forestiero che vai cercando la pace al crepuscolo, 
la troverai alla fine della strada. (F. Battiato)

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

MICHEA: PERCHE' HO ROTTO CON LA SINISTRA



Intervista con Jean-Claude Michéa

Se sono arrivato a rimettere in discussione il vecchio schema destra/sinistra - insieme, tra gli altri, a Cornelius Castoriadis e Christopher Lasch - ritenendolo ormai una mistificazione, è semplicemente perché il compromesso storico siglato in seguito all'affare Dreyfus tra il movimento operaio socialista e la sinistra liberale e repubblicana (il "partito del movimento", dove il partito radicale e la massoneria volteriana dell'epoca marciavano fianco al fianco) sembra ormai aver esaurito tutte le sue qualità positive.

I libri di Jean-Claude Michéa si fanno sempre desiderare. Qualcuno ne attende l’uscita con trepidazione, qualcun altro affila i coltelli. In primo luogo perché le parole di questo filosofo, ispirato dal pensiero di George Orwell, di Guy Debord e del miglior Marx, sono riportate molto di rado dai media. Inoltre, dato che appartiene ad una specie politicamente ambidestra, purtroppo così poco rappresentata e spesso fraintesa, Michéa si mostra crudele verso una sinistra liberale ridotta ad una caricatura di sé stessa, impegnata a valorizzare tutte le presunte trasgressioni morali e culturali, ma riesce a restare lucido di fronte all’incredibile cinismo dei leader della destra attuale (Sarkozy e Copé in testa) che si atteggiano a difensori del “popolo minuto”, in realtà la principale vittima del loro programma economico dedicato all’espansione illimitata degli interessi del CAC 40(1).

 

Diciamolo subito: Mystères de la Gauche, edito in Francia da Climats, è il libro che tutti noi, da molti anni, attendevamo da Michéa. Vi sono molti aspetti che giustificano quest’attesa. In primo luogo il suo rifiuto definitivo di riconoscere nella “sinistra” il fronte popolare di liberazione a cui fa appello nei suoi scritti. “La sinistra” è un significante-padrone fatto prostituire già da molti anni: Michéa lo considera ormai foriero di “inutili divisioni, dal momento che è necessario riunire le classi popolari.”

Anche perché il filosofo risponde colpo su colpo alla “virata a destra” che gli viene regolarmente imputata. Così questo anti-capitalista conservatore ammette che l’attaccamento ai “valori tradizionali” può produrre delle derive inquietanti e che “su questo punto, i costanti allarmi lanciati dalla sinistra restano pienamente validi.” Una grande annata, quindi, per il filosofo orwelliano di Montpellier. Disturbante, pungente e spesso esilarante quando prende in giro l’autocelebrazione delle sinistra come “partito del domani” (Zola), Michéa riesce ad essere illuminante e quasi sempre convincente.

Marianne: Lei ritiene che sia urgente abbandonare il nome “sinistra”, cioè cambiare il significante che descriverà le forze politiche che prenderanno di nuovo in considerazione gli interessi della classe operaia … Questo nome non può più tornare in vita e superare le sue ferite storiche, i suoi fallimenti, il suo passato ingombrante? Lo stesso problema sussiste per la parola “socialismo”, che in origine indicava il mutuo soccorso operaio promosso da persone come Pierre Leroux e negli anni ’80 è diventato sinonimo delle pagliacciate à la Jack Lang. Non potremmo ravvisare, in questo desiderio di abolire un nome che ha fatto la storia, una sgradevole eco di quello spirito della tabula rasa che in altre occasioni ha denunciato in modo instancabile?

Jean-Claude Michea: Se sono arrivato a rimettere in discussione il vecchio schema destra/sinistra – insieme, tra gli altri, a Cornelius Castoriadis e Christopher Lasch – ritenendolo ormai una mistificazione, è semplicemente perché il compromesso storico siglato in seguito all’affare Dreyfus tra il movimento operaio socialista e la sinistra liberale e repubblicana (il “partito del movimento”, dove il partito radicale e la massoneria volteriana dell’epoca marciavano fianco al fianco) sembra ormai aver esaurito tutte le sue qualità positive.

Difatti, se andiamo a studiarne le origini, si è trattato solo di un’alleanza difensiva siglata contro un nemico comune, incarnato all’epoca dall’onnipotente “reazione”. Quest’ultima era un patchwork di forze in gran parte pre-capitaliste che speravano ancora di restaurare in tutto o in parte l’Ancien Régime, in particolare il dominio incontrastato della Chiesa cattolica sulle istituzioni e sulle anime.

Questa destra clericale, reazionaria e monarchica è stata definitivamente sconfitta nel 1945 e le sue ultime vestigia sono state spazzate via dal Maggio Francese (quella che oggi chiamiamo “destra”, nei fatti, indica gli ultras del liberalismo economico di Friedrich Hayek e Milton Friedman).

Privato del suo nemico storico e dei suoi bersagli specifici (come la famiglia patriarcale o “l’alleanza tra il trono e l’altare”), il “partito del movimento” è stato immediatamente costretto, per mantenere la sua identità originaria, a perseguire a tempo indeterminato la sua opera di “modernizzazione” del mondo (che è il motivo per cui, oggi, “essere di sinistra” non significa altro che essere in testa a tutti i movimenti che lavorano per la costruzione della società capitalistica moderna, che vadano incontro o meno agli interessi del popolo, o finanche al semplice buon senso).

Anche se i primi socialisti condividevano con i liberali e i repubblicani il rifiuto di tutte le istituzioni oppressive e portatrici di ineguaglianza dell’Ancien Régime, non avevano alcuna intenzione di abolire tutte le forme di solidarietà popolare tradizionale, neppure quindi di attaccare le fondamenta del “legame sociale” (perché questo è ciò che inevitabilmente accade quando si afferma di voler fondare una “società” moderna – ignorando tutti i dati dell’antropologia e della psicologia – esclusivamente sulla base di un accordo privato tra individui considerati come “indipendenti per natura”).

La critica socialista degli effetti atomizzanti e distruttivi sull’umanità del credo liberale, secondo il quale il mercato e il diritto astratto sarebbero stati sufficienti a formare, secondo le parole di Jean-Baptiste Say, un “collante sociale” (Engels scrisse nel 1843 che l’ultima conseguenza di questa logica sarebbe stata un giorno la “dissoluzione della famiglia”), divenne quindi chiaramente incompatibile con il culto del “movimento” come fine in sé, di cui Eduard Bernstein aveva formulato il principio sin dalla fine del XIX secolo, proclamando che “il fine è nulla” e “il movimento è tutto”.

Per liquidare quest’alleanza ormai priva di senso tra i sostenitori del socialismo e recuperare la sua indipendenza originaria, la “nuova” sinistra non dovette fare altro che imporre mediaticamente l’idea che qualsiasi critica dell’economia di mercato o dell’ideologia dei diritti umani (il “pomposo catalogo dei diritti dell’uomo” a cui Marx contrapponeva, ne Il Capitale, l’idea di un modesta “Magna Carta” capace di proteggere realmente le sole libertà individuali e collettive fondamentali) porterebbe ineluttabilmente al “gulag” e al “totalitarismo”.

La missione è stata portata a termine alla fine degli anni ’70 da quella “nouvelle philosophie” che oggi è diventata la teologia ufficiale della società dello spettacolo. In queste circostanze, io continuo a pensare che oggi è diventato politicamente inefficace, se non pericoloso, continuare a promuovere un programma di ritiro graduale del capitalismo sotto le insegne esclusive di un movimento ideologico la cui missione emancipatrice è finita, in sostanza, quando la destra monarchica, reazionaria e clericale è definitivamente scomparsa dal panorama politico.

Il socialismo è per definizione incompatibile con lo sfruttamento capitalistico. La sinistra, purtroppo, no. E se tanti lavoratori – autonomi o dipendenti – ormai votano a destra, o non votano per nulla, è spesso perché hanno percepito intuitivamente questa triste verità.

Marianne: Nel libro Mystères de la gauche, lei ricorda con molta efficacia i tanti crimini commessi dalla sinistra liberale contro il popolo, e soprattutto il fatto che le due repressioni degli operai più sanguinose dell’Ottocento sono ad essa imputabili. Eppure oggi, dopo che l’inventario critico della sinistra culturale mitterrandiana è divenuto banale, non possiamo ammettere che i socialisti sono cambiati? Si sono verificate diverse prese di coscienza importanti. Una tra queste, ad esempio, è stata il lungo abbandono della classe operaia: un fenomeno recente, ma reale. Anche sulle questioni in materia di sicurezza, non si può dire più che Manuel Valls incarni una sinistra permissiva e buonista. Dalle sue parole traspare l’impressione che la sinistra, in linea di principio, non riuscirà mai a riformarsi. È questa la conclusione a cui giunge?

Jean-Claude Michea : Quello che mi colpisce di più è che le cose vanno esattamente come avevo previsto. Dal momento in cui, nei fatti, la sinistra e la destra si sono accordate nel considerare l’economia capitalista come l’orizzonte ultimo del nostro tempo (non è un caso che Christine Lagarde sia stata nominata direttrice del Fondo Monetario Internazionale per poi perseguire la stessa politica di Strauss-Khan), era inevitabile che la sinistra – una volta tornata al potere indossando la rigida veste dell'”unica alternativa” – cercasse di nascondere alle urne questa complicità ideologica sotto la cortina fumogena delle sole questioni “sociali”. Da qui l’attuale e desolante spettacolo.

Ora il sistema capitalistico globale si sta dirigendo in tutta calma verso l’iceberg, stiamo assistendo ad una surreale e feroce lotta tra coloro la cui unica missione è difendere tutte le implicazioni antropologiche e culturali di questo sistema e coloro che devono far finta di combatterlo (il presupposto filosofico comune di tutti questi liberali è, naturalmente, il diritto assoluto di ogni individuo di fare ciò che vuole con il suo corpo e il suo denaro). Ma non ho il merito di descrivere qualcosa di nuovo.

Questo è ciò che Guy Debord annunciava già vent’anni fa: i futuri sviluppi del capitalismo moderno avrebbero necessariamente trovano il loro principale alibi ideologico nella lotta contro il “razzismo, l’omofobia e l’anti-modernismo” (da qui, egli aggiunge, il “neo-moralismo indignato che mettono in scena le pecore dell’attuale intellighenzia”). Per quanto riguarda le posture marziali di un Manuel Valls, si tratta solo di una strategia comunicativa. La vera posizione della sinistra su questi temi è ovviamente quella di un ex groupie di Bernard Tapie e di Edouard Balladur come Christiane Taubira.

Marianne: A differenza di altri, ciò che la tiene ancora lontano dalla “sinistra della sinistra”, dai movimenti anti-globalizzazione o dagli altri indignati, non è l’invocazione di un passato totalitario da rinfacciare ai cuginetti comunisti… Piuttosto è la base liberale di questi movimenti: l’individuo isolato che manifesta per il diritto di restare un individuo isolato, citando le sue parole. Ad ogni modo, non vi è alcuna di queste lotte o di questi movimenti verso cui ha avvertito una certa affinità negli ultimi anni?

Jean-Claude Michea: Se si ammette che il capitalismo è diventato un fatto sociale totale (inseparabile, in quanto tale, da una cultura e da un modo di vivere specifici) è chiaro che i critici più lucidi e radicali di questa nuova civilizzazione si trovano dalla parte dei sostenitori della “decrescita”. Intesa, naturalmente, non come una “crescita negativa” o un’austerità generalizzata (come vorrebbero farci credere, ad esempio, Laurence Parisot o Najat Vallaud-Belkacem), ma come la necessità di rimettere in questione uno stile di vita quotidiano alienante, basato – citando Marx – sulla sola necessità di “produrre per produrre ed accumulare per accumulare.”

Uno stile di vita necessariamente privo di ogni reale senso umano, iniquo (dal momento che la logica di accumulazione del capitale porta inevitabilmente a concentrare la ricchezza ad un polo della società mondiale e l’austerità, ossia la miseria, all’altro polo) e, in ogni caso, impossibile da universalizzare senza contraddizione in un mondo dove le risorse naturali sono, per definizione, limitate (sappiamo, infatti, che sarebbero necessari diversi pianeti per estendere a tutta l’umanità il tenore di vita dell’americano medio di oggi).

Noto con interesse che queste idee di buon senso – anche se presentate sempre in un modo caricaturale e fuorviante dalla propaganda mediatica e dai suoi economisti prezzolati – stanno cominciando a essere comprese da un pubblico sempre più ampio. Auguriamoci solo che non sia troppo tardi. Nulla può garantire, infatti, che il crollo inevitabile del nuovo Impero Romano globalizzato dia vita ad una società decente, piuttosto che a un mondo barbaro, sbirresco e mafioso.

Marianne: In questo libro lei riafferma la sua fede nell’idea che il popolo sarebbe depositario di una “decenza comune” [“common decency”, secondo l’espressione coniata da George Orwell] avversata dalle “élite” liberali sin dal principio. Ma, in tutta sincerità crede che oggi sia l’attaccamento ai valori morali a definire il “popolo minuto di destra”, come ha riportato? La scomparsa delle strutture sociali tradizionali, insieme alla de-cristianizzazione e all’impatto dei flussi mediatici di cui lei descrive gli effetti catastrofici sulla cultura, ha colpito duramente anche queste classi. Non crede di farsi delle illusioni – nobili, certo, ma piuttosto irrealistiche – nel considerarle come l’unico terreno fertile per un “riarmo” morale e politico?

Jean-Claude Michea : Se tra le classi popolari che votano per i partiti di destra non ci fosse ancora un solido attaccamento all’idea orwelliana che ci sono “cose ​​che non si fanno”, non potremmo capire perché i leader di questi partiti sono costantemente costretti a simulare o a esaltare grottescamente la propria adesione incrollabile ai valori della decenza comune. Anche quando in realtà questi leader credono, per citare un recente discorso dell’ideologo liberale Philippe Manière, che solo il “desiderio di lucrare” possa sostenere “moralmente” la dinamica del capitale (in questo senso, è sicuramente più difficile essere un politico di destra che un politico di sinistra).

Questo è anche il motivo per cui il popolo minuto di destra è strutturalmente condannato alla disperazione politica (da qui l’inclinazione logica, che nasce oltre una certa soglia di delusione, per il voto di “estrema destra”). Nelle parole del critico radicale americano Thomas Franck, questo popolo minuto vota per il candidato di destra credendo che solo lui possa ristabilire un po’ d’ordine e di decenza in questa società senz’anima e, in ultima analisi, l’unica cosa che finisce per ottenere è la privatizzazione delle centrali elettriche!

Detto questo, credo che lei abbia ragione. La logica dell’individualismo liberale, minando in continuazione tutte le forme di solidarietà popolare ancora esistenti, nello stesso momento distrugge necessariamente le condizioni morali che rendono possibile la rivolta anti-capitalista. Ecco la ragione per cui quest’epoca si sta muovendo sempre di più contro la vera libertà e la vera felicità degli individui e dei popoli. L’esatto contrario, infatti, della tesi sostenuta dai fanatici della religione del progresso.

Les Mystères de la gauche, di Jean-Claude Michéa, Climats, 144 p., 14 €.

1: CAC40 indica l’indice borsistico francese che raccoglie le 40 azioni più rilevanti della Borsa di Parigi. Il 46,7% dell’azionariato è detenuto da investitori stranieri, in buona parte fondi d’investimento americani.

Perchè ho rotto con la sinistra
Traduzione a cura di Stefano Bruno (riproduzione riservata)
 Fonte: Intervista raccolta il 12 Marzo 2013 dalla testata francese Marianne.



Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
VERSO IL GREEN PASS OBBLIGATORIO
FIORIGIALLI RIPRENDE LA PUBBLICAZIONE DI EVENTI NEWS ED ARTICOLI
08 - 10 MARZO 2019 MILANO - FAI LA COSA GIUSTA - XVI EDIZIONE
01 MARZO 2019 LUCCA - CONFERENZA PIANO DI STUDI DELLA SCUOLA WALDORF
09 MARZO 2019 MILANO - INCONTRO COME SOPRAVVIVERE IN UNA ERA DIGITALE
15 MARZO 2019 BATTAGLIA TERME (PD) - DOCUMENTARIO UNA POPOLAZIONE FUORI DAL GREGGE
12 - 14 MARZO 2019 LONDRA - PARTECIPAZIONE COLLETTIVA ALLA LONDON BOOK FAIR 2019
APPROVATA GRAZIE AL MOVIMENTO 5 STELLE PRIMA SERIA LEGGE ANTICORRUZIONE
INFORMAZIONE: IL GRATUITO HA UN PREZZO ALTISSIMO - LA TESI DI M. GABANELLI
APPELLO DI LEADERS FOR PEACE
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it