Continua...
UNA SPIRITUALITA' ECOLOGICA
UNA SPIRITUALITA' ECOLOGICA

di Matthew Fox

L’ecologia e la spiritualità sono le due facce della stessa medaglia. La religione deve lasciar andare i dogmi in modo da poter riscoprire la saggezza del mondo.
Come dovrebbe essere una religione ecologica? Negli ultimi 300 anni l’umanità è stata coinvolta in una grande desacralizzazione del pianeta, dell’universo e della propria anima, e questo ha dato origine all’oltraggio ecologico. Saremo capaci di recuperare il senso del sacro?La religione del futuro non sarà una religione in senso stretto del termine, dovrà imparare a lasciare andare la religione. Il Maestro Eckhart, nel quattordicesimo secolo disse, “Prego Dio di liberarmi da Dio”. Per riscoprire la spiritualità, che è il cuore autentico di ogni religione vera e fiorente, dobbiamo liberarci dalla religione. Sembra un paradosso. La spiritualità significa usare il cuore, vivere nel mondo, dialogare con il nostro sé interiore e non semplicemente vivere a un livello organizzativo esterno.
E. F. Schumacher, nel suo profetico modo di scrivere, disse, nell’epilogo di Piccolo è bello, “Dappertutto la gente chiede, ‘Cosa posso fare praticamente?’ La risposta è tanto semplice quanto sconcertante, possiamo, ciascuno di noi, mettere in ordine la nostra casa intima, interiore. Per far questo non troviamo una guida nella scienza o nella tecnologia, poiché i valori sui quali esse si poggiano dipendono sommamente dal fine per il quale sono destinate. Tale guida la si può invece ancora trovare nella tradizionale saggezza dell’umanità”.
Tommaso d’Aquino, nel tredicesimo secolo disse, “Le rivelazioni si trovano in due volumi – la Bibbia e la natura”. Ma la teologia, a partire dal sedicesimo secolo, ha messo troppa enfasi nelle parole della Bibbia, o del Vaticano o dei professori, ha messo tutte le uova nel paniere delle parole, parole umane, e ha dimenticato la seconda fonte della rivelazione, la natura!
Il Maestro Eckhart disse, “Ogni creatura è la parola di Dio e un libro su Dio”. In altre parole, ogni creatura è una Bibbia. Ma come ci avviciniamo alla saggezza biblica, alla saggezza sacra delle creature? Col silenzio. C’è bisogno di un cuore silente per ascoltare la saggezza del vento, degli alberi, dell’acqua e della terra. Nella nostra ossessiva cultura verbale, abbiamo perso il senso del silenzio. Schumacher disse, “Siamo ormai troppo intelligenti per sopravvivere senza saggezza”. Continua... 
SULL'ANARCHIA BUDDISTA
SULL'ANARCHIA BUDDISTA di Gary Snyder

Da un punto di vista buddista, l'ignoranza che si proietta nella paura e nel vano appetito impediscono la manifestazione naturale. Storicamente, i filosofi buddisti non hanno saputo analizzare fino a che punto l'ignoranza e la sofferenza erano dovuti o favoriti da fattori sociali, considerando il timore e il desiderio come fatti intrinseci alla condizione umana. Così, la filosofia buddista si interessò principalmente alla teoria della conoscenza e la psicologia fu svantaggiata, per dare più spazio allo studio dei problemi storici e sociologici. Anche il buddismo Mahayana possiede un'ampia visione della salvezza universale, la sua realizzazione effettiva si è concretizzata nello sviluppo di sistemi pratici di meditazione per liberare a una minoranza di individui da blocchi psicologici e condizionamenti culturali. Il buddismo istituzionale è stato chiaramente disposto ad accettare o a ignorare le disuguaglianze e le tirannie sotto il sistema politico che vigeva. È stata come la morte del buddismo, posto che è comunque la morte che riesce a far comprendere il significato della compassione. La saggezza senza compassione non sente dolore.
Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

LA VISIONE SACRA DELLO SCIAMANO
– seconda parte



di Stefano Fusi

L’arte cerimoniale dei popoli di cultura sciamanica è un mezzo per specchiarsi nella realtà divina. Le immagini sacre realizzate per i rituali trasportano nella vita quotidiana le visioni  e ne trasmettono l’energia di guarigione. Sono portali attraverso cui è possibile accedere al mondo spirituale e celebrare le potenze immateriali che guidano il cammino terreno.

Nella cerimonia sacra è la sorgente di tutto quello che è diventato il fiume, e poi l’oceano, dell’arte come la intendiamo oggi: teatro (rappresentazione), letteratura (narrazione), musica (espressione canora e sonora), pittura e scultura (rappresentazioni visuali), architettura (edifici adibiti alle cerimonie sacre). Non solo: c’è la terapia, c’è il benessere, c’è il collante sociale… Tasselli di un unico puzzle che tiene insieme la comunità in un cerchio organico.

Fra le espressioni rituali più potenti dei Nativi americani sono le pitture di sabbia dei Navajos, le Nierikas degli Huicholes del Messico, le pitture degli Ayahuasqueros dell’Amazzonia. Fra le  cerimonie più complesse, complete e dal valore simbolico più elevato c’è la Sundance, la Danza del Sole, conservata dai Lakota-Sioux, nella quale l’intera comunità diventa opera d’arte vivente e canale di Wakan-Tanka, il Grande Mistero spirituale. E la Ruota di Medicina è la rappresentazione fisica della nostra condizione di esseri posti al centro di una rete infinita e armonica di relazioni.

‘IIKAAA, LE PITTURE SU SABBIA NAVAJO
“Il luogo dove gli Dei vengono e vanno”: è la traduzione approssimativa del nome che danno alle pitture di sabbia i Dinè (così i Navajo chiamano se stessi: significa “il popolo”). Le pitture di sabbia vengono preparate per collocarvi le persone da curare e come strumento di “psiconavigazione” nelle cerimonie condotte dagli hataathli, i medicine-men specializzati nella guarigione. Hanno la funzione di comunicare con gli spiriti che influenzano il mondo naturale e umano, gli yeibeichai. Meravigliose nella loro semplicità e di grande impatto anche sul piano puramente estetico, le pitture vengono preparate da più artisti contemporaneamente in genere sul pavimento in sabbia di un hogan, la casa tradizionale Navajo. Si utilizzano coloranti di origine vegetale o minerale, polline e altri elementi naturali.

Sono la trascrizione visiva di canti di guarigione e di preghiera e rappresentano gli esseri sacri, lo spirito del sacro Mais, Padre Cielo e Madre Terra, i serpenti-antenati, le Quattro Direzioni dello spazio, il territorio sacro della nazione Diné, e molto altro ancora. Alcune sono grandi anche sei metri di diametro; al termine della cerimonia vengono distrutte, proprio come i mandala: la sabbia consacrata viene di nuovo affidata al Vento, personificazione dell’energia vitale che dà forma e sostanza al mondo (il polline, messaggero di vita, è uno degli elementi con cui vengono realizzati i colori delle pitture). Si compie così il ciclo vitale: questo atto finale apparentemente dissipativo è un germe di nuova vita. L’umiltà di affidarsi al Vento con fiducia rinforza la connessione con lo spirito.

Le cerimonie tradizionali Navajo sono rappresentate come una pianta di mais, il cui stelo principale è la cerimonia più importante, BlessingWay, la “Via della Benedizione”: Hózhóójí. Dura anche quattro giorni e vi si narra dettagliatamente la genesi Navajo, il mito delle origini dai mondi sotterranei e le imprese delle Persone Sacre. Per i Navajo che seguono la tradizione spirituale, il loro popolo esisterà solo finché verrà celebrata. Hózhóójí è particolarmente importante in tre momenti della vita: la nascita, l’ingresso delle fanciulle nella pubertà, il rinnovamento delle custodie di medicina (jish); è un’assicurazione sulla vita e garantisce salute e prosperità.

I Dinè vivono in luoghi dalla natura spettacolare e incomparabile, basti ricordare la Monument Valley, il Grand Canyon e il Canyon De Chelly, e ne riversano la bellezza in queste immagini per venerarne l’essenza spirituale. Come i Lakota-Sioux, oggi alcuni dei loro uomini-medicina sentono anche la spinta a condividere con i bianchi occidentali lo spirito delle cerimonie: il più noto in Italia è Francis Mitchell, “cantore” tradizionale e guaritore che ha condotto anche nel nostro Paese la Blessingway e le Capanne di Sudore. 
Al giorno d’oggi, le pitture su sabbia sono invece anche un oggetto commerciale. Il loro straordinario potere evocativo ha influenzato anche l’arte contemporanea: Jackson Pollock rimase profondamente colpito dalla ritualità Navajo e tentò di travasarne l’ispirazione nel suo “Dripping”, la pittura “sgocciolata” con gesti potenti, che lo rese celebre. A segnare l’abisso che separa ancora comunque il nostro mondo occidentale dalla vita spirituale genuina tradizionale, avvenne che la sua pittura fu fonte di denaro ma non proprio di salute e benessere. Non era inserita in un contesto sacro, come invece quella originale Navajo.

Con il cuore colmo di vita e di amore camminerò.
Felice seguirò la mia strada.
Felice invocherò le nuvole cariche d’acqua.
Felice invocherò la pioggia che placa la sete.
Felice invocherò i germogli sulle piante.
Felice invocherò polline in abbondanza.
Felice invocherò una coperta di rugiada.
Voglio muovermi nella bellezza e nell’armonia.
La bellezza e l’armonia siano davanti a me.
La bellezza e l’armonia siano dietro di me.
La bellezza e l’armonia siano sotto di me.
La bellezza e l’armonia siano sopra di me.
Che la bellezza e l’armonia siano ovunque, sul mio cammino.
Nella bellezza e nell’armonia tutto si compie.
 
“Canto notturno” Navajo
 
NIERIKA, GLI “SPECCHI DEGLI DEI” HUICHOLES
Gli Huicholes (o Wixárica) sono uno dei popoli indigeni messicani che meglio hanno conservato la propria tradizione culturale e spirituale, anche per via dell’isolamento nelle impervie regioni della Sierra Madre Occidentale; solo oggi le loro terre sacre, Wirikuta, sono minacciate dall’espansione economica (piantagioni ed espropriazioni di terreni).
Gli Huicholes compiono periodicamente un  pellegrinaggio sacro alla ricerca della comunicazione diretta con lo spirito, tramite le cerimonie condotte dagli sciamani, i Marakaame. In queste cerimonie viene impiegato il Peyotl, il cactus dai poteri psicotropi (contiene il principio attivo mescalina) del quale consumano a scopo rituale la parte esposta all’aria. Le visioni favorite dal Peyotl sono riprodotte nei Nierika, opere visuali complesse, dalle forme fantasmagoriche e dai colori sgargianti. Sono strumenti per conservare nello stato di veglia ordinario le rivelazioni ottenute in estasi durante la cerimonia sacra. Il Peyotl è l’equivalente dell’ostia e del vino nella messa cristiana nelle cerimonie della Native American Church, sorta per proteggere e legalizzare l’uso delle sostanze cosiddette psichedeliche nei rituali indigeni contro la criminalizzazione che avevano dovuto subire. Anche altri popoli, come i Tarahumara, ne conoscono l’uso tradizionale.

Nierika significa “vedere”, “essere vivo”, “essere sveglio” o “consapevole”. Per gli Huicholes, i fenomeni naturali sono il Nierika delle divinità, degli spiriti e degli antenati. La terra è il Nierika di Nostra Madre Yurienaka; il Sole è il Nierika del cosmo. Wirikuta, la terra degli Huicholes, è il Nierika della storia vivente, e loro stessi sono il Nierika degli avi. La realtà sprituale, insomma, non si può vedere direttamente ma attraverso degli specchi-nierika che rivelano le potenze immateriali che sottostanno ai fenomeni naturali.
Le Nierika sono realizzate con una tecnica elaboratissima. Si ricopre una tavola di legno con cera d’api mischiata a resina utilizzando il pollice; la si espone al sole per ammorbidire questo strato, che viene poi inciso con uno strumento appuntito per abbozzare con il disegno prescelto; le figure poi vengono delineate con un filo colorato e quindi riempite con altri fili colorati.  Le Nierika rituali sono di forma tondeggiante od ovale, di piccole dimensioni perché vengono trasportate nei luoghi dove vengono tenute le cerimonie, e poi distrutte nel fuoco. Oggi vengono realizzate anche grandi raffigurazioni artistiche, di forma quadrata o rettangolare. I temi che vi ricorrono maggiormente sono le tre entità viventi che fanno da tramite con il divino: il cervo, il mais e il peyotl.

Alcuni opere di artisti Huichole, come quelle di José Benítez Sánchez, sono veri e propri libri illustrati, interpretati dagli sciamani secondo le loro conoscenze ancestrali. Le quali oggi non sono più inaccessibili come un tempo, anche se conservano la loro potenza esoterica che ha ispirato fra gli altri Aldous Huxley con i suoi studi sulla mescalina (il principio attivo del Peyotl) che apre le “Porte della percezione”, i Doors e lo stesso Castaneda con le sue rivelazioni sull’universo tradizionale degli Indios messicani. Gli Huicholes di recente sono usciti forzatamente dal loro isolamento e sono venuti anche in Italia, soprattutto per trovare solidarietà nella loro attuale battaglia per la difesa della terra minacciata dalle multinazionali dell’estrazione mineraria e dalle piantagioni: uno degli sciamani Huichole che preservano la tradizione dei canti e delle danze cerimoniali, Don Josè Ramirez, le ha condivise nel nostro Paese.

 “Il Fuoco (Tatewari), il Sole (Tayaupá) e Wirikuta (la Terra sacra del Peyotl) possono trasmettere la visione (Nierika). Anche lo sciamano può trasmettere la visione ma non deve mai dimenticare gli spiriti, sono loro che aprono il cuore alla bellezza della Nierika.” 
Don Josè Matsuwa, sciamano Huichole
 
AYAHUASCA, LA MEDICINA SACRA DELL’AMAZZONIA
È stato riconosciuto dal Governo peruviano e tutelato come patrimonio culturale: l’uso tradizionale della Ayuhasca insomma, al pari del Peyotl, non ha nulla a che fare con il consumo di droga secondo lo stile occidentale moderno. Lungi dallo sballo, l’impiego di piante psicoattive è uno strumento di conoscenza e guarigione. Ahayuasca è il nome dato a una mistura prodotta con una liana e altre piante tipiche dell’Amazzonia, usata a fini cerimoniali. Non è un allucinogeno, come si ritiene normalmente confondendo il mezzo e il fine: le visioni prodotte dal suo consumo sono enteogene, ovvero “ispirate dalla divinità” (dal Greco entheosgenesthai,  "che ha Dio al suo interno"); le visioni non sono prodotte dalla pianta in sé, ma direttamente dalla divinità, di cui la pianta è solo una messaggera. A livello fisiologico, la sostanza agisce sulla ghiandola pineale, la nostra “antenna spirituale”.

L’Ayahuasca viene chiamata nelle cerimonie anche “Nonna”, con grande affetto e riconoscenza. La cerimonia nella quale viene assunta è condotta da sciamani esperti a fini di guarigione: si aprono porte sul mondo spirituale e la fantasmagorica potenza dell’esperienza è contenuta nell’ambito cerimoniale e comunitario, affinché non sopraffaccia chi vi partecipa e abbia un valore di crescita. Oggi anche questa tradizione s’è in parte adattata alla contemporaneità, diventando perfino un culto organizzato in Brasile, mentre in Perù resta più parte della medicina tradizionale degli Indios. In particolare gli Shipibo hanno conservato questa usanza e dalla metà del secolo scorso gli antropologi, gli studiosi, ma anche i poeti beatnik come Ginsberg l’hanno sperimentata per “allargare l’area della coscienza”. 

Dalle esperienze con l’Ayahuasca nasce una delle forme d’arte spirituale più sbalorditive: i dipinti che raffigurano i viaggi compiuti dallo sciamano nel mondo degli spiriti. Uno dei più grandi artisti è Pablo Amaringo, vegetalista (così sono chiamati gli sciamani specializzati nell’impiego dell’Ayahuasca) e pittore, che illustra il cosmo interiore svelato dalle cerimonie.

Pachamama Pachamama madre vita, luce d’amore
Ti ringrazio per la mia vita per il mio respiro e la mia voce
Ti ringrazio per i miei sogni e per il battere del mio cuore.
“Icaro”, canto tradizionale peruviano dell’Ayuhasca.
 
WYWANYAG WACIPI, LA DANZA DEL SOLE LAKOTA
Nella cerimonia più importante dei Lakot-Sioux, ogni elemento rituale e gli stessi partecipanti diventano un mandala vivente che riproduce il cosmo, i suoi poteri sacri e le entità spirituali. Il suo nome in lingua Lakota significa “Danzare guardando il Sole” (Wi = Sole, wanyag = guardare, wachipi = danzare). Sono quattro giorni di celebrazione al suono del tamburo e dei canti tradizionali, guardando il Sole cui si rivolgono gli sguardi, i pensieri, le preghiere e le offerte.

Questo per  identificarsi con il Grande Mistero, Wakan-Tanka, e rendergli omaggio. Il "cerchio del mistero", la struttura nella quale si svolge la cerimonia, è costituito da pali a U rovesciata, collegati da bastoni, ricoperti da frasche di pioppo come a formare un semplice portico in cui vengono ospitati coloro che non "danzano" pur prendendo parte alla cerimonia. All'interno del primo cerchio, un secondo, composto di 405 bastoncini colorati di rosso, con una stoffa rossa a portare le offerte di tabacco: un bastoncino per ciascuno degli spiriti ausiliari. Rizzato al centro del cerchio, c'è il tronco di un pioppo, “scelto” il giorno prima della cerimonia da una vergine, simbolo della vita, tagliato, e coperto da bandiere con i quattro colori sacri, bianco, rosso, giallo, nero, che sono anche i colori delle Quattro Direzioni, delle quattro razze umane e degli elementi. Il pioppo è Waga Chun, l'albero sacro che rappresenta il cammino del popolo dalla Terra al Cielo.

Durante questi quattro giorni diventa il centro dell'universo, il ponte che conduce a Wakan Tanka e corrisponde all’altare cristiano. È ricoperto nella parte superiore da offerte fatte da ritagli di stoffa pieni di tabacco, la pianta sacra offerta agli spiriti, e purificati con la salvia selvatica, legati tra loro da una cordicella. Sono preghiere, come ogni altro elemento rituale: il cranio del bisonte, le pelli, i costumi e i vestiti cerimoniali.

Il pioppo è l'albero della gente e delle stelle: se si spezza un rametto si vede che il midollo al centro appare come una stella a cinque punte, la Stella del Mattino, che sta tra le tenebre e la luce, e rappresenta la conoscenza e la presenza del Grande Spirito. La sua forma dimostra che l'albero è nostro fratello, anch'esso viene dalle stelle: dalle Pleiadi, per precisione. I Lakota chiamano gli alberi "gli esseri sacri che stanno diritti". I bipedi devono seguire l'esempio del pioppo, guardando sempre verso l'alto, verso il Cielo e il Sole. Così, scelgono di seguire la “Via Rossa”, la via dell’evoluzione e della crescita armonica, lasciando la “Via nera”, quella dei distratti che vivono per se stessi e non per il benessere del proprio popolo.

La Danza del Sole, un tempo vietata dai bianchi, oggi ha ripreso vigore nelle riserve anche di altre nazioni native, in particolare i Crow. Viene conclusa con la condivisione delle benedizioni ricevute dai danzatori, che “passano” a tutti i presenti la loro forza ottenuta con il sacrificio (si fanno infilzare il petto con ganci collegati alle corde legate all’albero rituale; questi ganci poi vanno strappati offrendo il proprio corpo allo spirito). È l’origine spirituale del piercing. La cerimonia si chiude con il Give Away, lo scambio di doni. Oggi possono parteciparvi anche i Wasichu, i bianchi, ed è un’esperienza che trasforma la vita.  
 
Questo è un giorno sacro.
lo sono il primo parente di questo giorno.
Un' aquila pezzata dice queste parole mentre arriva.
Questo giorno è sacro.
Sono imparentato innanzitutto con questo giorno.
Un' aquila calva dice queste parole mentre arriva in volo.
Canto della Danza del Sole
 
LA RUOTA DI MEDICINA
“Medicina” per i Nativi americani significa “potere (di guarigione), non farmaco né “strumento” o “metodo” di cura. Significa integrità, completezza, pienezza e realizzazione… e molto altro ancora. In questo senso, la Luna, il Cielo, la Terra, gli esseri viventi, quelli inanimati, quelli non ancora nati e quelli già passati altrove, gli esseri spirituali, tutti questi hanno, o meglio sono, una Medicina. L’intero mondo, in realtà, è Medicina, ma è strutturato in una forma e al suo interno vi sono specifiche “medicine”: per comprenderle, conoscerle ed entrarvi in relazione si traccia appunto la Ruota di Medicina.

Ciascuna delle Quattro Direzioni ha ed è una Medicina, il Centro, l’Alto e il Basso sono e hanno Medicina; a ciascuna di queste sette dimensioni (le quattro direzioni “piane” e le altre tre) corrisponde una pietra, una stella, un potere. La Ruota di Medicina diventa dunque la rappresentazione di questi poteri, la mappa spirituale del nostro universo, un navigatore satellitare dell’anima: al suo interno si sa sempre da dove si viene, dove si è e dove si va; si entra in se stessi in profondità e allo stesso tempo si incontrano le forze naturali, trovando la connessione e l’armonia grazie alla sua energia ordinata e risanatrice.

La Ruota è un cerchio suddiviso in quattro quadranti, ciascuno dei quali ha un colore e attribuzioni particolari. In ciascuna delle nazioni native nordamericane vi sono differenti versioni della Ruota di Medicina, come del resto avviene per i rituali, che pur somigliandosi differiscono nei dettagli da una tribù all’altra.
La più semplice Ruota di Medicina si traccia con pietre sulla nuda terra. La struttura dove si svolge la Danza del Sole è essa stessa una Ruota di Medicina; la struttura della Capanna Sudatoria, la Sweat Lodge nella quale si svolge l’Inipi, è anch’essa una Ruota. Perché tutto il potere del mondo è nel cerchio.
Le Direzioni, o Venti, corrispondono solo in senso simbolico ai punti cardinali. Rappresentano piuttosto una mappa della vita e delle sue trasformazioni con i suoi quattro aspetti principali: il fisico, il mentale, l’emozionale e lo spirituale. Il centro è il Grande Mistero, Wakan Tanka, che vivifica ciò che nasce dall’incontro fra Padre Cielo e Madre Terra.

“Il Cerchio della Ruota di Medicina è l'Universo. È mutamento, vita, morte, nascita e apprendimento. Questo Grande Cerchio è la dimora del Corpo, della Mente e del Cuore, è il ciclo di tutte le cose che esistono. Il Cerchio è il nostro modo di Toccare (fare esperienza) e di provare armonia con tutte le altre cose che ci stanno intorno; e per coloro che cercano di capire, il Cerchio è il loro Specchio.”
Hyemeyohsts Storm

Stefano Fusi
19-11-2017
ARTICOLO CORRELATO PRECEDENTE
 
 
 
Stefano Fusi
Scrittore, giornalista e pittore, si occupa dagli anni Settanta di ambiente, ecologia profonda, “arti per la salute” e terapie naturali. Fa parte della redazione di Fiorigialli. Ha organizzato e promosso campagne d’opinione, manifestazioni, convegni e cicli di formazione per enti pubblici e privati, associazioni e fondazioni culturali; fra gli altri, Urihi, il primo convegno italiano con i leader spirituali dei Nativi americani, a Milano nel 1988. Dalle sue esperienze dirette con i popoli nativi e con lo sciamanesimo sono nati il suo libro “Spirito naturale” (Tecniche Nuove), le “Carte sciamaniche della guarigione e della conoscenza” e le “Carte sacra natura”, pubblicate da Edizioni Lalbero: sono sistemi simbolici oracolari che permettono di vivere le tappe del viaggio dell’anima. Ha pubblicato anche i libri “Energia vitale per la salute” e “Immaginazione creativa per il benessere” (entrambi Tecniche Nuove). Conduce workshop, gruppi, sessioni ed esperienze per la creatività, la crescita personale e la comunicazione ecologica.
Il suo sito: www.naturalspirit.it.
Suoi dipinti su: www.stefanofusiarte.com e www.adhikara.com/stefano-fusi

 

FioriGialli © Tutti i diritti riservati.
E' fatto divieto di pubblicazione sia totale che parziale in altra sede senza una ns. specifica autorizzazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge.


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Miti e Simboli
Le parole dei Maestri
Filosofie orientali
Filosofie occidentali
L'arte di vivere
Mente ed oltre
Psicologie transpersonali
Libri Consigliati
Iniziative ed incontri
Meditazione e Yoga
Chi è Chi
Sciamanesimo
Tao e Zen
Buddhismo
Esoterismo
Religioni ed ecumenismo
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:

Astrologia
Esoterismo 
Channelling

Divinazione
Radioestesia
Reincarnazione
Numerologia
Tarocchi

Buddismo
Sufismo

Taoismo
Yoga
Zen
Meditazione
Vedanta



Angeli
New Age
Cristalli
Findhorn
Reiki

Jung
Mitopsicologia

Transpersonale  
Ricerca spirituale

Testi sacri
Cristianesimo

Sciamanesimo
Popoli Nativi
Indiani d'America
Celti

Maestri spirituali
Aivanhov
Aurobindo 
Alice Bailey
Baker
Castaneda 
Daskalos
Gurdijeff

Krishnamurti
Osho
Pierrakos
Yogananda

Teosofia
Antroposofia
Massoneria
Rosacroce 
Martinismo
Templari
Ermetismo
Cabala
Magia

Alchimia

per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER, la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti ed offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
29 SETTEMBRE 2018 MILANO - INCONTRO NAZIONALE LUCIS TRUST E SCUOLA ARCANA: IL CAMMINO VERSO L'UNITA'
04 APRILE 2018 FIRENZE - RASSEGNA INCONTRI TRA ORIENTE E OCCIDENTE - 4
23 GENNAIO 2018 FIRENZE - RASSEGNA INCONTRI TRA ORIENTE E OCCIDENTE - 1
30 GENNAIO 2018 FIRENZE - VANDANA SHIVA - IL PROFITTO MULTINAZIONALE AVVELENA IL CIBO LA TERRA IL PIANETA
28 GENNAIO 2018 FIRENZE - LECTIO MAGISTRALIS - LA DEMOCRAZIA DELLA TERRA
15 MARZO 2018 2018 MILANO - IL TEMPO NELLA PSICOTERAPIA
28 - 29 APRILE 2018 RIMINI - IL PERDONO PER LA PURIFICAZIONE DEL KARMA
30 MAGGIO - 05 GIUGNO 2018 CASTELLO DI TITIGNANO ORVIETO (TR) - YOGA SCIAMANICO UN RITIRO PER CONOSCERLO
01 - 08 MARZO 2018 RISHIKESH (INDIA) - INTERNATIONAL YOGA FESTIVAL
05 FEBBRAIO 2018 MILANO - MEDITAZIONE RAJA YOGA
03 FEBBRAIO - 04 NOVEMBRE 2018 RECCO (GE) - CORSO ESPERIENZIALE IL PERCORSO DEL LOTO
03 - 04 FEBBRAIO 2018 MILANO - CORSO FORMAZIONE COSTELLAZIONI FAMILIARI
24 - 25 MARZO 2018 FIRENZE - RITIRO DI MEDITAZIONE
24 - 25 FEBBRAIO 2018 - LE DUE VERITA' E LA SCIENZA BUDDHISTA DELLA MENTE
20 - 21 GENNAIO 2018 FIRENZE - TARA L'ENERGIA ILLUMINATA DEI BUDDHA
19 APRILE 2018 CESENA (FC) - LA VIA DEL DISIMPARARE
24 - 25 MARZO 2018 TORINO - GUARIRE LE 5 FERITE EMOZIONALI - ABBANDONO - INGIUSTIZIA - RIFIUTO - TRADIMENTO - UMILIAZIONE
18 FEBBRAIO 2018 MILANO - IL CODICE DELLA REALTA' - COME DISEGNARE IL TUO DESTINO
04 MARZO 2018 PADOVA - IL CODICE DELLA REALTA' - COME DISEGNARE IL TUO DESTINO
20 GENNAIO 2018 CESENA (FC) - REGRESSIONE ALLE VITE PASSATE AD APPROCCIO IMMAGINALE
17 FEBBRAIO 2018 MILANO - IGOR SIBALDI - CIO' CHE HAI SEMPRE DESIDERATO
18 - 21 GENNAIO 2018 POMAIA SANTA LUCE (PI) - RITIRO DI DHARMA E MEDITAZIONE VIPASSANA
14 E 21 GENNAIO 2018 PESARO - LETTURE DALLA BHAGAVAD GITA
12 GENNAIO 2018 TORINO - IL FEMMINEO SACRO
11 E 25 FEBBRAIO 2018 TORINO - CORSO DI COMUNICAZIONE EFFICACE
23 - 24 GENNAIO 2018 MOLFETTA (BA) - COLTIVARE UMANITA’ EDUCARE GENERANDO COMUNITA'
27 GENNAIO 2018 BATTAGLIA TERME (PD) - GRUPPI DI STUDIO APPROFONDIMENTO ANTROPOSOFIA DI STEINER - LETTURA E COMMENTO DEL TESTO DI W. GOETHE LA METAMORFOSI DELLE PIANTE
10 E 24 GENNAIO 2018 BATTAGLIA TERME (PD) - GRUPPI DI STUDIO APPROFONDIMENTO ANTROPOSOFIA DI STEINER - COMMEMORARE I DEFUNTI
25 APRILE - 01 MAGGIO 2018 TOSCANA - RITIRO YOGA IN MAREMMA
05 - 06 - 07 GENNAIO 2018 FOSSOLI DI CARPI (MO) - SEMINARIO ESPERIENZIALE DI GUARIGIONE SPIRITUALE
16 - 17 DICEMBRE 2017 PONSACCO (PI) - SEMINARIO DI COUNSELING RELAZIONALE CON MARCO FERRINI
07 DICEMBRE 2017 BOLZANO - LECTIO MAGISTRALIS DI CLAUDIO NARANJO
03 DICEMBRE 2017 BOLOGNA - GRATITUDINE LA CHIAVE PER UNA VITA SERENA
04 DICEMBRE 2017 CENTRO EWAM (FI) - INTRODUZIONE AL BUDDHISMO E ALLA MEDITAZIONE
21 APRILE 2018 CITTADELLA (PD) - ATMOSFERE DEL CORSO DELL'ANNO ESTATE E SAN GIOVANNI
24 FEBBRAIO 2018 CITTADELLA (PD) - ATMOSFERE DEL CORSO DELL'ANNO PRIMAVERA E PASQUA
 Link
Auroville
Aria Nuova Associazione
Amma - Italia
Corso in Miracoli
Thich Nhat Hanh
Psicosintesiamo
Spiritualsearch
Lightworker
La stazione celeste
Est-Ovest
Meditazione nel Web
Federazione Italiana Yoga
Rosacroce
Istituto Lama Tzong Khapa
Tibet e Buddismo italiano
Monastero Zen Il Cerchio
Krishnamurti
Aurobindo: Yoga Integrale
Ex Sai Baba
Camaldoli Com. Monastica
Riflessioni
Lucis Trust-Alice Bailey
innernet
Unione Buddhista Italiana
Assoc. Zen Internazionale
Istituto Ricerche Cosmos
Lama Gangchen Foundation
Psicoterapeuta a Napoli
L'Airone centro ricerche
Zenhome
Alchimia
Buona Volontà Mondiale
RTSI Mondi Vicini
Giuliana Conforto
Esalen
Noetic Institute
alternativo
padmanet
La Meditazione come Via
Ispa Psicodinamica
Fraternity
L'arte di vivere
La Tartaruga
Yoga Wear Bindu
Luci dei Maestri
Associazione Culturale Amici del Tai ji
Reiki - La Città della Luce – Centro Studi Discipline Bionaturali
BabajCenter
Protagonisti del Cambiamento
Armata Bianca
Nuova Coscienza
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo

 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it