Le cose sono unite da legami invisibili, non si può cogliere un fiore senza turbare una stella - Albert Einstein

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
L'ECOLOGIA IN PRATICA
UNO STILE DI VITA NATURALE
PER SE' E PER IL PIANETA
L'ECOLOGIA IN PRATICA
Sono la natura
sono la terra.
i miei occhi sono il cielo,
le mie membra gli alberi.
Sono la roccia,
la profondità dell'acqua,
non sono qui per dominare
la Natura.
Io stesso sono la Natura.

Indiani Hopi

Questa terra é sacra
<b>Questa terra é sacra</b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
ONDE DI CRESCITA INTERIORE
ONDE DI CRESCITA INTERIORE La crisi ecologica - ovvero il principale problema di Gaia - non è l’inquinamento, i rifiuti tossici, il buco nell’ozono o qualcosa del genere. Il principale problema di Gaia è che un numero non sufficiente di esseri umani si è sviluppato ai livelli di coscienza postconvenzionali, planetari e globali in cui sarebbero spinti automaticamente alla cura per il globale comune. E gli esseri umani sviluppano questi livelli postconvenzionali, non imparando la teoria dei sistemi, ma passando attraverso almeno una mezza dozzina delle principali trasformazioni interiori, che vanno dall’egocentrico all’etnocentrico al mondocentrico, punto in cui e non prima, possono risvegliarsi a una profonda e autentica cura per Gaia. La prima cura per la crisi ecologica non consiste nell’imparare che Gaia è la Rete della Vita, per quanto vero ciò sia, ma nel promuovere queste numerose e ardue onde di crescita interiore, nessuna delle quali viene indicata dalla maggior parte di questi approcci del nuovo paradigma.
Continua... 
UN'ALTRA ITALIA E' POSSIBILE
UN'ALTRA ITALIA E' POSSIBILE 1 L’Italia vive l’anomalia di un nuovo Medioevo. Più che in altri paesi, è visibile in Italia l’emergenza ecologica, il degrado sociale e la crisi di fondamentali valori etici; permangono aree vaste di ignoranza, incapacità, ingiustizia. Meno facilmente che altri paesi, l’Italia quindi può affrontare la conversione ecologica delle attività economiche, il risanamento ambientale e morale del paese, la partecipazione diretta delle persone alla attività sociale ed una effettiva realizzazione di una sana cultura dei diritti e dei doveri che dovrebbero regolare ed ispirare la vita sociale collettiva. 2 Sia in Europa che nel resto del pianeta, vi è una tripla crisi :a) economica e finanziaria (causata da un modello di crescita superato) b) ambientale conseguente, c) socio-culturale. Tre grandi crisi che non trovano più risposte adeguate dal sistema della politica: non dai partiti socialdemocratici in crisi dappertutto e neppure dall’egoismo sociale e dall’indifferenza ambientale dei vari partiti conservatori. Solo un modello sociale e produttivo eco-orientato ed eco-sostenibile, che all’idea di una crescita senza limiti sostituisca un idea di sobrietà, che non escluda anche l’utilità di avere aree di decrescita virtuosa e felice, può essere in grado di affrontare le difficoltà del presente. ...Continua...
IL BENESSERE ANIMALE E' BENESSERE UMANO
IL BENESSERE ANIMALE E' BENESSERE UMANO di Maneka Gandhi

Mangiare carne è una delle maggiori cause della distruzione ambientale. Ogni specie non solo ha il diritto di vivere, ma la sua vita è essenziale per il benessere dell’umanità. Ciò che chiamiamo sviluppo, cioè la sterile città nella quale portiamo i nostri cani al guinzaglio, non è vita. Ci abituiamo così velocemente al malessere, alla tensione, alle carestie e alle alluvioni che pensiamo che i pezzi di carta che teniamo in tasca possano sostituire un corpo sano e una mente gioiosa. Scegliamo di non sapere che, praticamente tutte le nostre malattie sono causate dalla mutilazione e dall’uccisione di animali: dai 70.000 acri di foresta pluviale del Sudamerica abbattuti ogni giorno – che in gran parte servono per far pascolare il bestiame – fino al virus Ebola, proveniente dalle scimmie strappate dal loro habitat naturale in Africa allo scopo di fare esperimenti. Abbiamo ottenuto più cibo uccidendo i lombrichi con le nostre sostanze chimiche o abbiamo ottenuto più malattie? Abbiamo ottenuto una salute vigorosa allevando forzatamente bestiame per il latte e la carne, o abbiamo piuttosto ottenuto emissioni di gas metano che hanno contribuito enormemente all’effetto serra, mettendo in pericolo la vita del pianeta? Continua...

LA RIVOLUZIONE AMBIENTALE
LA RIVOLUZIONE AMBIENTALE

di Lester Brown

Per creare una economia sostenibile bisognerà sostenere una rivoluzione ambientale, come è avvenuto per quella agricola e industriale. Alla fine del libro Piccolo è bello, Schumacher parla di una società che violenta la natura e danneggia gli esseri umani e, da quando queste parole sono state scritte, diciotto anni fa, abbiamo potuto vedere con maggiore evidenza i modi con i quali la nostra società agisce proprio in quella direzione.Mi trovavo all’aeroporto di Dulles e presi una copia del US News and World Report, che conteneva un editoriale di David Gergen, un alto funzionario dell’Ufficio Stampa di Reagan alla Casa Bianca. L’articolo descriveva quello che stava accadendo oggi alla società americana e l’autore affermava che, in un certo senso, abbiamo perso la strada. Continua...

RISPETTA LA (TUA) NATURA
<b>RISPETTA LA (TUA) NATURA </b> Michele Vignodelli

Il nostro corpo e la nostra mente sono meraviglie naturali in pericolo, da difendere come le foreste, i fiumi, il mare e le montagne. Sono continuamente aggrediti dal sistema tecnologico ed economico che ci governa, proprio come il resto del mondo naturale.
Non potremo mai rispettare e vivere veramente la suprema bellezza e armonia della natura esterna se non cominciamo da noi stessi. Eppure esiste una spaventosa ignoranza sulla nostra natura interna, che fa pensare a una congiura del silenzio.
Negli ultimi anni sono emerse abbondanti prove dell’esistenza di
Continua...
RICORDO DI IVAN ILLICH
RICORDO DI IVAN ILLICH


di Giannozzo Pucci *

Il primo libro di Illich, pubblicato alla fine degli anni '60, riguarda appunto la Chiesa nel processo di trasformazione della società moderna (The Church, change and development).
Il secondo, del 1970, intitolato "Celebration of Awareness (Celebrazione della consapevolezza": un appello alla rivoluzione istituzionale), è contro le certezze delle istituzioni che imprigionano l'immaginazione e rendono insensibile il cuore.
Poi, nel 1971, esce "Descolarizzare la società", che è stato al centro del dibattito pedagogico internazionale con la tesi che la scuola produce la paralisi dell'apprendimento e danneggia i ragazzi, educandoli a diventare meri funzionari della macchina sociale moderna. Convinto che il sistema educativo occidentale fosse al collasso sotto il peso della burocrazia, dei dati e del culto del professionalismo, combatteva i diplomi, i certificati, le lauree,
Continua...

LA VENDETTA DI GAIA
LA VENDETTA DI GAIA

di James Lovelock

La vendetta di Gaia : assediati dall'inquinamento e dalle crescenti anomalie del clima, siamo al punto di non ritorno. Lo sostiene uno scienziato di fama mondiale.
Per millenni abbiamo vissuto con la strategia del parassita, ai danni dell'organismo vivente che ci ospita. Ora, assediati dall'inquinamento e dalle crescenti anomalie del clima, siamo al punto di non ritorno. Lo sostiene uno scienziato di fama mondiale.
Il parassita e' un essere che vive a spese di un altro organismo. Se ne nutre, cresce, si riproduce e prospera. Eppure, la sua non e' una strategia lungimirante. Le energie dell'organismo ospite diminuiscono giorno per giorno, ora per ora, minuto per minuto. Finche' un giorno accade l'inevitabile: l'organismo ospite si avvia a una fine certa. E il parassita, senza risorse, e' destinato a scomparire. Questa immagine e' la perfetta metafora della storia della specie umana. A dimostrarlo sono i fatti. Migliaia di anni di occupazione del pianeta hanno provocato distruzione degli habitat, estinzione di molte specie, emissioni record di gas serra in atmosfera e nubi di polveri sottili nell'emisfero nord e sulle metropoli. Un'aggressione prolungata alla quale la Terra ora reagisce innescando una lunga serie di disastri naturali, quali inondazioni e uragani, sempre piu' numerosi e violenti, ed eventi climatici estremi, come estati torride e punte di freddo anomalo. Il pianeta che abitiamo non ha piu' anticorpi per difendersi. E allora attacca.
Lo sostiene a gran voce uno scienziato autorevole e indipendente, James Lovelock, nel suo nuovo libro, The revenge of Gaia (La vendetta di Gaia) in uscita il 2 febbraio in Gran Bretagna! . Il nostro mondo, afferma, potrebbe avere superato il punto d! i non ritorno: la soglia oltre la quale non possiamo fare piu' nulla per evitare che, entro la fine del secolo, i cambiamenti causati dall'attivita' umana distruggano la nostra civilta' Continua....
Versione Stampabile << torna indietro

CHIUDERE UN ILVA O FERMARE UNA TAV



di Maurizio Di Gregorio

Chiudere l’Ilva di Taranto è ormai un utopia. Eppure la cosa migliore sarebbe proprio chiuderla. Oppure riconvertirla a metano, abolendone il funzionamento a base di carbone – obiettivo tecnicamente possibile ma parecchio costoso.

Fermare la Tav è parecchio più facile eppure sia Lega che opposizioni sia di sinistra che di destra si stanno saldando per impedire al M5stelle di realizzare il suo obiettivo originario.

Dopo la cessione definitiva alla nuova proprietà indiana  e l’intesa con essa per una gestione ambientale più sostenibile dell’impianto siderurgico stesso, - che sarà da verificare nel prossimo futuro -  il vice premier Luigi Di Maio si è liberato da una trappola politica che pareva proprio congegnata per il M5Stelle: dover decidere entro pochi mesi dall’andata al governo delle sorti dell’Ilva e del destino dei suoi lavoratori.

Già in precedenza Beppe Grillo aveva espresso la sua preferenza per una chiusura assistita del polo siderurgico italiano piccolo considerando la sovrapproduzione cinese e il costo elevato della sua metanizzazione, consigliando addirittura la sua trasformazione in un parco industriale o simile.

Il vicepremier Di Maio avrebbe potuto seguire tale strada ed affrontarne tutte le difficoltà relative oltre che la pioggia infinita di critiche che gli sarebbe giunta, con l’accusa di andare contro le esigenze della crescita economica e del mantenimento dei posti di lavoro.

Anche sul fronte della Tav il M5Stelle si ritrova contro le medesime argomentazioni: l’interesse della crescita economica il mantenimento dei posti di lavoro.

Sull’Ilva Di Maio si è abilmente sottratto al gioco politico in atto e ottenendo il meglio immediatamente raccoglibile si è liberato dal problema per aver più spazio e tempo per uno dei suoi obiettivi principali: il reddito di cittadinanza.

Il reddito di cittadinanza, oltre ad essere un risultato che porrebbe la legislazione sociale italiana in linea con le altre nazioni nordeuropee, dove strumenti simili sono in vigore da 40-50 anni, è un diritto fondamentale di ecologia sociale. Perché difendendo i lavoratori precari ed i disoccupati  libera il mercato del lavoro dall’assillo inderogabile del bisogno, cosa che costituisce una precondizione per fermare corruzione clientelismo, mafie, lavoro nero e lavori dannosi e inquinanti sia per l’uomo che per l’ambiente.

Proprio il mantenimento dei posti di lavoro (il lavorismo), considerato come una priorità senza alternative è stato la fonte del ricatto e il mezzo per il connubio di interessi perversi che ha unito parti istituzionali, politica, sindacati, lavoratori e cittadini causando la triste vocazione cancerogena che contraddistingue la città di Taranto e non solo.

E considerato il gran numero di morti causati dalle ceneri tossiche dell’Ilva è proprio il caso di dire che di lavorismo sono morti in tanti in questi decenni di storia italiana ed anzi si continua ancora oggi a morire. Sia a Taranto che altrove.

Penso che Di Maio abbia operato al meglio uscendo bene da una situazione compromissoria per andare ad affrontare e risolvere il tema della dignità sociale che viene assicurato dal reddito di cittadinanza e che potrà essere uno dei modi per superare il classico ricatto occupazionale che finisce per permettere e premiare lavori antieconomici ed antiecologici.

Con il reddito di cittadinanza sarà di fatto possibile risolvere in modo meno traumatico il tema dell’abolizione di realtà economiche di fatto non accettabili da un punto di vista ecologico.

Anziché mantenere posti di lavoro antieconomici, dannosi inquinanti o criminali, la collettività si farà carico di una conversione ecologica e socialmente accettabile dei lavoratori coinvolti in azione dannose o criminali.

L’ipotesi della Conversione Ecologica non è infatti – a mio avviso – realizzabile se non si garantisce tramite ammortizzatori sociali che non si scarichi sulle comunità locali i costi umani e lavorativi della conversione ecologica stessa.

Anche se si pervenisse ad una coscienza maggioritaria della realtà criminale di lavorazioni industriali come quelle operate e gestite dall’Ilva di Taranto (e da tante altre produzioni industriali - ovviamente) resterebbe sempre il problema di come allocare coloro che ne perdono i posti di lavoro collegati.

Mentre scrivo arrivano notizie di un movimento spontaneo di protesta che sale dalla Francia rurale contro gli aumenti dei carburanti fossili deciso dal governo Macron: potrebbe essere solo l’inizio di tanti altri: non si può perseguire la conversione ecologica sulla pelle dei più poveri, le risorse collettive vanno impiegate per affrontare la situazione dando soluzioni concrete ai problemi delle comunità locali.

Il perseguimento dell’equità ecologica è indissolubilmente legato al perseguimento dell’equità sociale.

A ben guardare l’Ilva di Taranto non è poi così diversa dalla pianura padana nel suo insieme, l’area più inquinata d’Europa, in cui avvengono il 95% delle morti per cause ambientali. E’ un problema quindi immenso, come fermare le produzioni inquinanti in pianura padana? Un problema davvero generale dell’era moderna.

Produrre inquinando e distruggendo l’ambiente naturale (umano e non umano) diverrà in un domani della nuova coscienza un reato da perseguire in cui al massimo si distinguerà tra mandanti (industriali, finanziari e politici) ed esecutori (sindacalisti ed operai) ma di fatto occorrerà mantenere la coesione sociale per assicurare persistenza al cambiamento ed evitare di far ricaderne i costi sui più poveri e deboli.

L’azione di Di Maio sull’ilva  è stata assai poco criticata o contestata, e questo dovrebbe far riflettere:
  1. chiudere l’Ilva è ancora un tabù socioeconomico e le varie parti parti preferiscono soluzioni di compromesso, anzi preferiscono che della vicenda si parli il meno possibile
  2. lo stesso Di Maio potrebbe riflettere sul fatto che viene attaccato strumentalmente per tante cose fatte bene mentre invece viene tollerato e quasi perdonato su casi di compromesso complessi e sicuramente sofferti come questo.
 Questa riflessione aprirebbe un vasto campo di discussione sul senso e sulla sostanza della definizione di Governo del Cambiamento.
Non vi è dubbio alcuno che questo governo giallo-verde è il primo governo italiano che cerca di muoversi senza subire in toto ingerenze di poteri forti locali e stranieri.

Già questo è un cambiamento, certo. Ma di quanti e quali cambiamenti abbiamo bisogno in Italia? Quanto e come cambiare, un pochino, un bel po’, parecchio o tutto?

Quale è la soglia minima del cambiamento da operare per poter parlare poi di un cambiamento effettivo? La definizione di questa soglia dovrebbe essere assai preziosa proprio per il M5Stelle in modo da considerare correttamente costi e benefici del compromesso con la Lega in relazione ai propri obiettivi ed ai problemi italiani.

Proprio la polemica di questi giorni con Salvini che vuole gli inceneritori e Di Maio no, la Lega che pretende la Tav mentre 5Stelle intende fermarla,  mette in luce che il cuore del problema tra M5Stelle e Lega sono proprio le diverse culture di riferimento e in primo luogo le questioni economico-ambientali.

Sotto quest’ottica la Lega rappresenta il polo delle esigenze della crescita economica ad ogni costo ma sia chiaro che è anche disponibile a cavalcare  anche il partito del cosiddetto mantenimento dei posti di lavoro.

A mio avviso il M5Stelle dovrebbe apertamente sostenere la qualità sociale e ambientale di una nuova economia: un cammino complesso che include anche diversi aspetti di una decrescita felice  e sulla quale l’intero occidente indugia  non essendo ancora capace di invertire la rotta,  neanche davanti al già attivo cambiamento climatico: una novità radicale che si rivelerà presto catastrofica per tutti.

Gli elementi della cultura che nutrirà questa alternativa alla società della crescita economica forzata si stanno formando praticamente in tutti i paesi del mondo e  rappresentano il tesoro collettivo ancora disponibile alla specie umana di fronte alla catastrofe in arrivo. Le diverse visioni e pratiche alternative  sono spesso ancora frammentate, devono crescere e fondersi insieme in una consapevolezza globale che guiderà le sorti della nuova epoca a venire.

Ritornando alla quantità e alla qualità del cambiamento necessario, come potranno essere fermate la corruzione e il malaffare, come potranno esser affrontate e risolte le ingiustizie sociali se non si riconoscerà il grado corruttivo operato intanto sull’economia e nel mondo del lavoro dalle produzioni inquinanti e di spreco e da lì, sull’intera società: non si tratta, in fondo,  sempre delle stesse irresponsabilità egoismi e criminalità da cui provengono tutti gli atti di violenza verso i diritti individuali e sociali di tutti gli abitanti del pianeta? Guerre comprese?

La riforma dei sistemi politici ed economici contemporanei richiede un cammino graduale di tante riforme specifiche e geopolitiche ma all’interno di una complessiva rivoluzione di fondo che potremmo chiamare la Rivoluzione dell’Ecologia Integrale.

La Rivoluzione dell’Ecologia integrale richiede una trasformazione culturale complessiva che permetta di reimpostare l’insieme della attività umane secondo parametri più armoniosi e rispettosi dei diritti umani e del Pianeta.
E riorienti le costituzioni legislative verso cautele e priorità ecologiche e sociali qualitative anziché obiettivi di ordine materialistico e di natura quantitativa.
Organizzi e predisponga la Conversione Ecologica del mondo della produzione, del consumo e dei servizi.
E sfugga sia alle trappole dell’ambientalismo di facciata che a quelle dei falsi diritti individuali che si svendono come ultima ruota di supporto del sistema culturale ed economico dominante.

La Rivoluzione dell’Ecologia Integrale è un cambiamento culturale epocale che potrà avvenire nel corso di parecchio tempo e richiederà la formazione, il sostegno e la partecipazione di un blocco sociale,  culturale ed economico maggioritario.

Se intende esser parte di questo cambiamento epocale il M5Stelle dove organizzarsi come movimento politico a vocazione maggioritaria e strutturarsi per consentire l’espressione e l’appartenenza di ampi strati progressivamente maggioritari della popolazione. Altrimenti non avrà la forza e la capacità per attuare ne i suoi proponimenti né le sue possibilità.

E scansando i rischi di un riformismo di superficie e di un ambientalismo accomodante al mondo politico e produttivo deve dotarsi di capacità positive per innovare radicalmente la situazione complessiva, anche affrontando con originalità difficili  azioni sociali ed economiche.

Ma questo non è un articolo, se non in parte, sul M5Stelle. Sto discutendo in realtà della prossima trasformazione necessaria, in Europa e in America e dappertutto.

Sotto tale angolazione il M5Stelle al governo, si trova a vivere con anticipo alcuni problemi e difficoltà che saranno vissute ben presto anche in tutti gli altri paesi.

Il punto essenziale è che l’insieme dei movimenti di coscienza ecologica, sociale e culturale del Pianeta devono assumere una coscienza integrata di loro stessi, dei loro obiettivi e della posta in gioco. E devono riuscire ad assumere una reciproca condivisione. Sfuggire alle divisioni destra/sinistra e alle frammentazioni nazionali ed adottare una consapevolezza ecologica olistica. Divenire riformatori integrati per operare una rivoluzione culturale complessiva. 

Non sarebbe inutile se i vari attivisti dei tanti piccoli movimenti e i tanti intellettuali in giro si interrogassero se stanno procedendo effettivamente verso tale direzione o se il loro agire è ancora pervaso da pregiudizi ideologici, visioni limitanti o da pulsioni personalistiche e altre velleità ancora. E se riconoscono il valore della condivisione reciproca e del confronto collettivo.

Per l’insieme di queste ragioni, qui esposte solo in modo molto succinto, è necessario che qualcuno, oggi o domani chiuda  un Ilva o fermi una Tav,  a  Taranto, in Val di Susa o altrove.

Il disastro ecologico planetario è andato così avanti che sia chiudere l’Ilva che bloccare la Tav diventano atti certo non risolutivi ma importanti per indicare una nuova fase e l’inizio di un cambiamento.

Ogni cambiamento sia personale che culturale inizia con un cambiamento interiore, poi si concretizza in luogo ed infine diverrà visibile dappertutto.      

Chiudere l’Ilva o fermare la Tav sono allora oltre che atti politici ed economici, una possibilità offerta a noi stessi,  al proprio cuore ed alla propria intelligenza, di cambiare, di esprimere un pentimento che ha forse una chance di redenzione: così basta, da ora si cambia…

Avendo anche notato che è suonata la campanella della fine della ricreazione  ….

Maurizio Di Gregorio
Nemi, 17-11-2018

 
© FioriGialli. Tutti i diritti riservati.
E' fatto divieto di pubblicazione sia totale che parziale in altra sede senza una ns. specifica autorizzazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge.



Molto interessante, lucido, stimolante : bravo.

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Casa ecologica
Ecologia domestica
Consumi consapevoli
SPECIALE TRASPORTI
Ambiente e Territorio
Natura e Wilderness
Iniziative e incontri
Tecnologie Dolci
Libri Consigliati
Chi é Chi
SPECIALE RIFIUTI
SPECIALE NUCLEARE
ECOLOGIA E POLITICA
SPECIALE ACQUA
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:

Agricoltura e giardino 
Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Medicine naturali
Alimentazioni naturali
Etologia
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Nord-Sud


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
10 FEBBRAIO 2019 PARMA - GRANDE CIASPOLATA DEL MONTE CAIO
03 FEBBRAIO 2019 PARMA - ALLE FALDE DEL MONTE BRAGALATA TRA I LAGHI GHIACCIATI DEL PARCO CENTO LAGHI
20 GENNAIO 2019 PARMA - BALLA COI LUPI - ESCURSIONE SERALE PARCO DEI CENTO LAGHI
16 - 17 FEBBRAIO 2019 OULX (TO) - WEEKEND YOGA E LUNA IN MONTAGNA
SFIDA ECOLOGISTA ALLO STATO FRANCESE
16 - 21 GENNAIO 2019 SEKEM (EGITTO) - SEKEM FARM, LE PIRAMIDI DI GIZA, LA SFINGE, IL BAZAR DEL CAIRO
NULLA DI FATTO ALLA COP24, FALLITO L'INCONTRO SUL CLIMA DI KATOWICE
02 - 12 MARZO 2019 NEPAL - NATIONAL GEOGRAFIC EXPEDITIONS - ANNAPURNA AD UN PASSO DAL CIELO
06 - 17 FEBBRAIO 2018 TANZANIA - NATIONAL GEOGRAFIC EXPEDITIONS - TREKKING SUL KILIMANJARO E SAFARI
REGALO A CHI INQUINA E' LEGGE
GROENLANDIA: IN 4 GIORNI SCIOLTO META' DEL GHIACCIO, ORA QUASI TUTTO
IN GERMANIA STANZIATI 32 MILIARDI PER USCIRE DAL NUCLEARE
711 ECOLOGISTI UCCISI NEGLI ULTIMI 10 ANNI
SOLAR IMPULSE AEREO A ENERGIA SOLARE
LA NUOVA BICI A IDROGENO
100 KM CON 1/2 LITRO D'ACQUA

 Link
Envirolink Network
Natura Network
Feng Shui Consulting
Aduc Ass.Consumatori
Adiconsum Ass.Consumatori
Lega dei Consumatori
Codacons Ass.Consumatori
Unione Naz.Consumatori
Studio Arch.Bernardini
Ecofeminist
Lipu Protez.Uccelli
La voce dell'albero
Greennet
Greenpeace Italia
Legambiente Convento S.Giorgio
Italia Nostra
Natura Nostra Italia
INBAR Ist.Bioarchitettura
ANAB Ass.Bioarchitettura
Promiseland
Critical Mass
Paea progetti Energia
Consorzio Pannello Ecologico
CarBusters
Amici della Bici
Gruppi Acquisto Solidali
Thank-Water
Stile Biologico
Bioteca Associazione - Udine
IRIS strategie per l'ambiente
Wilderness
World Watch Institute
Wilderness in Italia
Fiera delle Utopie Concrete
Ecoage
Yoga Wear Bindu
OLO - conslulenti nel biologico
AMICI della Terra
Ecoistituto delle Tecnologie Appropriate di Cesena
Parchi italiani
Bioedilizia
ECO-ECOBLOG
EcoRiflesso.org
Verdi del Trentino
Associazione Torino Viva
TERRA NEWS
TERRANEWS
Officina Naturae
Artimestieri - Cooperativa Sociale
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it