La bellezza salverà il mondo (Dostoevskij)
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

DAYA BAI - SORELLA MISERICORDIA


di Roshni Sekhar

Conobbi Daya Bai una quindicina di anni fa, a Delhi. Ero nella redazione di una piccola casa editrice che all’epoca era diretta da mia sorella Rukmini, quando vidi entrare questa signora magra, dall’aspetto un po’ “consumato” dal tempo, non più giovanissima. Camminava male e riusciva a malapena a stare diritta per il mal di schiena che aveva. Ma i suoi occhi, il suo sguardo aperto, privo i timore, erano in aperto contrasto col suo aspetto fisico. Per quanto dolorante e malandata, ci voleva poco a capire con chi si aveva a che fare. Un’anima indomita, coraggiosa fino alla temerità, una persona che aveva messo in un cassetto il proprio io e aveva dedicato l’intera esistenza ai deboli, ai reietti, ai più deboli tra i deboli, quelli di cui tutti approfittano e che nessuno aiuta.

Le chiedemmo perché fosse conciata così male e ci raccontò che un paio di giorni prima, nel villaggio dove vive, in un’area rurale del Madhya Pradesh, India centrale, degli uomini erano andati a casa sua a prelevarla con un camioncino aperto. L’avevano costretta a seguirli senza un motivo apparente e legittimo, solo per intimidirla. Dopo averla minacciata, l’avevano buttata giù dal camioncino in corsa. Nella sua lunga avventura insieme agli Adivasi, gli intoccabili, delle tribù che abitano e vivono delle foreste del Madhya Pradesh, non era quella la prima volta in cui era stata fatta segno di attenzioni da parte di chi gestisce il potere locale: latifondisti, usurai, grandi mercanti. Pochi anni prima un gruppo di donne probabilmente pagate dai latifondisti della zona, irritati con Daya Bai per il suo attivismo sociale, entrarono nella sua casa e la picchiarono duramente. Ricordando quell’episodio, la cosa che più la rattristava, più del ricordo del dolore delle percosse, era l’idea che erano state delle donne a picchiarla. Quelle stesse donne che lei cercava in ogni modo di strappare da una tradizione che le voleva sottomesse e sfruttate, in casa e nella società.

La sua reazione a questo drammatico episodio fu di eliminare tutte le porte dalla sua casa, un’umile dimora di fango e paglia, uguale a quelle dei contadini più poveri. ‘La mia casa è aperta a chiunque voglia venire a trovarmi. Non sarà certo una porta a fermare eventuali picchiatori o assassini’.

Ma come e quando era cominciata questa lunga avventura? Molti anni prima, quando Mercy Matthew, questo il suo nome originale, laureanda in sociologia, si era recata in questa zona dell’India centrale per completare sul campo gli studi necessari alla sua tesi di laurea. Mercy, che in inglese vuol dire misericordia, proveniva da una famiglia cristiana benestante del Kerala, nell’India del Sud. Da ragazza voleva farsi suora, e trascorse anche dei lunghi periodi in convento. Ma l’atmosfera paludata, avulsa dalla realtà circostante che caratterizza i conventi non le era piaciuta, si rese conto che non era quello il modo in cui voleva vivere la sua religiosità. Quindi riprese gli studi, fino alla laurea in sociologia. Come detto, per completare la tesi andò di persona a vedere queste popolazioni tribali di cui aveva saputo solo dai libri.

Trovò una realtà molto degradata. L’India moderna, in via di industrializzazione, cominciava a ritenere inutili queste comunità che vivevano ancora come nei secoli passati, mantenendo un rapporto strettissimo con la natura, da cui dipendeva la loro esistenza, se non ricca, almeno dignitosa. Più che inutili, un vero ostacolo ai piani di sviluppo degli uomini di città che erano molto interessati ai terreni boschivi abitati dalle tribù. Volevano sostituire le foreste ‘improduttive’ con piantagioni di tek per il legname o di caucciù per la gomma. Da qui un progresso di continuo estenuante disturbo della popolazioni locali. Disturbo operato in molti modi, senza disdegnare il ricorso alle minacce, a volte alla violenza e all’intimidazione e persino allo stupro sistematico delle donne, anche giovanissime. Spesso l’arma economica era anche più efficace, si prestavano soldi a interessi stratosferici, che i contadini non avrebbero mai potuto restituire. E alla scadenza ci si appropria delle loro terre, rovinandoli per sempre e costringendoli a scappare in città, spesso a fare i mendicanti.

Davanti a questa realtà di oppressione e abusi nei confronti di una popolazione priva di qualsiasi difesa, Mercy si indignò e decise che avrebbe fatto della causa di queste vittime dell’ingiustizia e della prepotenza più o meno legalizzata, la SUA causa, il motivo della sua vita. E così fu. Iniziò a girare da un villaggio all’altro parlando ai loro abitanti dei diritti che avevano e di come venissero regolarmente calpestati dai potenti. Essendo una persona colta e preparata, al contrario dei locali, aveva i mezzi per opporsi alla prepotenza. Iniziò anche a studiare legge, laureandosi e diventando avvocato. Presto divenne famosa in tutta la zona, e il suo nome venne trasformato in Daya Bai, sorella misericordia. Molti la conoscono anche come ‘Lady on a pony’, per la sua abitudine di girare la zona in sella a un mulo.
Dopo qualche anno si rese conto che da sola non riusciva a fronteggiare tutte le questioni legali che si proponevano senza sosta, così organizzò un gruppo di avvocati che collaborano con lei gratuitamente. Non contenta, per capire meglio i punti salienti delle controversie, si diplomò in Scienza dell’Ambiente.

Alcuni anni mio marito andò a trovarla nel suo villaggio e fu suo ospite per alcuni giorni. Fu colpito dal viavai di contadini, di persone semplici, ma anche di attivisti che venivano a trovarla per trovare in lei ispirazione e consigli dettati dalla lunga esperienza di lotte sociali. Ma le cose che più lo colpirono furono, da una parte l’immenso amore di cui Daya Bai gode da parte degli abitanti dei villaggi e dall’altra l’incredibile umiltà con cui si rapporta con ognuno di loro. Una vera Bai, una sorella maggiore, a cui ricorrere per un consiglio, un parere, un aiuto. Il tutto nella maniera più disinteressata possibile.

Oggi abbiamo l’opportunità di conoscere di persona questa donna straordinaria, forte, sicura che del fatto che l’unico modo di vivere, di vivere veramente, è quello di dimenticare se stessi e dedicarsi agli altri.
                                                                 
Roshni Sekhar
 
Per l’incontro con Daya Bai una donazione di 10€ è gradita. L’intera somma raccolta verrà consegnata direttamente a Daya Bai. Le spese sono molte e l’unica fonte di sostegno sono le donazioni.
Per chi fosse interessato a sapere di più sulla sua storia, sia in rete che su youtube ci sono molte cose su di lei, anche se la maggior parte in inglese o in una delle lingue indiane. Inoltre, stanno girando un film su di lei in cui l’attrice Bidita Bag interpreterà la parte di Daya Bai.

 














Mi sono trovata inaspettatamente davanti i suoi versi... Già quelli sarebbero bastati... Poi ho letto di lei... Una carezza all'Anima in un lungo momento difficile, la voglia di andare avanti col sorriso... Finché ci saranno queste persone si potrà sperare - anche se la società umana nella sua folle opera di distruzione del pianeta è forse inarrestabile - che in una colonia di 18.000 pinguini possano salvarsi non solo due uova...

Mi sono trovata inaspettatamente davanti i suoi versi... Già quelli sarebbero bastati... Poi ho letto di lei... Una carezza all'Anima in un lungo momento difficile, la voglia di andare avanti col sorriso... Finché ci saranno queste persone si potrà sperare - anche se la società umana nella sua folle opera di distruzione del pianeta è forse inarrestabile - che in una colonia di 18.000 pinguini possano salvarsi non solo due uova...

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
24 FEBBRAIO 2018 - ROMA -MANIFESTAZIONE PER LA LIBERTA' DI SCELTA SUI VACCINI
15 - 16 MAGGIO 2018 - ROMA AUDITORIUM - ASCANIO CELESTINI - PUEBLO
08 APRILE 2018 - ROMA AUDITORIUM - FRANCO CARDINI: ISLAM - SUNNITI CONTRO SCITI
20 NOVEMBRE 2017 ARDEA (ROMA) - CONVEGNO - RICONOSCIMENTO E VALORIZZAZIONE DELLA FIGURA DEL CAREGIVER
17 - 24 NOVEMBRE 2017 MANZIANA (VT) - LABORATORIO DI TEATRO DELL'OPPRESSO SUL TEMA DELL'OBBLIGO VACCINALE
16 DICEMBRE 2017 ROMA - WORKSHOP DAI LUCE AI TUOI DESIDERI
18 NOVEMBRE 2017 FIRENZE - CITY BOUND. EDUCAZIONE ESPERIENZIALE ALL'ARIA APERTA IN CITTA'
24 SETTEMBRE DECIMA EDIZIONE FIDUCIA DAY - ROMA
21 SETTEMBRE ROMA EVENTO FIORIGIALLI - INCONTRO CON DAYA BAI
23 SETTEMBRE 2017 ROMA - INCONTRO CON DAYA BAY
27-29 OTTOBRE - INTRODUZIONE ALLA COMUNICAZIONE NONVIOLENTA
30 SETTEMBRE - 10 OTTOBRE - CAMBIARE VITA E LAVORO, ISTRUZIONI PER L'USO - (TR)
16-17 SETTEMBRE 2017 STRESA - CONVEGNO INTERNAZIONALE MEDICINA HILDEGARDIANA
20 - 21 MAGGIO 2017 - TERRA NUOVA FESTIVAL
19 maggio 2017 - Il bambino nel secondo settennio
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it