La bellezza salverà il mondo (Dostoevskij)

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
     News
Ricerca libera
cerca
anno:
mese:
 

Calendario eventi
dal mese
dall'anno
 

piemonte e val d'aosta lombardia trentino alto adige veneto friuli emilia romagna liguria toscana marche umbria lazio Abbruzzo e molise abbruzzo e Molise campania puglia basilicata calabria sicilia sardegna
BOLOGNA   FIRENZE   MILANO   ROMA   INTERNAZIONALI  


ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail


Argomenti
Notizie & News
Corsi e Seminari
Viaggi & Vacanze
Convegni - Incontri
Fiere e Mercati
Concerti
Spettacoli
Associazioni e Scuole
Aziende e Negozi
Agriturismi
Mondo Biologico
Medicina Naturale
Ecologia & Ambiente
Società e Solidarietà
Ricerca Spirituale
Yoga
Energie Rinnovabili
Bioedilizia
Vivere Insieme
Cerco/Offro
Segnalazioni
Terapie Olistiche
Cerca per area geografica
ABRUZZO E MOLISE
BASILICATA
CALABRIA
CAMPANIA
EMILIA ROMAGNA
FRIULI
LAZIO
LIGURIA
LOMBARDIA
MARCHE
PIEMONTE E VAL D'AOSTA
PUGLIA
SARDEGNA
SICILIA
TOSCANA
TRENTINO-ALTO ADIGE
UMBRIA
VENETO
BOLOGNA
FIRENZE
MILANO
ROMA
INTERNAZIONALI
Archivio Dossier
<< torna indietro     nella localit&arave;: PIEMONTE E VAL D'AOSTA     argomento: Notizie & News del: 25/10/2012
News: 25 - 29 OTTOBRE 2012 TORINO
TERRA MADRE E SALONE DEL GUSTO INSIEME

"Il più grande appuntamento enogastronomico mondiale": questo l’obiettivo a cui punta Carlo Petrini, presidente di Slow Food, per questa prima edizione congiunta di Salone del Gusto e Terra Madre. E Torino, di conseguenza, dovrebbe diventare ancora di più un punto di riferimento della cultura alimentare nel mondo. Il presidente Slow Food ha poi ricordato lo scetticismo di chi, nel 1996, alla prima edizione del Salone del Gusto, guardava al recupero del patrimonio alimentare tradizionale come a un capriccio di nicchia, destinato a scomparire, mentre l’economia “quella vera” stava da un’altra parte e aveva l’industria come baricentro.

Ieri, mercoledì 24 ottobre la relazione di Josè Graziano da Silva, direttore Generale della FAO, ha inaugurato l'edizione 2012 del Salone del Gusto e Terra madre, seguita dalle parole di Dario Fo, drammaturgo, Premio Nobel per la letteratura, Italia; Sergej Ivanov, comunità del cibo degli allevatori della Stara Planina, Serbia; Nikki Henderson, responsabile di People’s Grocery, Usa; Carmen Martinez, Presidio Slow Food dell’amaranto di Tehuacán e socia del Grupo Cooperativo Quali, Messico; Edward Mukiibi, fiduciario Slow Food Mukono e coordinatore del progetto Mille orti in Africa, Uganda; Vandana Shiva, presidente del movimento Navdanya e vicepresidente di Slow Food, India; Yoko Sudo, fiduciaria Slow Food Fukushima, Giappone; Carlos Vanegas Valdebenito, delegazione di Chiloé, Cile; Alice Waters, chef e vicepresidente di Slow Food, Usa. La relazione di chiusura è stata di Carlo Petrini, presidente di Slow Food. Sono intervenuti Piero Fassino, sindaco della Città di Torino e Michele Coppola, assessore alla Cultura e alle Politiche Giovanili della Regione Piemonte.

"Siamo fieri di portare a Torino prodotti che non sono mai usciti dai loro villaggi. Un’operazione possibile grazie anche alla collaborazione dell’Istituto Zooprofilattico del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta", ha dichiarato a inizio ottobre Roberto Burdese, presidente di Slow Food Italia, presso l’Aula Magna del Rettorato dell’Università di Torino, introducendo la conferenza di presentazione delle ultime novità dell’edizione 2012 e delle strategie di riduzione dell’impatto ambientale applicate quest’anno.

"Sei anni dopo l’avvio del progetto Eventi a ridotto impatto ambientale, il peso del Salone del Gusto e Terra Madre 2012 sull’ecosistema sarà ridotto di oltre il 65% rispetto all’edizione di riferimento del 2006. L’evento ha davvero cambiato volto: ogni singola scelta strutturale e logistica è stata valutata in base a quanto e a come incide sull’equilibrio ambientale complessivo. Per raggiungere questi risultati, non è stato sufficiente contenere l’impatto sull’ambiente, ma nuovi processi sono stati attivati riducendo a monte i rifiuti non riciclabili e limitando al massimo le emissioni di CO2", ha spiegato Luigi Bistagnino, presidente del Corso di Studi di Design del Politecnico di Torino, responsabile scientifico del progetto insieme all’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

Le performance sono migliorate e nuovi ambiti di azione sono stati sperimentati grazie all’impegno di decine di partner che credono nel progetto, tant’è che, nonostante sia stato avviato sei anni fa, rappresenta una frontiera di grande innovazione nel sistema fieristico nazionale e internazionale in cui la manifestazione continua a essere leader: "Le strategie di ridotto impatto ambientale sviluppate per il Salone del Gusto sono un modello che vorremmo applicare alle prossime manifestazioni sul nostro territorio. La comunità torinese è orgogliosa di ospitare questo evento: la presenza di Slow Food rafforza l’immagine della nostra città nel mondo e impreziosisce una strategia più ampia della città volta riportare l’agricoltura entro i confini urbani con il progetto Torino città da coltivare di cui Slow Food è un partner importante", ha dichiarato nel suo intervento Enzo Lavolta, assessore alle Politiche per l’ambiente, l’energia, lo sviluppo tecnologico, la qualità dell'aria e l’igiene urbana della Città di Torino.

"Tra le iniziative di sensibilizzazione lanciate quest’anno, il Premio SlowPack, rivolto ai produttori italiani e stranieri che si distingueranno per l’imballaggio dei cibi, un elemento spesso poco considerato ma che può contribuire alla riduzione degli scarti all’origine e al riciclo di quelli che non è possibile eliminare", ha aggiunto Franco Fassio, docente del Corso in Progettazione di eventi sistemici di promozione gastronomica e turistica dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche.

Anche per la campagna di comunicazione sono state esplorate nuove frontiere che hanno permesso di ridurre la carta del 37% rispetto al 2010. La comunicazione web e i social media sono stati potenziati, durante l’evento i giornalisti ricevono la cartella stampa in una pratica ed ecologica chiavetta usb e il programma cartaceo è stato sostituito dalla più grande novità dell’edizione 2012: SGTM, applicazione ufficiale del Salone Internazionale del Gusto e Terra Madre, scaricabile gratuitamente per iOS e Android. "SGTM dà accesso a eventi, espositori e news sempre a portata di touch, sia prima che durante la manifestazione. Utilizzabile sia online che offline, è disponibile in italiano e inglese e offre tantissime funzioni tra cui la possibilità di programmare la propria visita e memorizzare con un click contatti dei produttori e curiosità", ha spiegato Fabiana Vernero di Sinbit, nascente spinoff del Dipartimento di Informatica dell'Università di Torino, coordinato dal direttore Luca Console, che ha sviluppato l’applicazione in collaborazione con Molecole Sistemiche per la grafica.

L’edizione 2012 presenta anche la prima esperienza organizzata di business matching, favorita dalla Regione Piemonte, grazie alla collaborazione con Tecnogranda, come ha spiegato l’assessore allo Sviluppo economico, ricerca e innovazione, Massimo Giordano: "Lo stand della Regione Piemonte diventa un vero e proprio spazio business dove le aziende agroalimentari che espongono al Salone del Gusto cercheranno nuove soluzioni per la produzione e il confezionamento dei loro prodotti sempre più all’avanguardia. È molto importante che al Salone si dia rilievo al tema dell’innovazione legato al cibo. Lo stand della Regione si presenta come un salotto attrezzato affinché le aziende possano incontrarsi, dialogare, sviluppare nuovi contatti e stabilire partnership con gli interlocutori più interessanti. La collaborazione tra il Salone del Gusto e Terra Madre, la Regione Piemonte e Tecnogranda dà quindi vita in questa edizione a un’area in cui gli espositori presenti al Lingotto Fiere e all’Oval possono incontrare alcune aziende del Polo Innovazione Agroalimentare piemontese con l’opportunità di approfondire temi legati ai processi di produzione".

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it