Il silenzio è l'eloquenza della sapienza
Samael Aun Weor

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
LE ARTI DEL BENESSERE
Medicine naturali del corpo, della mente e dell'anima
LE ARTI DEL BENESSERE
LO SPIRITUALE NELLA MEDICINA
LO SPIRITUALE NELLA MEDICINA


di Massimo Morasca

Negli ultimi decenni abbiamo assistito in Occidente a duna graduale involuzione della formazione del medico in contrasto con la grande evoluzione “scientifica” della medicina; essa è andata via via svuotandosi dei contenuti più ricchi e trascendenti, per dar posto invece esclusivamente ad insegnamenti scientifici di impostazione meccanicistica. E’ scomparsa così l’immagine dell’uomo nella sua interessa psichica e somatica, sostituita da quella di un omuncolo scomposto nelle sue singole parti fino ad arrivare all’infinitesimale. Ciò è da imputare indubbiamente al generale cambiamento della psiche dell’uomo occidentale che, nel divenire moderna, ha perduto la capacità di accettare i suoi aspetti arcaici come parte integrante del Sé.  Continua...

LA SALUTE OLISTICA
LA SALUTE OLISTICA


di Teresa Chindamo

SANI NEL CORPO Se proviamo a sfogliare le pagine di un giornale o a fermare per un attimo l'attenzione sui messaggi pubblicitari che ci vengono offerti dallo schermo televisivo o dai cartelloni affissi sui muri delle nostre città, possiamo notare l'accanimento con cui ci vengono proposti integratori alimentari, vitamine, oligoelementi, tutte apprezzabili conquiste della nostra epoca che suscitano il nostro entusiasmo e una nuova fiducia. Anche il meritato successo dei prodotti biologici e biodinamici, la ribellione che si diffonde sempre più tra i cittadini contro l'inquinamento di ogni genere che ci soffoca sono una prova evidente della nuova considerazione in cui teniamo la nostra salute. Continua ...

CHE COS'E' LA TERAPIA OLISTICA
CHE COS'E' LA TERAPIA OLISTICA
di Maggi Lidchi Grassi

Per avvicinarsi nel modo giusto alle terapie “olistiche” è importante sapere che il corpo ha in sé un meccanismo che lavora costantemente per mantenere la salute e che la malattia ne fa parte, è il messaggio per dirci che qualcosa dev’essere fatto.
La terapia è cattiva se riduce e sopprime, è olistica se si propone di aiutare l’individuo ad evolversi.
L’omeopatia, l’agopuntura e tutte le altre terapie alternative possono essere praticate in un modo meccanico e superficiale che le riduce al livello di una terapia qualunque, che si accontenta di sopprimere i sintomi. Vorrei citare qui un passaggio di Henry Miller che parla di una sua esperienza di guarigione “olistica” avvenuta ad Epidauro. Continua...
MEDICINE CHE UCCIDONO
<b>MEDICINE CHE UCCIDONO </B> di Maurizio Blondet

I farmaci "di sostituzione ormonale" promettono alle donne di restare giovani, di ritardare la menopausa e di sconfiggere l'osteoporosi. Ora si scopre che due medicinali molto diffusi, il Premarin e il Prempro, provocano cancro, embolia polmonare, infarto e demenza.
In USA, almeno 14 milioni di donne si sono viste prescrivere le due medicine. Ma poiché esse sono in commercio da 40 anni, sono circa cento milioni (tre generazioni) le donne americane in pericolo. Lo ha stabilito uno studio di un ente indipendente, il Women's Health Initiative (WHI).
Il principio attivo dei due farmaci è estrogeno estratto dall'urina di vacche e cavalle, che contiene tre tipi di estrogeni, di cui due non naturali per la donna. Inoltre il Premarin contiene progesterone sintetico, anch'esso non identico all'ormone umano. Il dosaggio aumenta la pericolosità.
Continua...
PSICODINAMICA
<b>PSICODINAMICA </b> di Marco Ambrosio

Conosciuta anche come Dinamica Mentale, è quanto di più efficace si possa attualmente utilizzare per sviluppare e ottimizzare le proprie risorse mentali, in quanto sintetizza il meglio tra tutte le possibilità offerte da Training Autogeno, Sofrologia, rilassamento psicofisico, meditazione creativa.
La condizione di partenza è uno stato di profondo rilassamento autoindotto tramite semplicissime tecniche di immaginazione creativa e respirazione, allo scopo di rallentare la frequenza delle onde cerebrali dallo stato beta allo stato alpha. Lo stato beta è la condizione che normalmente ci permette di interagire razionalmente con la realtà contingente e indica che le onde cerebrali (misurabili con l'elettroencefalografo) oscillano con una frequenza di circa 14 Hz (cicli al secondo). Le onde alpha hanno una frequenza di circa 8-13 Hz e caratterizzano lo stato di coscienza (o supercoscienza) che principalmente interessano la Psicodinamica.
Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

L'ITALIA CHE MUORE SOPRAFFATTA DALL'AMIANTO



di Marco Imarisio

"Complessivamente, considerando oltre al gettito di casi di mesotelioma anche i tumori del polmone e della laringe indotti da esposizione ad amianto e i decessi per asbestosi, è possibile dimensionare il fenomeno delle morti per malattie asbesto-correlate intorno ai 3.000 casi all'anno nel nostro Paese". Dimenticare per un attimo la prosa burocratica, da iniziati. Concentrarsi su quel numero. Tremila. Ogni anno in Italia muoiono 3.000 persone a causa dell'amianto. Trent'anni di ferocissima guerra civile nel Nord Irlanda hanno prodotto meno vittime di quante a casa nostra ne faccia l'amianto, il killer silenzioso, in soli dodici mesi. E nello stesso arco di tempo i casi di malattia asbesto-correlate ammontano a novemila. Questi i dati, questo lo stato delle cose. Ma il rapporto biennale del Registro nazionale dei mesoteliomi (Renam), che verrà dato alle stampe la prossima settimana, va un passo oltre.

Nell'assemblare le informazioni provenienti dai Renam regionali — le sole porzioni di territorio nazionale dove non esiste una sede sono il Molise e la Provincia autonoma di Bolzano, benché vi sia una legge che ne prevede l'istituzione —, viene anche disegnata una mappa per il futuro. Leggerla è doloroso ma necessario. Quando si parla di amianto, tutti siamo portati a scansare, ad andare oltre. Troppo devastante assistere impotenti ad una strage continua, perpetuata attraverso uno dei tumori più dolorosi (il mesotelioma), senza possibilità di intervento, limitandosi soltanto ad aspettare lo svolgersi di una storia luttuosa che avrà il suo picco di vittime tra il 2010 e il 2015. Ormai è andata, quel che è stato è stato, sembra essere la reazione generalizzata. Il rapporto del Renam dice che non è così. Che è possibile studiare, catalogare il male. E nel farlo, trovare accorgimenti per arginarlo. Ad esempio, fare le bonifiche, ma soprattutto farle bene. Lo studio dei casi rivela che il 69,8% delle persone colpite da malattia amianto-correlata presenta una esposizione professionale, il 4,5% familiare, il 4,7% ambientale, l'1,4% è dovuto a un'attività extralavorativa. Per il 19,5% dei casi, uno su cinque quindi, l'esposizione è da definirsi ignota.

Una casella in crescita esponenziale: le persone che non sanno dire perché si sono ammalate, ignorano qual è l'arma che li sta per uccidere. Non hanno mai lavorato l'amianto, non hanno mai avuto parenti stretti che l'hanno fatto. Semplicemente, detta in modo brutale, respiravano l'aria senza sapere cosa c'era dentro. Almeno, l'esposizione ambientale ha un colpevole, l'industria del cemento amianto. Le storie di Casale Monferrato, Broni e Bari si prendono quasi tutta questa casistica, più del 75% delle malattie ambientali al momento della diagnosi era residente in Piemonte, Lombardia o Puglia. Anche l'esposizione attribuita ad attività di svago o hobby ha una natura subdola, viene attribuito all'uso inconsapevole di attrezzi domestici o manufatti contenenti amianto nella propria abitazione. Ma gli altri? Quelli che non sanno trovare un perché?

«C'è da preoccuparsi per il futuro — dice Alessandro Marinaccio, responsabile del Renam —. Il numero di casi provenienti dai settori tradizionali tende a ridursi sempre più. Le malattie dell'amianto si sono frammentate in settori meno noti. Anche i tumori contratti da chi lavora nel campo dell'edilizia devono farci pensare. L'amianto è stato messo al bando nel 1992, eppure ci sono muratori e operai che muoiono di malattie asbesto-correlate. Davvero c'è da chiedersi: come mai?». La risposta sta in una parola non compresa nel campo di indagine del Renam: bonifiche. Non è un caso che le piccole aziende specializzate nella rimozione dell'amianto siano in crescita, un piccolo business forse cresciuto all'ombra dell'assenza di un piano di bonifica ambientale condiviso su scala nazionale. La Lombardia, ad esempio, ha visto negli ultimi cinque anni un significativo aumento del 7% di aziende registrate alla voce smaltimento, scoibentazione, incapsulamento Eternit. Non si tratta di intraprendenza imprenditoriale, è piuttosto uno stato di necessità. La classifica generale dei casi segnalati al Renam infatti vede la Lombardia al terzo posto posto (1.025) dopo Piemonte (1.963) e Liguria (1.246).

Ma l'esame disaggregato dei dati proietta la Lombardia in cima alla graduatoria delle morti da esposizione indiretta. I soliti sospetti sono l'edilizia (esposizione pari al 22%, sette punti percentuali in più della media nazionale), la metalmeccanica (11%, più 6), il tessile (8%, più 2). Tutta gente che non dovrebbe vivere e lavorare a contatto con l'amianto, e invece si ammala. Appena il caso di ricordare che il mesotelioma è un indizio a senso unico, la causa di questo male è soltanto una, la solita. A questa sfilza di dati va aggiunto un altro primato lombardo, quello della classifica più inquietante, le morti e le malattie da esposizione «improbabile o ignota». È questa la statistica più importante, perché identifica eventuali altri fattori di rischio e segnala situazioni di contaminazione inattesa, «quindi in potenza ancora attuale». Un numero molto rilevante di «esposizioni inconsapevoli», questa la definizione ufficiale, riguarda il settore della produzione, riparazione e manutenzione di autoveicoli, dovuti soprattutto alla presenza di amianto nei freni delle macchine fabbricate prima del bando. I

Il rapporto giudica di «particolare interesse» i casi di persone che si sono ammalate in luoghi di lavoro spesso aperti al pubblico. Pubblica amministrazione (1%), sanità (1,4%), banche, poste e assicurazioni (0,4%), scuole (0,4%), alberghi, bar e ristoranti (0,3%). «Desta grande preoccupazione l'aumento e la parcellizzazione dei settori per i quali non esistono evidenze di attività svolte "a rischio"». Spesso, il confine tra l'esposizione inconsapevole e quella poi catalogata come ambientale va ascritto alla consapevolezza della persona intervistata. Molti non hanno idea di come si siano ammalati. L'amianto è come la famosa pubblicità, «tutto intorno a te». Alessandro Marinaccio è giustamente orgoglioso del Renam, la struttura da lui coordinata. Indipendente, su basi scientifiche riconosciute. Ma non può fare a meno di notare come il decreto legge che ne sanciva la nascita risalga al 1991, ma abbia avuto attuazione solo nel 2002. Anni buttati, tra rassegnazione e fatalismo davanti ad un evento che i più considerano come ineluttabile. I dati raccolti dal Renam hanno dettagli raggelanti.

Nonostante tutte le ricerche sul mesotelioma, la sopravvivenza continua ad essere breve, 9-12 mesi dalla diagnosi. Mentre la latenza della malattia è molto lunga (circa 40 anni) e sono assai rari i casi per i quali risulta più breve di 10 anni. «La diagnosi precoce serve a poco. Non ci sono cure, questa è la verità. Ma pensiamo ai risarcimenti per queste morti ingiuste: in Italia c'è uno scarto netto tra quello che sostiene l'epidemiologia e quello che pubblica l'Inail come numero di casi indennizzati. Non che quest'ultima sia un orco cattivo, per carità. Semplicemente, molte persone non denunciano. Due volte vittime». Anche per questo, sostiene Marinaccio, è utile censire i casi. «Aiuta a capire quali sono le aree dove c'è ancora bisogno di intervenire. Professionali, primo tra tutti il settore dell'edilizia, che rivela come molti manufatti in amianto non siano ancora stati eliminati dagli edifici costruiti prima della messa al bando di questo materiale. E geografiche, come ad esempio la Lombardia, che peraltro risulta essere in buona compagnia, purtroppo».

Fonte: www.corriere.it



Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Medicine naturali
Tecniche per il corpo
Oltre il corpo
Terapie olistiche
Libri Consigliati
Chi è Chi
Psicologia Umanistica
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
22 - 25 APRILE 2019 ALTA VALLE DI SUSA - OULX (TO) - TRA YOGA E NATURA UN MOMENTO PER TE
11 - 12 MAGGIO 2019 CURNO (BG) - SEMINARIO DI PRIMO LIVELLO REIKI - METODO USUI
13 - 14 APRILE 2019 DALMINE (BG) - CORSO DI FENG SHUI
13 - 14 APRILE 2019 SAN PIETRO IN CERRO (PC) CORSO DI MASSAGGIO SCIAMANICO
17 APRILE 2019 SAN PIETRO IN CERRO (PC) - SCAMBIO MASSAGGIO
04 APRILE 2019 FIRENZE - REIKI INCONTRO ESPERIENZIALE CON TAMBURO ARMONICO
06 - 07 APRILE 2019 BORZONASCA (GE) - LO YOGA ENTRA IN CLASSE
25 APRILE - 01 MAGGIO 2019 PONSACCO (PI) - SOGGIORNO AYURVEDICO
06 E 13 APRILE 2019 BATTAGLIA TERME (PD) - CORSO DI GEMMOTERAPIA
20 - 24 APRILE 2019 MONTPELLIER (FRANCIA) - VII CONVEGNO EUROPEO INTEGRAL YOGA
IN ARGENTINA VACCINAZIONI OBBLIGATORIE PER TUTTA LA POPOLAZIONE
 Link
Naturalmente - La Spezia
Enciclopedia Olistica
Villaggio Globale
Medicine Naturali
Associazione Italiana Reiki
Psicologia Spirituale
La Terza Onda
Floriteria -Fiori di Bach
Buena Vista-Metodo Bates
Centro Anti Vampiri
Centro Natura Bologna
Scuola Olistica
Enrico Cheli
AAM Terra Nuova
The Living Spirits
La Tartaruga
Le mani in mano (Shiatsu, Tuina ecc.)
Associazione Culturale Amici del Tai ji
Scuola Taoista
C.Y Surya - scuola di Ayurveda
I colori dell'Energia
Salute e Benessere
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo


 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it