forestiero che vai cercando la pace al crepuscolo, 
la troverai alla fine della strada. (F. Battiato)

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
     News
Ricerca libera
cerca
anno:
mese:
 

Calendario eventi
dal mese
dall'anno
 

piemonte e val d'aosta lombardia trentino alto adige veneto friuli emilia romagna liguria toscana marche umbria lazio Abbruzzo e molise abbruzzo e Molise campania puglia basilicata calabria sicilia sardegna
BOLOGNA   FIRENZE   MILANO   ROMA   INTERNAZIONALI  


ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail


Argomenti
Notizie & News
Corsi e Seminari
Viaggi & Vacanze
Convegni - Incontri
Fiere e Mercati
Concerti
Spettacoli
Associazioni e Scuole
Aziende e Negozi
Agriturismi
Mondo Biologico
Medicina Naturale
Ecologia & Ambiente
Società e Solidarietà
Ricerca Spirituale
Yoga
Energie Rinnovabili
Bioedilizia
Vivere Insieme
Cerco/Offro
Segnalazioni
Terapie Olistiche
Cerca per area geografica
ABRUZZO E MOLISE
BASILICATA
CALABRIA
CAMPANIA
EMILIA ROMAGNA
FRIULI
LAZIO
LIGURIA
LOMBARDIA
MARCHE
PIEMONTE E VAL D'AOSTA
PUGLIA
SARDEGNA
SICILIA
TOSCANA
TRENTINO-ALTO ADIGE
UMBRIA
VENETO
BOLOGNA
FIRENZE
MILANO
ROMA
INTERNAZIONALI
Archivio Dossier
<< torna indietro     nella localit&arave;: LOMBARDIA     argomento: Notizie & News del: 21/12/2008
News: ACQUE CONTAMINATE DALL'AGRICOLTURA INDUSTRIALE

Kofi Annan, il Segretario generale delle Nazioni Unite, colpisce nel segno quando dichiara che la crisi dell'acqua non riguarda solo i paesi in via di sviluppo: negli Stati Uniti milioni di persone bevono acqua non conforme alle norme di sicurezza previste per l'acqua potabile. Lo stessa sorte  toccata agli italiani. In Italia le risorse idriche risultano contaminate da 131 tipi di pesticidi diversi: sono stati rilevati in concentrazione superiore ai limiti previsti dalla legge per le acque potabili nel 36,6% delle 1.123 acque superficiali analizzate a campione e nel 10,3% delle 2.280 sotterranee.
 
Rispetto agli insetticidi e ai funghicidi, le sostanze chimiche rilevate in maggiore quantità sono gli erbicidi per il controllo degli infestanti. La mobilità di questi prodotti fitosanitari inquinanti  dovuta alle modalità di trattamento - spesso direttamente al suolo ad assorbimento radicale - concomitante a un fattore climatico - come un periodo di precipitazioni intense - che, scorrendo e infiltrandosi, rapidamente li trasportano alle acque in superficie e nel sottosuolo. Il contaminante a maggiore diffusione risulta essere la terbutilazina, attualmente autorizzata in Italia soltanto per mais e sorgo, in corso di valutazione in sede europea, riscontrata in Veneto, Lombardia, Piemonte e in alcune regioni del centro-sud.

Diffusa anche la presenza di un'altra sostanza chimica, dannosa per l'equilibrio ormonale umano e per gli ecosistemi idrici: l'atrazina, diserbante selettivo per il controllo di infestanti annuali e totale per terreni incolti, di elevata persistenza ambientale, ritrovata come residuo del fortissimo abuso antecedente al divieto di commercio dagli anni Ottanta oppure frutto di un odierno esercizio illegale. Anche le miscele di sostanze tossiche diverse, riscontrate a minori livelli inquinanti, non sono da sottovalutare essendo ancora impossibile determinare tutti gli effetti provocati da condizioni di accumulo.

Il dossier °Residui di prodotti fitosanitari nelle acque - Rapporto annuale, dati 2006, realizzato dall'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), appena pubblicato, raccoglie e controlla le misurazioni trasmesse da 19 regioni/province autonome italiane. Le analisi sui 11.703 campioni inviati da 3.403 punti di raccolta confermano ed evidenziano lo stato di contaminazione del corpo idrico di superficie e di falda, rinvenuto già dall'avvio del piano nazionale di indagine nel 2003. Le sostanze sintetiche dei prodotti fitosanitari, attive nella lotta contro determinati organismi nocivi, ma inquinanti e pericolose per tutti i viventi, sono state riscontrate nell'ambiente e nella produzione agricola.

L'impatto derivato, immediato e a lungo termine, rischioso per gli ecosistemi, dovrà venire mitigato dalle misure di intervento necessarie a garantire la sicurezza idrica e la sanità pubblica. Attualmente un quantitativo di 150.000 tonnellate all'anno di 350 tipologie di sostanze diverse viene consumato complessivamente nel 70% della superficie agricola in Italia.

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it