La bellezza salverà il mondo (Dostoevskij)
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

LA TERZA REPUBBLICA DEI CITTADINI?



di Massimo Marino

Tramortiti dai risultati elettorali del 4 marzo con la falange grillina che conquista il sud, rincoglioniti da 90 giorni di telenovelas dei media sul governo del cambiamento che non nasceva, allarmati dal conflitto istituzionale azzardato da Mattarella con qualche passo di troppo, impauriti da qualche colpetto a base di spread educativo come le bastonate, perplessi dalla lotteria elettorale, caso unico nel mondo, dove da 4 mesi si vota a ripetizione da qualche parte, irritati od entusiasti per l’imprevisto successo dell’ex partito della secessione padana che sembra dilagare come una esondazione del Po, rischiamo di non capirci più niente.

Se il Movimento 5Stelle ha effettivamente archiviato la seconda Repubblica con i suoi rottami e i suoi orrori è difficile prevedere se nascerà e quale sarà la terza Repubblica.  E’ il caso di elencare i rilevanti aspetti positivi provocati dal fenomeno 5stelle, ricordare i suoi persistenti punti deboli, tentare qualche proposta perché le lodi e gli insulti sono fin troppo abbondanti ma le riflessioni sono poche. Stiamo parlando di una esperienza che non ha paragoni in nessun altro paese del mondo, che sfugge alle classificazioni tradizionali della destra e della sinistra, dei conservatori e dei progressisti, ma che nei contenuti è assolutamente innovativa.

Al centro stà l’impegno di garantire una sopravvivenza decente per almeno 5 milioni di persone con il reddito di cittadinanza. Spazzerebbe via gran parte del clientelismo e riequilibrerebbe la tenuta sociale del paese attenuando le crescenti disuguaglianze.  Proprio per questo trova un fronte di ostilità nelle elites del paese  e nelle burocrazie europee ma anche un imprevisto successo popolare. Pochi lo riconoscono ma siamo di fronte ad una guerra civile strisciante e a bassa intensità in cui quasi nessuno identifica con esattezza chi è il suo nemico e i cui esiti sono difficili da prevedere.

1. E’ paradossale ma il rosatellum, un sistema elettorale basato finalmente su un prevalente sistema proporzionale ma con l’imbroglio delle coalizioni prevoto che ha regalato 900mila voti al PD, nato per garantire di soppiatto un “inevitabile” governo PD-Forza Italia, grazie al voto degli elettori che hanno messo nell’angolo entrambi, si è rovesciato nel suo contrario.  Ci ha dato una quasi perfetta rappresentanza dei voti espressi imponendo uno “ scenario tedesco “, con il quale sulla base di un compromesso sui programmi si costruisce una possibile maggioranza. Scenario a cui non eravamo abituati e che molti non comprendono. La proposta dei grillini del contratto invece che delle classiche alleanze è del tutto adeguata e corretta e per la prima volta gli italiani hanno avuto la possibilità di valutare programmi e progetti come mai è successo negli ultimi 50 anni. 

2. Come più volte ho sottolineato insieme a pochi altri, i punti di innovazione dei 5Stelle sono tre e sono inseparabili: a) la forte connotazione “sociale” che mette in primo piano la condizione della parte più debole e precaria del paese, posizione che una volta si sarebbe detta “di sinistra”, di cui il reddito di cittadinanza e il meno noto salario minimo orario sono chiara rappresentazione. b) la forte attenzione agli obiettivi di tutela ambientale che porta il Movimento ad essere la forza politica a connotazione ecologista più consistente d’Europa e di cui Tav, Acqua pubblica e Rinnovabili sono elementi rilevanti c) l’intransigente connotazione anticasta e contro il tradizionale sistema politico con le sue vocazioni corruttive e clientelari che iscrive impropriamente i 5stelle nell’area dei populisti , di cui riduzione costi della politica , vitalizi, pensioni d’oro sono l’emblema.

Più problematici invece altri temi su cui l’elaborazione del M5Stelle è più incerta e le opinioni in genere sono più superficiali, ed espongono a sbandamenti e attacchi : il rapporto con l’Europa e l’Euro, la gestione  dell’immigrazione di massa, i cosiddetti diritti civili individuali, la cosiddetta libertà di stampa. Temi insidiosi e complicati sui quali sarebbe necessaria una profonda elaborazione che mi sembra assente.
 
3. Sulla collocazione “trasversale” dei 5stelle si spendono fiumi di chiacchiere, illazioni, campagne denigratorie. Sono una forza populista di destra o che tende a destra come sostengono PD e affini? Sono il nuovo pericolo comunista come sostengono Berlusconi e la Meloni?  A me sembra corretto vedere il Movimento come una innovativa forza di centro che invece di connotazioni moderate ha una forte vocazione di riformismo radicale, per certi aspetti rivoluzionario, che si contrappone a quella “palude di centro” che da decenni occupa il sistema politico, basata in Italia su una alleanza sociale rappresentata nelle istituzioni da PD, Forza Italia e gruppi minori che sembra storicamente fallita e al tramonto. Con le varianti locali questi protagonisti del passato sono presenti in vari altri paesi dell’Europa e sono i principali responsabili della crisi, vicina alla dissoluzione, dell’Unità Europea.

Questa mia interpretazione, che so bene quanto sia poco diffusa, diventa più sostenibile se si osserva come il fronte ostile ai 5Stelle sia unanimemente espresso sui media da un fronte compatto di destra e di sinistra, fra confindustriali, banchieri e vertici sindacali, mentre il successo elettorale, per quanto oscillante fra elezioni nazionali e locali, aumenta.  Guarda caso tutti i soggetti ostili sono quelli che hanno espresso, rappresentato, sostenuto il vecchio sistema dei partiti con differenze interne di facciata, con il dilagare del clientelismo e della corruzione, a volte perfino con la contiguità con i gruppi mafiosi che controllano parti rilevanti del territorio.

Naturalmente è una alleanza sociale ancora egemone per quanto minoritaria, che controlla totalmente il sistema dei media, che va disgregata per quanto possibile se si vuole attuare davvero un cambiamento, perché lo Stato sono ancora loro . Da questo dipende la connotazione futura della cosiddetta terza Repubblica. Non è scontato che il M5Stelle sia in grado di reggere questo scontro o che venga gradualmente fatto a pezzi, ne che non possa essere assimilato alle vecchie logiche che porterebbe comunque alla scomparsa. Ma non ci sono oggi altri protagonisti su cui contare e chi si atteggia al ruolo di vera alternativa è solo un imbroglione o un impotente sognatore.
  
4. La recente presenza elettorale dei 5Stelle si è caratterizzata per  il prevalere della figura simbolica del leader su quella esplicita del progetto. Di fatto si è messo in primo piano il leader (Di Maio) invece del progetto (Le 5Stelle). Eccesso di ego o meglio grande errore politico. Ho già sostenuto prima del 4 marzo che gli aspetti positivi di questa rilevante novità sono illusori e momentanei e rapidamente sovrastati da quelli negativi. La concentrazione dell’attenzione sul leader invece che sul progetto (che nel caso di Di Maio per chi ben ricorda ha visto la scelta fatta dai media e solo successivamente proclamata da un voto degli aderenti) rende nell’immediato più rapida e riconoscibile l’immagine del partito ma nel caso di un movimento di alternativa lo rende molto più vulnerabile in breve tempo se non ha con sé il sistema mediatico (vedi qui e qui).

E’ bene ricordare che l’intero sistema dei media è stato occupato militarmente negli ultimi decenni dalla grande alleanza che ha avuto simbolicamente espressione nel patto del nazareno Berlusconi-Renzi. Se non si corre a correggere l’errore è facile prevedere che concentrando i colpi su Di Maio come nella battaglia navale il M5Stelle verrà affondato. In un errore simile è già incorso Podemos,  che dopo i primi successi che sembrava renderlo inarrestabile ha fatto due errori da manuale. Da una parte si è reinfilato nell’alveo tradizionale della sinistra estrema con l’alleanza nelle elezioni anticipate del 2016 con la Izquiera Unida ( Unidos Podemos) che invece di aggiungergli un milione di voti come immaginato glieli ha fatti perdere. Si è consentito così il successo del gruppo di moderati-radicali di Ciudadamos, oggi primo partito in Spagna nei sondaggi.

Dall’altra parte la visibilità personale voluta e ottenuta del leader Iglesias è risultata vantaggiosa per poco tempo. Il tempo per i media spagnoli, fotocopia imbruttita di quelli italiani, per organizzare l’attacco. Come per Di Maio hanno messo a punto un quotidiano sistema denigratorio contro Iglesias. Si è arrivati perfino a far diventare problema politico di primo piano un alloggio di qualità comprato con la fidanzata su cui alla fine si è fatto un referendum interno a Podemos in cui hanno votato  188mila iscritti. (vedi qui e qui ). Oggi Podemos è il quarto partito nei sondaggi, quasi la metà di Ciudadamos che veleggia al 30%. 

5. Dietro l’apparente emersione del fenomeno Salvini degli ultimi mesi, dietro l’apparente critica alle sue intransigenti posizioni sul fenomeno immigrazione-sicurezza, si manifesta invece un più o meno involontario assist elettorale nei confronti della Lega, molto meno temuta del M5Stelle. La politica antiimmigrati della Lega sottolinea problemi assolutamente reali e propone soluzioni miserabili o inaccettabili. Nei fatti questa politica è difficilmente distinguibile da quella di Minniti o di Macron,  ma l’abile gestione scenica e plateale di Salvini la rende molto vantaggiosa sul piano elettorale e culturalmente devastante.

Senza entrare qui nel merito, anche se non è fra i più importanti, si tratta di uno dei punti più delicati del contratto a due. Se il M5Stelle, oltre che la ragione, riuscirà a proporre e imporre soluzioni più innovative e umanamente accettabili sarà un grande risultato e la coalizione terrà.  In caso contrario  contribuirà alla dissoluzione del nuovo governo. Analoga questione al rovescio riguarda la TAV e in generale l’enorme problema delle grandi opere, della mobilità e della crisi ambientale specie della pianura padana, tre questioni intrecciate fra loro.

Se la posizione dei 5Stelle sul tema  è nota, anche se messa in ombra negli ultimi mesi con la gestione Di Maio, la sostanziale indifferenza della Lega è analoga a quella dei vecchi partiti ( PD e FI), dietro cui si nascondono interessi privati e clientele diffuse. Le risorse impegnate per anni su Tav, autostrade, alta velocità mettono in un limbo di un futuro lontano la disponibilità di risorse per dotare di una rete metropolitana diffusa le grandi metropoli a partire da Torino, Roma e una decina di altre città di grande o media dimensione. Servirebbero in Italia 1000 km di reti metropolitane, fino alle città di media grandezza. È un problema di soldi. Se si tengono aperti i cantieri di opere come la TAV non si apriranno mai i cantieri delle reti metro, anzi neppure se ne discuterà seriamente. Per non parlare della illusione delle auto elettriche, che del problema della crisi della mobilità non risolvono nulla.

 6. Non si può non accennare alle occasioni mancate dai 5Stelle, ad esempio proposte importanti peraltro attuabili a costo zero. La prima è la mancata proposta dell’election day con la quale ci saremmo evitati lo sgocciolamento del voto delle elezioni politiche in marzo, del Molise e Friuli in aprile, della Val D’Aosta in maggio e di 700 comuni in giugno, tutto nell’arco di meno di 4 mesi. Si sarebbe favorita la partecipazione, ridotti i costi e resi meno occasionali gli orientamenti elettorali. Si potrebbe concentrare stabilmente tutte le scadenze elettorali ad un giorno stabilito di ogni anno, ad esempio la domenica più vicina al 25 aprile, comprendendo per obbligo anche gli eventuali appuntamenti referendari.

Non condivido per nulla la proposta contenuta nel programma 5Stelle di eliminare il quorum del 51% per i referendum abrogativi, secondo me del tutto contraddittoria con l’esigenza di sondare sempre il parere della maggioranza, evitando scorciatoie e precedenti pericolosi. Inoltre trovo singolare che un movimento come quello dei5Stelle non abbia mai utilizzato lo strumento referendario e che abbia lasciato naufragare le 12 proposte referendarie fallite dai vari comitati dell’area di sinistra per insufficienza di firme.

Un segnale della rigidità e sostanziale debolezza della leadership del Movimento, della assenza di un progetto di organizzazione adeguato nel territorio, della ristretta presenza locale ridotta a piccoli gruppi chiusi e orientati eccessivamente alla sola scadenza elettorale.   Invece si sarebbe occupato il centro della scena politica in accordo con i numerosi comitatini incapaci di lavorare insieme fra loro e si sarebbero  portate a casa una serie di sicure vittorie forse altrettanto rilevanti di quanto si otterrà, forse, dall’esperimento dell’attuale governo

Massimo Marino
Torino, 12/06/2018


 
© FioriGialli.Tutti i diritti riservati.
E' fatto divieto di pubblicazione sia totale che parziale in altra sede senza una ns. specifica autorizzazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge.



buongiorno
ho letto le sue considerazioni sul nuovo governo e sul vecchio che ha quasi distrutto l'Italia. Ovviamente come me un sacco di persone crede in questa unione Lega - 5S. Quello che stanno facendo è restituire dignità al nostro povero paese ridotto in fin di vita dalla casta elitaria dei radical chic...e non si arrendono...attaccano da ovunque ed è il tipico atteggiamento dei derelitti....hanno mangiato a tradimento, ignorato il loro popolo a favore degli clandestini ( in ottima forma !) e permesso le loro violenze senza mai fare nulla. Ora, meno male che Salvini ci sta restituendo l'Onore. IL paese dei pagliacci come si legge tra le righe nelle parole degli imperatori UE ( macron, merkel, soros, junker...e chi più ne ha ne metta). La sinistra ha fallito miseramente perchè ha pensato di essere tornata indietro di millenni ai tempi del SPQR con i suoi "sudditi e Schiavi". Ma, dal mio punto di vista questa è l'alba di una nuova Rivoluzione Francese.....

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
24 FEBBRAIO 2018 - ROMA -MANIFESTAZIONE PER LA LIBERTA' DI SCELTA SUI VACCINI
15 - 16 MAGGIO 2018 - ROMA AUDITORIUM - ASCANIO CELESTINI - PUEBLO
08 APRILE 2018 - ROMA AUDITORIUM - FRANCO CARDINI: ISLAM - SUNNITI CONTRO SCITI
20 NOVEMBRE 2017 ARDEA (ROMA) - CONVEGNO - RICONOSCIMENTO E VALORIZZAZIONE DELLA FIGURA DEL CAREGIVER
17 - 24 NOVEMBRE 2017 MANZIANA (VT) - LABORATORIO DI TEATRO DELL'OPPRESSO SUL TEMA DELL'OBBLIGO VACCINALE
16 DICEMBRE 2017 ROMA - WORKSHOP DAI LUCE AI TUOI DESIDERI
18 NOVEMBRE 2017 FIRENZE - CITY BOUND. EDUCAZIONE ESPERIENZIALE ALL'ARIA APERTA IN CITTA'
24 SETTEMBRE DECIMA EDIZIONE FIDUCIA DAY - ROMA
21 SETTEMBRE ROMA EVENTO FIORIGIALLI - INCONTRO CON DAYA BAI
23 SETTEMBRE 2017 ROMA - INCONTRO CON DAYA BAY
27-29 OTTOBRE - INTRODUZIONE ALLA COMUNICAZIONE NONVIOLENTA
30 SETTEMBRE - 10 OTTOBRE - CAMBIARE VITA E LAVORO, ISTRUZIONI PER L'USO - (TR)
16-17 SETTEMBRE 2017 STRESA - CONVEGNO INTERNAZIONALE MEDICINA HILDEGARDIANA
20 - 21 MAGGIO 2017 - TERRA NUOVA FESTIVAL
19 maggio 2017 - Il bambino nel secondo settennio
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it