nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

GRAZIE CRISI


Grazie, crisi!!

Ora ci dicono che c’è la crisi. Che ci sarà crisi. Che crollano i consumi. Che l’economia deve ripartire. Che per farlo dobbiamo consumare. E ce la fanno vivere davvero, la crisi. Che sarà dura, durissima. E la sentiamo eccome, la crisi. Quella economica: non abbiamo più soldi. Quella sociale: di chi fidarsi? Quella ecologica ed energetica: stiamo andando a fuoco e in fumo.

Ma è davvero crisi? Chi ci dice che sia crisi, o non piuttosto un bel ritorno alla normalità? Dura, ardua, complicata, drammatica, ma finalmente un bel bagno di realtà?

Pensiamoci un po’: chi ci dice che questa è crisi? Chi la definisce così? Proprio gli stessi che la rinforzano, la crisi, portandoci via anche quel poco che avevamo, mettendosi in saccoccia anche quello che ci resta, dopo aver già trasformato in merce ogni cosa che sarebbe naturale per vivere (la casa, la salute, la scuola, l’amore, il sesso, la politica, lo spirito -si erano dimenticati l’acqua e stanno rimediando- e via di questo passo).

Chi ci dice che c’è’ la crisi?

Perché dobbiamo crederci?

Guardiamo a chi la definisce crisi Gli stessi. Gli stessi che prima non ci dicevano che stava per arrivare la crisi. Quegli stessi mega personaggi con le iniziali maiuscole, gli Economisti, i Giornalisti, i Politici, gli Industriali, che oggi la chiamano crisi per poterci rubare gli ultimi soldi che ci restano. Quelli che prestano soldi solo a chi ne ha già, quelli che ne vogliono ancora di più. Perché li hanno buttati via tutti, se li sono sniffati e fumati tutti nel loro delirio. E ci hanno fatto pagare i loro soldi con le malattie producendo cemento e acciaio e amianto e scorie nucleari.
Era quello, il loro delirio, la vera crisi. Quella a cui ci eravamo tutti assuefatti chiamandola normalità, dando per scontati i dogmi della Crescita, dell’Economia, dello Sviluppo.

Oggi ci vendono la crisi dalle stesse pagine e dagli stessi schermi in cui un attimo dopo ci mostrano e ci propongono in vendita quello che la crisi vera la crea, da tempo.
Ce lo dicono quegli stessi che dai loro bozzoli intrecciati di prebende e di certezze non avevano previsto nulla della crisi, e oggi ce la spiegano, e ci dicono quanto durerà e come fare per uscirne.
Gli stessi giornali e schermi di proprietà delle stesse persone che sono nate e cresciute e sono diventate potenti grazie alla pubblicità dei consumi più futili, oggi dovrebbero gestire la crisi. E ci regalano social card vuote, fondazioni per il welfare e quant’altro.

Noi gente comune siamo in crisi da tanto, la crisi vera c’è da tanto. La gente comune, e i popoli del Sud del mondo, sono in crisi da quando sono costretti a crescere. La crisi vera c’è da quando questi personaggi ci sono riusciti convincere che dobbiamo avere sempre di più. Che tutti dobbiamo andare in auto, magari due a famiglia. Che tutti dobbiamo diventare dottori, e che chi non è dottore ne sa meno ed è meno importante di chi non lo è: chi è autodidatta, chi studia per passione, chi impara sul campo non ha i crismi dell’ufficialità.
Noi contadini della campagna o della vita, noi persone comuni siamo in crisi da tanto. Ci siamo abituati. Lo siamo da quando hanno convinto tutti che per nascere, coltivare, imparare, guarire, costruire una casa, andare d’accordo fra noi, riscaldarci abbiamo bisogno di Dottori, Ingegneri, Avvocati, Onorevoli, Assessori, Manager, Pianificatori e quanti hanno barattato la propria libertà e responsabilità in cambio di un bel posto al calduccio con scrivania annessa e magari idromassaggio a carico del contribuente.

Ci dicono che c’è crisi gli stessi schermi che ci stupiscono dicendoci che c’è freddo d’inverno.
Secondo loro oggi c’è crisi perché non si compra, perché le aziende che producono cose inutili chiudono, perché ora anche i manager vengono licenziati. Non perché la gente non ha soldi o non ha più quello che gli serve. Di questo loro poco importa, da sempre. A loro importa fare esposizioni universali e intascarsi stipendi da 600mila euro in su l’anno, fare treni a 400 all’ora per andare velocemente in un’altra città ad accumulare ancora più soldi, non il lavoro quotidiano dei più.

La crisi vera c’è già da tanti, tanti anni. Quella che c’è ora è robetta. Anzi forse è l’occasione per uscire dalla crisi vera. La crisi vera è quella dell’impazzimento di chi ci vuole far uscire di senno facendoci credere che è possibile produrre e consumare sempre di più, spendere sempre di più, comprare tutti la casa, vivere tutti meglio dei genitori, staccarsi da ogni fatica impegno incertezza lavoro così, oplà, investendo, facendo soldi coi soldi, speculando sulle case e sui terreni, e non col lavoro e le idee e l’immaginazione e la passione.

Questa che chiamano “crisi” forse invece ci aprirà gli occhi. Forse. Perché uscire dall’intossicazione e dalla dipendenza non è semplice. Finora abbiamo buttato tutto lo sporco sotto il tappeto. Ora sta venendo fuori tutto d’un botto.
Gli stessi giornali che dicono che dobbiamo vaccinarci, che gli ecologisti sono catastrofisti e devono imparare a dire di sì, che dicono che le medicine naturali sono acqua fresca (magari! Dove la si trova più?), ora ci dicono che dobbiamo comprare le nuove auto ibride che sono tanto trendy. Gli stessi giornali che dicevano che Obama non poteva vincere, che ci dicono che fa caldo per l’aumento della CO2 e la pagina accanto hanno una pubblicità a tutto formato di suv o altro di dannoso. E ci propinano i nuovi modelli di partito politico e di impresa flessibile e sostenibile. Che imprese! Le imprese sostenute dal pubblico, i coraggiosi imprenditori che imprendono con la cassa integrazione, che paga chi lavora quando fallisce chi dirige. Gli imprenditori che finanziano giornali e schermi secondo tariffa e oltre, per dirci ora che c’è crisi perché le loro imprese-banche-partiti pret-a-porter sono in crisi.
Grazie della rivelazione, noi ce n’eravamo già accorti!

Questa che chiamano crisi è forse l’ultima occasione per uscire dall’ipnosi di massa e guardarci fra di noi, negli occhi (nelle tasche basta ravanare con le mani). Per smetterla di stare in riga a comprare e votare e ingozzarci con i loro veleni ridendo e scherzando. I capitani e ladroni si sono rubati quasi tutto, loro stanno meglio, forse, a breve, ma se la maggioranza ha le tasche vuote e non si fida più e non ha i soldi per comprarsi i loro gadget che si rompono subito, forse qualcosa cambia. Forse usciamo da questo luna park dove ti sparano un po’ d’adrenalina sull’ottovolante e poi nel castello delle streghe e al tiro al bersaglio, e ci accorgiamo che serve solo a prenderti soldi e tempo.

Forse ci accorgiamo che è meglio trovare il tempo e la fantasia per fare musica insieme invece di consumarla, per camminare e pedalare invece che per farsi trasportare, per abbracciare gli amici e i cari invece di andare dal medico o all’ospedale per esaurimento, per festeggiare anche se non ci sono ricorrenze invece di stare davanti a uno schermo.

Grazie alla crisi forse non staremo più fra quattro mura di idee chiuse ma riprenderemo le tende e andremo a rendere omaggio al Sole, alla Terra, alla pioggia, all’aria e alla Luna e a quanto c’è di davvero importante.

Grazie alla crisi forse non staremo più immobili dietro una maschera ad aspettare che qualche potente ci lanci una monetina, ma lo scherzeremo e lo renderemo innocuo.

Grazie alla crisi forse vedremo svanire paure e desideri fasulli e ritroveremo il gusto delle paure vere, delle aspirazioni vere, che sono quelle della vera vita, che ci spingono alla sfida e al migliorare noi stessi, uscendo dal bozzolo della megamacchina.

Grazie alla crisi forse ritroveremo i sorrisi che avevamo lasciato da qualche parte perché avevamo altro da fare, sempre da fare.

Grazie alla crisi forse i nostri corpi saranno di nuovo liberi di sentire la paura, il freddo e la fame, ma anche la gioia e l’estasi.

Grazie alla crisi forse scopriremo che insieme è più bello mangiare, capire, giocare, lavorare e dormire, che anche da soli e senza veline (in tutti i sensi) si può celebrare e pregare e ballare, che ciascuno è capace di dare la sua verità e viverci bene.

Grazie alla crisi forse… forse la crisi è una grazia che abbiamo cercato, senza volerlo, che hanno cercato anche i rapaci nel loro delirio cui ci siamo accodati, forse loro stessi hanno avuto paura della montagna di soldi e di solitudine e di sofferenze che hanno creato e accumulato, e ora la condividono.

Forse la crisi è una grazia che nel dolore e nella confusione ci permetterà di ricominciare a vivere: la vita è anche caos.

Grazie alla crisi forse il nostro lavoro sarà di nuovo quello di seminare, di creare con amore, di raccogliere frutti, di aspettare e immaginare, di collegare (“intelligenza!” significa collegare), impastare e cuocere, mescolare e usare le mani, aggiustare, riparare guardando diretto alle cose e alle persone perché siano belle, complete e contente.

Grazie alla crisi forse sapremo arrivare alla calma della chiara visione, all’amicizia con il mondo, a sentire che tutto è legato e ci parla. Forse deporremo le motoseghe e le gru, si fermeranno balene e uccelli di ferro, andremo a piedi e potremo sentire il moto delle piante e dell’aria, uscendo dalla furia che ci impedisce di porre loro domande, avere risposte, offrire preghiere.

Grazie alla crisi forse ci ricorderemo del Sole che ci inonda ogni attimo di luce e calore, dell’acqua che si muove ed è sangue e linfa e pulizia, del vento che soffia sulla pelle ed è passione, della terra che guarisce ed è coperta, cibo, riparo. Lasceremo forse il delirio che ci fa scavare sempre più in fondo insozzando tutto per bruciare vecchie piante carbonizzate o liquefatte dal tempo, invece di vedere semplicemente le piante vive e imparare da loro come si fa a vivere nel sole e nel vento e nella terra.

Grazie alla crisi forse non ci vergogneremo più di cercare frescura e calore, di stare in basso, di non essere certi di nulla se non delle forze naturali, dei propri brividi e desideri e affinità.

Forse.

Non dipende tutto da noi, anzi noi dipendiamo dal Tutto. C'è anche chi ha detto che questo surriscaldamento del clima ci ha salvato da una glaciazione. Chissà, forse la Terra è più saggia davvero di quanto sospettiamo. Il Mistero è davvero tale.

Però molto dipende da noi. Dipende da noi, da tutti noi. Per quanto dipende da noi, è il caso di meditare e agire (non semplicemente di "fare" le stesse cose che si sono fatte finora; anzi, si tratta quasi sempre di fare meglio, fare meno, non-fare). Senza forse.

Fonte: Natural Spirit


Tempo fa ho scritto un monologo il cui titolo era esattamente "la crisi", da un pò mi sono accorta di ricercare attimi di rallentamento, momenti per vivere all'aperto e riflettere. Lentamente sto concludendo che vivere con un molto di effimero che non è mai abbastanza perchè non sono un potente equivale al nulla. Da anni provo gioia solo quando esploro terre sconosciute e visito deserti sconfinati, poi mi sono chiesta il perchè di questa mia necessità dei deserti..ecco la risposta sorgere dal più profondo del mio io: ho bisogno del nulla per il tutto, del silenzio per il frastuono, del tempo per l'avanzare, del vivere per godere. Ho poi compreso che in fondo il ricercare potere e ricchezza ingabbiava sempre più la mia anima, non ero mai abbastanza, mai troppo brava o troppo intelligente per... e lentamente qualcosa dentro di me si stava spegnendo e senza rendermene conto la mia libertà veniva meno. Oggi leggo questo articolo e rifletto, l'incerto per il certo è forse la salvezza, e la passione e la creatività si avvicinano a me ogni volta che allontano la ricerca dell'affermazione..dunque se io sono la crisi come mi sono definita nel mio monologo, ebbene sia perchè con la Crisi io sono rinata!!!!
Linda Andresano

scritto da: Francesco Gramegna il 23/06/2010 alle 18:29
Finalmente alcune riflessioni corrette e genuine su questa cavolo di crisi con la quale stanno cercando di farci l'ennesimo lavaggio di cervello.
Non abbiate paura, continuiamo ad andare per la nostra strada!

...Cari Fratelli le crisi non esistono.La crisi non è nostra (la genete consapevole)ma del sistema.La crisi generata dal sistema che questi signori hanno inventato.
Sul nostro pianeta c'è abbondanza per tutti ma non la vogliono distribuire.Il loro ego è talmente denso ed infarcito di una miriade di problematiche cerebrali che li fanno delirare nel volere e basta.Poverini!
Solo con un cambio di "cervelli" potremo far finire tutto ciò e facciamo in fretta altrimenti sarà la nostra madre terra che ci penserà a grattarsi via tutti questi batteri che vivono su di Lei...eh!eh! farà un pò come il cane che si gratta via le pulci...ed i segnali stanno incominciando ad arrivare...non vi pare?

caro vecchio Alex,quanto ti rimpiangiamo. Decisamente dovrebbe sorgere un movimento al di fuori della politica che portasse avanti le teorie che ci ha lasciato , supportato da un movimento politico che lo sostenga che potrebbe essere il nuovo "Ecologisti e ,verdi e civici". Proviamoci lasciando alle spalle le nostre provenienze, le differenze che alla fine sono non tanto significative.

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza

per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
16-17 SETTEMBRE 2017 - STRESA (VB) -
20 - 21 MAGGIO 2017 - TERRA NUOVA FESTIVAL
19 maggio 2017 - Il bambino nel secondo settennio
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it