Il problema dell'umanità è che gli stupidi sono sempre molto sicuri,
mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi. (B. Russell)
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
ALTRI LUOGHI CON ALTRI OCCHI
VIAGGI E TURISMO CONSAPEVOLE
ALTRI LUOGHI CON ALTRI OCCHI
IL VERO VIAGGIO DI SCOPERTA
Il vero viaggio di scoperta
non consiste nel cercare nuove terre
ma nell'avere nuovi occhi.

Marcel Proust
Luoghi
Andiamocene in viaggio,
senza muoverci,
per vedere la sera di sempre
con altro sguardo,
per vedere lo sguardo di sempre
 con diversa sera.
Andiamocene in viaggio,
senza muoverci. 

Xavier Villaurrutia
(poeta messicano 1903 - 1950)
LA CASA DAL CUORE ANTICO
<B>LA CASA DAL CUORE ANTICO</b>







Mia

Firenze: caos, traffico, rumore, turisti, inquinamento.
Tutto ormai mi disgusta, mi nausea, mi angoscia.
Non respiro.
Soffoco.
Fuggo via, disperata ....

Continua...
IL MIO ORIENTE E' PIENO DI OCCIDENTE
<b>IL MIO ORIENTE E' PIENO DI OCCIDENTE </b>





Casadio Farolfi

"Non è con la ragione che si riesce a varcare i limiti della razionalità." Il battesimo del grande viaggio in India era previsto per il 29 luglio 1979. A Imola era una giornata caldissima, quasi afosa, un anticipo di quel clima che avrebbe accompagnato me e Roberta nelle settimane successive. In realtà, giunti a Bombay fu un monsone della durata ininterrotta di cinque giorni a darci il benvenuto; il tasso di umidità era insopportabile, tale da convincerci a proseguire il nostro viaggio puntando verso il nord del Paese. Fu un lungo itinerario - rigorosamente in treno - attraverso i luoghi turistici dell'India: Agra, Jaipur, Dehli, Benares, Madras, ma anche in tanti minuscoli paesi e villaggi dell'immensa campagna indiana, ben lontani dai falsi splendori delle città caotiche e chiaramente già in piena trasformazione occidentale. Tutto ci apparve come narrato dalle parole di Piero Verni e Folco Quilici, nelle immagini dei
Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

IL TURISMO DEI DIRITTI


I flussi di migrazioni accelerano costantemente, in un mondo dove le distanze si accorciano sempre di più, ci ritroveremo tutti in un punto, come nella cosmicomica di Calvino. Ma c’è anche chi gira per il mondo seguendo una nuova forma di nomadismo forzato, sperando di incrociare luoghi in cui i diritti siano alla portata di tutti. Sono i nuovi “turisti dei diritti” per i quali bisognerebbe riscrivere la Carta dei diritti della persona, un documento capace di tutelare chi si aggira per il mondo nella speranza di vedere protetti e tutelati i propri diritti, di procreazione, come d’asilo, di cittadinanza come alla salute. In un mondo che ci fa sentire sempre più “globali”, gli individui possono percorrere distanze chilometriche per vedere realizzati e protetti i propri diritti.

Dunque ci fanno credere di far parte di un mondo omologato, in cui livellano le leggi del mercato per creare accessi liberi là dove ci sono gli interessi più succulenti. Ma per i cosiddetti “turisti dei diritti” è chiaro che in materia di diritti gli Stati si regolano diversamente. Lo stesso movimento degli individui avviene per un diritto inalienabile, ossia il diritto alla circolazione delle persone. Già il secolo scorso ha visto crollare diverse barriere a riguardo, in seguito alla caduta del muro di Berlino e all’apertura delle frontiere cinesi, lasciando fluire liberamente circa 1 miliardo e mezzo di persone.

Una grossa spinta alla scoperta, che è stata promotrice dello sviluppo del turismo, è stata la ricerca di maggiori diritti, perché milioni di persone potevano recarsi a conoscere Stati in cui i diritti che gli venivano negati erano invece tutelati. Ma nel corso del secolo il turismo cambia piano piano faccia, dalla sua evoluzione al boom, fino alle ultime tendenze, che pongono anche dei limiti a questo fenomeno, sulla base di un’etica fondata sul rispetto dell’ambiente, dei diritti e dei valori.

Grazie a questi nuovi impulsi gli Stati si sono dotati, favoriti dagli sforzi dell’Organizzazione Mondiale del Turismo, di politiche di rispetto delle identità locali e delle culture autoctone, basando il turismo su una scoperta del territorio che potesse preservarle, custodirle e sostenerle. Inoltre si è combattuto il perverso fenomeno del turismo sessuale, cercando di fare del turismo un’attività etica, di lotta alle ingiustizie e alle discriminazioni.

Il turismo si fa quindi veicolo di una cultura dei diritti, che insieme al viaggio di avventura, di svago e di relax unisce l’interesse ad una socialità nuova e condivisa tra il paese ospitante e il viaggiatore che si impegna a conoscere non solo il contesto in cui viaggia, ma anche le persone che in quella cultura e di quella cultura vivono, dando dignità al viaggio e all’ospitalità e sostenendo la formazione e l’educazione insieme alla solidarietà e alla cooperazione.
 
Purtroppo però bisogna ammettere che questo tipo di cultura appare ristretta agli addetti ai lavori, se così si possono definire. Chi già sostiene i diritti e le buone pratiche di certo preferirà un turismo non invadente nei confronti dei popoli e dell’ambiente, ma pochi sforzi vengono fatti a livello istituzionale e per educare la maggioranza dei cittadini sul valore etico del turismo e sui diritti della persona. Non ci viene insegnato a viaggiare, neanche ad occhi chiusi. Se ci si comporta con rispetto a casa propria, se si ammette la dignità dell’individuo già nel proprio paese e l’importanza di preservare la natura, allora non si farà fatica a riconoscere lo stesso bisogno di giustizia e di rispetto anche in altri luoghi del mondo. Parlando di più di queste tematiche si potrebbe insegnare il viaggio come strumento di crescita personale e di incontro arricchente tra gli individui, dandoci una dimensione nuova dello scambio anche con lo straniero a casa nostra. Questo vorrebbe dire vivere una società globale.

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Turismo consapevole
Le Terre Incantate
Viaggi e racconti
Libri Consigliati
Iniziative e progetti
Agriturismi e centri Olistici
Popoli Nativi
Culture tradizionali
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:

Libri di viaggio
Guide 
Popoli Nativi
Indiani d'America
Celti
Archeologia misteriosa 
Sciamanesimo

per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
8-9 / 15-16 LUGLIO / 12-13 AGOSTO L'AQUILA - STELLE SUL GRAN SASSO
9 - 23 agosto 2017 - Il Canto dell'Oceano
INGLESE NELLA NATURA TUTTO L'ANNO IN IRLANDA
 Link
Indiani Pellerossa
Sentiero Rosso
Ci sono ancora utopie?
Kel12
Hako Magazine
Antropologia del viaggio
Acta
Aurorablu
Survival
Tra Terra e Cielo
Aborigeni australiani
Scienze e Misteri
La Porta del Tempo
Podere di Campopiano
associazione Acssia
Servas
Tierra
La scatola di Pandora
Agriturismo MOTRANO
Case in vendita Toscana
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo
 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it