Il silenzio è l'eloquenza della sapienza
Samael Aun Weor

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
VIVERE INSIEME
INTRODUZIONE ALLE CULTURE COMUNITARIE
VIVERE INSIEME
REPORTAGE DA AUROVILLE
REPORTAGE DA AUROVILLE


La Comunità di Adventure di Auroville

Adventure è una Comunità intenzionale, nel senso che raggruppa un numero di persone che hanno deciso di condividere uno spazio e un tempo sia fisico che spirituale.
È situata nella cosiddetta Green Belt di Auroville, la cintura verde dedicata al rimboschimento, all'agricoltura, al verde.  Nonostante ciò è molto vicina al centro della township Auroville, al Matrimandir, al Visitors' Center, alla Solar Kitchen, inoltre contigua al villaggio Tamil di Edyanchavadi e attigua alla Udavi School, la prima scuola di Auroville (in senso temporale).
Fisicamente viviamo in alloggi chiamati "capsule", abitazioni tradizionali di questa zona, fatte di legno con il tetto di foglie di palma o cocco, aperte ai quattro lati con portelloni triangolari, in qualche caso  con la parte inferiore in muratura.
Comunque ogni abitazione è differente, alcune hanno il "dojo" esterno o una cucina o un laboratorio, tutte i servizi esterni, tutte a una certa distanza e non a vista una dall'altra, immerse naturalmente nel verde. Servizi in comune sono la cucina, un ufficio chiuso in muratura da cui ci colleghiamo ad internet con un sistema centralizzato, un dojo detto Ganesha dove ci riuniamo regolarmente per meditare insieme, cantare bhajans un paio di volte la settimana, tenere riunioni per organizzare i lavori e le decisioni comuni, e fare il cosiddetto sharing settimanale.
Lo sharing, che in inglese vuol dire condivisione, è un momento molto importante, solitamente il giovedì sera dopo cena, alle 8, ci riuniamo nel dojo (una grande capanna di forma ottagonale aperta su tutti i lati) con al centro un piccolo mandala di fiori e candele, incenso e le foto dei Maestri, ma anche con altre simbologie non solo indiane. Dopo una breve meditazione o concentrazione collettiva e il canto di un om, cerchiamo di aprire i nostri cuori agli altri, partendo dagli avvenimenti della settimana, ma non necessariamente, cercando di comprendere e farci comprendere, aprendosi appunto, e condividendo le nostre sensazioni, positive o negative del momento, cercando diContinua...

IL DONO DEL VECCHIO RABBINO
IL DONO DEL VECCHIO RABBINO
Il “Dono del vecchio rabbino” racconta la storia di un monastero in decadenza nel quale vivevano quattro anziani monaci e l’abate i quali erano molto preoccupati per la fine del loro ordine monastico.
Nei boschi intorno al monastero si trovava una capanna usata ogni tanto come eremitaggio da un rabbino.
Dopo anni di preghiere, contemplazioni e meditazioni, il gruppo dei monaci aveva sviluppato una certa sensibilità e percepivano la presenza del rabbino quando era presente nella capanna-eremo.
L’abate, afflitto e addolorato per la situazione difficile del suo monastero decide di chiedere consiglio al rabbino.
Continua...
ESPERIMENTI GIAPPONESI PER NUOVE GENERAZIONI
ESPERIMENTI GIAPPONESI PER NUOVE GENERAZIONI di Lex Veelo

La conferenza internazionale sugli ecovillaggi è stata una meravigliosa opportunità per conoscere realtà in Giappone che intendono attuare progetti per la creazione di ecovillaggi. Ci era stato detto che la gente in Giappone un tempo aveva un forte senso della comunità nei loro migliaia di villaggi rurali e nei quartieri cittadini. Avevano anche un antico e sacro, senso di comunione con la natura, in particolare con gli alberi e con le foreste. Il Giappone infatti è ancora oggi riuscito a conservare il 66% della loro nazione insulare con la foresta, che rappresenta una cifra impressionante se si considera che la forte pressione di cancellare le foreste per ottenere aree coltivabili sempre maggiori ed alimentare la popolazione in aumento.
Versione Stampabile << torna indietro

UNA FORMULA AUTONOMA DI VITA IN SINCRONIA CON LA NATURA


"Noi crediamo nelle persone giovani di età e di spirito che vogliono cambiare il modo di vivere, di fare impresa e rapportarsi con la vita e il lavoro, un nuovo modo di fare impresa che si basa sul rispetto etico e spirituale dei ritmi della natura, riconosciuta al nostro pari, come figlia di Madre Terra".

"Noi crediamo nell'unicità di ogni singolo, nella possibilità di integrare conoscenze e condividerle al di fuori dei canoni sociali e economici attualmente in vigore, dando Dignità ad ogni Singolo in quanto Essere vivente e non per l'influenza economica che può rappresentare"

Un modo diverso e più armonico di rispettare le energie profuse da nostra Madre Terra che, nonostante il nostro comportamento distruttivo, ha continuato a darci il "nostro pane quotidiano" senza nulla pretendere in cambio, un diverso "sentire" che ci pone tutti sullo stesso piano esistenziale e qualitativo, nella continua ricerca di chi siamo, da dove veniamo e specialmente dove vogliamo andare.

Un risveglio o, se meglio preferite, un richiamo della natura che ci pervade e ci pone di fronte a delle scelte, molte volte impopolari, per ritrovare il vero senso della vita, della crescita e della missione a cui siamo chiamati in questo ciclo che attraversa il momento definito il più critico e il più bello da parte di tutte le tradizioni antiche legate alla Terra.

Un nuovo modo di rapportarsi con gli altri, un nuovo vivere insieme e ri-scoprire il proprio valore all'interno di una nuova comunità che basa i propri rapporti sul rispetto della vita e degli altri. Come dicono i Maya, In lak'ech...Io sono un altro te stesso!

Il tempo non è denaro, come l'attuale società ci ha insegnato, il tempo è arte! L'arte di riconoscersi tutti figli di un UNO originale, l'arte di ri-cercare l'armonia con l'insieme per tornare all'UNO unico, comunque lo si voglia chiamare! Dio, Allah, Budda o i tanti altri nomi che nelle varie parti del mondo gli vengono attribuiti.

Il tempo è arte... l'arte di saper riconoscere negli altri una parte di noi stessi.
Basta "catalogare" le persone in base al loro conto in banca.
Basta "sopravvivere" di lavoro
Basta "morire" di inerzia spirituale
Ma cosa c'entrano MAYA, i NATIVI D'AMERICA, Gli SCIAMANI di tutto il mondo e le Antiche Tradizioni con gli Ecovillaggi??

Apparentemente nulla, ma se andiamo a ricercare le verità nascoste o "velate" da tutte queste Antiche Tradizioni scopriamo che "magicamente" erano tipologie di vita insieme nel rispetto dei ritmi e del tempo della natura, chi vi scrive è originario della Romagna, terra fertile e generosa che ha avuto il suo massimo sviluppo Agricolo negli anni 60 seguito poi dall'avvento dell'agricoltura bio-chimica intensiva che ha snaturato il principio qualitativo-naturale per approdare al principio quantitativo-produttivo quale unico fine.

Da una natura amica e in grado di sostentarci, in pochi decenni l'agricoltore ha innescato un processo che trova come risposta una natura ostile plagiata da tutte le forme di inquinamento chimico, da un non equo sfruttamento delle risorse naturali quali acqua, aria ect.

Da sempre sappiamo che ciclicamente la natura e la Terra si sono ribellati all'uomo o alle generazioni di esseri che hanno abitato questo meraviglioso pianeta, con cataclismi quali diluvi, spostamenti dei poli magnetici, terremoti, sparizione di intere civiltà (Lemuria, Atlantide) e tutto perché ...

Basta solo ricordare che la sovrapproduzione delle campagne ha creato un famoso meccanismo distruttivo utile solo all'economia del danaro,(sovrapproduzione = meno valore economico = distruzione del prodotto in surplus = prezzo alto ... Strano che nessuno abbia mai pensato di sfruttare di meno per ottenere di meglio!!!!!!!!) abbiamo addirittura pagato coloro che distruggevano i prodotti (vi ricordate la famosa AIMA?), immaginiamo solamente come potevano sentirsi quei contadini che vedevano il loro lavoro distrutto per la legge del PREZZO sul mercato, ma specialmente pensate a quante persone son rimaste senza frutta perché non avendo i soldi necessari all'acquisto, vedevano o comunque sapevano che da qualche parte centinaia di tonnellate di frutta venivano sotterrate. Il dio danaro può far questo e altro!

E qui è ora inizi la nostra ricerca...a proposito, la ricerca inizia per il contadino che si è risvegliato e ha capito che è stato utilizzato come un semplice produttore di benessere INESISTENTE di SOVRAPRODUZIONE e SFRUTTAMENTO della MADRE TERRA.

E' iniziata per l'operaio come per l'impiegato che si ritrova con il pericolo della cassa integrazione, perché si produce più di ciò che si vende e specialmente a meno costo grazie all'avvento dei nuovi mercati dell'Asia, e di nuovo abbiamo SOVRAPRODUZIONE e SFRUTTAMENTO dei FIGLI di MADRE TERRA, i famosi BIPEDI.

A chi ha giovato tutto questo?


Fonte: ecovillage.it


avrei voglia di condividere la mia energia con voi,vivere in questa direzione....possibile avere contatti piu' dettagliati su come raggiungervi?
grazie
smilla

scritto da: Gia il 28/04/2016 alle 22:10
Vorrei conttatarvi per venire a stare li da voi

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Come vivere insieme
Le comunità intenzionali
Progetti e realtà comunitarie
Gli Ecovillaggi
Libri Consigliati
Nuovi progetti comunitari
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail


 News
27 - 28 GENNAIO 2018 VICENZA - WORKSHOP MAPPA DELLE RELAZIONI
18 NOVEMBRE 2017 BOLOGNA - CONVEGNO ANCHE FUORI SI IMPARA
13 - 14 GENNAIO 2018 VICENZA - FACILITIAMOCI LA VITA - SEMINARI PER COMUNICARE CREARE E DECIDERE ASSIEME
31 OTTOBRE 2017 - CASTELLO DI PETROIA GUBBIO (PG) - BANCHETTO, FESTA MEDIEVALE E PERNOTTAMENTO
24 NOVEMBRE 2017 MILANO - SESSUALITA' DI COPPIA E FASI DI VITA
 Link
Auroville
Monterosso Villaggio Ecologico Sostenibile
GEN Global Ecovillage Network
Damanhur
Casa Cares
Findhorn
Rete Italiana Ecovillaggi
Torri Superiore
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo
 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it