"Apri il cuore e accontentati di quello che la vita ti concede. Siamo tutti invitati alla festa della vita,
dimentica i giorni dell'oscurità, qualsiasi cosa possa essere successa non è la fine"
  Augusto Daolio
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

IMMIGRAZIONE:
Riflessioni ad ampio raggio - PARTE 1


 di Manuel Olivares

Questo articolo vuole essere il primo di una trilogia in merito al fenomeno, di grande e grave attualità, dell’immigrazione. 
Stando ai dati UNHCR, dal gennaio di quest’anno sono giunti, in Italia, quasi centomila migranti, la maggior parte dei quali da Nigeria (quasi il 15%), Costa d’Avorio (9%) e Bangladesh (8.6%). È una situazione che desta non poca preoccupazione a vari livelli, dal cosiddetto uomo della strada ai vertici di governo.

Questo non può non indurre alcune, necessarie riflessioni ed il tentativo ─ spero non troppo maldestro ─ di una ricostruzione storica di quelli che sono stati, soprattutto a partire dal secolo scorso, i rapporti tra il cosiddetto mondo in via di sviluppo e l’Occidente che, come vedremo, non si è distinto per correttezza e lealtà politica.

Senza moralismo o buonismo direi sia il caso di farci un bell’esame di coscienza, elaborando una griglia storica di riferimento che possa essere di aiuto nella comprensione del nostro contemporaneo e, al contempo, un chiaro, possibile riferimento per le scelte etiche e politiche a venire (di cui la società civile potrà essere, in un modo o nell’altro, compartecipe).
Tra i filoni di ricerca cui si dovrebbe lavorare non può non essere menzionato quello relativo al ruolo dei nostri progenitori europei nel fatale depauperamento dell’Africa (da cui provengono, attualmente, la maggiorparte dei migranti), a partire dalla tratta atlantica degli schiavi — e dal conseguente olocausto africano (maafa in swahili: grande tragedia) — la più imponente deportazione della storia.
Alla fine di questo primo articolo, daremo alcuni riferimenti a video selezionati per il canale You Tube di Viverealtrimenti. Non sempre il materiale segnalato, anche attraverso i link ipertestuali, potrà essere in italiano. In alternativa, sarà in inglese.

Grossomodo in contemporanea con la tratta atlantica degli schiavi, nel sedicesimo secolo, ha inizio il colonialismo europeo che, a partire dalla seconda metà dell’Ottocento, verrà maggiormente qualificato come imperialismo, coinvolgendo tutti i continenti e sfociando nelle attuali espressioni di neocolonialismo, tutte da approfondire.
Ora tuttavia mi focalizzerei (per non andare troppo lontano) su un paio di accordi segreti che sono stati stipulati nella prima metà del Novecento e che avrebbero fortemente contribuito a delineare il nuovo ordine mondiale, all’indomani della Grande Guerra. Vediamo!
 

L’Accordo Sykes-Picot

 Nel 1916 Francia e Inghilterra sono impegnate a trattare il futuro assetto del Medio Oriente (a fronte dell’imminente la caduta dell’Impero Ottomano, in cui rientra, all’epoca, quella cruciale area geografica), in un’ottica squisitamente imperialista. A porte chiuse si incontrano, nello stesso anno a Londra, l’inglese Sir Mark Sykes (1879-1919) ed il francese François Georges-Picot (1870-1951).

Dal loro negoziato segreto nasce la virtuale spartizione del Medio Oriente, in sfere d’influenza, tra Inghilterra e Francia. L’Accordo Sykes-Picot viene definitivamente firmato il 16 maggio 1916. Poco dopo, Il 2 novembre 1917, viene resa pubblica la Dichiarazione Balfour — una lettera indirizzata, dal ministro degli esteri inglese Arthur Balfour, a Lord Lionel Walter, II Barone di Rothschild, a sostegno ufficiale della campagna sionista per fare della Palestina la patria degli ebrei — per avere l’appoggio della comunità ebraica in Russia (dove i Bolscevichi, su cui la stessa comunità avrebbe avuto influenza, prendono il potere il 7 novembre 1917) e negli Stati Uniti. 

La Prima Guerra Mondiale sta volgendo, difatti, decisamente a favore degli Imperi Centrali e la Francia e l’Inghilterra hanno bisogno di aiuto. Tuttavia, nel giro di poche settimane, i leaders russi, ritirano le truppe sovietiche dal fronte ed aprono gli archivi del Ministero degli Esteri dello Zar. Vengono cosi resi noti i trattati segreti con cui l’Inghilterra e i suoi alleati, compresa la Russia zarista, hanno deciso di spartirsi l’Impero Ottomano, dunque i contenuti stessi dell’Accordo Sykes-Picot.

Un motivo di grande imbarazzo per l’Inghilterra e la Francia, nel momento in cui — per riprendere le parole di Dominic Lieven della London School of Economics — «gli alleati si erano messi d’accordo in segreto per spartirsi tutte le fette della torta rappresentata dal nuovo ordine mondiale mentre ufficialmente dichiaravano di combattere la guerra per difendere la democrazia e dicevano agli arabi di essere a favore dell’autodeterminazione dei popoli dell’Impero Ottomano».
La politica di fare pressioni sulle élite ebraiche per portare altri paesi in guerra al fianco degli alleati, mancando di coinvolgere la Russia, ha successo negli Stati Uniti, la cui entrata nel primo conflitto mondiale ne capovolgerà le sorti.

L’11 novembre 1918 hanno ufficialmente termine le ostilità ed il  18 gennaio 1919 ha inizio, a Versailles, la Conferenza di Pace
Sul Medio Oriente, Francia e Inghilterra possono procedere secondo l’Accordo, segreto, Sykes-Picot, cui avrebbe fatto seguito la Conferenza di San Remo del 1920.
Il Ministro degli Esteri inglese Arthur Balfour, durante la Conferenza di Pace con Stati Uniti, Francia ed Italia, in un promemoria confidenziale scrive: «Le quattro grandi potenze hanno preso un impegno nei confronti del sionismo. Il sionismo, giusto o sbagliato, buono o cattivo che sia, affonda le sue radici in tradizioni antiche, in necessità attuali, in speranze future la cui importanza è ben più profonda dei desideri e pregiudizi di settecentomila arabi che ora abitano quell’antica terra [la Palestina]». In un successivo memorandum Arthur Balfour accennerà a un ordine del giorno assai più cinico: «Per quanto riguarda la Palestina, le potenze non hanno mai fatto alcuna dichiarazione d’intenti che, almeno nella sostanza, non avessero intenzione di violare». Dunque, all’indomani della Conferenza di Pace e a  dispetto delle promesse fatte da Henry McMahon ─ Alto Commissario britannico al Cairo ─ al leader hashemita al-Ḥusayn ibn ʿAlī Himmat, allora Sharif della Mecca (per maggiori dettagli segnalo la pagina wikipedia della Corrispondenza Husayn-McMahon) in merito alla creazione, in Medio Oriente, di un unico stato arabo (a seguito dell’importante contributo militare dato dagli stessi arabi, coadiuvati dal famoso Lawrence d’Arabia, contro il “ventre molle” alleato degli Imperi Centrali: l’Impero Ottomano), si entra nell’era delle sfere di influenza che comporta uno smembramento del Medio Oriente in diversi stati. Precisamente, ricadranno sotto il controllo dell’Inghilterra: la Giordania, l’Iraq ed una piccola area intorno ad Haifa e sotto quello della Francia: la zona sud-est della Turchia, la parte settentrionale dell’Iraq, la Siria ed il Libano. Oltre all’indipendenza viene negata l’unità stessa di un vasto e cruciale territorio in cui, è quasi inutile dirlo, uno degli elementi essenziali a ingolosire le potenze vincitrici, in particolare l’Inghilterra, è il petrolio.


Mister 5% e l’Accordo della Linea Rossa 

Calouste Gulbenkian nasce a Üsküdar, nel settore asiatico di Istanbul, il 23 marzo 1869 in una famiglia armena di probabili origini persiane. Negli anni Ottanta dell’Ottocento studia a Marsiglia e poi a Londra, al King’s College, dove si specializza in Ingegneria petrolifera.
Nel 1888 è a Baku, un centro di produzione petrolifera dell’Impero Russo.
Affascinato dalla nascente industria del petrolio lavorerà, negli anni successivi, al testo La Transcaucasie et la péninsule d’Apchéron: souvenirs de voyage, pubblicato nel 1891.
Alla fine dell’Ottocento, Gulbenkian è coinvolto nella nascente industria petrolifera in Persia anche se sarà William Knox D’Arcy ad ottenere le concessioni per lo sfruttamento dei giacimenti per poi guidare, a partire dal 1909, la Anglo-Persian-Oil-Company (APOC).
Il ruolo di Gulbenkian nel mondo del petrolio è, soprattutto, di consulenza e mediazione (verrà considerato il più grande mediatore petrolifero di tutti i tempi). L’ingegnere e uomo d’affari armeno dà impulso, nel 1912, alla creazione della Turkish Petroleum Company, la cui maggior singola azionista è la già menzionata APOC, controllata dal governo britannico. Le altre compagnie europee proprietarie della TPC sono: la Deutsche Bank, l’Anglo Saxon Oil Company (una sussidiaria della Royal Dutch Shell) e la National Bank of Turkey. La TPC, a partire dal 1929, prende il nome di Iraq Petroleum Company, di cui sono oggi congiuntamente proprietarie alcune delle più importanti compagnie petrolifere del mondo (tra cui: la BP, la Royal Dutch Shell, la ExxonMobil e la Total).

Nel 1925 la TPC  ottiene una concessione per esplorare la presenza di petrolio nei territori di quell’area che fino a pochi anni prima era ancora conosciuta come Mesopotamia e che, in base all’Accordo segreto Sykes-Picot sarebbe diventata, all’indomani della Grande Guerra e dello sbriciolamento dell’Impero Ottomano, uno nuovo stato (Iraq) sotto il controllo mandatario del governo britannico (malgrado, giova ripeterlo, avrebbe dovuto essere parte di un “Grande regno arabo” che avrebbe abbracciato buona parte del territorio fra Egitto e Persia).
Il 14 ottobre 1927 il petrolio inizia a fuoriuscire copioso in una località poco distante da Kirkuk, nel nord dell’Iraq.
Si pone, a quel punto, il problema di come spartirlo [l’Iraq sarebbe stato identificato presto come l’Eldorado del petrolio] tra le diverse compagnie proprietarie della TPC.

Le compagnie petrolifere americane sono inferocite per la spartizione segreta del Medio Oriente, a opera di Francia e Gran Bretagna.
Sarà Gulbenkian a sciogliere il nodo cruciale, coinvolgendo anche la Near East Development Corporation (NEDC), un consorzio d’imprese statunitense di cinque grandi società petrolifere: la Standard Oil of New Jersey, la Standard Oil Company of New York (Socony), la Gulf Oil, la Pan-American Petroleum and Transport Company e l’Atlantic Richfield Co. (ARCO).
Gulbenkian traccia una linea rossa che stabilisce i perimetri delle future zone di estrazione – in un’area che a quel punto non include più solo l’Iraq, come si può vedere dalla foto riportata – al cui interno, lungi dal farsi concorrenza, le diverse compagnie petrolifere debbono lavorare in reciproca collaborazione.
Il 31 luglio 1928 viene dunque firmato un accordo formale di partenariato che passa alla storia come Accordo della linea rossa.  In base ad esso, le quote della struttura societaria della TPC vengono identificate nelle seguenti proporzioni: 23,75% ognuno alla Anglo-Persian Oil Company, alla Royal Dutch Shell, alla Compagnie Française des Pétroles (CFP), e alla NEDC; il rimanente 5% resta a Calouste Gulbenkian che, da quel momento, viene anche conosciuto come Mister 5%.

Viene successivamente deciso che la TPC debba essere organizzata come una compagnia non-profit, registrata in Gran Bretagna, che produca greggio a pagamento per le sue società madri, in funzione delle loro quote azionarie. Alla compagnia stessa viene consentita la raffinazione e la commercializzazione sul mercato interno iracheno, per prevenire ogni competizione con le compagnie controllanti. Nel 1929, come accennato, la TPC diventa la IPC (Iraq Petroleum Company).


L’accordo, segreto, di Achnacarry

Nemmeno un mese dopo l’Accordo della linea rossa, il 28 agosto 1928, con il pretesto di una battuta di caccia nella brughiera scozzese, si incontrano tre personaggi cruciali del mondo del petrolio. Hanno intenzione di stipulare un nuovo accordo, segreto e formare un cartello di società petrolifere pronte ─ attraverso la negoziata, migliore gestione internazionale dell’oro nero ─ a spartirsi il mondo.

Un olandese, un americano e un inglese si incontrano dunque nel castello di Achnacarry, sulle Highland scozzesi. L’olandese si chiama Henri Deterding (1866-1939), detto anche “il Napoleone del petrolio”.Presidente, a partire dal 1900, della Royal Dutch Petroleum Company e poi della Royal Dutch/Shell fino al 1936, si sarebbe reso celebre anche per le comprovate simpatie naziste.

L’americano si chiama Walter C. Teagle (1878-1962) e rappresenta la Standard Oil Company, fondata da John Davison Rockefeller, nel 1870, a Cleveland (Ohio).
Dallo smembramento della Standard Oil — per sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti, nel 1911 — nacquero 34 distinte società, tra cui: ExxonMobilChevronSohioAmocoConocoArco e Sun.
Anche Walter C. Teagle avrebbe fatto parlare di sé in relazione alla Germania nazista, in particolare per il suo diretto coinvolgimento con la IG Farben, una conglomerata tedesca di società del ramo chimico e farmaceutico.
L’inglese si chiama Sir John Cadman (1877-1941), direttore della più volte menzionata Anglo Persian Oil Company (prima compagnia petrolifera in Medio Oriente) che, nel 1954, diventerà la BP.

Nel 1913 la APOC inizia la produzione industriale dalla raffineria ad Abadan e il governo britannico, sotto la spinta di Winston Churchill, Primo Lord dell’Ammiragliato, entra nel consiglio di amministrazione dell’azienda che dunque viene, in parte, nazionalizzata per garantire le forniture di petrolio alla flotta britannica.
Come abbiamo visto, oltre ad essere attiva in Persia, la APOC  si rivela molto interessata anche al petrolio iraqeno e, difatti, arriva a detenere, nel 1914, circa il 50% delle quote societarie della TPC.
Ad Achnacarry si stabilisce che zone di estrazione, costi di trasporto e prezzi di vendita devono essere concordati e condivisi. All’alba del 29 agosto 1928, nel castello scozzese, viene dunque siglato dai tre convenuti un patto segreto, senza contratti né firme e il cartello delle grandi compagnie petrolifere, dopo la zona circoscritta nella linea rossa segnata da Gulbenkian, si prepara ad estendere il proprio dominio al mondo intero.

I paesi consumatori vengono tenuti all’oscuro di questa decisione, come i rispettivi governi e i paesi produttori. I dettagli di quell’accordo segreto inizieranno a emergere solo all’inizio degli anni ’50.
Altre compagnie si aggiungeranno al cartello iniziale che finirà per coinvolgere le cosiddette “sette sorelle”(espressione coniata da Enrico Mattei, nel 1945): Exxon, Chevron, Shell, BP, Gulf Oil, Mobil, Texaco.

Le sette sorelle controlleranno l’85% del mercato mondiale del Greggio fino agli inizi degli anni ’70 e saranno le padrone assolute del Medio Oriente e del suo petrolio per il benessere dell’Europa e degli Stati Uniti, a tutto svantaggio dei paesi produttori.
È senz’altro interessante la chiara continuità tra i due accordi segreti: l’Accordo di Sykes-Picot (con cui la Francia e l’Inghilterra creano i presupposti per “appropriarsi indebitamente” del Medio Oriente) e quello di Achnacarry in cui si è pianificato come vampirizzare il sangue nero del mondo (in buona parte presente in quello stesso Medio Oriente, scippato ai suoi legittimi abitanti) in un regime di stretto oligopolio.

Con questo primo articolo siamo solo agli inizi di una lunga, tragica storia di sistematico depauperamento, guerre, operazioni segrete della CIA, tasse coloniali e molto altro i cui effetti stanno arrivando, in incontenibili ─ talora bellicose ─ ondate migratorie, fino a noi. - Continua...

 Manuel Olivares*
Roma, 26/09/2017

*Sociologo, autore ed editore cura il blog www.viverealtrimenti.com

 
© FioriGialli. Tutti i diritti riservati.
E' fatto divieto di pubblicazione sia totale che parziale in altra sede senza una ns. specifica autorizzazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge.



Questo è un articolo che andrebbe divulgato massicciamente. Potremmo quasi intitolarlo: Voi Padroni Del Mondo. Il nesso apparentemente casuale di guerre e sciagure,in realtà tela infernale di cui è tessuta la storia.Grazie

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
24 FEBBRAIO 2018 - ROMA -MANIFESTAZIONE PER LA LIBERTA' DI SCELTA SUI VACCINI
15 - 16 MAGGIO 2018 - ROMA AUDITORIUM - ASCANIO CELESTINI - PUEBLO
08 APRILE 2018 - ROMA AUDITORIUM - FRANCO CARDINI: ISLAM - SUNNITI CONTRO SCITI
20 NOVEMBRE 2017 ARDEA (ROMA) - CONVEGNO - RICONOSCIMENTO E VALORIZZAZIONE DELLA FIGURA DEL CAREGIVER
17 - 24 NOVEMBRE 2017 MANZIANA (VT) - LABORATORIO DI TEATRO DELL'OPPRESSO SUL TEMA DELL'OBBLIGO VACCINALE
16 DICEMBRE 2017 ROMA - WORKSHOP DAI LUCE AI TUOI DESIDERI
18 NOVEMBRE 2017 FIRENZE - CITY BOUND. EDUCAZIONE ESPERIENZIALE ALL'ARIA APERTA IN CITTA'
24 SETTEMBRE DECIMA EDIZIONE FIDUCIA DAY - ROMA
21 SETTEMBRE ROMA EVENTO FIORIGIALLI - INCONTRO CON DAYA BAI
23 SETTEMBRE 2017 ROMA - INCONTRO CON DAYA BAY
27-29 OTTOBRE - INTRODUZIONE ALLA COMUNICAZIONE NONVIOLENTA
30 SETTEMBRE - 10 OTTOBRE - CAMBIARE VITA E LAVORO, ISTRUZIONI PER L'USO - (TR)
16-17 SETTEMBRE 2017 STRESA - CONVEGNO INTERNAZIONALE MEDICINA HILDEGARDIANA
20 - 21 MAGGIO 2017 - TERRA NUOVA FESTIVAL
19 maggio 2017 - Il bambino nel secondo settennio
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it