Il mondo va male non a causa di coloro che fanno del male
ma a causa di coloro che sanno e lasciano fare!! 
Albert Einstein

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

L'IMPERATORE NUDO 2020



di Paolo Cesaretti

C’era una volta un imperatore che incedeva in una pomposa sfilata per le vie della sua città. Egli si pavoneggiava delle sue vesti ma nei fatti era ignudo; due impostori lo avevano convinto di saper tessere per lui “la stoffa più straordinaria che si poteva immaginare”, e “i vestiti che si facevano con quella stoffa” diventavano invisibili agli “uomini che non erano all’altezza della loro carica o erano imperdonabilmente stupidi”. Ma nessuna stoffa speciale era mai stata posta sul telaio, i due avevano solo simulato di abbigliare con fasto l’imperatore, ricevendo però da lui veri denari, in grande quantità, nonché insigni titoli d’onore. In effetti nessuno – imperatore compreso - “voleva mostrare che non vedeva niente”: tale era il timore di apparire stupidi e il sentimento della propria inadeguatezza! Ma un bambino infine esclamò che il sovrano “non aveva niente indosso”. Allora presto “tutta la gente urlò”, ripetendo le sue parole. L’imperatore fu così costretto a una ridicola conclusione della sua sfilata.
 
Sono passati quasi due secoli dal 1837, quando Hans Christian Andersen pubblicò I vestiti nuovi dell’imperatore, fiaba famosa che ciclicamente si offre alla sfida delle interpretazioni. Ma la coscienza collettiva – nonostante siano ora accessibili canali di conoscenza e di informazione che mai hanno avuto l’eguale – parrebbe avere compiuto passi indietro anziché avanti, perciò la realtà si mostra ben più irreale della fiaba. La folla di allora, al grido del bambino, aveva infatti saputo uscire dal sortilegio e riconoscere l’evidenza; oggi invece gli ambienti di informazione politica e culturale, cui competerebbe almeno informare il pubblico, preferiscono ritorcere e persino distorcere contro il bambino quella stessa evidenza che egli ha saputo dire. Così un enunciato veritiero si trasforma in colpa imperdonabile, e diventa invece socialmente e culturalmente appropriato (con rare eccezioni) etichettare l’evidenza come menzogna o come falso - quasi che sia consapevole, razionale e magari “laico” perdurare nell’inganno, e propagarlo, denigrando chi ha avuto il merito di smascherarlo.

È così successo che una frase di una giovane parlamentare, estrapolata dal contesto dell’intervento da lei pronunciato in Camera dei Deputati il 14 maggio 2020, sia stata commentata con livore corrosivo nelle prime pagine dei maggiori quotidiani. Come spesso accade, l’attacco alle sue parole (ma il suo testo sarà stato ascoltato per intero, o letto nella versione ufficiale stenografata della Camera?) è poi divenuto attacco diretto alla persona, e gli organi di stampa che arrogano a sé il ruolo di custodi della corretta informazione hanno definito la parlamentare una “personificazione farsesca del complottismo”, una “diseguale” (in altre parole: una disabile) della politica, persino un virus da eliminare, deprecando che “contro i no vax non c’è vaccino”.

I paladini del politically correct sono ben lesti a dimenticarsene nei confronti di chi non si omologa a loro, e questo si sapeva. Ma nel caso in questione, ciò che più conta è che fingendo di riportare le affermazioni di Sara Cunial (è di lei che si tratta) le hanno distorte, connotando come “offese”, e specialmente come offese a persone del potere costituito, quelle che sono invece enunciazioni di evidenze e di fatti alla luce del sole.

L’on. Cunial, ora nel Gruppo Misto della Camera, proviene dalle file del Movimento 5 Stelle: diventa pertanto  agevole definirla ”simpatico regalo dei pentastellati”, eppure lo stesso ambito politico viene taciuto in riferimento a nient’altri che il premier Conte, nei cui confronti ci si astiene da ogni sarcasmo. Quanto poi a uno dei Signori del Mondo, se non proprio il suo imperatore, ossia Bill Gates, si deprecano le presunte offese e si tacciono i fatti, e cioè che il famoso (o famigerato) Event 201 ricordato dalla Cunial è stato promosso tra gli altri dalla Fondazione di Bill e Melinda Gates nell’Ottobre 2019, e che si è trattato della simulazione di una imminente pandemia planetaria da coronavirus (www.centerforhealthsecurity.org/event201/); che la medesima Fondazione sia tra i principali finanziatori planetari dell’OMS (www.who.int/tdr/about/funding/funders/en/ nonché https://www.corriere.it/dataroom-milena-gabanelli/oms-coronavirus-bill-gates-cina-stati-uniti-europa-comanda-davvero-covid-pandemia-5g-etiopia/8ca94b96-92dc-11ea-88e1-10b8fb89502c-va.shtml), i cui ondivaghi atteggiamenti rispetto al virus COVID 19 sono di evidenza comune; che ancora la Fondazione GAVI, sostenuta in modo decisivo dai coniugi Gates, sperimenti in zone tra le più povere del pianeta (Bangladesh per es., e questo lo specifichiamo noi), in accordo con i politici locali, piani di conferimento di “identità digitale” attraverso vaccinazioni forzate (https://solve.mit.edu/challenges/tiger-challenge-international/solutions/15408) su cui incombono le più invasive e meno sicure tecnologie 5G.

Tutte queste informazioni sono dichiarate e vantate sui suoi siti anche dallo stesso Gates, ma i nostri media le presentano come farneticazione e complotto “che sfiora la tragedia” da parte della Cunial. La quale ha altresì ricordato alla Camera che il premier Conte, in una telefonata con Gates, avrebbe promesso il sostegno dell’Italia alla Fondazione GAVI, con ben 120 milioni di euro per lo sviluppo di ricerche vaccinali che però sono oggetto di motivate riserve da parte di qualificati ambienti scientifici; nessun comparabile sostegno sembra invece previsto per le poco costose e molto incoraggianti ricerche sieroterapiche dei nostri ospedali sul territorio.

Ci si augura che l’incauta promessa del premier venga approfondita, vagliata e votata nel dibattito di un Parlamento libero e consapevole. O si dà già per scontato che i denari verranno sottratti agli italiani imbavagliati, avviliti, minacciati dallo spettro di una patrimoniale in autunno, per andare a sostenere i progetti del miliardario che si accredita come “filantropo” e che desta scandalo persino nel prudentissimo mondo cattolico? Se si “sfiora la tragedia” è per il sortilegio da cui tutto questo dipende, non per l’intervento di Sara Cunial - purché si abbiano occhi per vedere e parole per dire.   

Paolo Cesaretti
Bergamo, 27 Maggio 2020
 
 
Paolo Cesaretti
Studioso e saggista, nato a Milano, è professore associato di Civiltà Bizantina all’Università di Bergamo, dove insegna anche Letteratura Greca e Storia Romana. La tradizione classica in età bizantina, il rapporto tra Oriente e Occidente mediterraneo nella Tarda Antichità e nel Medio Evo, la santità a Bisanzio sono tra i filoni di ricerca che predilige. Ha pubblicato, in Italia e all’estero, edizioni critiche e traduzioni commentate di testi bizantini nonché monografie, articoli di ricerca, repertori lessicali. Le sue tre opere di narrative non fiction di soggetto bizantino (Teodora, 2001; L’Impero perduto, 2006; Le quattro mogli dell’imperatore, 2015), tutte edite da Mondadori, sono state tradotte in varie lingue straniere. Partecipa a numerosi comitati editoriali e scientifici, a istituzioni e accademie. Ha collaborato con le pagine culturali di vari quotidiani e ha una significativa esperienza nell’editoria d’arte e illustrata.



Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
08 - 10 MARZO 2019 MILANO - FAI LA COSA GIUSTA - XVI EDIZIONE
01 MARZO 2019 LUCCA - CONFERENZA PIANO DI STUDI DELLA SCUOLA WALDORF
09 MARZO 2019 MILANO - INCONTRO COME SOPRAVVIVERE IN UNA ERA DIGITALE
15 MARZO 2019 BATTAGLIA TERME (PD) - DOCUMENTARIO UNA POPOLAZIONE FUORI DAL GREGGE
12 - 14 MARZO 2019 LONDRA - PARTECIPAZIONE COLLETTIVA ALLA LONDON BOOK FAIR 2019
APPROVATA GRAZIE AL MOVIMENTO 5 STELLE PRIMA SERIA LEGGE ANTICORRUZIONE
INFORMAZIONE: IL GRATUITO HA UN PREZZO ALTISSIMO - LA TESI DI M. GABANELLI
APPELLO DI LEADERS FOR PEACE
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it