Il problema dell'umanità è che gli stupidi sono sempre molto sicuri,
mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi. (B. Russell)
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
L'ECOLOGIA IN PRATICA
UNO STILE DI VITA NATURALE
PER SE' E PER IL PIANETA
L'ECOLOGIA IN PRATICA
Sono la natura
sono la terra.
i miei occhi sono il cielo,
le mie membra gli alberi.
Sono la roccia,
la profondità dell'acqua,
non sono qui per dominare
la Natura.
Io stesso sono la Natura.

Indiani Hopi

Questa terra é sacra
<b>Questa terra é sacra</b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
ONDE DI CRESCITA INTERIORE
ONDE DI CRESCITA INTERIORE La crisi ecologica - ovvero il principale problema di Gaia - non è l’inquinamento, i rifiuti tossici, il buco nell’ozono o qualcosa del genere. Il principale problema di Gaia è che un numero non sufficiente di esseri umani si è sviluppato ai livelli di coscienza postconvenzionali, planetari e globali in cui sarebbero spinti automaticamente alla cura per il globale comune. E gli esseri umani sviluppano questi livelli postconvenzionali, non imparando la teoria dei sistemi, ma passando attraverso almeno una mezza dozzina delle principali trasformazioni interiori, che vanno dall’egocentrico all’etnocentrico al mondocentrico, punto in cui e non prima, possono risvegliarsi a una profonda e autentica cura per Gaia. La prima cura per la crisi ecologica non consiste nell’imparare che Gaia è la Rete della Vita, per quanto vero ciò sia, ma nel promuovere queste numerose e ardue onde di crescita interiore, nessuna delle quali viene indicata dalla maggior parte di questi approcci del nuovo paradigma.
Continua... 
UN'ALTRA ITALIA E' POSSIBILE
UN'ALTRA ITALIA E' POSSIBILE 1 L’Italia vive l’anomalia di un nuovo Medioevo. Più che in altri paesi, è visibile in Italia l’emergenza ecologica, il degrado sociale e la crisi di fondamentali valori etici; permangono aree vaste di ignoranza, incapacità, ingiustizia. Meno facilmente che altri paesi, l’Italia quindi può affrontare la conversione ecologica delle attività economiche, il risanamento ambientale e morale del paese, la partecipazione diretta delle persone alla attività sociale ed una effettiva realizzazione di una sana cultura dei diritti e dei doveri che dovrebbero regolare ed ispirare la vita sociale collettiva. 2 Sia in Europa che nel resto del pianeta, vi è una tripla crisi :a) economica e finanziaria (causata da un modello di crescita superato) b) ambientale conseguente, c) socio-culturale. Tre grandi crisi che non trovano più risposte adeguate dal sistema della politica: non dai partiti socialdemocratici in crisi dappertutto e neppure dall’egoismo sociale e dall’indifferenza ambientale dei vari partiti conservatori. Solo un modello sociale e produttivo eco-orientato ed eco-sostenibile, che all’idea di una crescita senza limiti sostituisca un idea di sobrietà, che non escluda anche l’utilità di avere aree di decrescita virtuosa e felice, può essere in grado di affrontare le difficoltà del presente. ...Continua...
IL BENESSERE ANIMALE E' BENESSERE UMANO
IL BENESSERE ANIMALE E' BENESSERE UMANO di Maneka Gandhi

Mangiare carne è una delle maggiori cause della distruzione ambientale. Ogni specie non solo ha il diritto di vivere, ma la sua vita è essenziale per il benessere dell’umanità. Ciò che chiamiamo sviluppo, cioè la sterile città nella quale portiamo i nostri cani al guinzaglio, non è vita. Ci abituiamo così velocemente al malessere, alla tensione, alle carestie e alle alluvioni che pensiamo che i pezzi di carta che teniamo in tasca possano sostituire un corpo sano e una mente gioiosa. Scegliamo di non sapere che, praticamente tutte le nostre malattie sono causate dalla mutilazione e dall’uccisione di animali: dai 70.000 acri di foresta pluviale del Sudamerica abbattuti ogni giorno – che in gran parte servono per far pascolare il bestiame – fino al virus Ebola, proveniente dalle scimmie strappate dal loro habitat naturale in Africa allo scopo di fare esperimenti. Abbiamo ottenuto più cibo uccidendo i lombrichi con le nostre sostanze chimiche o abbiamo ottenuto più malattie? Abbiamo ottenuto una salute vigorosa allevando forzatamente bestiame per il latte e la carne, o abbiamo piuttosto ottenuto emissioni di gas metano che hanno contribuito enormemente all’effetto serra, mettendo in pericolo la vita del pianeta? Continua...

LA RIVOLUZIONE AMBIENTALE
LA RIVOLUZIONE AMBIENTALE

di Lester Brown

Per creare una economia sostenibile bisognerà sostenere una rivoluzione ambientale, come è avvenuto per quella agricola e industriale. Alla fine del libro Piccolo è bello, Schumacher parla di una società che violenta la natura e danneggia gli esseri umani e, da quando queste parole sono state scritte, diciotto anni fa, abbiamo potuto vedere con maggiore evidenza i modi con i quali la nostra società agisce proprio in quella direzione.Mi trovavo all’aeroporto di Dulles e presi una copia del US News and World Report, che conteneva un editoriale di David Gergen, un alto funzionario dell’Ufficio Stampa di Reagan alla Casa Bianca. L’articolo descriveva quello che stava accadendo oggi alla società americana e l’autore affermava che, in un certo senso, abbiamo perso la strada. Continua...

RISPETTA LA (TUA) NATURA
<b>RISPETTA LA (TUA) NATURA </b> Michele Vignodelli

Il nostro corpo e la nostra mente sono meraviglie naturali in pericolo, da difendere come le foreste, i fiumi, il mare e le montagne. Sono continuamente aggrediti dal sistema tecnologico ed economico che ci governa, proprio come il resto del mondo naturale.
Non potremo mai rispettare e vivere veramente la suprema bellezza e armonia della natura esterna se non cominciamo da noi stessi. Eppure esiste una spaventosa ignoranza sulla nostra natura interna, che fa pensare a una congiura del silenzio.
Negli ultimi anni sono emerse abbondanti prove dell’esistenza di
Continua...
RICORDO DI IVAN ILLICH
RICORDO DI IVAN ILLICH


di Giannozzo Pucci *

Il primo libro di Illich, pubblicato alla fine degli anni '60, riguarda appunto la Chiesa nel processo di trasformazione della società moderna (The Church, change and development).
Il secondo, del 1970, intitolato "Celebration of Awareness (Celebrazione della consapevolezza": un appello alla rivoluzione istituzionale), è contro le certezze delle istituzioni che imprigionano l'immaginazione e rendono insensibile il cuore.
Poi, nel 1971, esce "Descolarizzare la società", che è stato al centro del dibattito pedagogico internazionale con la tesi che la scuola produce la paralisi dell'apprendimento e danneggia i ragazzi, educandoli a diventare meri funzionari della macchina sociale moderna. Convinto che il sistema educativo occidentale fosse al collasso sotto il peso della burocrazia, dei dati e del culto del professionalismo, combatteva i diplomi, i certificati, le lauree,
Continua...

LA VENDETTA DI GAIA
LA VENDETTA DI GAIA di James Lovelock

La vendetta di Gaia : assediati dall'inquinamento e dalle crescenti anomalie del clima, siamo al punto di non ritorno. Lo sostiene uno scienziato di fama mondiale.
Per millenni abbiamo vissuto con la strategia del parassita, ai danni dell'organismo vivente che ci ospita. Ora, assediati dall'inquinamento e dalle crescenti anomalie del clima, siamo al punto di non ritorno. Lo sostiene uno scienziato di fama mondiale.
Il parassita e' un essere che vive a spese di un altro organismo. Se ne nutre, cresce, si riproduce e prospera. Eppure, la sua non e' una strategia lungimirante. Le energie dell'organismo ospite diminuiscono giorno per giorno, ora per ora, minuto per minuto. Finche' un giorno accade l'inevitabile: l'organismo ospite si avvia a una fine certa. E il parassita, senza risorse, e' destinato a scomparire. Questa immagine e' la perfetta metafora della storia della specie umana. A dimostrarlo sono i fatti. Continua...

Il tao dell'ecologia
<b>Il tao dell'ecologia </b> Goldsmith E.
Muzzio
€. 19.63
Se vuoi comprarlo

In questo libro che presenta una summa generale del suo pensiero, Edward Goldsmith, famoso scienziato e promotore di iniziative ecologiste, ci accompagna ad un viaggio avvincente lungo la strada di una nuova visione del mondo. Umanità e natura come elementi armonici di un rapporto tutto da recuperare. L'illustrazione delle motivazioni scientifiche, etiche, psicologiche e religiose di un rapporto che abbiamo drammaticamente deteriorato. in excursus tra i temi quali l'attuale insostenibilità del nostro sviluppo economico, la presunta oggettività della scienza e la sacralità della natura, che ci offre tanti elementi per irflettere sul nostro rapporto con il mondo che ci circonda. Un classico recente della letteratura ecologista che qui riproponiamo alla vostra attenzione.
Versione Stampabile << torna indietro

SE E' UNA RIVOLUZIONE NON SARA' UN PRANZO DI GALA


di Massimo Marino

Lo tsunami in sintesi
PD e PDL hanno perso insieme circa 10 milioni di voti sul 2008; ne mantengono in totale 16 milioni su 42 milioni di aventi diritto al voto. Sarebbero due partiti in rotta se non controllassero totalmente i media, che si sono spartiti minuziosamente nel corso degli anni, se non avessero soldi in abbondanza ( Berlusconi qualche spicciolo in più ), se non avessero decine di migliaia di eletti, funzionari , cariche e clientele in tutte le migliaia di organismi dello stato, di enti locali e dintorni; tutto pagato, sia ben chiaro, da tutti noi. Il partito confindustriale di Monti, dopo un anno intero in cui veniva indicato in tutti i sondaggi come il vero futuro dell’Italia ha raccolto con gli alleati circa 3,5 milioni di voti.

Le elezioni hanno cancellato dalla scena almeno sei partiti; partiti esistenti da tempo, o che simulavano di esistere o che si dichiaravano promettenti neonati con un radioso futuro: Italia senza Valori, Rifondazione e Comunisti italiani, Verdi, la Rivoluzione Civica di Ingroia e De Magistris, il BPP, partito personale di Bonino - Pannella che cambia nome e schieramento alla bisogna. Alcuni dei suddetti a loro volta, prima di essere definitivamente cancellati dagli elettori, avevano fatto tabula rasa di vari gruppi a loro limitrofi: Albacambiaresipuò, Ecocivicieuropeianimalisti , Listereticivichenazionalivarie per citarne solo alcuni.

E’ ancora andata bene, grazie a Grillo: nel 2008 Sinistra arcobaleno e altre 5 cose sinistre avevano buttato 2 milioni di voti; questa volta Ingroia e De Magistris, con l’apporto determinante di Di Pietro, Diliberto, Bonelli etc.. ne hanno dissolti solo 900.000, un buon risultato.

Non basta : a parte Giannino e le altre minutaglie momentanee di Donadi e Tabacci, nate per vivere tre mesi, Casini ha annunciato la fine della gloriosa storia dell’UDC. La Lega Nord è stata decimata, ad esempio crollando dal 27,1 al 10,7 % nella ex roccaforte del Veneto. Le varie destre estreme, ringraziamo il padreterno che ogni tanto si ricorda di noi, si sono rilevate inesistenti. Berlusconi ha praticamente chiuso la sua vicenda politica ma tiene duro, non solo per evitare la galera ( anche difficile ormai alla sua età) ma forse perché si annoierebbe ai giardinetti; rimandando, chissà perché, il momento di un possibile esilio dorato sulle spiagge africane o del lago di Como; farà ancora tanta scena , e un po’ di danni con la banda che si ritrova intorno, ma è finito nell’angolo . Se i suoi pasdaran non venissero più invitati nei talk-show degli amici di Bersani, che hanno bisogno di loro come l’aria, ci dimenticheremmo di lui. Vespa non lo guarda più nessuno tranne pochi anziani masochisti sofferenti di insonnia.

Ma i due B si sorreggono ancora a vicenda come i due lati di una scala da imbianchino. Ancora per un po’ la simulazione di un paese che dovrebbe dividersi sull’antiberlusconismo è pagante per entrambi gli attori della commedia (PD e PDL) e rassicurante per quella parte del paese che all’ombra di questa simulazione, trovando finalmente qualcuno di preciso da odiare, si rifiuta di aprire gli occhi e vedere questi partiti come parti di un tutt’uno andato a male e irriformabile.

Un noto blogger, vagamente anarchico ma commentatore spiritoso e arguto, ha recentemente azzardato che PD e PDL siano parti separate e concordate di uno stesso partito che in questa forma scenica si garantiscono l’eternità. E’ un fatto che sul 95% dei problemi principali del paese hanno posizioni o identiche o convergenti ( anche se le cambiano spesso). Ne è testimone il governo a tre con Monti che per un anno ha potuto archiviare il Parlamento. Sull’altro 5% si scannano furiosamente , specie nei talk show e nei tre mesi che precedono qualunque elezione di rilievo.

Il Movimento 5Stelle di Grillo e Casaleggio, e delle migliaia di giovani che per la prima volta negli ultimi 40 anni sono scesi direttamente in campo, ha ottenuto quasi 8,7 milioni di voti distribuiti incredibilmente in modo omogeneo in tutte le aree del paese ( cosa mai avvenuta in Italia) . Per le dichiarazioni e gli obiettivi indicati dai suoi leader si tratta di un movimento di tipo rivoluzionario che si pone l’obiettivo di scalzare in gran parte l’intero sistema dei partiti almeno come essi si presentano oggi, riformare profondamente l’intero assetto del paese sul piano delle istituzioni e dell’economia, avviare di fatto la conversione ecologica del paese e il ritorno alla democrazia; promuovendo la rivoluzione in forma pacifica ed elettorale. Anzi il successo del M5Stelle ha drasticamente ridotto, incanalandole in un alveo nonviolento ed istituzionale, le crescenti tensioni sociali che avevano portato ad esempio agli scontri insensati di Roma del 15 ottobre 2011 con i quali si era seppellito un improbabile movimento occupy-italy nostrano.

Come movimento politico nazionale in realtà il movimento di Grillo non è ancora nato, ne è certo che nasca e si consolidi davvero. Ha eletto, alla sua prima comparsa, ben 163 parlamentari; grazie all’imbroglio del porcellum sono meno dei 260 spettanti in proporzione ai voti presi ma molti di più di quanto tutti (me compreso ) si aspettavano. Per il momento non ha una struttura chiaramente definita, ha ancora forme caotiche e misere di dibattito interno, non ha ancora consolidato leadership locali o nazionali ( che non vorrebbe), non ha una posizione sui sistemi elettorali ( in un sondaggio del blog ne sono emerse 35 ), utilizza qualche esperto e specialista di settore in modo episodico e casuale; ma per la velocità con cui si sono mosse le cose Grillo e i vari gruppi locali hanno già fatto miracoli ed anche se tutti fanno finta di nulla hanno già capovolto il quadro delle priorità e l’agenda dei lavori rispetto alla triplice intesa di Bersani, Monti e Berlusconi. Insomma hanno già vinto il torneo amichevole a squadre che precede il campionato. E si stanno allenando con impegno e serietà.

La Fornero, Clini, Casini e Montezemolo per certi versi sembrano già ritratti del secolo scorso , buoni da appendere in soffitta e non parlarne più. Tutti hanno chiaro che l’austerità in versione Monti è stata un disastro.

Secondo gli istituti di ricerca più seri il Movimento 5Stelle è stato votato da circa il 40% dei giovani sotto i 30 anni, lo stesso per gli operai, gli artigiani e i piccoli imprenditori, anzi un po’ di più. Sono quei settori sociali più colpiti dalla crisi, che non intravedono prospettive di vita rassicuranti e dignitose. Ad essi si è aggiunta un area molto circoscritta ma significativa e importante di persone con un livello culturale e professionale elevato, dotati di un particolare senso critico che li porta a rifiutare, anche per ragioni etico-morali , le sirene accomodanti e parastatali dei due partiti che hanno in mano da anni il paese.

In contrapposizione a questi ultimi c’è un area altrettanto circoscritta che è ferocemente antigrillina: intellettuali dimezzati che si dichiarano di sinistra, qualche blogger, qualche ex alternativo in pantofole, qualche ambientalista o civico in confusione, parecchi neodemocristiani alla Renzi fino agli autonomi guerriglieri alla Wu Ming; in aggiunta anche qualche femminista romana d’antan, che non potendo più scrivere romanzi sulle pulsioni giovanili sessantottine, giusto per guadagnarsi un po’ di spazio si dedica alla guerra santa contro il noto maschilismo di Grillo; che nel frattempo ha scaraventato nel parlamento siciliano e in quello romano decine e decine di donne elette in misura mai sfiorata dalla nascita della Repubblica.

Questo embrione di una singolare “ sinistra conservatrice “ ha scarsa influenza sugli elettori, alcuni dopo il voto hanno già avviato una più pacata riflessione ed anche qualche benedetta conversione, ma dispiace vedere tante possibili intelligenze sprecate a tenere il moccolo alla Casta, che sta esaurendo gli attori da presentare sulla scena per la solita commedia e trova inaspettatamente dei sostituti a fargli il verso. Naturalmente chiedono un ragionevole compromesso, la convergenza delle parallele ( adesso smettetela di scherzare, perché bisogna dare un governo al paese… ) ; in realtà sono sconvolti dall’idea che qualcun altro al loro posto possa davvero fare una pacifica rivoluzione, chieda un cambiamento vero, li distolga dall’impegno di scrivere l’ultimo libro o l’ultimo appello per qualcosa di decisivo su facebook.

Sia chiaro che per molti elettori del Movimento 5Stelle si tratta ancora di un voto con riserva ( magari disgiunto ) , non tutti hanno aderito stabilmente o compreso che si tratta di un percorso rivoluzionario, persino fra gli stessi eletti in Parlamento. C’è ancora chi pensa di “dare una lezione al PD” , oppure provare l’ultimo dopo che si è provato tutti gli altri; per chi è con l’acqua alla gola invece vedere se ti tirano fuori prima che affoghi. Ma con il passare dei mesi, con l’affinarsi degli argomenti, con le reazioni scomposte degli altri, sempre di più sono quelli che afferrano i contenuti di fondo: non lasciare nessuno indietro, ricostruirsi come comunità, difendere un territorio che viene cancellato dal cemento, ridimensionare nell’insieme tutto il peso della politica, ridare indipendenza e serietà all’informazione..etc…etc.. .

Dove ci porti Grillo non lo sa nessuno, neanche lui, ma fino ad oggi la direzione è quella giusta, quella che serve. E con il tempo il M5Stelle assumerà una sua connotazione, affiancata, come è giusto e logico, ma indipendente da quella dei suoi fondatori. Migliaia di persone, non solo giovani ormai , hanno drizzato le antenne e riacceso il cervello, comprendendo che non si tratta della solita montagna di chiacchiere della politica. Non andare in TV e tantomeno nei talk-show ha avuto uno straordinario effetto positivo. Qualche milione di italiani ha scoperto che si può davvero fare politica in un altro modo e per il momento prova a dare fiducia.

Cosa ci ha lasciato la triplice intesa
Sono noti a tutti i dati generali dell’economia e della finanza, quelli della disoccupazione e della precarietà, del PIL e del Debito pubblico, rimasti inalterati o per lo più peggiorati dopo un anno di governo a tre. Un anno nel quale il Parlamento, come sede di dibattito, di elaborazione e di legiferazione si è dissolto. I partiti hanno votato 50 volte la fiducia a Monti. Senza alcuna discussione, neanche di facciata, si sono approvate o confermate scelte strategiche che condizionano i bilanci, le risorse e la vita del paese per i prossimi decenni. Ancora in questi giorni un governo scaduto ha avuto il coraggio di votare un documento di Strategia Energetica Nazionale ( carbone e rigassificatori, ridimensionamento delle rinnovabili ) da cancellare appena possibile.
 
Il peggio di Monti e soci deve ancora arrivare; comincerà con la nuova Tares , la tassa sui rifiuti, prima dell’estate , i tagli ai bonus del welfare sanitario ci metteranno due anni , decimazione di erasmus , borse di studio , postdot sono già iniziati ( mentre in Germania si sta passando di fatto alla Università gratuita per tutti ).

Il Fiscal Compact, il patto che impegna l’Italia per decine di miliardi per più di dieci anni non è valso neanche un ora di dibattito in aula mentre in Germania dopo un anno di acceso dibattito è stato in questi giorni sospeso per il parere contrario del Bundesrat , la seconda Camera dove gli ultimi successi regionali dei verdi hanno cambiato la maggioranza.

La conferma della TAV e l’avvio, almeno per la scena mediatica, dei lavori, trova il PD come principale sostenitore ( senza il quale la vicenda sarebbe già chiusa da tempo), mentre non si trova più un solo esperto indipendente che ne giustifichi un minimo di utilità. Si aprirebbe uno sportello di miliardi in caduta libera per 10 anni che elettrizza aziende, banche, partiti e gruppi mafiosi.

La riforma delle pensioni della Fornero farà sentire i suoi effetti sulla disoccupazione giovanile soltanto un po’ alla volta, il problema esodati è solo l’antipasto. La cosiddetta riforma del lavoro secondo dati recenti di questi giorni ha prodotto un aumento dei disoccupati e nessun argine alla precarietà .

Nuovi inceneritori stanno per essere completati, da Torino alla Puglia, e si rischia ormai seriamente di tornare indietro sul recupero e riciclo dei materiali.
Quella dei costi della politica resta una battaglia senza fine; rimborsi e indennità, che sono solo la punta dell’iceberg che è ben più consistente, sono ancora incredibilmente problemi aperti e irrisolti malgrado una valanga di scandali e proteste.
Sulle spese militari neppure si è riusciti a riconquistare il diritto di discuterne nelle aule parlamentari, e i veri costi di F-35, nuovi elicotteri e altre apparecchiature di rilievo in realtà non li conosce con precisione nessuno . Però i tre partiti hanno votato tutto, in pieno accordo e senza particolari discussioni se non quelle provocate da chi nel paese esprimeva dissenso e altri punti di vista e priorità.

Non sarà un pranzo di gala
In alcuni momenti Grillo appare eccessivo e insopportabile, Casaleggio un personaggio troppo silenzioso e sfuggente, alcuni nuovi onorevoli grillini desolanti per l’ingenuità con la quale si fanno infilzare e arrostire sullo spiedo mediatico dall’ultimo killer in cinepresa mandato a colpire dai boss di repubblica , del tg3 o di la7. Oppure prendere in giro dalle sorridenti labbra naturali della Gruber, da quel simpatico gigione di Vespa mani di forbici, dal viscido Formigli imboscamicrofoni . Tutti in servizio permanente attivo per conto dei partiti ed anche un po’ malati di protagonismo .

Poi , dopo un attimo di sconforto, pensi a quelli di prima. Il trio Vendola, Diliberto, Ferrero : massimalismo poetico delle parole, trasformismo nei fatti ( con qualche sconto per Ferrero) , risultato: la sinistra italiana è la somma dei mucchietti di macerie che dopo ogni elezione vengono portati in discarica ( mattoni rossi, classificazione inerti ). Di Pietro, il vero alfiere dell’antiberlusconismo: tutti sapevano ( quelli che volevano sapere) di che stoffa erano i vari capibastone che occupavano il partito in molte località mentre Antonio imperversava, una sera sì e l’altra pure, in TV. Bonelli, il sempreverde braccio destro di Pecoraro, un ottimo teatrante, silenzioso tutte le volte che bisognava dire qualcosa, possibilmente vera; che è riuscito nel miracolo: rendere impronunciabile la parola verdi e qualunque suo sinonimo in Italia, portarli stabilmente allo zerovirgola ma essere indistruttibile e sempiterno come l’edera selvatica. E allora, ahimè, ti viene inevitabilmente da dire: Meno male che Grillo c’è …

* I partiti, e tutto ciò che al di sopra e al di sotto di loro tira le fila del paese, non permetteranno al Movimento 5Stelle di proseguire sulla strada su cui si è incamminato: quella di svolgere una rivoluzione democratica e pacifica che cambi l’Italia.

Possono reggere un Pizzarotti senza soldi in attesa di spennarlo, possono reggere la Sicilia che in fin dei conti è un isola. Ma non possono reggere 163 grillini che giorno dopo giorno gli rendicontino le caramelle commissione per commissione, decreto per decreto, votazione per votazione.
Con un sorriso davanti, una coltellata dietro , una trappola a destra ,un ricatto a sinistra, con mezzi leciti e non leciti hanno poche settimane per cercare di farli andare in pezzi o screditarli come “ disturbatori” dell’ordine costituito. E lo devono fare in fretta: in aprile si vota nella regione Friuli ( in questo paese si vota ad ogni occasione ) ed a maggio in vari comuni fra i quali c’è il pericolosissimo test del comune di Roma. Non basta conquistare qualche scilipoti, che magari ci sarà ma non cambierebbe molto. Si tratta di dimostrare che il cambiamento è impossibile, che l’Italia non lo reggerebbe. Si costruirà di nuovo un clima emergenziale, si farà appello alla responsabilità, sventolando anche un po’ di gregari delle seconde file come esponenti imparziali a cui non si può dire no; e poi c’è pure la Lega Nord già in pista terrorizzata all’idea di un nuovo voto immediato ( “con la Finocchiaro ci sentiamo tutti i giorni “ dice Calderoli, e come storia d’amore non promette bene…) .

Che cosa si dovrebbe proporre e opporre nei tempi brevi a questo assalto:
- riduzione drastica e ragionevole dei costi della politica e dei privilegi sociali, però non fermandosi solo alla punta dell’ iceberg, e comprendendo quindi le superpensioni d’oro.
- una svolta definitiva sulla TAV, su alcune altre grandi opere inutili ( terzo valico, ponte, alcune follie autostradali) e sulle spese generali riguardanti gli armamenti , perché servono soldi per fare altro.
- azioni concrete di conversione ecologica come strumento di rilancio di occupazione e di una crescita diversa ( nel settore mobilità ed energia )
- aprire un grande dibattito, che azzerando anche clientelismo e assistenzialismo, vada nella direzione di un reddito minimo di cittadinanza garantito per tutti

Più o meno si tratta della parte più strutturale dei 20 punti presentati a Napolitano. Non ci si faccia illusioni che si troveranno molti interlocutori fulminati sulla via di Damasco dalla ragionevolezza di questi, o altri simili, argomenti. Sarà invece uno scontro pesante, con i media scatenati a colpire , anche nelle retrovie. Ripeto: l’obiettivo è quello di fare a pezzi il M5Stelle, che non può stare fermo; nell’immediato è sufficiente renderlo immobile, ma poi va distrutto. L’avvio di un vero processo riformatore nel paese non sarebbe tollerato da chi lo gestisce oggi, i partiti per primi.

Sarebbe bene per tutti non stare a guardare ma, realisticamente, mettetevi l’elmetto, perché non sarà un pranzo di gala.

Massimo Marino
Gruppo delle Cinque Terre
 
© FioriGialli.Tutti i diritti riservati.
E' fatto divieto di pubblicazione sia totale che parziale in altra sede senza una ns. specifica autorizzazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge.



articolo molto molto interessante analisi molto bella
grazie per averlo scritto.
saluti cari

CONDIVIDO APPIENO.


LE STELLE BRILLANO NEL BUIO


Cari Amici,

meraviglioso l’accaduto, perfetto “Ma come? ” vi chiederete.. SI!! E perfetto così.

Ora lasciamo che le Stelle agiscano, attraverso il movimento.

Il passato è passato, forse ci sarà da attingere qualche cosa!!!! Ma è stato fatto, tornare indietro è impossibile. Ora dobbiamo finalizzare il nostro futuro, e tutti noi in “CUOR NOSTRO” sappiamo come.
Quindi proprio adesso nel “ QUI ED ORA”, col nostro pensiero possiamo decidere per il nostro futuro e per tutto quello di cui abbiamo bisogno.

La voglia di cambiamento nei nostri pensieri ha permesso che si compisse il fatto. E potremo in futuro avere molto di più, dipende da noi.

Ora i ragazzi del Movimento/Cambiamento saranno presenti in quel luogo. Proseguendo sul sentiero potranno attuare i loro programmi, con fermezza e volontà e, attenti alle Sirene della vecchia nomenclatura, con calma, senza fretta ma con decisione, affermeranno le loro intenzioni.

Sarebbe interessante, da parte nostra, dare un contributo al tutto, provando ad inviare loro pensieri propositivi, finalizzati alla realizzazione degli impegni da loro precedentemente presi, in sintonia con il mandato a loro assegnato.

Ed alla vecchia classe politica? Se me lo permettete e se lo vorrete, consiglierei di sospendere le nostre propensioni invettive nei loro confronti e lascerei che gli eventi facciano, sulla via del cambiamento, il loro corso.

Rr

PS: Lettera fatta dopo le ultime votazioni.



Manca un punto essenziale e veramente rivoluzionario tra le proposte conclusive dell'articolo; il primo punto deve essere l'abolizione del fiscal compact e l'assurda incostituzionale e veramente fascista legge che vincola l'economia del paese al pareggio di bilancio. Un'attacco vergognoso che il "trio" ha inserito nella costituzione e che nella storia dei regimi conservatori nessun parlamento fascista aveva mai osato fare.

Lo tsunami!!! ma la storia non vi ha insegnato niente, i "masanielli" che arrivano al potere non portano niente di nuovo, un movimento come quello dei cinquestelle che si muove mosso solo da due personaggi, che chi è stato eletto non ha la facoltà di non dico di decidere ma di esprimere le proprie idee, di esprimere il proprio dissenso, che ha di diverso dal partito dei lecchini per eccellenza vedi PDL? Un movimento così nato non porta niente di nuovo, ah si, ha catapulatato in parlamento nuovi soggetti ma questi soggetti sono persone capaci, competenti capaci di nuove idee di una nuova visione della politica, ammettiamolo che lo fossero essi sono vincolati, imbrigliati al volere di Grillo e del suo amico filosofo.Intanto l' Italia va alla deriva le imprese hanno bisogno di liquidità, gli esodati di una risposta, i disoccupati di una sperenza, i giovani di un futuro, i pensionati sono forse gli unici che hanno un traguardo certo, la morte.
E le stelle stanno a guardare....

dissento da quello che scrive Lucia, non conosci le persone del M5Stelle che non sono ovviamente solo i due fondatori Grillo e Casaleggio.

dipende dalla zona in cui abiti.
Molti gruppi e singoli comnitati e movimenti di base stanno confluendo inquesti anni nel Movimento 5 Stelle che dopo tanti disastri italiani sono diventati una possibilità politca, anzi l'unica di una chiara consistenza, per tanti che voglionoi cambiare le cose.

Poi sulla definizione di masaniello, informati meglio e cerca di distinguere tra la propaganda di regime e le cose realmente dette e fatte

Se ci sono tutte queste persone valide nei comitati di base perchè continuo a vedere sui palchi ripresi dalle varie televisioni un' unica faccia, Grillo. Anche Berlusconi voleva cambiare le facce in parlamento, vogliamo parlare della Lega che gridava "Roma Ladrona" che garanzia c'è che questi non diventino come gli esempi sopra elencati. Grillo ha creato questo movimento ma ora deve cercare di farlo camminare con i propri piedi io penso che non ha fiducia lui stesso di questi che ha mandato in Parlamento questi non hanno una base comune un pensare comune non c'è un' ideologia che li accomuni e li faccia camminare uniti senza deragliare. Chi ti sta scrivendo non appartiene a nessun partito politico e lo schifo e la rabbia mi pervade ogni volta devo delle facce in televisione ma Grillo non mi convince grida grida si sgola ma non dice niente di costruttivo, demolisce ma non dice niente di costruttivo ma quello che mi dà fastidio è che sempre e solo lui che vedo,possibile che nel suo movimento non ci sono persone capaci di parlare in sua vece?
Niente di nuovo sotto il sole italico .CONFERMO

ma perchè guardi la televisione
quello che ti fa vedere è quello che ti voglionio far credere quelli che la controllano

vai su internet leggi, guardati i video, pensa con la tua testa !

ti fa arrabiare grillo perchè è contro qualcosa
e non ti fanno arrabbiare i berlusconi i vendola i bersani e tutti i venduti o gli opportunisti intorno

vivi in un paradiso, non scendi mai sulla terra?

scritto da: Massimo Marino il 14/04/2013 alle 00:36
cara Lucia
ti consiglio di guardare di meno i talk-show in tv; ti informo: sono fatti da imbroglioni messi lì dai partiti per scatenare la diffidenza che tu esprimi verso una concreta possibilità di cambiamento; in ogni caso nulla di drammatico: se il movimento 5 stelle o altre espressioni radicali di cambiamento non ti convincono hai ampia possibilità di scelta fra opzioni più rassicuranti: il PD il PDL , la Lega, Monti,SEL, i fratellini d'Italia, l'MPA, e tanti altri minori...

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Casa ecologica
Ecologia domestica
Consumi consapevoli
SPECIALE TRASPORTI
Ambiente e Territorio
Natura e Wilderness
Iniziative e incontri
Tecnologie Dolci
Libri Consigliati
Chi é Chi
SPECIALE RIFIUTI
SPECIALE NUCLEARE
ECOLOGIA E POLITICA
SPECIALE ACQUA
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:

Agricoltura e giardino 
Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Medicine naturali
Alimentazioni naturali
Etologia
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Nord-Sud


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
15 DICEMBRE 2017 SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP) - NUOVE IDEE PER ABITARE
23 DICEMBRE 2017 - 05 GENNAIO 2018 MAROCCO VALLE DEL DRAA - CAPODANNO TRA LA TERRA E IL CIELO
28 DICEMBRE 2017 - 03 GENNAIO 2018 MAREMMA TOSCANA - CAPODANNO TRA LA TERRA E IL CIELO
29 DICEMBRE 2017 - 04 GENNAIO 2018 CILENTO CAMPANIA - CAPODANNO TRA LA TERRA E IL CIELO
28 DICEMBRE 2017 - 02 GENNAIO 2018 SALENTO PUGLIA - CAPODANNO TRA LA TERRA E IL CIELO
25 - 26 NOVEMBRE 2017 CAGLIARI - SCIRARINDI - FESTIVAL DELLA SARDEGNA NATURALE
04 - 05 NOVEMBRE 2017 FIRENZE - NAVIGARE FRA INCERTERZZA E DISEQUILIBRIO, ALLA RICERCA DELLE PROPRIE RISORSE
07 - 08 OTTOBRE 2017 CASTELLO DI PADERNA, PONTENURE (PC) - F.A.I. FONDO AMBIENTE ITALIANO - FRUTTI ANTICHI
01 OTTOBRE 2017 - ROMA - LE ERBACCE DELL'APPIA ANTICA
7 - 11 NOVEMBRE 2017 RIMINI - ECOMONDO
22 MAGGIO - 7 GIUGNO 2017 - FESTIVAL DELLO SVILUPPOSOSTENIBILE
22-25 GIUGNO SPILAMBERTO - FIERA SOSTENIBILE
27 GIUGNO - 16 LUGLIO TOUR PER PACHAMAMA
14-16 LUGLIO RESIA (UD) - SUMMIT CAROVANA DELLA ALPI
26-27-28 SETTEMBRE - THINK GREEN ECOFESTIVAL - ROMA
REGALO A CHI INQUINA E' LEGGE
GROENLANDIA: IN 4 GIORNI SCIOLTO META' DEL GHIACCIO, ORA QUASI TUTTO
IN GERMANIA STANZIATI 32 MILIARDI PER USCIRE DAL NUCLEARE
711 ECOLOGISTI UCCISI NEGLI ULTIMI 10 ANNI
WWF: L'ORA DELLA TERRA UNA GRANDE MOBILITAZIONE CONTRO I CAMBIAMENTI CLIMATICI
SOLAR IMPULSE AEREO A ENERGIA SOLARE
26 APRILE 1986 CERNOBYL
PER NON DIMENTICARE

LA NUOVA BICI A IDROGENO
100 KM CON 1/2 LITRO D'ACQUA

 Link
Envirolink Network
Natura Network
Feng Shui Consulting
Aduc Ass.Consumatori
Adiconsum Ass.Consumatori
Lega dei Consumatori
Codacons Ass.Consumatori
Unione Naz.Consumatori
Studio Arch.Bernardini
Ecofeminist
Lipu Protez.Uccelli
La voce dell'albero
Greennet
Greenpeace Italia
Legambiente Convento S.Giorgio
Italia Nostra
Natura Nostra Italia
INBAR Ist.Bioarchitettura
ANAB Ass.Bioarchitettura
Promiseland
Critical Mass
Paea progetti Energia
Consorzio Pannello Ecologico
CarBusters
Amici della Bici
Gruppi Acquisto Solidali
Thank-Water
Stile Biologico
Bioteca Associazione - Udine
IRIS strategie per l'ambiente
Wilderness
World Watch Institute
Wilderness in Italia
Fiera delle Utopie Concrete
Ecoage
Yoga Wear Bindu
OLO - conslulenti nel biologico
AMICI della Terra
Ecoistituto delle Tecnologie Appropriate di Cesena
Parchi italiani
Bioedilizia
ECO-ECOBLOG
EcoRiflesso.org
Verdi del Trentino
Associazione Torino Viva
TERRA NEWS
TERRANEWS
Officina Naturae
Artimestieri - Cooperativa Sociale
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it