Il mondo va male non a causa di coloro che fanno del male
ma a causa di coloro che sanno e lasciano fare!! 
Albert Einstein
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

IL NARRATORE DELLA VITA POSSIBILE



di Pierre Rabhi

Satish Kumar intervista Pierre Rabhi, un ecologista franco-algerino e filosofo del vivere in maniera semplice.
 
Satish Kumar: La nostra moderna società urbana  si è scollegata dalla Natura. Perché è importante per la gente ricollegarsi alla Natura?
 
Pierre Rabhi: Perché siamo figli della Natura! Recentemente una giornalista è venuta da me per farmi delle domande sull’acqua. Io le dissi: “Signora, lei è acqua.” Noi siamo acqua, siamo terra, siamo aria, siamo Natura. È di questo che siamo composti. È la mente che ha creato la separazione tra noi e la Natura. Questa separazione non è reale ed è per questo che oggi è così importante tornare alla fonte, ovvero da Madre Terra stessa.
 
Satish: Un numero sempre maggiore di persone vive nelle città e lavora in uffici e fabbriche, per le grandi aziende. Come far capire loro che hanno bisogno di ricollegarsi? Hanno bisogno di denaro. Devono pagare le bollette. Non pensano di aver bisogno di tornare alla Natura.
 
Pierre: Questo non è completamente vero. In Francia lavoriamo undici mesi all’anno e abbiamo un mese di ferie. Durante quel mese di vacanza tutti vanno al mare o in montagna. Perciò il bisogno di ricollegarsi alla Natura esiste.
Uno dei simboli dello scollegamento della società moderna dalla Natura è la cravatta, perché è un nodo scorsoio, proprio come un cappio. Parlando in termini simbolici, è abbastanza terrificante. Implica la subordinazione ad un sistema innaturale. Non appena finisci di lavorare, ti togli la cravatta. Ma, in primo luogo, perché mettere una cravatta?  (risata)  Secondo me è un simbolo di una sottomissione volontaria. Gli esseri umani sono stati ridotti alla schiavitù. Sono stati completamente alienati dalla Natura. Il motto della società moderna è “Dacci la tua vita, noi ti daremo uno stipendio” 
Le grandi città separano l’uomo dalla Natura. Il sole sorge e tramonta e non c’è nessuno che ne   ammiri lo splendore. La vita ci regala tutta questa bellezza, ma non c’è nessuno che la ammiri, perché gli umani sono diventati prigionieri di un fondamento logico irrazionale che ci dice che il tempo è denaro. E ci dice anche che la Natura è una fonte per fare soldi. 
 
Satish: La gente crede che il tempo sia denaro. Adesso hanno il denaro, ma non hanno più il tempo.
 
Pierre: Esatto. C’è una storia al riguardo: C’è un pescatore che ha finito la sua giornata di lavoro e si riposa sulla spiaggia mentre le reti si asciugano.
Un uomo d’affari passa, vede il pescatore e si ferma. Dice al pescatore: “È tua quella barca a remi? È molto piccola. Potresti avere una barca più grande.”
Il pescatore dice: “Per farne che?”
“Beh, se tu avessi una barca più grande pescheresti molto più pesce. Allora potresti comprare una barca ancora più grande, perché avresti guadagnato più soldi.”
Il pescatore dice: “E poi?”
“Beh, potresti assumere del personale che andrebbe a pescare per te.”
Il pescatore dice: “E poi?”
“Beh, allora potresti riposarti!”
Il pescatore dice: “Ma è esattamente quello che sto facendo adesso.” (Risata)
Questo è quello che è assurdo nel sistema moderno che ci dice: “Sempre di più, mai abbastanza”. La società moderna vive nella sovrabbondanza, ma consuma una gran quantità di tranquillanti. Perciò dobbiamo veramente pensare a qual è il modo ideale di esistere, un modo che ci permetta non solo di avere, ma anche di essere.  
 
Satish: Si crede che progresso, sviluppo e crescita economica elevino lo standard di vita della gente.
 
Pierre: È un’illusione. Ho visto gente che ha veramente molto poco eppure è molto felice. La felicità non si piò costruire con le cose materiali. Gli oggetti materiali possono darci piacere, ma non ci danno necessariamente gioia. La gioia è qualcos’altro. È un’essenza differente. In un certo senso, si potrebbe dire che è un’essenza divina. Non possiamo produrre la gioia: possiamo solo aprirci alla gioia. Non è qualcosa che possiamo conquistare.
Ma la gente vive nell’illusione e non è felice. È per questo che usano così tante droghe, per provare ad avere l’impressione di essere felici. Nella società moderna molti sono vittime della grande illusione che di più vuol dire meglio, ma di più non vuol necessariamente dire meglio. Però le cose cominciano a cambiare. La gente comincia a capire che l’abbondanza materiale non porta necessariamente alla gioia
 
Satish:   In un certo senso, la gente è in rivolta. Se prendi gli esempi della Brexit e di Trump, dimostra che la gente è in rivolta contro qualcosa, anche se questa rivolta non è affatto positiva come vorremmo sperare.  Anche la Le Pen, in Francia, attrae moltissima gente, mentre il movimento ecologico e quello organico non attraggono abbastanza persone. È una lotta difficile.
 
Pierre: Questo accade perché la gente viene strappata dalle campagne. Abbiamo creato delle città che sono come delle colture prive di terra. Gli esseri umani che vivono in queste città non sanno da dove viene il loro cibo! Coltiviamo il nostro cibo in una terra che è morta. E poi mettiamo quel cibo nei nostri corpi. Una volta qualcuno ha detto che quando ci mettiamo a tavola, invece di dire ‘Buon appetito’ dovremmo dire ‘Buona fortuna’. (Risata)  
Siamo diventati consumatori inconsapevoli e, di conseguenza, pensiamo sempre di meno. Questo rende vulnerabili gli esseri umani perché, quando non hanno punti di riferimento aldilà di quello che è stato loro insegnato, al di fuori di quel confine, ovviamente diventano facili vittime della manipolazione.  E poi scopri che l’intero criterio logico su cui si basa la società dà tutto il potere a 1.300 miliardari (in Dollari) che determinano le politiche mondiali. Sono queste persone a detenere il potere reale. Quindi possiamo dire che i cittadini sono stati presi in ostaggio da un criterio logico e siamo riusciti a convincerli che quello è il criterio logico giusto. Non appena questo accade, gli esseri umani perdono ogni potere di iniziativa. E questa è la situazione in cui siamo al momento attuale. Credo che dobbiamo agire per creare un cambiamento.
In Francia stiamo organizzando un foro civico che metterà in evidenza le straordinarie iniziative che già esistono nella società civile. Comincerà presto. È organizzato dai ‘Colibrì’. I Colibrì fanno molto per innalzare la consapevolezza dei cittadini.
Hai mai sentito la leggenda dei Nativi Americani sul colibrì? Secondo questa leggenda, una volta c’era un grande incendio nella foresta. Tutti gli animali erano terrorizzati, completamente sconvolti, e guardavano impotenti il fuoco. Solo il minuscolo colibrì era molto attivo, volando avanti e dietro verso un fiume lì vicino a raccogliere poche gocce d’acqua nel suo becco e buttandole sul fuoco.
Dopo un po’ un armadillo, che cominciava ad irritarsi a causa dell’inutile andirivieni del colibrì, gridò: “Colibrì, sei diventato completamente matto? Non riuscirai mai a spegnere il fuoco con quelle poche gocce d’acqua!”
Il colibrì rispose: “Lo so, ma faccio quel che posso.”
Il movimento dei Colibrì sta crescendo in tutta la Francia. La gente comincia a dire “Ehi, anche io posso fare qualcosa”, e lo fanno. Se posso fare qualcosa di piccolo, allor farò qualcosa di piccolo. Se posso fare qualcosa di grande, allora farò quello. Ma l’importante è agire, è fare qualcosa. Non importa quanto grande o quanto piccola, ognuno faccia la sua parte. Altrimenti i cittadini si sentono impotenti e pensano di non poter fare nulla riguardo a ciò che sta accadendo.
 
Satish: Stai dicendo che i cittadini dovrebbero prendere il potere nelle loro mani?
 
Pierre: Assolutamente. Pacificamente, senza alcuna violenza. Ma hanno bisogno di prendere il potere nelle loro mani perché i politici… Beh, il modo in cui la vedo io è che i politici praticano una forma di dinastia. Stanno cercando a tutti i costi di mantenere vivo un criterio logico di modernità, che però è già morto. Quando nel 2002 mi presentai alle elezioni presidenziali francesi, il mio slogan era “Un appello per un risveglio della coscienza”. Oggi, la questione non riguarda più la sociologia degli individui: riguarda la sociologia della coscienza.
 
Satish: Intendi dire che le persone con una mentalità ecologica dovrebbero entrare in politica e partecipare alle elezioni?
 
Pierre: In Francia esiste un partito dell’ecologia, ma purtroppo parlano solo di fatti, di cose materiali. Oggi in Europa la gente è triste. È disincantata. Non è rimasta alcuna gioia. La Natura è gioia; un partito politico non lo è. La Natura riguarda tutti. Sia il presidente della Repubblica che uno spazzino, ognuno è influenzato dalla Natura. Perciò la nostra missione è quella di spostare l’ecologia da un livello politico a un livello di coscienza. È per questo che è così importante che ogni individuo senta di essere figlio o figlia della Natura. Quando questo accadrà, ci sarà un’elevazione delle coscienze. Allora, si, mi sono presentato alle elezioni, ma adesso penso che dovremmo costruire il nostro movimento partendo dalla base e che anche il Partito dell’ecologia dovrebbe lavorare a livello di base.
 
Satish: La gente va a scuola per 15 anni. Gli viene fatto il  lavaggio del cervello, vengono condizionati a pensare che l’unico scopo della vita sia di guadagnare denaro, comprare un’auto, comprare una casa ecc. Per 15 anni…
 
Pierre: È ciò che è conosciuto come alienazione. E non è solo quello. Quando il sistema non ha più bisogno di qualcuno, quella persona viene scartata. Oggi abbiamo umani monouso, proprio come abbiamo fazzoletti usa e getta – quando non servi più, ti buttano via.
Quando analizzi le cose oggettivamente, vedi un’umanità che attribuisce molta più importanza  alla morte che alla vita. Investiamo così tanto denaro per produrre armi mortali e trascuriamo la vita. Per me questo prova che l’umanità soffre di una malattia molto seria, una malattia collettiva. È importante curare questa malattia; altrimenti l’umanità si dirigerà verso la propria distruzione.
 
Satish: Come possiamo curare questa malattia? Come possiamo arrivare alla guarigione?
 
Pierre: Ho una visione utopistica. Credo che se, a livello internazionale, smettiamo di produrre armi, se insegniamo ai bambini la cooperazione invece della competizione, se insegniamo a rispettare la Natura, a rispettare la vita, se equilibriamo le energie maschili e femminili, se facciamo tutto questo, saremo in grado di iniziare un processo che renderà l’umanità capace di sopravvivere.
Ma questa visione utopistica è ben lontana dal realizzarsi! Al momento abbiamo portato l’assurdità  ad un nuovo livello. C’è una nuova forma di oscurantismo che si maschera da scienza. Nella nostra cultura, quando dici che qualcosa è scientifico, nessuno lo mette in discussione. Diciamo ‘è scientifico’ quando vogliamo confermare e convalidare qualcosa, eppure la scienza ha fatto molte cose negative. È per questo che penso che stiamo assistendo ad un’evoluzione della mente collettiva piuttosto pericolosa. 

Satish: Quindi la scienza ha fatto molte cose negative. Ci puoi dare qualche esempio?
 
Pierre: Armi, sostanze chimiche… Agli agronomi si insegna a usare sostanze chimiche e metterle nel terreno. Il laboratori farmaceutici guadagnano un’enorme quantità di denaro inquinando l’ambiente. Nella medicina moderna ci sono degli aspetti molto negativi perché  essa non considera il paziente nella sua globalità. Si limita a prescrivere farmaci –hai questa malattia, allora prendi questa medicina. Non prende in considerazione il fatto che tu potresti essere malato fisicamente a causa di qualcosa che succede nella tua mente. È tutto collegato, ma la medicina si è ridotta semplicemente a prescrivere medicine. Naturalmente, c’è uno sviluppo positivo che non possiamo ignorare, ed è la chirurgia. Purché non si esageri…. La gente una volta moriva di cose come l’appendicite, ma oggi grazie alla chirurgia ci si può salvare.
 
Satish: Quindi, quello che suggerisci è che la scienza dovrebbe essere accompagnata da alcuni valori spirituali?

Pierre: Si, perché sono gli umani che decidono se vogliono sviluppare la scienza per il bene o per il male. Quando produciamo armi, stiamo sviluppando la scienza per il male, ma quando troviamo una nuova cura che salverà la gente, la stiamo sviluppando per il bene.

 
FioriGialli © Tutti i diritti riservati.
E' fatto divieto di pubblicazione sia totale che parziale in altra sede senza una ns. specifica autorizzazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge.
 







Libri di Pierre Rabhi in italiano
 




 

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
24 FEBBRAIO 2018 - ROMA -MANIFESTAZIONE PER LA LIBERTA' DI SCELTA SUI VACCINI
15 - 16 MAGGIO 2018 - ROMA AUDITORIUM - ASCANIO CELESTINI - PUEBLO
08 APRILE 2018 - ROMA AUDITORIUM - FRANCO CARDINI: ISLAM - SUNNITI CONTRO SCITI
20 NOVEMBRE 2017 ARDEA (ROMA) - CONVEGNO - RICONOSCIMENTO E VALORIZZAZIONE DELLA FIGURA DEL CAREGIVER
17 - 24 NOVEMBRE 2017 MANZIANA (VT) - LABORATORIO DI TEATRO DELL'OPPRESSO SUL TEMA DELL'OBBLIGO VACCINALE
16 DICEMBRE 2017 ROMA - WORKSHOP DAI LUCE AI TUOI DESIDERI
18 NOVEMBRE 2017 FIRENZE - CITY BOUND. EDUCAZIONE ESPERIENZIALE ALL'ARIA APERTA IN CITTA'
24 SETTEMBRE DECIMA EDIZIONE FIDUCIA DAY - ROMA
21 SETTEMBRE ROMA EVENTO FIORIGIALLI - INCONTRO CON DAYA BAI
23 SETTEMBRE 2017 ROMA - INCONTRO CON DAYA BAY
27-29 OTTOBRE - INTRODUZIONE ALLA COMUNICAZIONE NONVIOLENTA
30 SETTEMBRE - 10 OTTOBRE - CAMBIARE VITA E LAVORO, ISTRUZIONI PER L'USO - (TR)
16-17 SETTEMBRE 2017 STRESA - CONVEGNO INTERNAZIONALE MEDICINA HILDEGARDIANA
20 - 21 MAGGIO 2017 - TERRA NUOVA FESTIVAL
19 maggio 2017 - Il bambino nel secondo settennio
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it