"Apri il cuore e accontentati di quello che la vita ti concede. Siamo tutti invitati alla festa della vita,
dimentica i giorni dell'oscurità, qualsiasi cosa possa essere successa non è la fine"
  Augusto Daolio
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

BASTA CONCESSIONI


di Wendell Berry

Si stanno utilizzando armi economiche di distruzione di massa contro il nostro popolo, la versione “liberale” trasforma l'avidità nella virtù economica principale.

Stiamo distruggendo il nostro paese, mi riferisco al paese in sé, al pezzo di terra. So che può sembrare terribile, però non c'è ragione per la disperazione, a meno che non decidiamo di continuare con la distruzione. Se decidiamo di andare verso quella direzione, non sarà perché non abbiamo altre opzioni. La distruzione non è necessaria. Non è inevitabile, anche se con la nostra attitudine sottomessa continuiamo a credere che sia così.

Gli americani non hanno la fama di essere un popolo sottomesso, ma è comunque così. Altrimenti perché hanno permesso che il nostro paese venisse distrutto? Perché stiamo premiando chi ha distrutto? Perché stiamo, attraverso il potere che diamo alle multinazionali avide e ai politici corrotti, partecipando a questa distruzione? Tuttavia, la maggior parte di noi è ancora abbastanza sano di mente per non orinare nella proprie cisterna, però abbiamo permesso ad altri di farlo e li abbiamo ricompensati per questo. Li abbiamo ricompensati così bene che quelli che orinano nella nostra cisterna son quelli che possiedono le maggiori ricchezze.

Come ci sottomettiamo? Non essendo abbastanza radicali. O non essendo sufficientemente coscienziosi, che è la stessa cosa.

Dal principio delle spinte conservatrici nel nostro paese, i conservatori hanno creduto troppo spesso che si potesse proteggere la terra senza proteggere le persone. Questo assunto sta cambiando, però dovremmo ancora convivere per qualche tempo con la vecchia supposizione che si possa preservare il mondo naturale proteggendo le zone selvagge mentre trascuriamo e distruggiamo i paesaggi sottomessi alla produzione economica (le fattorie, i ranch, i boschi produttivi) e la gente che li utilizza. Questa idea è comprensibile in vista delle crescenti minacce che subiscono gli spazi naturali, pero è sbagliata. Se i conservatori sperano di poter salvare gli spazi naturali e le creature selvagge, dovranno guardare verso gli aspetti economici, vale a dire verso questioni che riguardano la salubrità dei paesaggi, dei paesi e delle città in cui si sviluppa il nostro lavoro, la qualità di questo lavoro e il benessere della gente che lo realizza.

I nostri governi sembra che stiano facendo esattamente il contrario, credono che il popolo venga protetto pur non proteggendo la terra. Qui non sto parlando di partiti o di dottrine partitiche, ma della corrente politica dominante. Presto o tardi, dovranno riconoscere che se la terra non prospera, nient'altro può prosperare per molto tempo. Non possiamo sostenere l'industria, il commercio, la salute o la sicurezza se non difendendo la salute della terra, della sua gente e del lavoro che svolge.

E' fatto indiscutibile che la terra, qui e in qualsiasi altra parte, sta soffrendo. Ci sono zone altamente contaminate nel Golfo del Messico e con acqua impossibile da bere, a causa delle pratiche tossiche della nostra agricoltura. Sappiamo che stiamo trascurando ed esaurendo i nostri boschi. Sappiamo che l'erosione del suolo, la contaminazione dell'aria e dell'acqua, l'espansione urbanistica, la proliferazione di strade e spazzatura sta rendendo le nostre vite meno gradevoli, sane e meno sostenibili e i nostri habitat più squallidi.

Da quasi quarant'anni in Kentucky, come in altri stati produttori di carbone, si iniziò a fare uno sforzo per regolare le miniere a cielo aperto. Nel mentre che questo sforzo prosegue, e vengono imposti certi requisiti, il comportamento di queste miniere è quello di distruzione della terra e del suo futuro. Permettiamo la distruzione di montagne e valli intere. Neanche le guerre fecero nel passato danni tanto grandi e permanenti sul paesaggio. Se sappiamo che il carbone è una risorsa esauribile, mentre il bosco che si situa sopra la miniera di carbone è una fonte di ricchezza inesauribile, attraverso un uso efficiente, e che le miniere a cielo aperto distruggono i boschi praticamente per sempre, perché permettiamo questa distruzione?

In Kentucky e per sfortuna in altri stati e di nuovo a rischio di un grande danno pubblico, abbiamo permesso, e di fatto abbiamo promosso, l'ingabbiamento di animali per l'industria animale, che abusa di tutto ciò che è in relazione con questo: la terra, i lavoratori, gli animali e i consumatori. Se amiamo tanto il nostro paese, e molti di noi sostengono questo, come possiamo profanarlo in questo modo?

Però il danno economico non si limita solo alle nostre fattorie e boschi. Con il fine di “creare impiego” in Kentucky e in altri stati con ritardo economico, abbiamo sovvenzionato con soldi pubblici imprese multinazionali a restare nel nostro paese per sfruttare la gente in modo economico. Il proposito assoluto della nostra economia è sfruttare, non proteggere o conservare.

Guardate attentamente, se dubitate, al centro delle grandi città in qualsiasi parte del nostro paes.e incontrerete chi sta economicamente morto o in decomposizione. Buoni edifici che accoglievano piccoli negozi di tutti i tipi, così necessari, così utili e di proprietà locale si son trasformati in negozi di antiquariato. Guardate le case, le chiese, gli edifici commerciali, i tribunali e vedrete che molto spesso son allettanti e ben fatti. E adesso date un'occhiata ai sobborghi residenziali: megacentri commerciali, catene di ristoranti fast food, stazioni di servizio convertite in supermercati, motel. Cercate di scorgere qualcosa di allettante o ben fatto in tutto questo.

Qual'è la differenza? La differenza è che gli antichi centri delle città furono costruiti d denti che erano orgogliosi del proprio posto e che assegnavano un valore speciale al solo fatto di vivere lì. I vecchi edifici ci sembrano belli perché furono costruiti da genti che rispettavano e cercavano il rispetto dei vicino. I sobborghi residenziali, al contrario, furono costruiti da enti che non manifestavano nessun tipo di orgoglio per il luogo, non davano valore alle vite che in quel luogo venivano vissute e non simpatizzavano particolarmente con i vicini. L'unico valore che vedono nel luogo dove vivono è il denaro che potranno ottenere per venderlo, per trasferirsi in un altro posto di maggior prestigio, vale a dire, verso i sobborghi residenziali più benestanti delle grandi città.

Possiamo dire che stiamo consumando, contaminando e abbruttendo questa bella nazione per la causa del patriottismo e l'amore di Dio? Forse ad alcuni gli piacerebbe pensarla così, però di fatto questa distruzione continua perché noi crediamo e viviamo alcune bugie: che niente a valore al di fuori di ciò che è fatto per il mercato; che si può lasciare il controllo della vita economica delle nostre comunità in mano alle multinazionali.

Noi cittadini abbiamo una grande responsabilità per la nostra semplicità e capacità distruttiva, non si può minimizzare su questo. Pero non si può nemmeno minimizzare sulla responsabilità del governo.

Tutti comprendiamo che i governi si costituiscono per assicurarci una protezione che i cittadini individualmente non possono dare a sé stessi. Però i governi tendono a pensare che questa responsabilità possa compiersi con le forze di polizia e militari. […] I nostri governi solo in rare occasioni hanno riconosciuto la necessità di proteggere la terra e le genti contro la violenza economica. Certamente la violenza economica non è così esplicita, e raramente sanguinosa come la violenza della guerra, ma può essere devastante allo stesso modo. Atti di devastazione economica possono arrivare a distruggere la terra e le comunità o il centro di una città o paese, come di fatto fanno spesso.

Questo danno si giustifica per le compagnie multinazionali e i loro complici politici in nome del “libero mercato” e della “libera impresa”, però si tratta di una libertà che fa dell'avarizia la virtù economica dominante, distruggendo la libertà di altre persone insieme all'habitat delle comunità e ciò che sta intorno. Esistono anche le armi di distruzione di massa a livello economico. Abbiamo permesso che si utilizzino contro di noi, non solamente per mezzo della sottomissione pubblica e della prevaricazione, però anche attraverso sussidi, incentivi e consensi di dubbia giustificazione.

Non siamo stati capaci di riconoscere il pericolo di agire in nostra difesa. Come risultato, quello che anticamente era un ricco e vario paesaggio è stato colonizzato dalle compagnie minerarie, del legname e agricole produttrici di molta ricchezza, energia e materie prima ad un costo immenso per la nostra terra e il nostro popolo. Per questi stessi paesi e città son state sopraffatte dalle grandi superfici, che hanno ottenuto il via libera per distruggere i piccoli negozi locali.

Dal momento che come individui e come comunità non possiamo proteggerci da tali aggressioni, abbiamo bisogno che il governo regionale o nazionale ci protegga. Allo stesso modo che i poveri abbiano la stessa giustizia dei ricchi, ugualmente i piccoli agricoltori, allevatori e commercianti meritano la stessa uguaglianza di mercato delle grandi compagnie agricole e dei grandi magazzini. Non dovrebbero essere portati alla rovina solo perché i ricchi competitori possono permettersi (per qualche tempo) i vendere al di sotto del prezzo.

Per di più, permettere che le piccole imprese vadano in rovina per colpa di vantaggi falsi, sia a livello locale o nell'economia globale, significa distruggere la capacità produttiva locale, regionale o nazionale di alimenti e tessuti. Non è possibile comprendere, meno che mai giustificare, la permissività di un governo che permette che le risorse di beni così necessari siano distrutti in nome della libertà dell'anarchia delle corporation. È impossibile anche comprendere come un governo può permettere e per di più sostenere la distruzione della terra e della produttività della terra. In qualche modo abbiamo perso e ci siamo disfati del nostro senso di interdipendenza con la terra e la capacità umana di interagire con la terra nel miglior modo possibile. Il dovere del governo di proteggere queste risorse economiche, tanto umane come naturali, è importante quante il dovere di proteggerci dalla fame o dai nemici esterni. Vale a dire, che non c'è differenza alcuna tra la minaccia domestica alle nostre risorse vitali e la minaccia esterna.

Pare che siamo caduti nella brutta abitudine di transigere in materia per le quali non avremmo dovuto transigere mai. Credo che per la maggior parte di noi, inclusa la classe politica, crede che sia sbagliato distruggere la terra. Però abbiamo potenti oppositori politici che insistono che l'economia che distrugge la Terra si giustifica per la libertà e il denaro. Per tanto arriviamo al compromesso di permettere la distruzione di alcune parti della nostra Terra, oppure che la Terra si distrugga a poco a poco, come quel famoso maiale con tre zampe tanto desiderato da tutti che lo sacrificavano in parti invece che intero.

La logica di questi accordi è chiara e anche tragica. Si continuiamo ad essere tolleranti nei confronti della distruzione progressiva della Tera per ragioni economiche, allora finiremo per distruggerla tutta.

Una denuncia così lunga merita una speranza, e vorrei terminare con parole di speranza. Per questo ho bisogno di ripetere quello che ho detto al principio: “la nostra capacità distruttiva non è stato né è inevitabile”. Chi prospetta questo tipo di scuse è moralmente incompetente, codardo e vago. La gente può cambiare, può apprendere il meglio. Tutti noi, indipendentemente dalle tendenze, possiamo dare più amore alla nostra terra, al di là dell'avarizia e del disprezzo che esercita chi sfrutta la terra. Questo significa affrontare problemi pratici, per questo offro una serie di suggerimenti pratici.

Dobbiamo imparare meglio a rispettare noi stessi e i nostri luoghi. Dobbiamo smettere di pensare che l'America rurale è una colonia. La maggior parte della nostra storia economica è consistita nell'esportazione di petrolio, alimenti e materie prime, danneggiando in questo modo l'ambiente. Dobbiamo riaffermare il valore economico del buon governo e del buon lavoro. Per questo avremo bisogno di amministrare meglio quello che avviamo fatto fino ad ora.

Dobbiamo riconsiderare l'idea che i nostri problemi economici si risolvono “a base di industria”. Tutti gli stati sviluppano dei piani per incentivare le grandi multinazionali a installarsi nel proprio territorio utilizzando incentivi fiscali e altri sprechi di denaro pubblico. Questo tipo di pratiche dovrebbero essere proibite fino a quando saremo sicuri che tutti gli stati dell'unione hanno fatto il maggiore sforzo possibile per creare la rpopria ricchezza. Abbiamo bisogno di costruire le economie locali dalle nostre comunità e regioni aggiungendo valore ai nostri prodotti locali e commercializzandoli localmente prima di cercare di farlo fuori.

Dobbiamo affrontare senza paura i rendimenti di scala. Il grande ha il suo fascino che lo rende seduttivo, specialmente per i politici e i finanziari; ma senza dubbio il grande fomenta l'invidia, l'indifferenza e il danno collaterale, essendo molte volte non necessario. Forse è necessaria una grande compagnia per guidare aerei o macchine, però non c'è bisogno di una grande compagnia per allevare polli o maiali. Nemmeno si ha bisogno di una multinazionale per trasformare il cibo prodotto localmente o il legno del posto e commerciarla regionalmente.

Finalmente, dobbiamo dare la maggior priorità alla cura della nostra terra, senza trascurare una sola fetta. Non dobbiamo cedere nulla alla distruzione della nostra terra o di qualsiasi cosa possiamo recuperare. Siamo stati troppo tolleranti con i politici che, fiduciosi nella difesa della nazione, si convertono in agenti della distruzione della nazione, portandola alla rovina.

Per questo voglio terminare citando un mio amico Kentuckiano, un grande patriota e indomabile nemico delle miniere a cielo aperto. Joe Begley de Blackey: “basta consessioni!”

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
15 - 16 MAGGIO 2018 - ROMA AUDITORIUM - ASCANIO CELESTINI - PUEBLO
08 APRILE 2018 - ROMA AUDITORIUM - FRANCO CARDINI: ISLAM - SUNNITI CONTRO SCITI
20 NOVEMBRE 2017 ARDEA (ROMA) - CONVEGNO - RICONOSCIMENTO E VALORIZZAZIONE DELLA FIGURA DEL CAREGIVER
17 - 24 NOVEMBRE 2017 MANZIANA (VT) - LABORATORIO DI TEATRO DELL'OPPRESSO SUL TEMA DELL'OBBLIGO VACCINALE
16 DICEMBRE 2017 ROMA - WORKSHOP DAI LUCE AI TUOI DESIDERI
18 NOVEMBRE 2017 FIRENZE - CITY BOUND. EDUCAZIONE ESPERIENZIALE ALL'ARIA APERTA IN CITTA'
24 SETTEMBRE DECIMA EDIZIONE FIDUCIA DAY - ROMA
21 SETTEMBRE ROMA EVENTO FIORIGIALLI - INCONTRO CON DAYA BAI
23 SETTEMBRE 2017 ROMA - INCONTRO CON DAYA BAY
27-29 OTTOBRE - INTRODUZIONE ALLA COMUNICAZIONE NONVIOLENTA
30 SETTEMBRE - 10 OTTOBRE - CAMBIARE VITA E LAVORO, ISTRUZIONI PER L'USO - (TR)
16-17 SETTEMBRE 2017 STRESA - CONVEGNO INTERNAZIONALE MEDICINA HILDEGARDIANA
20 - 21 MAGGIO 2017 - TERRA NUOVA FESTIVAL
19 maggio 2017 - Il bambino nel secondo settennio
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it