Come parli, così è il tuo cuore.
Paracelso

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
VIVERE INSIEME
INTRODUZIONE ALLE CULTURE COMUNITARIE
VIVERE INSIEME
REPORTAGE DA AUROVILLE
REPORTAGE DA AUROVILLE


La Comunità di Adventure di Auroville

Adventure è una Comunità intenzionale, nel senso che raggruppa un numero di persone che hanno deciso di condividere uno spazio e un tempo sia fisico che spirituale.
È situata nella cosiddetta Green Belt di Auroville, la cintura verde dedicata al rimboschimento, all'agricoltura, al verde.  Nonostante ciò è molto vicina al centro della township Auroville, al Matrimandir, al Visitors' Center, alla Solar Kitchen, inoltre contigua al villaggio Tamil di Edyanchavadi e attigua alla Udavi School, la prima scuola di Auroville (in senso temporale).
Fisicamente viviamo in alloggi chiamati "capsule", abitazioni tradizionali di questa zona, fatte di legno con il tetto di foglie di palma o cocco, aperte ai quattro lati con portelloni triangolari, in qualche caso  con la parte inferiore in muratura.
Comunque ogni abitazione è differente, alcune hanno il "dojo" esterno o una cucina o un laboratorio, tutte i servizi esterni, tutte a una certa distanza e non a vista una dall'altra, immerse naturalmente nel verde. Servizi in comune sono la cucina, un ufficio chiuso in muratura da cui ci colleghiamo ad internet con un sistema centralizzato, un dojo detto Ganesha dove ci riuniamo regolarmente per meditare insieme, cantare bhajans un paio di volte la settimana, tenere riunioni per organizzare i lavori e le decisioni comuni, e fare il cosiddetto sharing settimanale.
Lo sharing, che in inglese vuol dire condivisione, è un momento molto importante, solitamente il giovedì sera dopo cena, alle 8, ci riuniamo nel dojo (una grande capanna di forma ottagonale aperta su tutti i lati) con al centro un piccolo mandala di fiori e candele, incenso e le foto dei Maestri, ma anche con altre simbologie non solo indiane. Dopo una breve meditazione o concentrazione collettiva e il canto di un om, cerchiamo di aprire i nostri cuori agli altri, partendo dagli avvenimenti della settimana, ma non necessariamente, cercando di comprendere e farci comprendere, aprendosi appunto, e condividendo le nostre sensazioni, positive o negative del momento, cercando diContinua...

IL DONO DEL VECCHIO RABBINO
IL DONO DEL VECCHIO RABBINO
Il “Dono del vecchio rabbino” racconta la storia di un monastero in decadenza nel quale vivevano quattro anziani monaci e l’abate i quali erano molto preoccupati per la fine del loro ordine monastico.
Nei boschi intorno al monastero si trovava una capanna usata ogni tanto come eremitaggio da un rabbino.
Dopo anni di preghiere, contemplazioni e meditazioni, il gruppo dei monaci aveva sviluppato una certa sensibilità e percepivano la presenza del rabbino quando era presente nella capanna-eremo.
L’abate, afflitto e addolorato per la situazione difficile del suo monastero decide di chiedere consiglio al rabbino.
Continua...
ESPERIMENTI GIAPPONESI PER NUOVE GENERAZIONI
ESPERIMENTI GIAPPONESI PER NUOVE GENERAZIONI di Lex Veelo

La conferenza internazionale sugli ecovillaggi è stata una meravigliosa opportunità per conoscere realtà in Giappone che intendono attuare progetti per la creazione di ecovillaggi. Ci era stato detto che la gente in Giappone un tempo aveva un forte senso della comunità nei loro migliaia di villaggi rurali e nei quartieri cittadini. Avevano anche un antico e sacro, senso di comunione con la natura, in particolare con gli alberi e con le foreste. Il Giappone infatti è ancora oggi riuscito a conservare il 66% della loro nazione insulare con la foresta, che rappresenta una cifra impressionante se si considera che la forte pressione di cancellare le foreste per ottenere aree coltivabili sempre maggiori ed alimentare la popolazione in aumento.
Versione Stampabile << torna indietro

RAINBOW FAMILY OF LIGHT


“Quando la Terra sarà devastata e gli animali quasi estinti,
giungerà sulla terra una nuova tribù di popoli di ogni colore, cultura e fede,
e questi, attraverso le loro opere e le loro azioni,
renderanno di nuovo verde la Terra.
Essi saranno la tribù dei Guerrieri dell’Arcobaleno”
(Antica profezia indigena degli Indiani d’America)

Seguendo l’ispirazione di questa profezia, il primo Rainbow Gathering ebbe luogo nel 1972 vicino ad Aspen, in Colorado e da allora si ripete ogni anno in varie parti del mondo.
Negli inviti del primo Rainbow Gathering del 1972, l’idea fu espressa nel modo seguente:

"NOI, che siamo fratelli e sorelle, figli di Dio, famiglie della vita sulla terra, amici della natura e di tutti i popoli, figli dell’umanità e che ci chiamiamo Tribù della Famiglia dell’Arcobaleno, umilmente invitiamo:
Tutte le razze, i popoli, le tribù, le comunità, gli uomini, le donne, i bambini, gli individui – in nome dell’amore
Tutte le nazioni e i capi delle nazioni -– in nome del rispetto
Tutte le religioni e i capi delle religioni -- in nome della fede
Tutti i politici -- in nome della carità
ad unirsi a noi e ritrovarsi insieme allo scopo di esprimere il nostro sincero desiderio affinchè ci sia pace sulla terra e armonia fra tutti i popoli. Per svolgere culti aperti, preghiere, canti e qualsiasi cosa si voglia e si desideri, in cui vi sia un silenzio meditativo e contemplativo in cui, NOI, il popolo del mondo invitato, possiamo riconoscere e rendere onore ed esprimere riverenza a chiunque e a qualsiasi cosa sia d’aiuto per l’evoluzione positiva dell’umanità e della natura qui, nel nostro amatissimo e splendido mondo, chiedendo per NOI, popolo di questo mondo,  benedizioni e speranza affinchè possiamo procedere in maniera efficace per evolverci, espanderci e vivere in armonia e pace."Amen

Da allora, ogni anno, in America del Nord, in Europa e negli altri continenti, si svolgono i Rainbow Gatherings con la partecipazione di migliaia e anche talvolta di diverse decine di migliaia di persone provenienti, con ogni mezzo immaginabile, anche da parecchi migliaia di chilometri di distanza. Sono incontri liberi, spontanei e gratuiti che possono durare da alcune settimane fino a un mese e più -anche quattro-. The Rainbow Family è probabilmente la più straordinaria associazione spontanea e internazionale di individui, famiglie, comunità e tribù che si incontrano periodicamente ai quattro angoli del mondo.

Oltre ai raduni principali, ve ne sono molti altri più piccoli e brevi, organizzati su scalla regionale e stagionale. Sino all'avvento di Internet, la pubblicizzazione degli incontri avveniva per passaparola spontanea, da bocca a orecchio e da cuore a cuore, a voce o per lettera. Oggi, naturalmente, vi sono moltissimi siti Internet della Rainbow Family, anche se nessuno di essi è, può o deve essere considerato ufficiale.

La Famiglia Arcobaleno non ha una organizzazione formale, bibbia o Leaders, ad ogni incontro si forma un gruppo di volontari che si occuperà della organizzazione di base del successivo incontro, è quindi una rete spontanea di persone e gruppi, dalle tendenze e preferenze anche molto diverse, che si riunisce periodicamente per celebrare la gioia della vita e per pregare per la pace e l'armonia sulla terra, fra gli uomini e tutti gli esseri viventi.
Tra i tanti siti segnaliamo:
www.welcomehome.org
www.welcomehere.org
The French Rainbow Family
In questi siti è possibile trovare una gran quantità di dati, foto, canzoni, poesie e testi informativi di ogni tipo e le informazioni aggiornate sui vari incontri in preparazione.
E anche una sempre aggiornata lista di nuovi siti rainbow su base linguistica o regionale o particolare.

I Rainbows Gatherings sono incontri speciali, liberi e gratuiti che possono durare dai pochi giorni a un mese e talvolta anche molto di più. Sono tenuti in accampamenti spontanei che si formano in luoghi scelti per la natura viva e integra. Sono bandite auto, moto, armi, alcool, droghe, giornalisti e tv,  i servizi sono assicurati collettivamente dai partecipanti, così come la cucina collettiva e la sicurezza. Negli incontri workshop, preghiere, celebrazioni, danze, musiche e feste, meditazioni e contemplazioni, sogni e visioni, amore e natura. In essi si manifesta l'evoluzione dell'onda hippie degli anni '70, così come il suo accurato eclissamento dai luoghi comuni dell'informazione di massa.

Nei siti sopraelencati è possibile approfondire e vi si trovano gli aggiornamenti con gli incontri in preparazione. Tra i vari documenti segnaliamo (Why gather?) di Garrick Beck (del 1988, Garrick ,figlio di Julian Beck del Living Theatre, è fin dall'inizio uno degli organizzatori degli incontri)) 
da aprire nel sito www.welcomehome.org .

Non è possibile definire meglio la Rainbow Family perchè essa significa molte cose diverse per molte persone diverse, per conoscerla è più facile parteciparvi... e anche così sarà solo una frazione dell'onda di energia che la esprime, quella che incontrerai... se lo vuoi
Il prossimo incontro americano è stato appena fissato nel 2008 in Wyoming , quello europeo sarà in Spagna.

Oltre alla profezia riportata da Alce Nero, vi è anche un brano-visione di Aurobindo che va in profondità, nei cieli dell'Amore:

Ho visto i luminosi pionieri dell'Onnipotente
al confine dove il cielo si volge verso la vita,
scendere le scale d'ambra della nascita;
i precursori di una Divina moltitudine.
Essi venivano sul Sentiero della Stella del Mattino,
nella piccola stanza della vita mortale.

Li ho visti attraversare la penombra di una età
i bambini dagli occhi solari
portatori di una meravigliosa Aurora,
i grandi creatori dal calmo aspetto.

Li ho visti gli abbattitori delle barriere del mondo
i lottatori contro il destino nato dalla paura.
Li ho visti i lavoratori della Casa degli Dei,
i messaggeri di ciò che non può essere comunicato,
gli architetti dell'immortalità.

Li ho visti cadere nella sfera umana,
con i volti ancora luminosi della gloria immortale,
con voci che ancora parlavano con i pensieri di Dio,
con corpi resi splendenti dalla Luce dello spirito.

Portavano la Magica Parola, il Mistico Fuoco,
la dionisiaca Coppa della Gioia.

Li ho visti, i bambini che rendono l'uomo migliore,
coloro che cantano uno sconosciuto inno dell'Anima.
Ho sentito l'eco dei loro passi nei corridoi del tempo.
Ho visto gli alti sacerdoti della Saggezza,
della dolcezza, della Potenza e della Felicità Celeste,
i rivelatori delle vie solari della Bellezza,
i nuotatori delle acque tempestose dell'Amore,
i danzatori che aprono le porte d'oro del Nuovo Tempo.

Sono quì.
Camminano fra noi per mutare la sofferenza in gioia,
per giustificare la Luce sul volto della Natura.



Hi dear family of life, the summer gathering will start the 15th of june until 20th of july, who want to come please ask me the invitation and info by
my e-mail: [email protected]
Peace and LOve dear family
Gianji

scritto da: bero il 16/05/2010 alle 22:45
mi oganizzo e saro in family!!!!!

Giorni fa sono stata ospite di una conferenza dove si parlava dell\\\'uomo nel terzo millennio. C\\\'è stato l\\\'intervento di una insegnante di un asilo nido che ha parlato delle sue esperienze,molto interessante
, ma quello che mi ha colpito è stato il brano che ha letto
per chiudere il suo intervento;appunto questo brano di Aurobindo,ne sono riamasta estasiata e non sapevo come fare per procurarmelo. oggi per caso, se il caso esiste mi è arrivato attraverso internet mentre facevo una ricerca.sono veramente commossa ed entusiasta, bellissimo

Cosi' sono qua, io, Guaicaipuro Cuautemoc, sono venuto a incontrare i partecipanti a questo incontro.
Cosi' sono qua, io, discendente di coloro che popolarono l'America quarantamila anni fa, sono venuto a trovare coloro che la trovarono cinquecento anni fa.
Cosi' ci troviamo tutti: sappiamo chi siamo, ed e' gia' abbastanza. Non abbiamo bisogno di altro.
Il fratello doganiere europeo mi chiede carta scritta con visto per scoprire coloro che mi scoprirono.
Il fratello usuraio europeo mi chiede di pagare un debito contratto da traditori che non ho mai autorizzato a vendermi.
Il fratello leguleio europeo mi spiega che ogni debito si paga con gli interessi, anche fosse vendendo esseri umani e paesi interi senza chiedere il loro consenso.
Questo è quello che sto scoprendo.

Anch'io posso pretendere pagamenti.
Anch'io posso reclamare interessi.
Fa fede l'Archivio delle Indie.
Foglio dopo foglio, ricevuta dopo ricevuta, firma dopo firma, risulta che solamente tra il 1503 ed il 1660 sono arrivati a San Lucar de Barrameda 185mila chili di oro e 16 milioni di chili d'argento provenienti dall'America.
Saccheggio? Non ci penso nemmeno!! Perché pensare che i fratelli cristiani disobbediscano al loro settimo comandamento?
Spoliazione? Tanatzin mi guardi dall'immaginare che gli europei, come Caino, uccidano e poi neghino il sangue del fratello!
Genocidio? Sarebbe dar credito a calunniatori come Bartolomeo della Casa che considerarono quella scoperta come la distruzione delle Indie, o ad oltraggiosi come il dottor Arturo Pietri che sostiene che lo sviluppo del capitalismo e dell'attuale civiltà europea sia dovuto all'inondazione di metalli preziosi!

No! Questi 185mila chili di oro e 16 milioni di chili d'argento devono essere considerati come il primo di vari prestiti amichevoli dell'America per lo sviluppo dell'Europa.
Pensare il contrario vorrebbe dire supporre crimini di guerra, il che darebbe diritto non solo a chiedere la restituzione immediata ma anche l'indennizzo per danni e truffa.

Io, Guaicaipuro Cuautemoc, preferisco credere alla meno offensiva delle ipotesi.
Una così favolosa esportazione di capitali non fu altro che l'inizio del piano Marshalltezuma teso a garantire la ricostruzione della barbara Europa, rovinata dalle sue deplorabili guerre contro i culti musulmani, difensori dell'algebra, della poligamia, dell'igiene quotidiana e di altre superiori conquiste della civiltà.

Per questo, avvicinandosi il Quinto Centenario del Prestito, possiamo chiederci: i fratelli europei hanno fatto un uso razionale, responsabile, o perlomeno produttivo delle risorse così generosamente anticipate dal Fondo Indoamericano Internazionale?
Ci rincresce dover dire di no.
Dal punto di vista strategico le dilapidarono nelle battaglie di Lepanto, nelle armate invincibili, nei terzi Reich ed in altre forme di reciproco sterminio, per finire poi occupati dalle truppe yankee della Nato, come Panama (ma senza canale).
Dal punto di vista finanziario sono stati incapaci - dopo una moratoria di 500 anni - sia di restituire capitale ed interessi che di rendersi indipendenti dalle rendite liquide, dalle materie prime e dall'energia a basso costo che gli esporta il Terzo Mondo.

Questo deplorevole quadro conferma l'affermazione di Milton Friedman secondo il quale un'economia assistita non potrà mai funzionare e ci obbliga a chiedere - per il loro stesso bene - la restituzione del capitale e degli interessi che abbiamo così generosamente aspettato a richiedere per tutti questi secoli.

Detto questo, vorremmo precisare che non ci abbasseremo a chiedere ai fratelli europei quei vili e sanguinari tassi d'interesse variabile del 20 fino al 30% che i fratelli europei chiedono ai paesi del Terzo Mondo. Ci limiteremo a esigere la restituzione dei materiali preziosi prestati, piu' il modico interesse fisso del 10% annuale accumulato negli ultimi trecento anni, condonando quindi gli altri 200.
Su questa base, applicando la formula europea dell'interesse composto, informiamo gli scopritori che ci devono, come primo pagamento del loro debito, soltanto 185mila chili di oro e 16 milioni di chili d'argento ambedue elevati alla potenza di trecento.
Come dire, un numero per la cui espressione sarebbero necessarie piu' di trecento cifre, e il cui peso supera ampiamente quello della terra.
Com'è pesante questa mole d'oro e d'argento! Quanto peserebbe calcolata in sangue? Addurre che l'Europa in mezzo millennio non ha saputo generare ricchezze sufficienti a cancellare questo modico interesse sarebbe come ammettere il suo assoluto disastro finanziario e/o la demenziale irrazionalità delle basi del capitalismo.

Tuttavia queste questioni metafisiche non affliggono noi indioamericani. Però chiediamo la firma immediata di una carta d'intenti che disciplini i popoli debitori del vecchio continente e li obblighi a far fede al loro impegno tramite un'immediata privatizzazione o riconversione dell'Europa perché ci venga consegnata per intero come primo pagamento di questo debito storico.

Dicono i pessimisti del Vecchio Mondo che la loro civiltà versa in una bancarotta tale che gli impedisce di tener fede ai loro impegni finanziari o morali.
In tal caso ci accontenteremo che ci paghino dandoci la pallottola con cui uccisero il poeta.
Ma non potranno.
Perché quella pallottola è il cuore dell'Europa.

Guaicaipuro Cuautemoc

Ciao...avete fatto un raduno in uno splendido lago del Molise...ma vi siete riempiti di canne dalla mattina alla sera...bah

Per favore, qualcuno mi sa dire dove e quando si svolgerà il rainbow medicina quest'anno (il 2010) ? grazie
SUSANNA

scritto da: maria emanuela il 13/01/2011 alle 17:24
potranno calpestare tutti i fiori del mondo ma non fermeranno mai la primavera

Sono contento di avervi trovato,sono di milano e spero di avere presto vostre notizie .ciao ciao

mi piacerebbe andare al rainbow spagnolo di agosto, sapete esattamente dove si terra"?

vorrei partecipare ad un'rainbow poichè ho passato 4 anni in india girando terre e monasteri..in questo momento mi trovo in itlia e vorrei sapere se il prossimo rainbow se è davvero in val tellina e quando...un caloroso abbraccio a tutti.spero in un risp :)
lore.

ciao a tutti sto facendo un esperienza in sudan e in questi mesi ho tanto meditato l idea di partecipare ad un rainbow qualcuno mi sa dire se ad agosto ci sara qualcosa?grazie mille!saluti calorosi dall africa

ciao a tutti vorrei sapere dove si svolge il prossimo rainbow possibilmente nel centro italia grazie

Sto cercando disperatamente più info su come arrivare al rainbow di rosia. Qualcuno sa aiutarmi? la mia mail, se volete, è spettinato at gmail.com

Grazie!

bella a tutti. Volevo sapere se in europa a fine luglio o ad agosto ci sia un ritrovo hippi??? O qualcosa del genere!
PEACE

ciao a tutta la famiglia rainbow che non vedo da tanto tempo vorrei sapere dove fate il rainbow 2012 vorrei dire tante belle cose ma non so piu cosa dire posso venire solo per tre giorni ma meglio poco che nulla tra terremoti e alluvioni e frane e questo 2012 spero che sia un BUON NATALE 2012 infatti presto incontro uno SCIAMANO HOPI uomo di pace perche mi sento molto stanca mia email [email protected] un cerchio un fuoco tanta musica

ciao a tutti fratelli e sorelle,sono anni che manco dal rainbow e mi mancate tanto...vi prego datemi notizie sull'appuntamento di agosto e io e mia moglie saremo della famiglia...buona vita!!!!

ciao,qualcuno mi sa dire se in agosto c'e un raduno rainbow in italia ?

vivoglio bene




















































vi voglio bene






Quest'anno il SUNSHINE HEALING RETREAT ,ovvero il Rainbow medicina, si svolge fino al 4 settembre (la data di inizio mi pare sia verso la metà agosto)a circa 8 km da Ponte di Nava, fra Imperia e Torino.C'è anche un pezzo da fare a piedi, mi pare. Non so dare indicazioni più precise ma so che si trova in montagna, fa freddo lassù.....Buon divertimento a tutti !!!

vorrei sapere quando edove è il prossimo reinbow,e se vi capita di incontrarlo saltatemi ulisse...

salve sono ombrasmile anche se non posso venire BUON RAINBOW 2013 so ke lo fate in sicilia e poi in grecia spero di andare al Rainbow internazionale grecia anche se solo per una settimana meglio poco ke nulla ciò ke mi stressa sono le ore di viaggio BUON SOLE A TUTTI

ciao dov'è il rainbow in sicilia che voglio venire cerco un passaggio dal nord

BUON SOLE E BUONA LUNA A TUTTI COLORO CHE RISPETTONO LA NOSTRA MADRE TERRA E PADRE CIELO io sono ombrasmile e dalla vostra risposta non ho ancora capito dove sia Rainbow medicina 2013 qualcuno mi dice vicino Piacenza e altri a Colle di Nave insomma dove lo fate questo benedetto Rainbow ombra

rambow 2016? sapete dove? e quello europeo? Grazie e baci a tutti!

Salve, sono Paolo, artista pittore, abito in provincia di Vercelli e cerco contatti con persone Rainbow qui nella mia zona per ritrovarci spesso e formare gruppo di Pace, scrivetemi alla mail: [email protected]
un saluto, Paolo.

2017 mi sa che si fa in Friuli, Italia

ciao a tutti😊 vorrei sapere se qualcuno ha gentilmente notizie sull'incontro di quest'anno (2018). ci spero davvero tanto! grazie in anticipo a tutti!!!

Ciao. Sapreste dirmi se nel 2019 ci sarà un altro evento (gathering) in italia? :) grazie mille. A lot of love <3

... where will be held the rainbow gathering 2022 ? ...

acquarius foundation
international cultural centre
[email protected]

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Come vivere insieme
Le comunità intenzionali
Progetti e realtà comunitarie
Gli Ecovillaggi
Libri Consigliati
Nuovi progetti comunitari
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail


 News
27 - 28 GENNAIO 2018 VICENZA - WORKSHOP MAPPA DELLE RELAZIONI
18 NOVEMBRE 2017 BOLOGNA - CONVEGNO ANCHE FUORI SI IMPARA
13 - 14 GENNAIO 2018 VICENZA - FACILITIAMOCI LA VITA - SEMINARI PER COMUNICARE CREARE E DECIDERE ASSIEME
31 OTTOBRE 2017 - CASTELLO DI PETROIA GUBBIO (PG) - BANCHETTO, FESTA MEDIEVALE E PERNOTTAMENTO
24 NOVEMBRE 2017 MILANO - SESSUALITA' DI COPPIA E FASI DI VITA
 Link
Auroville
Monterosso Villaggio Ecologico Sostenibile
GEN Global Ecovillage Network
Damanhur
Casa Cares
Findhorn
Rete Italiana Ecovillaggi
Torri Superiore
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo
 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it