nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

UNA TERRA UNA UMANITA' UN FUTURO



di Satish Kumar
 
Sostituire la vecchia storia della separazione con la nuova storia dell’unità e sposare il radicalismo radicale è l’ imperativo dei nostri giorni.
La separazione - l’idea che le cose viventi esistano individualmente, isolate le une dalle altre – è stata una storia dominante per molti secoli. Questo approccio intellettuale, persino ideologico, alla vita, occasionalmente ha il suo valore, ma i suoi limiti, in effetti i suoi danni, diventano sempre più evidenti.  
 
Il primo, e più ovvio, è la separazione che esso implica tra umani e Natura. Siamo arrivati a pensare che la Natura sia qualcosa di esterno; che le colline, i fiumi, gli oceani, le foreste, gli animali e gli uccelli siano Natura, una cosa distinta dagli esseri umani e dalle nostre azioni. (Potete consultare qualsiasi dizionario per trovare questa definizione moderna.) Questa definizione sostiene e addirittura legittima l’idea che il mondo naturale sia a noi subordinato e che esista per soddisfare i nostri bisogni.   

Seguendo tali idee di separazione, lo scopo di molta parte di scienza, tecnologia, industria ed economia è perciò diventato quello di conquistare la Natura e di utilizzarla per soddisfare gli umani bisogni e, fin troppo spesso, l’umana avidità. Pertanto possiamo fare alla Natura quello che ci pare; possiamo abbattere le foreste pluviali, pescare in eccesso negli oceani, massacrare animali a milioni con la nostra agricoltura industriale, avvelenare il suolo con agenti chimici e uccidere creature selvatiche alla ricerca del piacere, del potere o del divertimento. Secondo questo modo di vedere la Natura non ha anima, non ha spirito, non ha intelligenza, non ha memoria. La Natura è inanimata.

Ma se andiamo al suo significato originario, ci accorgiamo subito che la parola ‘natura’ vuol dire semplicemente ‘nascita’. ‘Natale’, ‘natività’, ‘natura’, hanno tutte la stessa radice. Ogni cosa che è nata è Natura. Noi esseri umani siamo nati, o no? E allora come facciamo a dire che non siamo  Natura e a comportarci come se fossimo separati dalla Natura stessa? Essendo noi Natura, quello che facciamo a questa Natura esterna lo facciamo a noi stessi.

Ora sta emergendo una nuova visione, o forse dovremmo dire che sta ri-emergendo. In questa visione siamo tutti membri di un’unica comunità della Terra. L’ambientalista Aldo Leopold la definì la “comunità biotica”. Tutte le specie, compresa quella degli esseri umani, si sostengono sugli stessi elementi di esistenza. Respiriamo tutti la stessa aria, beviamo la stessa acqua, siamo riscaldati dallo stesso sole e nutriti dalla stessa terra. Come possiamo definirci separati dalla Natura? E pertanto, come possiamo considerarci i padroni della Natura? Come facciamo a essere così stupidi da ritenerci superiori alla Natura?

Questa nuova storia, in effetti, arriva a noi da tempi molto antichi: molte culture indigene parlavano della Madre Terra e del Padre Cielo. Essi consideravano le creature a quattro zampe o a due ali, in qualche modo come fratelli e sorelle, membri di un’unica famiglia della Terra. Anche quando cacciavano o mangiavano altre creature, le loro culture imponevano che questo si facesse con un senso di riverenza, di scopo spirituale, il cui effetto era quello di stabilire forme precoci di ambientalismo, piuttosto che quello di portare le specie all’estinzione usandole come cibo.
 
Alcuni di noi vivono sulla terra, altri nel cielo e altri ancora nell’acqua, ma in definitiva la vita è tutta un’unica cosa, che si manifesta in milioni di aspetti, di forme e di facce diverse. La diversità è la danza di un’unica forza vitale. L’unità celebra se stessa nella diversità della vita. Siamo tutti collegati, siamo tutti imparentati. Siamo parte integrale della Natura. La Terra è la nostra casa comune.

La storia della separazione ha infettato anche tutte le relazioni umane. Nel nome di nazionalità o religione, sotto il mantello del colore della pelle o della razza abbiamo costruito le grandi muraglie dei meschini interessi particolari che separano una nazione dall’altra e una religione dall’altra. L’interesse nazionale americano è in contrasto con l’interesse nazionale della Russia. India e Pakistan, Cina e Giappone e molte altre nazioni considerano i propri interessi nazionali in conflitto con quelli degli altri.

Abbiamo dimenticato la verità fondamentale che prima di essere Americani o Russi, Israeliani o Palestinesi, Induisti o Mussulmani, Sciiti o Sunniti, Cattolici o Protestanti, con la pelle nera o bianca, siamo tutti membri di un’unica famiglia umana. Qualunque sia la nostra nazionalità o religione. Sotto alla pelle abbiamo tutti lo stesso sangue rosso. A livello quantistico siamo tutti protoni e fotoni. A livello spirituale siamo tutti pura coscienza. Comprendendo ciò riusciamo a trascendere tutte le divisioni e a sviluppare un modo per vivere in armonia con noi stessi, con ogni tipo di gente e con l’ambiente naturale.

La nuova storia è una storia di pluralismo radicale. È meraviglioso avere diversità di culture e di colori, di nazionalità e di religioni, di fedi e di filosofie. Sarebbe estremamente noioso se i sette miliardi di esseri umani che vivono sulla Terra avessero un solo linguaggio o una sola religione o un solo sistema politico. L’evoluzione favorisce la diversità: la biodiversità, la diversità religiosa e culturale, la diversità politica ed economica, la diversità di verità e di lingue. Che mille fiori sboccino e milioni di menti siano libere. La Terra è molto ricca. Ce n’è in abbondanza perché tutti possano condividere ed esser lieti. Non c’è alcun bisogno di temere e di combattere.

Sostituiamo la vecchia storia dei meschini interessi nazionali con la nuova storia dei nostri comuni interessi umani. Sostituiamo la vecchia storia della separazione con la nuova storia della ri-unione, trasformiamo le nostre divisioni in diversità e impegniamoci in un dialogo sulle nostre differenze. In definitiva esiste una sola Terra, una sola umanità e un solo futuro. Come diceva E.M.Forster,1 basta collegarsi.

È questione di trasformare le nostre percezioni.  Possiamo scegliere di percepire la diversità come una divisione  o come una celebrazione di unità. Possiamo guardare il mondo e vederlo come un intero e percepirlo come una rete di relazioni, o possiamo  percepire il mondo come una raccolta di opposti frammenti, scollegati e in lotta fra  loro. Nella percezione di Thomas Berry, l’eco-teologo americano, l’universo non è una serie di oggetti, ma piuttosto una ‘comunione di soggetti’.

La mente stanca di divisioni e di conflitti cerca di creare un mondo di uniformità. La globalizzazione di architettura uniforme, di cibo uniforme, di bevande e di vestiti uniformi, catene di negozi in franchising che vendono le stesse merci prodotte in massa da New York a New Delhi e da Pechino a Berlino. Questa uniformità è tutto tranne che unità.

Tutto ciò è, o dovrebbe essere, semplice buon senso, ma purtroppo questo buon senso non è più così comune. Per questo abbiamo bisogno di rammentare a noi stessi la semplice verità che guerre, terrorismo, cambiamenti climatici, povertà e gli altri immensi problemi umani sono dei semplici sintomi della malattia dalle radici ben profonde della nostra separazione dalla Natura e del nostro scollegamento dalla nostra comunità umana. Se non affrontiamo le cause profonde della nostra crisi ecologica e sociale, non saremo mai in grado di ridurre o di mitigare il dolore della povertà, l’agonia delle guerre e il pericolo causato dal caos climatico.

Dal mio punto di vista, la causa profonda della nostra crisi attuale è la vecchia storia della separazione. Pertanto, nella nuova storia dobbiamo spostarci dalla nostra visione  del mondo antropocentrica verso una visione  del mondo eco-centrica, e dobbiamo spostarci dall’interesse personale a quello.comune, vedendo l’unità nella diversità.
 
Satish Kumar
Febbraio 2016
 

1 Edward Morgan Forster (1879-1970) fu uno scrittore inglese. ‘Only connect’, ‘basta collegarsi’ era uno slogan da lui coniato.
 
© FioriGialli.Tutti i diritti riservati.
E' fatto divieto di pubblicazione sia totale che parziale in altra sede senza una ns. specifica autorizzazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge.
 

Libri di Satish Kumar



Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
24 FEBBRAIO 2018 - ROMA -MANIFESTAZIONE PER LA LIBERTA' DI SCELTA SUI VACCINI
15 - 16 MAGGIO 2018 - ROMA AUDITORIUM - ASCANIO CELESTINI - PUEBLO
08 APRILE 2018 - ROMA AUDITORIUM - FRANCO CARDINI: ISLAM - SUNNITI CONTRO SCITI
20 NOVEMBRE 2017 ARDEA (ROMA) - CONVEGNO - RICONOSCIMENTO E VALORIZZAZIONE DELLA FIGURA DEL CAREGIVER
17 - 24 NOVEMBRE 2017 MANZIANA (VT) - LABORATORIO DI TEATRO DELL'OPPRESSO SUL TEMA DELL'OBBLIGO VACCINALE
16 DICEMBRE 2017 ROMA - WORKSHOP DAI LUCE AI TUOI DESIDERI
18 NOVEMBRE 2017 FIRENZE - CITY BOUND. EDUCAZIONE ESPERIENZIALE ALL'ARIA APERTA IN CITTA'
24 SETTEMBRE DECIMA EDIZIONE FIDUCIA DAY - ROMA
21 SETTEMBRE ROMA EVENTO FIORIGIALLI - INCONTRO CON DAYA BAI
23 SETTEMBRE 2017 ROMA - INCONTRO CON DAYA BAY
27-29 OTTOBRE - INTRODUZIONE ALLA COMUNICAZIONE NONVIOLENTA
30 SETTEMBRE - 10 OTTOBRE - CAMBIARE VITA E LAVORO, ISTRUZIONI PER L'USO - (TR)
16-17 SETTEMBRE 2017 STRESA - CONVEGNO INTERNAZIONALE MEDICINA HILDEGARDIANA
20 - 21 MAGGIO 2017 - TERRA NUOVA FESTIVAL
19 maggio 2017 - Il bambino nel secondo settennio
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it