Il vero viaggio di scoperta non consiste
nel cercare nuove terre ma nell'avere nuovi occhi.
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
ALTRI LUOGHI CON ALTRI OCCHI
VIAGGI E TURISMO CONSAPEVOLE
ALTRI LUOGHI CON ALTRI OCCHI
IL VERO VIAGGIO DI SCOPERTA
Il vero viaggio di scoperta
non consiste nel cercare nuove terre
ma nell'avere nuovi occhi.

Marcel Proust
Luoghi
Andiamocene in viaggio,
senza muoverci,
per vedere la sera di sempre
con altro sguardo,
per vedere lo sguardo di sempre
 con diversa sera.
Andiamocene in viaggio,
senza muoverci. 

Xavier Villaurrutia
(poeta messicano 1903 - 1950)
LA CASA DAL CUORE ANTICO
<B>LA CASA DAL CUORE ANTICO</b>







Mia

Firenze: caos, traffico, rumore, turisti, inquinamento.
Tutto ormai mi disgusta, mi nausea, mi angoscia.
Non respiro.
Soffoco.
Fuggo via, disperata ....

Continua...
IL MIO ORIENTE E' PIENO DI OCCIDENTE
<b>IL MIO ORIENTE E' PIENO DI OCCIDENTE </b>





Casadio Farolfi

"Non è con la ragione che si riesce a varcare i limiti della razionalità." Il battesimo del grande viaggio in India era previsto per il 29 luglio 1979. A Imola era una giornata caldissima, quasi afosa, un anticipo di quel clima che avrebbe accompagnato me e Roberta nelle settimane successive. In realtà, giunti a Bombay fu un monsone della durata ininterrotta di cinque giorni a darci il benvenuto; il tasso di umidità era insopportabile, tale da convincerci a proseguire il nostro viaggio puntando verso il nord del Paese. Fu un lungo itinerario - rigorosamente in treno - attraverso i luoghi turistici dell'India: Agra, Jaipur, Dehli, Benares, Madras, ma anche in tanti minuscoli paesi e villaggi dell'immensa campagna indiana, ben lontani dai falsi splendori delle città caotiche e chiaramente già in piena trasformazione occidentale. Tutto ci apparve come narrato dalle parole di Piero Verni e Folco Quilici, nelle immagini dei
Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

ETNOMEDICINA, SCIAMANI, WATSU E TERAPIE IN ACQUA


di Italo Bertolasi

Da trent'anni stiamo studiando il pellegrinaggio nella natura selvaggia, in cui si ritrova il piacere di vivere, di esistere, la voglia di essere autori di un percorso di autoguarigione che non ha più medici o Maestri ma in cui servono responsabilità ed attenzione.

Ho seguito i Maestri del viaggio presso culture lontane, lungo antichi percorsi di pellegrinaggio; ecco allora un ritornare dei momenti più forti del nostro vivere, come la nascita o l'incontro con la morte. Gli Yamabushi, guerrieri asceti delle montagne che abbiamo seguito per anni, attraversano gli elementi con giochi straordinari che poi sono le protomedicine: avvicinarsi al fuoco del vulcano per prendere calore, fare la doccia sotto le cascate, che sono il sangue della montagna, cercare delle caverne che ci riportano alle sensazioni uterine. I Maestri Sufi che aprono il cuore non insegnano cose noiose, il loro lavoro è svuotarsi per poi riempirsi attraverso la danza di energia, di Ki; per noi è stata una scuola di libertà. Il Qi Gong più difficile appreso in Cina non era quello dei movimenti precisi, era il Qi Gong istintivo, in cui il corpo trova da sé i movimenti per curarsi. Abbiamo visto i Taoshi salire sulle montagne, strisciare come vermi, imitare le foglie, e abbiamo finalmente capito cos'è la danza: ridare dignità a questo aspetto significa riconoscere che dietro di noi ci sono Maestri che vanno salvati, e di cui siamo ponti di comunicazione. I filmati che vi propongo sono il mio modo di comunicare.

Vediamo un filmato di Watsu, una tecnica nata una decina di anni fa. Due anni fa ho conosciuto Harold Hall, un poeta della Beat Generation, che prima di curare ha costruito poesie straordinarie, mi ha detto di aver imparato il suo Watsu da una donna sciamana che l'ha invitato a entrare nell'acqua, e galleggiare, respirare, con molta libertà.

Il compito è seguire il naturale galleggiamento del corpo, anche se sei magrissimo puoi far galleggiare una persona enorme, perché non c'è forza di gravità. Ecco lo straordinario archetipo della culla, il gesto terapeutico diventa il gesto della mamma, la persona rientra nel mondo dell'utero, dell'acqua, e recupera un corpo polimorfo, anfibio.

La prima volta che ricevetti un trattamento da Harold, mi sentii un grande danzatore... il nome, water shiatsu, viene da questa idea di Harold, che in Giappone ha studiato lo Shiatsu e l'ha trasformato in un lavoro acquatico. Lui ha scritto che è una tecnica di comunicazione, una preghiera che ti porta in un altro tempo, in un'altra dimensione. Si sviluppa un gioco sofisticato nel silenzio e nell'ascolto, in cui chi dà diventa padre, madre, amante, e chi riceve può veramente tornare ad essere una goccia d'acqua in questo caos, in questo mare che è una delle immagini di Dio più perfette. In Giappone dicono che il viaggio negli elementi ci fa diventare dei "Buddha maratoneti", perché si diventa di acqua, aria, terra, fuoco vivendo in modo diretto, pieno e straordinariamente energetico un contatto con la vita e con il mondo.

Vi mostro un'elaborazione che ho visto nascere l'anno scorso, la "Prenatal Wassertanz"; ecco la figura, molto legata all'acqua, della donna guaritrice. Lavida ha inventato questa tecnica dopo aver studiato Watsu; dice di essere un'ostetrica che fa rinascere il bambino interiore in ognuno di noi. Non lavora sul muscolo, né sulla forza o sulla malattia, o sulla spiritualità... si lavora in uno stato di estrema libertà in cui si ritrova il miracolo del corpo. Lavida accompagna sott'acqua anche coppie in difficoltà, anche tre, quattro persone alla volta e le fa fluttuare, avvicinare, toccare, sfiorarsi, con una casualità e una purezza incredibili.

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Turismo consapevole
Le Terre Incantate
Viaggi e racconti
Libri Consigliati
Iniziative e progetti
Agriturismi e centri Olistici
Popoli Nativi
Culture tradizionali
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:

Libri di viaggio
Guide 
Popoli Nativi
Indiani d'America
Celti
Archeologia misteriosa 
Sciamanesimo

per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
03 NOVEMBRE 2017 LECCE - GIOVANNA MARINI RITORNA NEL SALENTO
20 SETTEMBRE 2017 - FIRENZE - TIBET IL PAESE DELLE NEVI
8-9 / 15-16 LUGLIO / 12-13 AGOSTO L'AQUILA - STELLE SUL GRAN SASSO
9 - 23 agosto 2017 - Il Canto dell'Oceano
INGLESE NELLA NATURA TUTTO L'ANNO IN IRLANDA
 Link
Indiani Pellerossa
Sentiero Rosso
Ci sono ancora utopie?
Kel12
Hako Magazine
Antropologia del viaggio
Acta
Aurorablu
Survival
Tra Terra e Cielo
Aborigeni australiani
Scienze e Misteri
La Porta del Tempo
Podere di Campopiano
associazione Acssia
Servas
Tierra
La scatola di Pandora
Agriturismo MOTRANO
Case in vendita Toscana
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo
 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it