forestiero che vai cercando la pace al crepuscolo, 
la troverai alla fine della strada. (F. Battiato)
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
ALTRI LUOGHI CON ALTRI OCCHI
VIAGGI E TURISMO CONSAPEVOLE
ALTRI LUOGHI CON ALTRI OCCHI
IL VERO VIAGGIO DI SCOPERTA
Il vero viaggio di scoperta
non consiste nel cercare nuove terre
ma nell'avere nuovi occhi.

Marcel Proust
Luoghi
Andiamocene in viaggio,
senza muoverci,
per vedere la sera di sempre
con altro sguardo,
per vedere lo sguardo di sempre
 con diversa sera.
Andiamocene in viaggio,
senza muoverci. 

Xavier Villaurrutia
(poeta messicano 1903 - 1950)
LA CASA DAL CUORE ANTICO
<B>LA CASA DAL CUORE ANTICO</b>







Mia

Firenze: caos, traffico, rumore, turisti, inquinamento.
Tutto ormai mi disgusta, mi nausea, mi angoscia.
Non respiro.
Soffoco.
Fuggo via, disperata ....

Continua...
IL MIO ORIENTE E' PIENO DI OCCIDENTE
<b>IL MIO ORIENTE E' PIENO DI OCCIDENTE </b>





Casadio Farolfi

"Non è con la ragione che si riesce a varcare i limiti della razionalità." Il battesimo del grande viaggio in India era previsto per il 29 luglio 1979. A Imola era una giornata caldissima, quasi afosa, un anticipo di quel clima che avrebbe accompagnato me e Roberta nelle settimane successive. In realtà, giunti a Bombay fu un monsone della durata ininterrotta di cinque giorni a darci il benvenuto; il tasso di umidità era insopportabile, tale da convincerci a proseguire il nostro viaggio puntando verso il nord del Paese. Fu un lungo itinerario - rigorosamente in treno - attraverso i luoghi turistici dell'India: Agra, Jaipur, Dehli, Benares, Madras, ma anche in tanti minuscoli paesi e villaggi dell'immensa campagna indiana, ben lontani dai falsi splendori delle città caotiche e chiaramente già in piena trasformazione occidentale. Tutto ci apparve come narrato dalle parole di Piero Verni e Folco Quilici, nelle immagini dei
Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

LUOGHI PER INCONTRARE IL SE'


di Cinzia Galletto

Luoghi leggendari

I luoghi, i monumenti, le città dove la bellezza si è unita con la legenda, il mito e la storia sono pervasi da un atmosfera magica che non si può spiegare razionalmente. Da sempre questi luoghi incantati sono fonte di ispirazione per poeti ed artisti e con il loro fascino attraggono viaggiatori e studiosi da tutto il mondo.

".... e in queste antiche terre, simili a tombe incise e iscritte, graffiate da mani di defunti, segnate da giorni di sventura..... ripercorro le vite che esse custodiscono e rivivo ciò che i morti hanno vissuto". Thomas Hardy

Luoghi misteriosi

Il passato ci ha lasciato un retaggio di enigmi: siamo circondati da luoghi sacri, paesaggi simbolici, antiche città e terre perdute, che affascinano studiosi ed avventurieri, turisti ed amanti di curiosità, ma che non tradiscono i loro segreti.

Queste località misteriose accendono l’immaginazione e sollevano importanti interrogativi sulla religione, l’astronomia, la tecnica, la storia dei popoli vissuti nel passato; pongono una sfida al pensiero moderno al primato della tecnologia del nostro secolo e al dogma dell’infallibilità del metodo scientifico.

Poiché miti e leggende si mescolano ai riscontri storici ed archeologici attuali, ogni località ha una ricca e complessa storia da raccontare.

Molti luoghi sacri sembrano aver rivestito una funzione astronomica, dato che alcuni elementi della loro costruzione sono allineati ai movimenti planetari del cielo.

Il fatto che i nostri antenati abbiano iscritto, fin dai tempi più remoti e in diversi luoghi della terra, gli avvenimenti celesti nella struttura dei luoghi sacri prova la loro aspirazione ad unirsi in spirito alle forze del cielo e della terra.

Luoghi sacri

Il bisogno umano di luoghi sacri, resi tali da riti religiosi e reliquie di santi, segue immediatamente gli inizi della storia documentata e li travalica. Nel mondo antico univano in genere un ubicazione suggestiva ad un’architettura ispirata al senso del divino. Attorno ad essi era focalizzata la vita delle comunità. I loro sacri confini erano separati dal mondo normale con steccati e porte rituali. Oggi che il crescente bisogno di spiritualità diventa il "motore" del mettersi in viaggio, questi luoghi diventano oasi di pace capaci di dare significato e direzione alle più nobili aspirazioni dell’uomo.

"Togli i calzari" disse il Signore a Mosè sul Monte Sinai, "perché il suolo che calpesti è sacro." L’idea che , come nel caso del monte Sinai, particolari luoghi del mondo siano sacri o consacrati è reperibile in diverse culture di tutto il mondo. Ma che cosa li rende tali? Esistono dei parametri utilizzabili per un giudizio obiettivo? O la sacralità abita soltanto nella mente di chi crede?

Un po’ di luce sulla natura del sacro è stata fatta da due studiosi del ventesimo secolo: il tedesco Rudolf Otto e il rumeno Mircea Eliade. Otto coniò la parola "numinoso" per esprimere la capacità di una presenza o rivelazione divina di ispirare timore riverenziale. Questa sensazione di numinosità è avvertibile in molti luoghi considerati sacri, come Delfi, un tempio tra alti scogli abitato da un oracolo, o il monte Kailas, un picco di ghiaccio che domina le pianure del Tibet occidentale.

Eliade mette a confronto "spazi sacri" e spazi da lui chiamati "profani"- letteralmente al di fuori del tempio - e utilizza il termine "ierofania" per indicare una manifestazione del sacro. Per gli animisti, per esempio gli scintoisti, per i quali la natura è piena di spiriti, si potrebbe trattare di un albero o di un masso, per i cristiani dell’incarnazione di Dio in Gesù Cristo. E’ certo che per alcuni luoghi la sacralità è derivata direttamente da una ierofania : è il caso del monte Sinai, sul quale il Signore si manifestò a Mosè o di Lourdes dove la Vergine Maria apparve a una contadinella. Tuttavia esistono altre ragioni per cui un luogo possa essere considerato sacro : perché associati a santi o maestri spirituali (es. Bodh Gaya in India , dove Siddartha raggiunse l’illuminazione e divenne il Budda), perché luoghi prescelti per la sepoltura , o luoghi di pellegrinaggio.

Il pellegrinaggio è un viaggio compiuto per raggiungere un luogo sacro e considerato parte centrale della ricerca religiosa . Dal punto di vista pratico il pellegrinaggio può comportare dei disagi, sotto il profilo spirituale corrisponde tradizionalmente al viaggio delle anime verso l’unione con Dio. Impossibile determinare con esattezza se questi luoghi siano sacri in se stessi oppure sia la mente delle persone a renderli tali.

Tuttavia si riconosce che alcuni luoghi appaiono più numinosi di altri, danno origine a ierofanie oppure - grazie a fatti di carattere sacro o perché ospitano un tempio o vi è vissuto un santo - hanno accumulato energia spirituale.

Pellegrinaggi

Il ruolo del pellegrinaggio, sia ai fini pratici, sia a quelli simbolici, è eccezionalmente significativo per tutte le religioni. Intrinseca al pellegrinaggio è l’idea del viaggio materiale, verso un tempio, una città, un santuario o una sacra reliquia. Sul piano spirituale il pellegrinaggio rappresenta invece il viaggio verso la verità ultima , una maggiore presa di coscienza , traendo dalle difficoltà pratiche e dalle opportunità di riflessione del viaggio materiale - spesso disagevole - nuovo ardore spirituale e maggiore autocoscienza.

Per molti pellegrini la fine del viaggio porta tuttavia con sé prima di tutto vantaggi tangibili.

Per gli INDUISTI , per es., morire e Benares sulle rive del Gange significa sfuggire al rinnovarsi del ciclo Vita- morte - rinascita.

Nel mondo antico si compivano pellegrinaggi all’oracolo di DELFI per porre alla sacerdotessa del dio Apollo domande sulla vita quotidiana.

Nel MEDIOEVO l’Europa Cristiana era percorsa da una fitta rete di itinerari per luoghi sacri e santuari. Una delle mete più importante era la tomba di San Tommaso Becket nella Cattedrale di Canterbury, nell’Inghilterra meridionale.

Il luogo più sacro per il mondo islamica è la MECCA nell’Arabia Saudita, dove ogni anno migliaia di musulmani compiono l’Hajj (pellegrinaggio in tutti i luoghi sacri).

Non tutti pellegrinaggi hanno come meta ultima un tempio o un santuario: esistono ancora infatti alcuni devoti disposti a compiere il sacro percorso di circa 50 km intorno la cima innevata del tibetano MONTE KAILAS.

Fonte: Oasis Fortune City

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Turismo consapevole
Le Terre Incantate
Viaggi e racconti
Libri Consigliati
Iniziative e progetti
Agriturismi e centri Olistici
Popoli Nativi
Culture tradizionali
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:

Libri di viaggio
Guide 
Popoli Nativi
Indiani d'America
Celti
Archeologia misteriosa 
Sciamanesimo

per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
INGLESE NELLA NATURA TUTTO L'ANNO IN IRLANDA
 Link
Indiani Pellerossa
Sentiero Rosso
Ci sono ancora utopie?
Kel12
Hako Magazine
Antropologia del viaggio
Acta
Aurorablu
Survival
Tra Terra e Cielo
Aborigeni australiani
Scienze e Misteri
La Porta del Tempo
Podere di Campopiano
associazione Acssia
Servas
Tierra
La scatola di Pandora
Agriturismo MOTRANO
Case in vendita Toscana
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo
 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it