forestiero che vai cercando la pace al crepuscolo, 
la troverai alla fine della strada. (F. Battiato)
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
     News
Ricerca libera
cerca
anno:
mese:
 

Calendario eventi
dal mese
dall'anno
 

piemonte e val d'aosta lombardia trentino alto adige veneto friuli emilia romagna liguria toscana marche umbria lazio Abbruzzo e molise abbruzzo e Molise campania puglia basilicata calabria sicilia sardegna
BOLOGNA   FIRENZE   MILANO   ROMA   INTERNAZIONALI  


ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail


Argomenti
NOTIZIE ED EVENTI
CORSI E SEMINARI
VIAGGI & VACANZE
CONVEGNI - INCONTRI
FIERE E MERCATINI
CONCERTI
MOSTRE D'ARTE
SPETTACOLI
ASSOCIAZIONI E SCUOLE
AZIENDE E NEGOZI
AGRITURISMI
MONDO BIOLOGICO
MEDICINA NATURALE
ECOLOGIA E AMBIENTE
SOCIETA' E SOLIDARIETA'
RICERCA SPIRITUALE
YOGA
ENERGIE RINNOVABILI
BIOEDILIZIA
VIVERE INSIEME
CERCO/OFFRO
SEGNALAZIONI
TERAPIE OLISTICHE
Cerca per area geografica
ABRUZZO E MOLISE
BASILICATA
CALABRIA
CAMPANIA
EMILIA ROMAGNA
FRIULI
LAZIO
LIGURIA
LOMBARDIA
MARCHE
PIEMONTE E VAL D'AOSTA
PUGLIA
SARDEGNA
SICILIA
TOSCANA
TRENTINO-ALTO ADIGE
UMBRIA
VENETO
BOLOGNA
FIRENZE
MILANO
ROMA
INTERNAZIONALI
Archivio Dossier
<< torna indietro     argomento: NOTIZIE ED EVENTI del: 22/07/2014
News: LAVORARE MENO, LAVORARE TUTTI

di Nicola Cacace *
       (1)  Lavorare meno per lavorare tutti, come in Germania
La terza rivoluzione industriale che sta trasformando il mondo, quella dell´elettronica, a differenza delle prime due, quelle del vapore e dell´elettricità, distrugge più posti di lavoro di quanti non ne crea, soprattutto nei paesi industriali. Lo hanno scoperto da anni gli istituti di ricerca più seria e i paesi più attenti, che hanno reagito con politiche di redistribuzione del lavoro, riducendo le ore annue lavorate per persona, puntando sulla qualità di merci e servizi, il contrario di quanto fatto dai paesi meno attenti, tra cui Italia, Grecia, Spagna. The Death of the Distance, la morte delle distanza, secondo un felice prima pagina dell´Economist, significa che il costo di spostamento di merci ed informazioni è crollato a livelli tali che il prodotto fatto a Napoli è in concorrenza diretta con quello fatto a Pechino e che l´innovazione prodotta a Tokio in poche ore può essere realizzata a Milano.
Se si aggiunge il fatto che con la globalizzazione i tassi di crescita dei paesi emergenti, quelli che partivano più in basso nella corsa dell´economia, crescono da anni e continueranno a crescere per anni, con velocità 3-4 volte superiori a quelle dei paesi industriali, 5%-6% contro 1%-2%, ecco spiegato perché, tra i paesi industriali, solo quelli che da anni praticano politiche di redistribuzione del lavoro sono riusciti a mantenere bassa la disoccupazione e soprattutto alti i tassi di occupazione (quota di occupati sulla popolazione in età da lavoro). Quest´ultima è la vera misura della si tuazione occupazionale di un paese, mostrando il numero di persone, in età da lavoro, che veramente lavorano. Talvolta il tasso di occupazione scende perché disoccupati scoraggiati non cercano più attivamente lavoro e, statisticamente, passano tra gli inattivi, quelli che non studiano e non lavorano. L´Italia è un esempio classico, avendo la più alta quota di inattivi quasi 14 milioni pari al 35% della popolazione in età da lavoro.
Per non farla troppo lunga, elencherò i paesi europei con tassi di occupazione superiore al 70% e quelli con tasso di occupazione inferiore al 60%. Si scoprirà che i paesi ad alta occupazione sono quelli che hanno ridotto fortemente gli orari di lavoro negli ultimi 20 anni, a differenza dei secondi. Germania e Francia sono i paesi che più di tutti hanno ridotto gli orari annui di lavoro procapite (dati Ocse), passati da 1800 del 1990 alle 1400 ore del 2012. Anche Norvegia ed Olanda hanno oggi orari annui di 1400 ore, seguiti da Danimarca con 1500 ore, Svezia e Finlandia con 1600 ore, Austria con 1700 ore. Tutti questi paesi hanno bassa disoccupazione, tra 5% e 8% e soprattutto alti tassi di occupazione dal 70% in su. Dall´altra parte ci sono Italia, Grecia e Spagna con alta disoccupazione, bassi tassi di occupazione (inferiori al 60%) e lunghi orari di lavoro, che erano nel 2012, 2034 ore per la Grecia, 1752 per l´Italia, 1686 per la Spagna. E questo avviene perché i Jobs Act di questi sfortunati paesi, guidati da incompetenti di politiche del lavoro del XXI secolo, incentivano i lunghi orari e gli straordinari mentre gli altri incentivano part time, orari ridotti e eliminano gli straordinari come la Germania. Con le attuali politiche del lavoro (e con crescite del Pil dello 0 virgola, purtroppo, né Poletti, né Renzi creeranno un sol posto di lavoro. Please, copiate le buone pratiche di Germania ed altri paesi virtuosi.
 (2) Senza lavoro l’Italia muore, ma come creare lavoro senza crescita?
"Senza lavoro l´Italia finisce", così il presidente Napolitano ha risposto ad una domanda di un cittadino a Monfalcone, dove presiedeva le commemorazioni della grande guerra. Mai il presidente si era espresso con linguaggio così duro ed ultimativo, non è nelle sue corde. Abbiamo scoperto o riscoperto che è nelle corde di Giorgio Napolitano saper cogliere la gravità ed importanza dei problemi adeguando il linguaggio.
Da questo punto di vista la posizione dell´Italia è drammatica. La drammaticità non è evidenziata tanto nei tassi di disoccupazione, tota le e giovanile di alcuni punti superiori alla media europea, la drammaticità è evidente nei tassi di occupazione, che Eurostat misura dal rapporto occupati/popolazione 20-64 anni. Mentre il tasso di disoccupazione è alterato dallo scoraggiamento di chi, dopo aver cercato invano un lavoro, senza trovarlo, statisticamente passa da disoccupato ad inattivo, il tasso di occupazione fotografa la situazione occupazionale reale: quanti cittadini in età da lavoro lavorano? Allora scopriamo la drammatica situazione dell´Italia che, sui 28 paesi dell´Unione Europa, divide con solo altri 3 disperati paesi, Grecia, Spagna e Croazia un tasso di occupazione Eurostat del 58% di 10 punti inferiore alla media, dico media, del 28 paesi, il 68%. Questo significa che all´Italia mancano quasi 4 milioni di posti lavoro per essere in media europea, con Romania, Bulgaria, Slovacchia, Grecia e Portogallo compresi.
A questo punto una domanda si pone: con i previsti tassi di crescita del Pil, inferiori all´1% o di poco superiori se Bruxelles allenta i cordoni di una austerità omicida, come e quando si creeranno i lavori necessari per avvicinare l´Italia all´Europa? E parlo di Europa media, non parlo di Germania, Austria, Danimarca, Olanda, Finlandia, Svezia, Gran Bretagna e Norvegia, tutti paesi con tasso di occupazione superiore al 70%, dove lavorano veramente tutti quelli che non studiano e vogliono lavorare.
Nel mentre lottiamo e cerchiamo tutti i modi per riavviare una crescita economica più sostanziosa dello zero virgola, facendo gli investimenti necessari e possibili, nazionali ed europei, c´è una sola via da seguire per non mandare alla disperazione i giovani, quei pochi che abbiamo, dopo il dimezzamento delle nascite da 1 milione a mezzo milione, pochi che costringiamo anche ad emigrare per trovare un lavoro adatto alle loro conoscenze.
Nei paesi con tassi di occupazione normali da anni si incentivano gli orari corti, in pratica si distribuisce il lavoro, cercando di aumentare il valore delle produzioni più che i volumi. In Italia si fa il contrario, incentivando gli straordinari che la Germania ha eliminato, sostituendoli con la banca delle ore. La Germania è stata maestra, negli ultimi anni di vacche magre – anche in Germania il Pil da anni non supera l´1% medio – ha ridotto le ore di lavoro da 60 a 58 miliardi senza ridurre l´occupazione. In Olanda quasi metà della popolazione lavora part time, in tutti paesi con tassi di occupazione superiori ai nostri, gli orari annui di lavoro vanno dalle 1400 alle 1600 ore, contro le 1800 ore dell´Italia e le 2000 della Grecia.
Bisogna spiegare chiaramente ai nostri politici, sindacalisti ed industriali che con i miseri tassi previsti di crescita del Pil non si creerà nemmeno 1 posto lavoro, tanto meno i 4 milioni che servono "all´Italia per non morire" , come ha disperatamente detto il nostro Presidente. Per avvicinare l´Italia all´Europa bisogna studiare le "buone pratiche" di chi, anche redistribuendo lavoro, ha mantenuto alti i livelli occupazionali anche in anni di vacche magre. In Italia nessuno vuole studiare o copiare, tutti si credono più furbi, e rischiamo di morire di furbizia.
·         da www.sindacalmente.org   - 12 luglio 2014 


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it