"Apri il cuore e accontentati di quello che la vita ti concede. Siamo tutti invitati alla festa della vita,
dimentica i giorni dell'oscurità, qualsiasi cosa possa essere successa non è la fine"
  Augusto Daolio
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
L'ECOLOGIA IN PRATICA
UNO STILE DI VITA NATURALE
PER SE' E PER IL PIANETA
L'ECOLOGIA IN PRATICA
Sono la natura
sono la terra.
i miei occhi sono il cielo,
le mie membra gli alberi.
Sono la roccia,
la profondità dell'acqua,
non sono qui per dominare
la Natura.
Io stesso sono la Natura.

Indiani Hopi

Questa terra é sacra
<b>Questa terra é sacra</b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
ONDE DI CRESCITA INTERIORE
ONDE DI CRESCITA INTERIORE La crisi ecologica - ovvero il principale problema di Gaia - non è l’inquinamento, i rifiuti tossici, il buco nell’ozono o qualcosa del genere. Il principale problema di Gaia è che un numero non sufficiente di esseri umani si è sviluppato ai livelli di coscienza postconvenzionali, planetari e globali in cui sarebbero spinti automaticamente alla cura per il globale comune. E gli esseri umani sviluppano questi livelli postconvenzionali, non imparando la teoria dei sistemi, ma passando attraverso almeno una mezza dozzina delle principali trasformazioni interiori, che vanno dall’egocentrico all’etnocentrico al mondocentrico, punto in cui e non prima, possono risvegliarsi a una profonda e autentica cura per Gaia. La prima cura per la crisi ecologica non consiste nell’imparare che Gaia è la Rete della Vita, per quanto vero ciò sia, ma nel promuovere queste numerose e ardue onde di crescita interiore, nessuna delle quali viene indicata dalla maggior parte di questi approcci del nuovo paradigma.
Continua... 
UN'ALTRA ITALIA E' POSSIBILE
UN'ALTRA ITALIA E' POSSIBILE 1 L’Italia vive l’anomalia di un nuovo Medioevo. Più che in altri paesi, è visibile in Italia l’emergenza ecologica, il degrado sociale e la crisi di fondamentali valori etici; permangono aree vaste di ignoranza, incapacità, ingiustizia. Meno facilmente che altri paesi, l’Italia quindi può affrontare la conversione ecologica delle attività economiche, il risanamento ambientale e morale del paese, la partecipazione diretta delle persone alla attività sociale ed una effettiva realizzazione di una sana cultura dei diritti e dei doveri che dovrebbero regolare ed ispirare la vita sociale collettiva. 2 Sia in Europa che nel resto del pianeta, vi è una tripla crisi :a) economica e finanziaria (causata da un modello di crescita superato) b) ambientale conseguente, c) socio-culturale. Tre grandi crisi che non trovano più risposte adeguate dal sistema della politica: non dai partiti socialdemocratici in crisi dappertutto e neppure dall’egoismo sociale e dall’indifferenza ambientale dei vari partiti conservatori. Solo un modello sociale e produttivo eco-orientato ed eco-sostenibile, che all’idea di una crescita senza limiti sostituisca un idea di sobrietà, che non escluda anche l’utilità di avere aree di decrescita virtuosa e felice, può essere in grado di affrontare le difficoltà del presente. ...Continua...
IL BENESSERE ANIMALE E' BENESSERE UMANO
IL BENESSERE ANIMALE E' BENESSERE UMANO di Maneka Gandhi

Mangiare carne è una delle maggiori cause della distruzione ambientale. Ogni specie non solo ha il diritto di vivere, ma la sua vita è essenziale per il benessere dell’umanità. Ciò che chiamiamo sviluppo, cioè la sterile città nella quale portiamo i nostri cani al guinzaglio, non è vita. Ci abituiamo così velocemente al malessere, alla tensione, alle carestie e alle alluvioni che pensiamo che i pezzi di carta che teniamo in tasca possano sostituire un corpo sano e una mente gioiosa. Scegliamo di non sapere che, praticamente tutte le nostre malattie sono causate dalla mutilazione e dall’uccisione di animali: dai 70.000 acri di foresta pluviale del Sudamerica abbattuti ogni giorno – che in gran parte servono per far pascolare il bestiame – fino al virus Ebola, proveniente dalle scimmie strappate dal loro habitat naturale in Africa allo scopo di fare esperimenti. Abbiamo ottenuto più cibo uccidendo i lombrichi con le nostre sostanze chimiche o abbiamo ottenuto più malattie? Abbiamo ottenuto una salute vigorosa allevando forzatamente bestiame per il latte e la carne, o abbiamo piuttosto ottenuto emissioni di gas metano che hanno contribuito enormemente all’effetto serra, mettendo in pericolo la vita del pianeta? Continua...

LA RIVOLUZIONE AMBIENTALE
LA RIVOLUZIONE AMBIENTALE

di Lester Brown

Per creare una economia sostenibile bisognerà sostenere una rivoluzione ambientale, come è avvenuto per quella agricola e industriale. Alla fine del libro Piccolo è bello, Schumacher parla di una società che violenta la natura e danneggia gli esseri umani e, da quando queste parole sono state scritte, diciotto anni fa, abbiamo potuto vedere con maggiore evidenza i modi con i quali la nostra società agisce proprio in quella direzione.Mi trovavo all’aeroporto di Dulles e presi una copia del US News and World Report, che conteneva un editoriale di David Gergen, un alto funzionario dell’Ufficio Stampa di Reagan alla Casa Bianca. L’articolo descriveva quello che stava accadendo oggi alla società americana e l’autore affermava che, in un certo senso, abbiamo perso la strada. Continua...

RISPETTA LA (TUA) NATURA
<b>RISPETTA LA (TUA) NATURA </b> Michele Vignodelli

Il nostro corpo e la nostra mente sono meraviglie naturali in pericolo, da difendere come le foreste, i fiumi, il mare e le montagne. Sono continuamente aggrediti dal sistema tecnologico ed economico che ci governa, proprio come il resto del mondo naturale.
Non potremo mai rispettare e vivere veramente la suprema bellezza e armonia della natura esterna se non cominciamo da noi stessi. Eppure esiste una spaventosa ignoranza sulla nostra natura interna, che fa pensare a una congiura del silenzio.
Negli ultimi anni sono emerse abbondanti prove dell’esistenza di
Continua...
RICORDO DI IVAN ILLICH
RICORDO DI IVAN ILLICH


di Giannozzo Pucci *

Il primo libro di Illich, pubblicato alla fine degli anni '60, riguarda appunto la Chiesa nel processo di trasformazione della società moderna (The Church, change and development).
Il secondo, del 1970, intitolato "Celebration of Awareness (Celebrazione della consapevolezza": un appello alla rivoluzione istituzionale), è contro le certezze delle istituzioni che imprigionano l'immaginazione e rendono insensibile il cuore.
Poi, nel 1971, esce "Descolarizzare la società", che è stato al centro del dibattito pedagogico internazionale con la tesi che la scuola produce la paralisi dell'apprendimento e danneggia i ragazzi, educandoli a diventare meri funzionari della macchina sociale moderna. Convinto che il sistema educativo occidentale fosse al collasso sotto il peso della burocrazia, dei dati e del culto del professionalismo, combatteva i diplomi, i certificati, le lauree,
Continua...

LA VENDETTA DI GAIA
LA VENDETTA DI GAIA di James Lovelock

La vendetta di Gaia : assediati dall'inquinamento e dalle crescenti anomalie del clima, siamo al punto di non ritorno. Lo sostiene uno scienziato di fama mondiale.
Per millenni abbiamo vissuto con la strategia del parassita, ai danni dell'organismo vivente che ci ospita. Ora, assediati dall'inquinamento e dalle crescenti anomalie del clima, siamo al punto di non ritorno. Lo sostiene uno scienziato di fama mondiale.
Il parassita e' un essere che vive a spese di un altro organismo. Se ne nutre, cresce, si riproduce e prospera. Eppure, la sua non e' una strategia lungimirante. Le energie dell'organismo ospite diminuiscono giorno per giorno, ora per ora, minuto per minuto. Finche' un giorno accade l'inevitabile: l'organismo ospite si avvia a una fine certa. E il parassita, senza risorse, e' destinato a scomparire. Questa immagine e' la perfetta metafora della storia della specie umana. A dimostrarlo sono i fatti. Continua...

Versione Stampabile << torna indietro

CARA DELFINA


Comincio la mia collaborazione con Fiori Gialli con uno scritto non mio. Un po in punta di piedi come si usa per favorire i migliori auspici, e con un po' di amici e maestri in copia conoscenza. Ciao a tutti! Mi chiamo Roberto Pirani, ho 35 anni e vivo a nord di Roma in una casa infestata di gechi insiema ad Adriana e un gatto di razza norvegese.
Se volete sapere meglio chi sono e perchè ho deciso di comunicare con voi tramite una rubrica monotematica su questomedia, c'è il mio sito personale.www.buonsenso.info (sito monotematico per la migliore gestione e riduzione dei materiali post consumo)

Dal momento che siamo stati "colonizzati culturalmente" questo è un primo stadio nel quale cominciare a riflettere, per questo non comincio "da me". Io non invento assolutamente niente, i Maestri sono altri. I maldefiniti rifiuti (che non esistono) sono solo la parte più evidente di un modello di sviluppo fallito. Strafallito, senza neppure un presente col petrolio a 120dollari al barile. Figurarsi il futuro.. Si COMINCIA da qui, dal territorio in Italia con la maggiore consapevolezza di quanto gli "sviluppisti" vorrebbero imporci: si comincia dalla Val di Susa, e da uno dei miei Maestri. ciao,

Roberto Pirani


di Maurizio Pallante

Cara Delfina,
domenica 30 marzo sei arrivata un po’ prima di me alla Colombera di Chiomonte e mi hai aspettato. Io ero come sempre un po’ in ritardo. Tu, come sempre, un po’ in anticipo. Ti ho vista all’inizio della salita tra la gente che s’incamminava per raggiungere la Maddalena, dove il notaio aveva dispiegato sul tavolo un lenzuolo di carta per raccogliere le firme dei millecinquecento che avevano acquistato un metro quadrato di terreno in Val di Susa lungo il tracciato del treno ad alta velocità. Eri con la tua famiglia, zainetti sulle spalle con una maglia pesante, la mantella e il pranzo. Ma non era una gita in montagna quella che ci apprestavamo a fare insieme alla lunga fila di persone che s’avviavano con passo regolare su per la carrareccia. Era un atto di resistenza passiva alla brutalità con cui la potenza tecnologica e gli interessi economici stanno devastando il mondo. Alla partenza del nostro cammino i giganteschi pilasti di cemento armato su cui poggia uno dei viadotti dell’autostrada, all’arrivo il nastro d’asfalto che s’infila in una delle gallerie scavate nella montagna. Sopra di noi il flusso ininterrotto di automobili e camion che riempiono l’aria di rumore e veleni. Trasportano merci per lo più inutili, destinate a diventare rifiuti in tempi sempre più brevi.

Altrimenti come si potrebbe continuare a produrne sempre di più e a trasportarle a distanze sempre maggiori dai luoghi in cui sono prodotte ai luoghi in cui diventeranno rifiuti in tempi sempre più brevi? Noi a piedi, lungo una strada non asfaltata, a fianco di filari di viti su pendii così scoscesi che non capisci come si riesca a curarle, raccoglierne i grappoli, farne quel vino asprigno e robusto che abbiamo bevuto alla lunga tavolata tra gli alberi, mentre mangiavamo un piatto di polenta calda dopo aver firmato il rogito. Lì l’aria non era intrisa di veleni e il rumore dei motori non arrivava. Si sentivano solo voci intrecciate col canto degli uccelli, con l’abbaiare di qualche cane, con i suoni di un’orchestrina. Non ci mancava nulla per vivere una giornata da ricordare. Eravamo in un posto dove il lavoro umano non ha sopraffatto la natura, avevamo sgranchito le gambe respirando aria buona, stavamo mangiando e bevendo cose sane, avevamo la convinzione di aver fatto una scelta giusta che ci accomunava a persone in massima parte a noi sconosciute.

In quel momento, Delfina, come parlando a te stessa hai detto che non ti era mai capitato di vivere un’esperienza così profondamente gandhiana. Da una parte il potere e la forza utilizzati brutalmente per accumulare quantità crescenti di denaro nelle mani di pochi a scapito della vita. Dall’altra una inerme e testarda resistenza che si smarca in continuazione dalla stretta del potere e lo spiazza con proposte imprevedibili in difesa della vita dalle aggressioni che subisce in nome della crescita economica e del profitto. Come se la terra non ci mandasse segnali sempre più preoccupanti sull’esaurimento delle fonti fossili, sull’impossibilità di metabolizzare le quantità crescenti di rifiuti, sui cambiamenti climatici in corso.

Come se questi segnali non ci avvertissero che il fare finalizzato a fare sempre di più per avere sempre di più è destinato in tempi brevi ad arrestarsi con conseguenze catastrofiche. Eppure qualche giorno dopo uno dei più autorevoli commentatori politici italiani in una trasmissione radiofonica si è domandato: «che concezione di futuro hanno coloro che comprano due metri di terra per opporsi alla scelta della Tav in Val Susa».***
Impossibile spiegarlo a chi non si rende conto che è il meccanismo della crescita economica a non avere futuro. E che l’opposizione alle grandi opere è la manifestazione non evitabile di una volontà di futuro che nonostante tutto persiste.

Quattro giorni dopo, quando tu eri tornata nella tua valle risparmiata dalle aggressioni del progresso, e io nella mia città dove invece il progresso ha infierito più che in altre, i massimi rappresentanti del potere istituzionale locale, i tre viceré di sua maestà la crescita del pil, hanno tentato un’altra prova di forza nei confronti della resistenza gandhiana in Val Susa. Nella loro protervia erano convinti che un po’ di minacce e un po’ di blandizie fossero state sufficienti a riprendere il controllo della situazione. Che essendo riusciti con la semplice offerta di un seggio al senato a trasformare in consenso al Tav la precedente opposizione della loro associazione ambientalista, una fetta consistente della popolazione fosse passata ipso facto dalla loro parte. Così hanno fatto la figura dei pifferi di montagna, è proprio il caso di dirlo, che andarono per suonare e tornarono suonati. Anche se la musica delle trombette e dei tamburi con cui sarebbero stati accolti da millecinquecento persone non sono nemmeno arrivati a sentirla, perché, informati che i fatti non corrispondevano alle loro previsioni, hanno ordinato agli autisti delle loro auto blu un rapido dietro front.

***Il commento a cui si fa riferimento è stato fatto da Sergio Romano nella trasmissione radiofonica La zanzara di Radio 24.

da: http://www.decrescitafelice.it/?p=120#more-1

consiglio di guardare questi 2 video

http://www.youtube.com/watch?v=ejhTYI3is1U 

 http://it.youtube.com/watch?v=VJ7ZWkSPqOM 

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Casa ecologica
Ecologia domestica
Consumi consapevoli
SPECIALE TRASPORTI
Ambiente e Territorio
Natura e Wilderness
Iniziative e incontri
Tecnologie Dolci
Libri Consigliati
Chi é Chi
SPECIALE RIFIUTI
SPECIALE NUCLEARE
ECOLOGIA E POLITICA
SPECIALE ACQUA
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:

Agricoltura e giardino 
Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Medicine naturali
Alimentazioni naturali
Etologia
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Nord-Sud


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
15 - 18 GENNAIO 2018 ABU DHABI (EMIRATI ARABI UNITI) - INTERNATIONAL WATER SUMMIT
13 - 14 - 15 APRILE 2018 PAGANICO BAGNO DI ROMAGNA (FC) - IL VOLTO DOLCE DELLA NATURA - PRIMAVERA
16 - 18 MARZO 2018 PAGANICO BAGNO DI ROMAGNA (FC) - FOOD FOREST
01 GENNAIO - 27 MAGGIO 2018 ROMA - ROMA MARKET SHOW MOSTRA MERCATO ARTIGIANATO
23 - 24 FEBBRAIO 2018 ACQUAPENDENTE (VT) - LE CITTA' DEL TUFO - MAREMMA ETRUSCA
03 - 04 FEBBRAIO 2018 VIGEVANO (PV) - PARCO DEL TICINO SULLA VIA DELLE CICOGNE
20 GENNAIO 2018 BIOLCA - PAPELERA UPCYCLING
15 DICEMBRE 2017 SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP) - NUOVE IDEE PER ABITARE
23 DICEMBRE 2017 - 05 GENNAIO 2018 MAROCCO VALLE DEL DRAA - CAPODANNO TRA LA TERRA E IL CIELO
28 DICEMBRE 2017 - 03 GENNAIO 2018 MAREMMA TOSCANA - CAPODANNO TRA LA TERRA E IL CIELO
29 DICEMBRE 2017 - 04 GENNAIO 2018 CILENTO CAMPANIA - CAPODANNO TRA LA TERRA E IL CIELO
28 DICEMBRE 2017 - 02 GENNAIO 2018 SALENTO PUGLIA - CAPODANNO TRA LA TERRA E IL CIELO
25 - 26 NOVEMBRE 2017 CAGLIARI - SCIRARINDI - FESTIVAL DELLA SARDEGNA NATURALE
04 - 05 NOVEMBRE 2017 FIRENZE - NAVIGARE FRA INCERTERZZA E DISEQUILIBRIO, ALLA RICERCA DELLE PROPRIE RISORSE
07 - 08 OTTOBRE 2017 CASTELLO DI PADERNA, PONTENURE (PC) - F.A.I. FONDO AMBIENTE ITALIANO - FRUTTI ANTICHI
01 OTTOBRE 2017 - ROMA - LE ERBACCE DELL'APPIA ANTICA
7 - 11 NOVEMBRE 2017 RIMINI - ECOMONDO
22 MAGGIO - 7 GIUGNO 2017 - FESTIVAL DELLO SVILUPPOSOSTENIBILE
22-25 GIUGNO SPILAMBERTO - FIERA SOSTENIBILE
27 GIUGNO - 16 LUGLIO TOUR PER PACHAMAMA
14-16 LUGLIO RESIA (UD) - SUMMIT CAROVANA DELLA ALPI
26-27-28 SETTEMBRE - THINK GREEN ECOFESTIVAL - ROMA
REGALO A CHI INQUINA E' LEGGE
GROENLANDIA: IN 4 GIORNI SCIOLTO META' DEL GHIACCIO, ORA QUASI TUTTO
IN GERMANIA STANZIATI 32 MILIARDI PER USCIRE DAL NUCLEARE
711 ECOLOGISTI UCCISI NEGLI ULTIMI 10 ANNI
WWF: L'ORA DELLA TERRA UNA GRANDE MOBILITAZIONE CONTRO I CAMBIAMENTI CLIMATICI
SOLAR IMPULSE AEREO A ENERGIA SOLARE
26 APRILE 1986 CERNOBYL
PER NON DIMENTICARE

LA NUOVA BICI A IDROGENO
100 KM CON 1/2 LITRO D'ACQUA

 Link
Envirolink Network
Natura Network
Feng Shui Consulting
Aduc Ass.Consumatori
Adiconsum Ass.Consumatori
Lega dei Consumatori
Codacons Ass.Consumatori
Unione Naz.Consumatori
Studio Arch.Bernardini
Ecofeminist
Lipu Protez.Uccelli
La voce dell'albero
Greennet
Greenpeace Italia
Legambiente Convento S.Giorgio
Italia Nostra
Natura Nostra Italia
INBAR Ist.Bioarchitettura
ANAB Ass.Bioarchitettura
Promiseland
Critical Mass
Paea progetti Energia
Consorzio Pannello Ecologico
CarBusters
Amici della Bici
Gruppi Acquisto Solidali
Thank-Water
Stile Biologico
Bioteca Associazione - Udine
IRIS strategie per l'ambiente
Wilderness
World Watch Institute
Wilderness in Italia
Fiera delle Utopie Concrete
Ecoage
Yoga Wear Bindu
OLO - conslulenti nel biologico
AMICI della Terra
Ecoistituto delle Tecnologie Appropriate di Cesena
Parchi italiani
Bioedilizia
ECO-ECOBLOG
EcoRiflesso.org
Verdi del Trentino
Associazione Torino Viva
TERRA NEWS
TERRANEWS
Officina Naturae
Artimestieri - Cooperativa Sociale
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it