nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

LE LEGGI NATURALI DEL BAMBINO
- CELINE ALVAREZ



di Isabella Bresci

Quando un bambino inizia a sviluppare ciò che è,
allora è come assistere al sorgere del sole  

(Céline Alvarez)

In settembre mi sono recata al Circolo dei Lettori di Torino perché avevo letto che nell'ambito del programma di “Torino Spiritualità 2017” - una delle più belle e interessanti manifestazioni torinesi ormai giunta alla XIII edizione - era previsto un incontro dal titolo Nati per imparare - Le leggi naturali dei bambini.  Il tema e filo conduttore della manifestazione, quest'anno era: “Piccolo me – Restare o diventare bambini”
“Il nostro sistema educativo non prende in considerazione i meccanismi naturali dell'apprendimento umano”, questa la tesi di Céline Alvarez, giovane maestra decisa a rivoluzionare dall'interno il sistema scolastico nazionale francese e magari internazionale...

Arrivo, mi accomodo in seconda fila e vedo una bella persona dal viso aperto e pulito, dolce ma assertiva. Soprattutto sorridente. E' stata invitata per presentare il suo libro Le leggi naturali del bambino – La nuova rivoluzione dell'educazione. Definisce se stessa una “pacifica rivoluzionaria” perché nel suo piccolo, anni fa si pose l'obiettivo a dir poco ambizioso di smantellare dal di dentro il sistema scolastico francese  (chiamato sarcasticamente “Mammut” dai francesi), proprio come fa un virus informatico.

Profondamente turbata dai deprimenti risultati della scuola pubblica che vedeva attorno a lei, dopo aver conseguito un Master in Scienze del Linguaggio presso l'Università di Grenoble, decise di seguire l'iter necessario per poter insegnare alla scuola materna, passa il concorso e viene assunta. Provenendo lei stessa da un quartiere degradato, sceglie di insegnare in un sobborgo disagiato di Parigi.

Gli ostacoli e le resistenze al suo “non metodo” all'inizio sono enormi, quindi decide di avvalersi del supporto di un team di neuroscienziati per avere un riscontro scientifico alle sue “teorie” che altro non sono che quelle note dei pedagogisti più illustri come Maria Montessori, Jean Itard, Edouard Séguin, ecc... ma rivitalizzate dall'esperienza e reinterpretate alla luce delle nuove scoperte delle neuroscienze. Celine scrive: “(...) Non ho inventato nulla, ma mi impegno per dimostrare la validità e mettere in pratica le più illuminanti intuizioni dei grandi pedagogisti”.

Nel 2011 un preside intelligente decise di appoggiare l'esperimento per un anno. Una volta al mese il team supervisionò la classe e prese appunti sull'andamento della classe e di ogni singolo bambino.Intanto lei apre un blog e un canale Youtube... Dopo un anno i risultati furono stupefacenti e il preside le diede carta bianca finché... il cambio di dirigente pose fine all'esperimento nella scuola materna di Gennevilliers e tutto tornò come prima. Celine allora decise di scrivere e diffondere le sue idee ad un pubblico più vasto.

Il libro esce in Francia nel 2016 e diventa un caso editoriale che ha portato a un dibattito molto acceso. Ciò che Céline scrive nel libro, che pure pare rivoluzionario, è in realtà il resoconto concreto della sperimentazione del Metodo di Maria Montessori, spiegato alla luce delle nuove scoperte neuro scientifiche. Questo che lei chiama 'non metodo' si basa proprio sul lasciar emergere le leggi innate dell'apprendimento semplicemente favorendo nel modo più consono il “software innato di autoeducazione” di ogni essere umano, e si basa su poche ma fondamentali regole.

Una di queste è quella di evitare l'esposizione dei bambini a qualsiasi tipo di 'schermo' (pc, tablet e cellulari) prima dei tre anni; pochissima tv e solo in compagnia di adulti; esposizione minima anche dopo i tre anni. Questo perché questi mezzi rovinano completamente il sistema attentivo dei bambini mantenendo il loro cervello in uno stato di 'allerta' essendo soverchiato dal flusso inconsueto di immagini e stimoli. La dipendenza e l'assuefazione a questi dispositivi si instaura velocemente e i bambini diventano irrequieti e incapaci di concentrarsi. Solo dopo un periodo di 'disintossicazione' i livelli di attenzione tornano normali (sono stati fatti esperimenti eclatanti in proposito). Al contrario sono essenziali tutti i giochi in cui i bambini possono sfogare la loro curiosità e creatività e che implicano l'uso attivo della mente, del corpo e soprattutto delle mani.

Un'altra regola è la compresenza di età diverse in classe. E' stato dimostrato che ciò favorisce l'apprendimento  per i più piccoli che subiscono una vera e propria fascinazione nei confronti dei compagni più grandicelli mentre questi ultimi si trasformano spontaneamente in 'maestri' consolidando le proprie conoscenze condividendole coi piccoli. Nella scuola di Gennervillers, grazie a questo sistema, il team di neuropsichiatri notò che i bambini avevano sviluppato un'intelligenza sociale molto avanzata, le scene di aiuto reciproco, gli atteggiamenti altruistici e pazienti erano toccanti. In caso di conflitti e stress emotivo, i più grandi intervenivano per aiutare i piccoli (ma a volte accadeva il contrario) a prendere le distanze dalle loro emozioni e chiamarle per nome. Il punto non era 'chiedere scusa' ma ascoltare l'emozione dell'altro come era stato insegnato loro.

Altra regola d'oro è tener conto della motivazione endogena cioè la motivazione che deriva dall'organismo, lo slancio interiore spontaneo. Infatti “(...) senza la curiosità personale, la vostra memoria sarà attivata solo in minima parte. Per imparare, quindi, bisogna essere interessati all'attività che richiede il nostro impegno, di modo che la memoria si attivi in modo ottimale e si possa avvertire quello stimolo che in tempi brevi ci condurrà lontano. (...)”.

La motivazione esogena cioè proveniente dall'esterno, per esempio studiare per ottenere un buon voto o per non essere sgridati, porterà risultati effimeri e il sapere acquisito sparirà velocemente dalla memoria una volta ottenuto il voto o il premio desiderato. E di questo tutti abbiamo fatto personalmente esperienza. Questo ovviamente porta a considerare attentamente i bisogni e gli interessi che sono diversi per ognuno perché il vero insegnamento non può che essere individualizzato il più possibile.

Essenziale è l'importanza che viene data all'errore che “(...) è assolutamente un elemento costitutivo dell'apprendimento. Molto spesso invece, viene percepito come una colpa e tentiamo di evitarlo.”  Bisogna poter imparare dai propri errori; l'errore dovrebbe essere neutro, semplicemente esso ci informa che una previsione va aggiustata. “(...) Non avendo più paura di sbagliare, il bambino sviluppa una personalità unica, forte, stabile, fiduciosa e creativa”. Diamo ai bambini la possibilità di sbagliare ed imparare dai loro errori. La mente funziona solo così, sbagliando e riprovando fino alla soluzione esatta. Bisogna lasciare tempo e avere fiducia*. E' l'unico modo per ottenere risultati duraturi e sviluppare autonomia e autostima. Sembra complicato ma in realtà è più semplice quando si imposta questa modalità dall'inizio, dalla scuola materna. L'adulto deve avere il ruolo di “facilitatore” cioè di aiutare in caso di bisogno ma lasciare che il bambino sbagli e cerchi di trovare da solo le soluzioni.

La natura e gli ambienti 'reali' sono essenziali per uno sviluppo armonico. “(...) I bambini che possono giocare regolarmente nella natura presentano migliori capacità motorie”. Se questo non è sempre possibile almeno offriamo ambienti di qualità e attività coinvolgenti che impegnino la mente insieme al corpo, perché si apprende solo dalla realtà e dall'esperienza diretta.

Al contrario, dopo anni di scuola con sistema scolastico attuale, è come se perdessero un po' per volta il contatto con il loro “motore interno”, con ciò che li fa funzionare, la loro luce interiore; molti perdono interesse per la vita, diventano abulici e annoiati, facili prede di pericolose lusinghe specie se vivono in un ambiente familiare e sociale svantaggiato.

Non sono necessari ambienti super attrezzati e materiali didattici tecnologici che solo alcune scuole si possono permettere, perché essi non sono sufficienti per sviluppare le “competenze esecutive”, cioè quelle competenze indispensabili che ci permettono di agire in modo organizzato per raggiungere i nostri obiettivi. Esse necessitano dello sviluppo di tre fondamentali “competenze cognitive” e cioè:

  • la memoria di lavoro, la capacità di conservare un'informazione nella memoria a breve termine,
  • il controllo inibitorio, la capacità di controllarsi, concentrarsi e inibire le distrazioni
  • e la flessibilità cognitiva, la capacità di trovare errori, correggerli e mostrarsi creativi. Una volta sviluppate queste competenze, apprendere a leggere, scrivere, far di conto e tutte le altre materie, sarà estremamente più semplice.

Ma il vero segreto di questa rivoluzione dell'educazione è instaurare una “relazione di qualità” e questa si basa sempre, semplicemente, sull'Amore...





 

Céline Alvarez, 
Le leggi naturali del bambino 
La nuova rivoluzione dell'educazione

Mondadori, Milano 2017
 pp.352, € 20


Indice del Libro:


E se ripensassimo la scuola a partire dalle leggi naturali dell'apprendimento?

Parte prima - INTELLIGENZA PLASTICA DELL'ESSERE UMANO
La plasticità cerebrale
Le leggi naturali dell'apprendimento
L'esperimento di Gennevillers

Parte seconda - L'AIUTO DIDATTICO
Affinare le percezioni sensoriali
Offrire la cultura in modo sensoriale, chiaro e progressivo
Matematica
Cominciare a leggere e scrivere

Parte terza - SOSTENERE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE BASE DELL'INTELLIGENZA
I periodi sensitivi
Le competenze esecutive
Favorire l'autonomia ogni giorno
Maggiore libertà
Proteggere il bambino dallo stress tossico
Tornare se stessi

Parte quarta  - IL SEGRETO E' L'AMORE
Il potere della relianza
Sostenere l'espressione delle tendenze sociali innate
Vivere insieme per imparare a vivere insieme

Conclusioni- Note
Bibliografia -Sul web
Ringraziamenti

Sito di riferimento: https://www.celinealvarez.org/
Canale Youtube di riferimento: https://www.youtube.com/channel/UChh9mxzY_-iMWyI9IL_ax_Q

* Famosi sono i cosiddetti “effetto Pigmalione” ed effetto Golem” cioè il risultato di alcuni esperimenti dove si è visto che i pregiudizi positivi o negativi influenzano i risultati degli allievi.

FioriGialli © Tutti i diritti riservati.
E' fatto divieto di pubblicazione sia totale che parziale in altra sede senza una ns. specifica autorizzazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge.


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
VERSO IL GREEN PASS OBBLIGATORIO
FIORIGIALLI RIPRENDE LA PUBBLICAZIONE DI EVENTI NEWS ED ARTICOLI
08 - 10 MARZO 2019 MILANO - FAI LA COSA GIUSTA - XVI EDIZIONE
01 MARZO 2019 LUCCA - CONFERENZA PIANO DI STUDI DELLA SCUOLA WALDORF
09 MARZO 2019 MILANO - INCONTRO COME SOPRAVVIVERE IN UNA ERA DIGITALE
15 MARZO 2019 BATTAGLIA TERME (PD) - DOCUMENTARIO UNA POPOLAZIONE FUORI DAL GREGGE
12 - 14 MARZO 2019 LONDRA - PARTECIPAZIONE COLLETTIVA ALLA LONDON BOOK FAIR 2019
APPROVATA GRAZIE AL MOVIMENTO 5 STELLE PRIMA SERIA LEGGE ANTICORRUZIONE
INFORMAZIONE: IL GRATUITO HA UN PREZZO ALTISSIMO - LA TESI DI M. GABANELLI
APPELLO DI LEADERS FOR PEACE
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it