Dove c'è amore, c'è visione.
Richard of St. Victor

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
TU & IO
Incontro amicizia condivisione unione,
l'Amore e i suoi impedimenti
TU & IO
COME L'ALBERO DALLA TERRA
Come l'albero dalla terra
e dalla roccia l'acqua
dall'uomo l'amore
Danilo Dolci-1957
PER QUANTO STA IN TE
Kostantinos Kavafis

E se non puoi la vita che desideri
cerca almeno questo
per quanto sta in te:
non sciuparla
nel troppo commercio con la gente
con troppe parole e in un viavai frenetico.
Non sciuparla portandola in giro
in balia del quotidiano gioco
balordo degli incontri e degli inviti
sino a farne una stucchevole estranea.
QUANDO AMI
AMI TUTTO IL MONDO

Cecilia Chailly
Quando ami, ami tutto il mondo. E non solo le persone, anche gli animali, le piante, gli oggetti. L'amore non può essere un gioco di potere, e forse neppure una relazione, perché é uno stato d'animo autonomo, che comprende tutto....
Devo accettare di amarti incondizionatamente, perché solo così posso vivere questo sentimento che altrimenti mi corrode come un acido.Voglio alimentarmi dell'amore che ho per te, é la carica della mia esistenza, la linfa della mia vita che altrimenti é spenta. Amando te amo il mondo. E vorrei che il mondo partecipasse alla gioia del mio amore, e non importa se é solo mio né se il tuo preferirai darlo a qualcun altro....

da "Era dell'Amore"
ONDA DELL'AMORE
Cecilia Chailly
Se é vero che c'è un destino, se é vero che il pensiero e quindi i sentimenti esistono e si trasmettono, come é possibile che tu trovi qualcuno che tu ami più di me?
Il mio amore é la mia forza, con esso posso superare tutte le gelosie, tutte le necessità. A me basta amarti. E amando te amerò anche me, e tutti quelli che mi circondano. E cercherò solo l'amore, solo nei luoghi e nelle persone che mi permetteranno di tornare a vivere col sorriso sempre aperto...E il tuo spirito sarà con me, nel cerchio che con gli altri formeremo, e gireremo insieme nella ruota dell'amore cosmico che per sempre ci circonderà.

da"Era dell'Amore"
Aver bisogno

Se tu fossi incerta
ti sarei da guida
Se fossi impaurita
ti farei coraggio.
Se fossi debole
ti rafforzerei.
Se fossi smarrita
ti condurrei per la via.
Se fossi minacciata
potrei difenderti.
Se fossi triste
suonerei una musica pura.

Da sola, sarei tuo compagno
se poi, ti sciogliessi in lacrime
potrei asciugarle
con i miei capelli
e ricomporre il tuo sentimento.
Se fossi disperata
potrei darti Luce.

Io, sono l’altra parte
quella che non si svela mai
estremo bagliore
del momento grave.
 
Misteriosa paura
ti tiene allo specchio.
Tu forse conosci dagli altri,
Così forte, sicura e invulnerabile,
l’amore che si riceve
e nulla sai ancora
della preziosa bellezza
dell’amor che si dà.

P.I. 30-06-2005
IMPEGNO E MATRIMONIO: QUANDO EROS E' UN MISTERO
IMPEGNO E MATRIMONIO: QUANDO EROS E' UN MISTERO di Stuart Sovatsky

Nel mondo erotico, i voti e le premesse sono al servizio delle possibilità e delle potenzialità che possono sbocciare nei momenti condivisi di suspense, e non delle certezze e delle aspettative preconcette. Come si colloca quindi l'impegno in queste acque eraclitee? Proviamo a contattare questo mondo nel suo punto più vulnerabile: la nostra paura dell'amore e del rapporto. Il profondo valore della scoperta della nostra inadeguatezza in questo modo di prendere reciproco impegno erotico non sta nello stimolarci a fare meglio la prossima volta. Questo atteggiamento si adatta unicamente ai contratti legali e commerciali, modelli che hanno preso il controllo del matrimonio, nella pratica e attraverso i loro ben regolati vocabolari. Ma applicare queste forme formalizzate di impegno al rapporto erotico può portare gravi distorsioni. Similmente la psicologia popolare trasforma l'impegno in qualcosa “a cui lavorare”. È diventato un cerchio in cui uno dei due partner cerca di far saltare l'altro (o se stesso). Ma, nel mondo dell'eros-mistero, l'impegno non può essere un contratto, un'aspettativa di stabilità o un segno di “progresso” del rapporto.
Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

MADRI STERILI VIOLENZE NASCOSTE



di Leyla Ziliotto

Violenza. Cosa ne sai?

Un manifesto con scritta questa frase compare improvvisamente sulle pareti luride della mia città: una donna dallo sguardo compassionevole e un essere maschile con la testa rimpiazzata da uno scarabocchio nero tentano, invano, di catturare la mia attenzione di vittima in quanto DONNA.

E di alimentare in me il sospetto che ogni UOMO, in quanto tale, sia un potenziale stupratore. I ruoli assegnati sembrerebbero questi: la vittima e il carnefice. Senza ombra di dubbio. Ma il ragionevole… dubbio che l’idea di distinguere così nettamente la buona dal cattivo non sia unanimemente condivisa mi assale dolcemente.

Eppure, la situazione sarebbe questa, netta e inequivocabile. Gli uomini e soltanto loro violentano, uccidono, sono inclini al tradimento e la possessione è un fattore insito nel loro modo malato di approcciarsi alla fragile identità femminile. Gli uomini picchiano, maltrattano, se ne fregano dei malesseri delle loro compagne di vita.

Parrebbe davvero così, se non fosse che anche IO, qualcosa, sappia della violenza. Per esempio della violenza femminile sugli uomini e sui figli. Ne so abbastanza da scriverci un libro.
Anzi, l’ho già fatto, ma potrei spingermi oltre, visto quanto mi fa vomitare il boldrinismo imperante che ci circonda.

So di non essere l’unica ad aver avuto abbastanza presto la percezione che anche le donne sappiano non essere sempre amorevoli con il prossimo o la… prossima.

Ma cosa accade se si denuncia una realtà un po’ diversa dai canoni quotidiani, che succede se ci si fa interprete di angherie consumate fra le mura domestiche per mano di una donna ai danni del marito o, ancor peggio, dei propri figli?
Ho verificato di persona che ciò provoca un certo fastidio: per alcuni/alcune, ascoltare e conoscere circostanze che possano scombussolare gli stereotipi della nostra società non è un bene.

E poi una donna “deve” essere sempre libera, si sa. Libera di abortire, tradire, disamare, risorgere dalle ceneri di una comunità maschilista e patriarcale senza mai scontarne le conseguenze sino in fondo, grazie ad una sorta di immunità sancita sia dalla pubblica opinione che dai tribunali. E’ il suo riscatto, la sua emancipazione, il suo modo di affrancarsi dalla schiavitù degli uomini: fare ciò che vuole, in quanto donna e in quanto donna, anche vittima sempre giustificata.

Ma veniamo al dunque o, come direbbe e vorrebbe far dire l’ex presidente della Camera, alla… dunqua.

La nostra società produce madri emotivamente sterili e ne andiamo pure fieri, mentre fertile è il terreno in cui si coltiva l’ormai celebre teoria del gender.

“Non esistono differenze biologiche tra i sessi, esiste solo l’assoluta eguaglianza tra maschi e femmine”.

Anche se la donna, nell’immaginario collettivo, continua ad avere sempre la cosiddetta marcia in più… anche quando è marcia dentro.

Faccio un esempio: avete mai sentito dire o letto di una… mostra? Sì, certo. Magari quella di Picasso o Van Gogh. Ma la mostra in quanto donna che uccide un compagno o persino uno o più figli non è contemplata neppure nel lessico comune. C’è la direttora, ma non la mostra. La mostra di Cogne, per esempio. Eh no, il mostro è mostro, è solo uomo, maschio, è antropologicamente definito.

La sindaca e la ministra vanno bene, spopolano alla grande ormai anche nelle pagine dei dizionari. La mostra no.

“La mamma è sempre la mamma” e “l’uomo pensa soltanto con il pisello”: sono luoghi comuni in apparenza innocui ma che invece ci intimano di soffocare la violenza sovente perpetrata dalle mogli sui mariti, dalle madri sui figli, dalle donne su altre donne. Peraltro, le femministe sono solite affermare di una donna particolarmente in gamba: “E’ una con i coglioni”. I tanto odiati coglioni. Odiati se li “indossano” gli uomini, ma se traslati sulle donne vanno benissimo, diventano ornamenti di cui vantarsi.

Ma la violenza è solo quella sulle donne, non se ne discute nemmeno.

Sia chiaro: in tante, troppe circostanze l’uomo si rende responsabile di atti brutali, si dimostra un padre ed un marito di merda, ma il fatto stesso di considerare la violenza una questione di genere, a mio avviso, è un genere di violenza da combattere.

Mettere in risalto dolorosi episodi di cronaca che hanno per protagoniste le donne in quanto omicide (o femminicide, come quando pongono fine all’esistenza delle proprie figlie, amiche, sorelle, suocere etc…) non significa mica sottovalutare il fenomeno della violenza degli uomini sulle donne.

Uhm…

Violenza, violenza, che cosa ne so ancora?

So anche che quando una coppia si separa, nel 95% dei casi i figli vengono assegnati alla madre poiché si dà per scontato che ella sia la figura “giusta”, capace di amare incondizionatamente coloro che non hanno chiesto di esistere e di badare alla loro crescita nella maniera più adeguata.

Perchè la peggior madre è comunque preferibile al più amorevole dei papà. Perchè è sufficiente essere madri, anche quando non si è mamme.

Tutto questo si dà per scontato. Non si fanno, però, sconti a quei padri che, vedendosi obbligati a mantenere vita natural durante le ex mogli con assegni mensili spesso sproporzionati alla loro reale condizione economica, sono costretti a mettersi in coda alla Caritas.

E a dormire in macchina. Ammesso che l’abbiano ancora.

Quella dei padri separati è un’autentica piaga sociale, evidentemente non abbastanza da farla prendere in considerzione. Perchè costringerebbe a scompigliare le carte ormai incollate da anni sulla tavola della nostra società.
Ci obbligherebbe ad ammettere, per esempio, che esistono madri e non solo mamme. E molti più papà che semplici padri di quanto si possa immaginare.

E che i frutti del femminismo oltranzista non sono sempre buoni e gustosi.

Per quanto mi riguarda, alcuni di essi hanno prodotto già danni irreparabili.
Hanno partorito madri emotivamente sterili e figli orfani di una società che non fa nulla per proteggerli dal loro inevitabile danneggiamento psicofisico.

Ma è possibile che l’autore non deve e non può mai essere autrice e che chi è suo malgrado testimone oculare della consumazione di tali violenze o ancor peggio ne è vittima rischia di essere tacciato di misoginia o pazzia?

Pazzia, già. Proprio come le madri AUTRICI d’infanticidio, per esempio (es-EMPIA, concedetemi). Perché ogni volta che una donna compie un atto del genere (o degenere), esso trova obbligatoriamente giustificazione in una specifica patologia mentale, in raptus schifo-frenici non meglio specificati, nella ricerca automatica di una responsabilità maschile e, nei casi peggiori, nell’addirittura comprensione dell’atto efferato!

“Gela: uccise le figliolette di 9 e 7 anni con la candeggina”: assolta perché incapace d’intendere e volere” (La Sicilia.it marzo 2018);

“Modena: uccide ed evirò il marito: assolta perché non in grado d’intendere e di volere” (Repubblica marzo 2018);

“Incapace d’intendere e volere”, assolta la “mamma” assassina di Curtarolo ( Il Mattino, luglio 2010);

“Lecco: uccise a coltellate i tre figli. La perizia: incapace d’intendere e volere” (Il Corriere della Sera, ottobre 2014);

“Reggio Emilia: madre uccide i due figli. Il marito non la cerca” (Il Resto del Carlino, dicembre 2017);

“Napoli, madre avvelena figlio di due anni e si suicida. Non sopportava la separazione (Il Fatto Quotidiano, marzo 2015)

“Uccise il marito malato, ma era incapace d’intendere e di volere” ( Il Tirreno, ottobre 2017);

“Uccise il marito colpendolo con il candelabro: assolta perchè incapace d’intendere e di volere” (ilgiorno.it Cremona, febbraio 2017);

E… dulcis in fundo:

Evira il marito violento, negli Usa è quasi una star (Repubblica.it, agosto 1993).

Guardando oltre le giustificazioni e le presunte inabilità mentali, le primordiali colpe maschili e le  spiegazioni metafisiche… siete davvero convinti che la violenza sia solo e soltanto “roba” da uomini?

Leyla Ziliotto
03-05-2018
blog Sesso Unico



 

L’Antifemminista

Mi chiamo Leyla, come la notte in cui sono nata.

Ho 25 anni, sono italo-marocchina, campionessa di bocce, pianista per diletto, scrittrice per necessità interiore. Amo cucinare, viaggiare, i gatti e mio marito, per il quale mi impegno ad essere una “brava” moglie.

“Mia madre mi odia” è il titolo del mio primo libro e racconta una vicenda, in parte biografica in parte ispirata ad altre storie vere nelle quali cui mi sono imbattuta quando ero vicepresidente dell’Associazione Papà Separati Liguria, di soprusi di una donna su un’altra donna, o meglio di una (presunta) mamma sulla figlia.

Non so se è per questa esperienza, ma non riesco a concepire il femminismo moderno come scelta obbligata di ogni donna per salvaguardarsi dalla (presunta) prepotenza maschile. E il non essere femminista mi attira quotidianamente qualche brutta gatta da pelare. Gatta e non gatto, diamo alla Cesara quello che è di Cesara, declinando al femminile ogni termine in “ossequio” al boldrinismo imperante. Che, in questi anni, ha fatto più danni della grandine, alimentando un’assurda guerra di genere tra donne e uomini, elevando le prime alla santità laica e i secondi alla dannazione eterna.

Ma le cose stanno proprio così? Non ne sono del tutto convinta. E cercherò di convincere anche voi, se avrete la bontà di leggermi, argomentando e documentando i miei pensieri e le mie riflessioni. Perché credo che l’emancipazione della donna sia tutt’altro cosa rispetto ai canoni del boldrinismo, secondo cui per esempio le parole sono più importanti dei concetti, gli stereotipi più dei comportamenti reali.

Per farmi e farvi capire: ai miei occhi esistono donne meravigliose, ma anche maestre che picchiano i bambini negli asili, madri che ammazzano i propri figli (non necessariamente in depressione post partum) oppure li abortiscono da vivi, per non dire di quelle che (con l’innegabile complicità degli uomini) li abortiscono da feti quale metodo anticoncezionale pratico e sbrigativo.

Allo stesso modo esistono uomini straordinari e uomini di merda.

Ma bisogna sapere distinguere.

Piacere, Leyla, persona, prima ancora che donna.

Benvenuti a Sesso Unico, il blog in cui il genere non prevarica le opinioni, in cui nessuna ha la marcia in più in quanto donna e nel quale il buon senso sgomita per imporsi sulla squallida e generalizzata misandria.

 

 

 

 


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
L'arte di amare
Eros e sessualità
Le relazioni interpersonali
Libri Consigliati
Chi é chi
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Amore
Sessualità
Tantra
Donne identità e salute
Uomini identità e salute

per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER, la più ampia scelta ed i migliori
libri con sconti ed offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
30 MARZO 2019 GATTINARA (VC) - AMARE IL SEGRETO PER LA FELICITA'
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo
 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it