Il mondo va male non a causa di coloro che fanno del male
ma a causa di coloro che sanno e lasciano fare!! 
Albert Einstein
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
ALTRI LUOGHI CON ALTRI OCCHI
VIAGGI E TURISMO CONSAPEVOLE
ALTRI LUOGHI CON ALTRI OCCHI
IL VERO VIAGGIO DI SCOPERTA
Il vero viaggio di scoperta
non consiste nel cercare nuove terre
ma nell'avere nuovi occhi.

Marcel Proust
Luoghi
Andiamocene in viaggio,
senza muoverci,
per vedere la sera di sempre
con altro sguardo,
per vedere lo sguardo di sempre
 con diversa sera.
Andiamocene in viaggio,
senza muoverci. 

Xavier Villaurrutia
(poeta messicano 1903 - 1950)
LA CASA DAL CUORE ANTICO
<B>LA CASA DAL CUORE ANTICO</b>







Mia

Firenze: caos, traffico, rumore, turisti, inquinamento.
Tutto ormai mi disgusta, mi nausea, mi angoscia.
Non respiro.
Soffoco.
Fuggo via, disperata ....

Continua...
IL MIO ORIENTE E' PIENO DI OCCIDENTE
<b>IL MIO ORIENTE E' PIENO DI OCCIDENTE </b>





Casadio Farolfi

"Non è con la ragione che si riesce a varcare i limiti della razionalità." Il battesimo del grande viaggio in India era previsto per il 29 luglio 1979. A Imola era una giornata caldissima, quasi afosa, un anticipo di quel clima che avrebbe accompagnato me e Roberta nelle settimane successive. In realtà, giunti a Bombay fu un monsone della durata ininterrotta di cinque giorni a darci il benvenuto; il tasso di umidità era insopportabile, tale da convincerci a proseguire il nostro viaggio puntando verso il nord del Paese. Fu un lungo itinerario - rigorosamente in treno - attraverso i luoghi turistici dell'India: Agra, Jaipur, Dehli, Benares, Madras, ma anche in tanti minuscoli paesi e villaggi dell'immensa campagna indiana, ben lontani dai falsi splendori delle città caotiche e chiaramente già in piena trasformazione occidentale. Tutto ci apparve come narrato dalle parole di Piero Verni e Folco Quilici, nelle immagini dei
Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

IL TURISMO RURALE IN DIFESA DEL TERRITORIO


In Italia il mondo agricolo vanta ancora una certa importanza. Molte delle nostre regioni mantengono tuttora vivo un modello rurale equilibrato, nonostante le crisi economiche con cui ci si scontra periodicamente e la crisi ambientale che compromette i territori e le attività socio- economiche. Per parlare delle aree rurali dobbiamo focalizzarci su quattro aspetti che le contraddistinguono e che ritroviamo spesso interconnessi a caratterizzare le particolarità di ciascuna area: l’ambiente, le attività economiche, la popolazione residente e l’attività agricola. L’agricoltura può sopravvivere in territorio quando è capace di divenire un attore territoriale partecipato e partecipante dell’organizzazione economica di un territorio. Questa senso di partecipazione passa anche per il sentimento di appartenenza all’ambiente e alle tradizioni rurali che l’agricoltura mantiene in vita.

Il turismo può farsi promotore di una valorizzazione della cultura rurale promuovendo le attività agricole e le pratiche turistiche ad essa correlate. È ciò che viene definito come “turismo rurale”. Non si tratta solo del settore dell’agriturismo ma di “quella forma di viaggi e soggiorni ambientalmente responsabili in aree relativamente incontaminate, allo scopo di svago e di godimento della natura e di ogni altro elemento culturale collegato; …forma di turismo che favorisce la conservazione dell’ambiente, esercita bassi impatti negativi e favorisce lo sviluppo delle popolazioni locali”, secondo le parole del World Conservation Union.

Il turismo rurale unisce le attività turistiche con lo spazio rurale e le sue risorse, senza bisogno di appoggiarsi necessariamente a strutture ricettive e all’imprenditoria turistica e agricola. Il numero di visitatori interessati cresce ogni anno di più. La domanda è contraddistinta dal bisogno di vivere l’esperienza in mezzo alla natura, un modo per distaccarsi dalle dinamiche frenetiche e stressanti che ci impongono i ritmi del nostro tempo, per ritrovarsi in un contesto originale, a contatto con le tradizioni e le relazioni in cui l’uomo ritrova la sua dimensione.

È un turismo antropologico, perché le persone che si avvicinano a questo modo di viaggiare esprimono una richiesta di condivisione della cultura e dei modi di vivere a cui vanno incontro. Possono esserci diversi modi di intendere il turismo rurale:

►Turismo verde – sebbene in alcuni paesi il termine “Turismo Verde” è riferito precisamente al turismo di campagna, è più comunemente usato per descrivere forme di turismo legate all’ambiente, rispetto al tradizionale turismo di massa. Talvolta è identificato con la denominazione di alternativo, responsabile o soft. In altri termini, è una forma di turismo che tende a sviluppare una simbiosi con l’ambiente fisico e sociale su cui insiste.

►Ecoturismo – è una forma di turismo che offre opportunità uniche per integrare lo sviluppo rurale, il turismo, le risorse ambientali e le aree protette. Più specificatamente, è una forma di turismo natura che promuove attivamente la conservazione dell’ambiente e che offre una positiva esperienza educativa.

►Turismo Enogastronomico – è utile ricordare un’altra forma di turismo sviluppatasi recentemente, ma in rapida crescita, quale il turismo enogastronomico. La motivazione principale dell’enogastroturista è focalizzata sul desiderio di conoscere meglio il prodotto ed il territorio di produzione, anche se l’acquisto risulta non essere la principale delle sue motivazioni. In ordine decrescente di importanza risulta maggiormente attratto da: paesaggio, gastronomia tipica, clima, rapporti umani, segni e monumenti dell’arte, della cultura e della storia.

►Agriturismo - nell’eterogenea categoria del turismo rurale si inserisce l’agriturismo che, pur rappresentandone una componente fondamentale, ne raffigura solo una sfaccettatura, un modo particolare di vivere la vacanza rurale. In Italia, questa distinzione è ribadita anche a livello normativo, dove l’agriturismo è identificato e disciplinato nel contesto del turismo rurale, come un’attività turistica a supporto dell’azienda agricola, con requisiti del tutto peculiari.

L’agriturismo quindi sancisce un legame molto stretto tra turismo e agricoltura, dove il turismo diventa uno strumento per conferire valore e qualità alla produzione agricola, dando l’opportunità al settore di sperimentare nuove funzionalità produttive e di differenziare le entrate economiche. Attraverso la domanda sempre crescente di prodotti enogastronomici o di strutture di vendita diretta al consumatore presso l’azienda agricola ne consegue indubbiamente un beneficio per l’attività agricola in generale. Si devono aggiungere le pratiche di svago o apprendimento, come l’equitazione, diversi corsi o laboratori e le visite didattiche che incrementano ulteriormente il settore. L’agriturismo ha rappresentato negli ultimi anni una delle innovazioni più riuscite per l’agricoltura. Gli agricoltori stessi hanno sperimentato per la prima volta l’uscita dal loro solito lavoro di agricoltori, spendendosi in altri ruoli di uguale importanza sociale, per dare impulso ai territori rurali in difficoltà.

I numeri e le statistiche non registrano crisi preoccupanti per il settore agrituristico, ciò è dovuto al fatto che gli imprenditori agrituristici son riusciti ad intercettare le esigenze del mercato turistico. Gli ultimi segnali di rallentamento del flusso son risalenti all’ultimo periodo, il turismo non può restare immune alle situazioni difficili attraversate dall’economia generale in questo periodo storico. Altre ragioni sono da individuarsi nella concorrenza sempre più grande tra le strutture esistenti, che comunque giova alla ricerca di un servizio di qualità. Tra i numerosi agriturismi vi sono anche quelli che non hanno alcuna familiarità con il mondo agricolo, offrendo prodotti per la maggior parte derivanti dall’industria e servizi poco attinenti all’ambiente rurale.

Le aziende agricole agrituristiche, spesso a gestione familiare, sono invece realmente incentivanti le microeconomie locali, dando forza anche a settori come l’artigianato, l’architettura locale e le produzioni tipiche. Per la realizzazione di una struttura di questo tipo è necessario anche unire al soggiorno e alla ristorazione un’offerta culturale su temi gastronomici, naturali, della tradizione contadina, oltre che momenti di divertimento e di relax. Per restare in piedi il settore dell’agriturismo deve mantenere alta la bandiera della sua specificità. Deve inoltre saper diffondere l’informazione delle sue peculiarità nei circuiti in cui questa può essere recepita maggiormente dal target di suo interesse. Per preservare la specialità del nostro territorio rurale bisognerebbe incentivare il turismo rurale e dare la possibilità alle strutture esistenti di soddisfare le sempre maggiori richieste, nella speranza che queste vacanze divengano anche un modo diverso ma efficace di trasmettere l’importanza della natura nella vita del nostro paese. .

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Turismo consapevole
Le Terre Incantate
Viaggi e racconti
Libri Consigliati
Iniziative e progetti
Agriturismi e centri Olistici
Popoli Nativi
Culture tradizionali
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:

Libri di viaggio
Guide 
Popoli Nativi
Indiani d'America
Celti
Archeologia misteriosa 
Sciamanesimo

per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
20 SETTEMBRE 2017 - FIRENZE - TIBET IL PAESE DELLE NEVI
8-9 / 15-16 LUGLIO / 12-13 AGOSTO L'AQUILA - STELLE SUL GRAN SASSO
9 - 23 agosto 2017 - Il Canto dell'Oceano
INGLESE NELLA NATURA TUTTO L'ANNO IN IRLANDA
 Link
Indiani Pellerossa
Sentiero Rosso
Ci sono ancora utopie?
Kel12
Hako Magazine
Antropologia del viaggio
Acta
Aurorablu
Survival
Tra Terra e Cielo
Aborigeni australiani
Scienze e Misteri
La Porta del Tempo
Podere di Campopiano
associazione Acssia
Servas
Tierra
La scatola di Pandora
Agriturismo MOTRANO
Case in vendita Toscana
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo
 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it