Il mondo va male non a causa di coloro che fanno del male
ma a causa di coloro che sanno e lasciano fare!! 
Albert Einstein

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

M5STELLE: NUOVI PROTAGONISTI PER UNA NUOVA EUROPA



Gruppo delle Cinque Terre

1. La falsificazione dell’idea di Europa Unita

Cosa è l’Europa oggi ? Era un progetto di unione solidale dei popoli, dei territori e delle culture europee, è diventata una unione politica incompiuta, un’ area, in parte a moneta comune, controllata di fatto da una oligarchia finanziaria che condiziona i sistemi politici nazionali ignorando le esigenze e le necessità dei suoi cittadini. Il nobile progetto originario di una Europa federata è tradito nella realtà dei fatti dallafalsificazione del progetto originario: per la democrazia , per l’economia reale, per la cultura europea. I principali partiti politici europei, conservatori e socialdemocratici, si diceva una volta “ di destra e di sinistra”, non hanno più differenze sostanziali tra loro e sono subordinati ad élite bancarie, finanziarie, industriali e ad altre lobbies. Non hanno più alcuna visione di insieme. I sistemi elettorali a carattere maggioritario producono una rappresentanza politica falsificata a vantaggio di chi detiene il controllo dei mezzi di informazione ed ha un potente apparato organizzativo, imponendo un fittizio bipolarismo destra/sinistra che provoca una astensione elettorale crescente. Si determina così un sistema governato da caste politiche che sono suddite di altre caste finanziarie e convergenti con “ le larghe intese” vanificando una reale partecipazione democratica dei cittadini.

In queste condizioni persino il capitalismo della libera iniziativa si traduce nel suo contrario: nella estrema difficoltà, sacrificio e impossibilità della libera iniziativa. L’egoismo estremo dell’economia finanziaria e il pesante dominio delle caste bancarie e politiche costringono da una parte alla precarietà, dall’altra ad inseguire impossibili e comunque insostenibili obiettivi di continua crescita economica. Delle culture liberali, libertarie, cristiane e socialiste , ridotte a reperti archeologici, resta una lettura superficiale priva di significato e di sostanza, alibi per giustificare una globale ingiustizia. Nella comunicazione di massa ed anche nelle culture della scuola non vi sono più visioni d’insieme e qualsiasi sogno è abolito. We have no more a dream.. Vige un pensiero unico che trasforma le differenze in indifferenza, ogni idea in una merce da piazzare ed ogni posizione in una carriera da condurre.

Lo statunitense Micah White di Occupy Wall Street afferma che siamo davanti ad una catastrofe economica (il capitalismo finanziario ha fallito nel suo compito di distribuire le ricchezze globali), una catastrofe ecologica (l’attuale civiltà moderna è insostenibile e conduce al declino del Pianeta e dei suoi abitanti) ed una catastrofe spirituale (l’insieme della attività umane diventa privo di etica e questo comporta una crescente corruzione). Per affrontare e risolvere le tre catastrofi è urgente un movimento sociale planetario che non pratichi solo manifestazioni nelle piazze ma che sia in grado di unirsi e vincere le elezioni politiche in tutto il mondo. Questo movimento deve battere l’involuzione della società in Caste, combattendo e vincendo contro la corruzione e la finta legalità. Deve battersi per una autentica giustizia sociale restituendo ai cittadini una democrazia autentica e partecipata e la possibilità di gestire le modalità e il frutto del proprio lavoro. Deve battersi per una conversione ecologica dell’economia, della società, della cultura e della tecnologia che eviti il collasso del sistema planetario.

La Conversione Ecologica dell’economia è il passaggio dal miraggio di una impossibile infinita crescita economica esclusivamente quantitativa ad una possibile ed auspicabile decrescita basata sul recupero e la valorizzazione della qualità dei prodotti e che renda i produttori consapevoli e responsabili del consumo delle risorse naturali rispetto alla capacità della Terra di rigenerarle. La Conversione Ecologica della società è il passaggio dall’egoismo individuale alla responsabilità e solidarietà condivisa, alla esaltazione delle abilità umane dei singoli insieme al recupero di tutte le forme di comunità: famiglia, quartiere, villaggio, bioregione, macroregioni nazionali e cittadinanza planetaria. La Conversione Ecologica della politica è il passaggio dalle caste politiche e da una falsa democrazia rappresentativa ad una reale partecipazione dei cittadini alle decisioni politiche anche tramite la pratica di forme di democrazia diretta e partecipativa. La Conversione Ecologica della cultura significa il recupero di una visione d’insieme del nostro vivere: ritrovare il sogno che abbiamo perso e che stiamo perdendo come umanità sia in forma collettiva che individuale.

Bisogna far uscire l’idea della Conversione ecologica dal limbo delle dichiarazioni astratte e proporre le concrete alternative che sono un po’ alla volta possibili cominciando da agricoltura e alimentazione di prossimità, da nuove abitazioni efficienti, da una nuova mobilità collettiva e razionale, dal pieno uso e recupero urbanistico fermando la cementificazione inarrestabile. Ma anche con nuovi rapporti fra le persone basati su una maggiore solidarietà e spirito di comunità, una rifondazione della scuola atta alla crescita dei giovani e luogo di cura delle abilità umane individuali. Contrastando apertamente questo processo involutivo che invece si è avviato sul piano europeo che si può sintetizzare come perdita dell’idea di Comunità sociale e Comunità ecologica di 500 milioni di persone che vivono sullo stesso continente.

2. Il tramonto dell’ambientalismo tradizionale e della sinistra radicale

Negli ultimi decenni movimenti alternativi orientati verso l’ecologismo hanno svolto un ruolo positivo di condizionamento in vari paesi dell’Europa. Lo stop al nucleare in Italia, il suo progressivo arresto in Germania, la difficoltà a procedere in alcuni altri paesi europei e insieme lo sviluppo delle tecnologie sulle rinnovabili è il primo e ad oggi principale esempio di parziale percorso di conversione ecologica sul continente europeo. In vari paesi anche una diversa e alternativa forma di mobilità collettiva si è fatta strada, con la negativa eccezione italiana, indicando che bisogna con coraggio decretare la necessità della fine dell’era dell’auto come sistema prevalente di mobilità.

In alcuni paesi hanno prevalso invece lotte popolari per il lavoro e i diritti sindacali; la mancata connessione di queste lotte con l’idea della Conversione ecologica, con le forme diverse di ben vivere indicate dai fautori della decrescita, l’assenza anche di percorsi di autogestione del proprio lavoro o di forme di reddito minimo garantito specie nel sud europa, hanno impedito a molte lotte sbocchi virtuosi ottenendo al massimo momentanee integrazioni salariali da parte dello Stato. La tradizionale rappresentanza politica di sinistra di queste parti sociali si è progressivamente ridotta all’autotutela, spesso al trasformismo che presuppone l’accettazione delle caste. Si è permessa una spregiudicata campagna contro il diritto ad un lavoro dignitoso equivocando sui termini di flessibilità e precarietà, smontando in nome del rilancio della crescita i diritti conquistati nei cinquanta anni seguiti alla fine del secondo conflitto mondiale.

In altri paesi si sono espresse richieste di indipendenza o autonomia, con connotazioni di destra o di sinistra, illusioni di una nuova possibile libertà di decisione; praticamente i risultati sono stati fino ad oggi del tutto irrilevanti. E’ evidente che la separazione fra loro dei movimenti sociali e la mancanza di una visione comune nella crisi hanno portato alla marginalità sia delle sinistre radicali sia dell’ambientalismo tradizionale.

3. Il Movimento 5 Stelle diventerà europeo?

Il Movimento 5 Stelle contiene quasi sorprendentemente nella propria connotazione genetica sia la conversione ecologica, sia le ragioni della giustizia sociale e della democrazia, sia della lotta contro corruzioni e caste. Esso si pone oggettivamente in Italia come movimento politico che esprime e cerca di unire le esigenze, le pratiche, le esperienze e le rivendicazioni di una moltitudine di gruppi diversi presenti nella società italiana. Per quanto giovane, incompleto o criticabile sia, al momento è il megafono, la speranza, la pratica di una nuova cittadinanza che tenta di riprendere voce. Oggi non c’è altro di significativo in campo. Questo spiega in parte la rapidità del suo successo in Italia, la sua possibilità di affermazione in varie forme in Europa e la possibile influenza successiva in altre parti del mondo. E spiega l’ovvia ostilità che da più parti gli si concentra contro da chi difende lo status quo e ha paura del cambiamento sociale.

Per un singolare destino proprio dalla disastrata situazione italiana sorge una sintesi ed una proposta valida anche nel contesto europeo ed internazionale. Era rinata una speranza alcuni anni fa, quando in modo improvviso una nuova e composita lista dal nome Europa Ecologie si era imposta alle elezioni tra i primi partiti in Francia, esperienza poi rapidamente entrata in crisi con la scelta affrettata che la aveva resa subalterna alla forme di potere oligarchico esistenti, in una alleanza fallimentare e senza ottenere nulla con il PS francese, il partito di Hollande miracolato da un sistema elettorale iniquo che solo per poco tempo ne ha nascosto l’inconsistenza. Nella crisi europea sembra ridimensionata a forza intermedia anche la storica presenza dei Grünen in Germania che per un momento dopo il 2008 venivano indicati come prima forza del paese. Le desolanti recenti dichiarazione di Cohn Bendit sul M5Stelle, di cui è evidente che non conosce nulla, indicano come siano inadeguate e tramontate le storiche leadership dell’ambientalismo europeo e, in assenza di una profonda svolta che ci auguriamo, esaurita la loro ragione d’essere, già preannunciata dalle previsioni elettorali.

Vanno comprese le ragioni del generale ridimensionamento dei tradizionali partiti verdi, che pure hanno avuto svariati meriti ma che tutti oggi difettano di una visione d’insieme della realtà attuale; una malintesa idea della governabilità li ha resi spesso parti marginali e gregari di uno dei due soci del duopolio politico europeo. A 30 anni dalle loro prime affermazioni si esaurisce forse un ciclo storico in cui assistiamo al passaggio da un ambientalismo moderato e a volte trasformista, che sta declinando, ad un ecologismo radicale interno ad un progetto ampio di cambiamento che aspira ad assumere un ruolo di maggioranza.

Con un percorso analogo anche la presenza della sinistra radicale, massacrata anche da sistemi elettorali iniqui, è in crisi in tutta Europa. Divisa in ogni paese tra varie fazioni, ancora in parte subalterna ad ideologie ed analisi ottocentesche, oscilla in continuo fra massimalismo minoritario e subalternità. Ne è esempio locale la confusione e le ambiguità delle componenti organizzate della lista per Tsipras italiana che ne rende l’esito elettorale molto incerto ma comunque poco influente una sua possibile affermazione, che è misurata dal superamento del quorum del 4%, essendo un agglomerato improvvisato e provvisorio di apparati diversi privi di una strategia condivisa e di una vera unità, divisi già sul gruppo al quale aderiranno eventuali eletti al parlamento europeo. Comunque vada il giorno dopo il voto di maggio ognuno andrà per la sua strada data anche la esigua consistenza del gruppo di garanti indipendenti.

La incomprensibile presentazione alle elezioni europee anche del residuo dei Verdi-Green italiani sembra prova di mera testimonianza orgogliosa ma svolge unicamente la funzione desolante di rendere ancor più improbabile il quorum per la lista di Tsipras oltre ovviamente a sottrarre qualche voto possibile al M5Stelle ( Renzi e Berlusconi ringraziano due volte). Da tempo sosteniamo l’utilità dello scioglimento di questi apparati residuali che non hanno più alcuna influenza ne autonomia. Da tutti questi piccoli gruppi come dai partiti maggiori sempre più uguali fra loro e ostili a qualunque vero cambiamento non verrà alcun possibile contributo a quella vera e propria rivoluzione politica e culturale necessaria per salvare l’Italia e promuovere una nuova Europa.

4. Austerità e Crescita presunta o Conversione ecologica in una Europa solidale

L’idea di “ liste o coalizioni europee contro le politiche di austerità”, per quanto allettante e popolare, si rivela alla prova dei fatti piccola cosa, senza una visione di insieme che crei convergenze significative, priva di un progetto europeo per i prossimi anni, incapace di definire un fronte sociale comune nello spazio comunitario. Con “l’austerità” si rischia di confondere la causa con l’effetto: ovvero assolvere le attuali classi dirigenti nazionali dei conservatori e dei socialdemocratici e illudere gli elettori che basterà condizionarli a “mettere fine “all’austerità”, a “ riavviare la crescita” (come, di che ?) per uscire dal tunnel. La devastazione data dalla crisi economica, ecologica, morale e sociale italiana impone invece una vera rivoluzione politica e istituzionale che si proietti sull’intera Europa.

Servono nuovi protagonisti, un movimento sociale consistente e non minoritario, libero dai condizionamenti di lobby politiche e finanziarie, disposto ad una vera rivoluzione culturale per lasciare alle generazioni che verranno un’Europa aperta e solidale fondata sulla libertà, l’uguaglianza e la giustizia sociale e impegnato nella tutela del pianeta che ci accoglie.

Gruppo Cinque Terre

www.gruppocinqueterre.it - [email protected] - Italia, aprile 2014

Piero Aimasso, Anna Andorno, Giovanni Chiambretto, Maurizio Di Gregorio, Massimo Marino
(documento diffuso in Europa anche in francese, inglese, tedesco )

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
VERSO IL GREEN PASS OBBLIGATORIO
FIORIGIALLI RIPRENDE LA PUBBLICAZIONE DI EVENTI NEWS ED ARTICOLI
08 - 10 MARZO 2019 MILANO - FAI LA COSA GIUSTA - XVI EDIZIONE
01 MARZO 2019 LUCCA - CONFERENZA PIANO DI STUDI DELLA SCUOLA WALDORF
09 MARZO 2019 MILANO - INCONTRO COME SOPRAVVIVERE IN UNA ERA DIGITALE
15 MARZO 2019 BATTAGLIA TERME (PD) - DOCUMENTARIO UNA POPOLAZIONE FUORI DAL GREGGE
12 - 14 MARZO 2019 LONDRA - PARTECIPAZIONE COLLETTIVA ALLA LONDON BOOK FAIR 2019
APPROVATA GRAZIE AL MOVIMENTO 5 STELLE PRIMA SERIA LEGGE ANTICORRUZIONE
INFORMAZIONE: IL GRATUITO HA UN PREZZO ALTISSIMO - LA TESI DI M. GABANELLI
APPELLO DI LEADERS FOR PEACE
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it