Là dove é il tuo amore, un giorno sarai anche tu

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
     News
Ricerca libera
cerca
anno:
mese:
 

Calendario eventi
dal mese
dall'anno
 

piemonte e val d'aosta lombardia trentino alto adige veneto friuli emilia romagna liguria toscana marche umbria lazio Abbruzzo e molise abbruzzo e Molise campania puglia basilicata calabria sicilia sardegna
BOLOGNA   FIRENZE   MILANO   ROMA   INTERNAZIONALI  


ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail


Argomenti
Notizie & News
Corsi e Seminari
Viaggi & Vacanze
Convegni - Incontri
Fiere e Mercati
Concerti
Spettacoli
Associazioni e Scuole
Aziende e Negozi
Agriturismi
Mondo Biologico
Medicina Naturale
Ecologia & Ambiente
Società e Solidarietà
Ricerca Spirituale
Yoga
Energie Rinnovabili
Bioedilizia
Vivere Insieme
Cerco/Offro
Segnalazioni
Terapie Olistiche
Cerca per area geografica
ABRUZZO E MOLISE
BASILICATA
CALABRIA
CAMPANIA
EMILIA ROMAGNA
FRIULI
LAZIO
LIGURIA
LOMBARDIA
MARCHE
PIEMONTE E VAL D'AOSTA
PUGLIA
SARDEGNA
SICILIA
TOSCANA
TRENTINO-ALTO ADIGE
UMBRIA
VENETO
BOLOGNA
FIRENZE
MILANO
ROMA
INTERNAZIONALI
Archivio Dossier
<< torna indietro     nella localit&arave;: TOSCANA     argomento: Viaggi & Vacanze del: 08/06/2006
News: 10 giugno a Pescaglia (Lu) : L'ultimo fabbro

E' un uomo di 68 anni, dai capelli bianchi ed il fisico asciutto, che ogni giorno, alle 7 di mattina apre l'officina ed inizia quelle 12 ore di lavoro quotidiano con le quali prosegue una tradizione che la famiglia conosce almeno dal '500, ma di cui egli resta l'ultimo rappresentante. La ferriera, detta "Distendino", poiché vi si "distende" il ferro, si trova a Piè Lucese, nel comune di Pescaglia (LU): un luogo incantato, una sorta di ritaglio del passato a pochi chilometri dalla cosiddetta civiltà.
Non c'è telefono, non c'è l'ENEL, né televisione, né gas, né riscaldamento, perché Carlo vive il mestiere come un tempo, e lavora ferro e acciaio usando le stesse tecniche che furono di suo padre, di suo nonno, del bisnonno, e così via, indietro nel tempo, resistendo senza troppa fatica alle tentazioni della modernità.
L'ultimo fabbro produce attrezzi per l'agricoltura, il giardinaggio, il bosco, oggetti decorativi, ed altro ancora, ottenuti di solito da materiale di scarto, come binari dei treni o balestre dei camion.

PERCHE' VISITARE QUESTO LUOGO?
Perché è unico nel suo genere. La modernità, vista dal Distendino è quasi un optional, utile in certi casi, ma assolutamente superflua se non dannosa in molti altri...
Il mestiere qui diventa arte e stile di vita. Senza alcuno stampino, con il fuoco, il maglio, l'incudine, il martello, e la forza trasformatrice dell'acqua, ogni oggetto fiorisce da un unico pezzo, come il frutto sboccia da un unico fiore.
Quando si osserva quel martello imprimere i colpi nell'acciaio rovente è un intero mondo che si esprime e si realizza ai nostri occhi. Un mondo quasi scomparso, fatto di piccoli gesti, di solide abitudini, ma anche di gran saggezza e di silenziosa fantasia.
Quei colpi, fatti di rischio, di certezza, d'intenzione, d'immaginazione e di fatica, trasformano la materia, svelano la sua vera anima, mentre il silenzio, quasi estatico, quasi imbarazzante, separa un colpo dal successivo, divenendo attesa, respiro, come l'intercalare fra un battito cardiaco ed il successivo.
Il Distendino rappresenta così un profondo esempio di armonia e di unità fra l'uomo, il suo "fare", e la parte più elementale del nostro mondo. Qui, terra, fuoco, aria ed acqua, dialogano e s'intersecano. Qui si realizza il rispetto e l'armonia fra l'uomo ed il mondo che lo circonda, un rispetto reverenziale, fatto anche di sfida, di tradizione, ma mai di oltraggio.

L'INGEGNO NELLA FERRIERA
Il materiale viene scaldato nella forgia, la cui fiamma è alimentata dal carbone ma è sostenuta dal vento prodotto dall'acqua: un sistema idro-eolico del '700, infatti, sfrutta lo spostamento d'aria che essa provoca quando cade e s'infrange. L'acqua dà vita al fuoco.
Numerosi anche i macchinari letteralmente inventati da Carlo e realizzati con pezzi rimediati qua e là.
Ammireremo il miracolo della materia che si trasforma e si lascia plasmare, come educata da un esperto domatore, che del paziente e silenzioso incedere, ha fatto i segreti della propria arte.

IL LUOGO
Siamo in mezzo al bosco, pranzeremo nei pressi del torrente Pedogna, e lì sosteremo per meditare, lasciando che la natura, attraverso i suoni, gli odori, i colori, possa entrare in noi e per alcuni minuti ricondurci a sé.
Successivamente visiteremo altri luoghi, sempre percorrendo l'agile sentiero, compresa una piccola chiesetta costruita attorno a una pietra, dove si narra, sia apparsa la Madonna agli inizi del '900, una piccola grotta dove ogni anno viene realizzato un presepe molto suggestivo.

L'OTTIMA CENA DI UN TEMPO
Per completare in bellezza la giornata avremo modo di apprezzare i sapori locali cenando al bellissimo ristorante Molin della Volpe, ricavato da un'antica cartiera dell'800. Il menù prevede assaggi di sapori di una volta, preparati con ingredienti autentici.

Info e prenotazioni: www.NaturaOlistica.it - 328.7573094; sul sito puoi anche scaricare la brochure dettagliata.

Samuele Canestri Tel. 328.7573094 [email protected] www.NaturaOlistica.it

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it