nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

KENNEDY E I PERICOLI DEI VACCINI



di Team FioriGialli

Cosa sta succedendo in America intorno ai Vaccini? Qualcosa sicuramente ma non possiamo stabilire ancora esattamente cosa. All'inizio di gennaio la stampa italiana ha riportato, sia pur in secondo piano e pochi se ne sono accorti,  la formazione negli Stati Uniti di una commissione nazionale sulla sicurezza dei vaccini. Ebbene il presidente Trump chi pensate che abbia nominato come responsabile di questa commissione? Godzilla? Avete sbagliato, Trump ha nominato presidente della commissione nazionale americana sulla sicurezza dei vaccini Robert F. Kennedy Jr. - figlio di Bob e nipote del presidente assassinato a Dallas, ambientalista ed autore di diversi libri e convinto assertore del legame tra vaccini e autismo infantile. Altre notizie che riportiamo qui di seguito richiedono attenzione a quello che sta succedendo.


Da Repubblica 11-01-2018
: NEW YORK - È un ‘crociato’ anti-vaccini ed ha un nome che tutti conoscono. Robert F. Kennedy Jr. - figlio di Bob e nipote del presidente assassinato a Dallas - è l’uomo scelto da Donald Trump per guidare la commissione che il nuovo presidente vuole creare per "indagare sulla sicurezza" dei vaccini. Robert F. Kennedy Jr. è noto (oltre che per il nome che porta) anche come attivista sull’ambiente, per il suo programma radio (Ring of Fire) e per diversi libri per bambini che ha scritto. Negli ultimi tempi si è però concentrato sulla questione dei vaccini, nella (sua) convinzione, contro ogni logica scientifica, che siano collegati all’autismo.

The Donald lo ha ricevuto ieri alla Trump Tower sulla Fifth Avenue di New York. "Il presidente eletto ha alcuni dubbi sulle attuali politiche seguite in materia di vaccini e mi ha posto domande al riguardo", ha detto Kennedy Jr. parlando con i giornalisti all’uscita dall’incontro e confermando la proposta che il nuovo presidente gli ha fatto. Il portavoce di Trump Bob Hicks ha poi precisato che "il presidente eletto ha apprezzato la discussione con Kennedy su un’ampia gamma di questioni. Apprezza le sue idee e i suoi pensieri e sta esplorando la possibilità di formare una commissione sull’autismo, che colpisce così tante famiglie. Al momento non è stata ancora presa una decisione definitiva".

La possibilità che Trump possa avviare una commissione di inchiesta sulla sicurezza dei vaccini metterebbe in aperto contrasto il nuovo presidente con le posizioni che finora sono state prese dal governo americano (con l’avallo delle principali autorità scientifiche) in materia. Il comitato federale sui vaccini, composto da esperti e medici della sanità pubblica, ha sempre raccomandato  l’uso dei vaccini in tutti gli Stati Uniti. Medici ed esperti che anno sempre contestato la validità delle tesi sostenute da Kennedy, considerate frutto di una pericolosa teoria del complotto. “È veramente preoccupante, è difficile immaginare qualcuno meno qualificato di lui a guidare una commissione sui vaccini”, ha dichiarato, Peter Hotez, direttore della National School of Tropiccs
Sulla questione vaccini Donald Trump ha sempre mostrato molto scetticismo. Nel 2015 ha pubblicamente detto in un dibattito che “sono la causa dell’autismo”, ripetendo quanto da lui sostenuto sia nel 2014 che nel 2012.
 
 ........................................................

 

Vaccini velenosi? Se lo dici sei FUORI 

Il caso di Judy Mikovits

 

In riferimento al post di ieri, quello in cui sostenevo che se non ci fosse il web e l’informazione veramente libera che vi circola molte notizie non circolerebbero, devo rafforzare il concetto. Eh già, perchè se anche amici informati ed attenti, che non guardano la TV, parlando di vaccini mi dicono “… di quel medico che aveva pubblicato dati falsi e poi ha confessato tutto ed è stato radiato dall’ordine (Wakefield, ne ho parlato qui, qui, qui e qui)” allora significa che il nostro lavoro (gratuito) di diffusione delle notizie “scomode” è non solo indispensabile, ma deve essere spinto ancora, e molto di più.

Così, se Wakefield è il capofila dei medici che per le loro posizioni “a rischio” per l’establishment medico-farmaceutico (ricordo che lui non era contro i vaccini, ma semplicemente aveva detto che servivano ulteriori studi per dimostrare la sicurezza del vaccino trivalente, e questo gli costò il lavoro, la carriera, la fama, ecc.), se ne trovano molti altri che hanno pagato con la perdita del posto di lavoro, la povertà, la radiazione, ecc. come la dr.ssa Judy Mikovits.

Cosa aveva scoperto questa ricercatrice? Un virus di provenienza dai topi, denominato XMRV, sembrava essere collegato al tumore alla prostata e alla sindrome da fatica cronica, o CFS. Ma il problema vero era: come è possibile che questi virus fossero passati dai topi agli esseri umani? E in un peer review article pubblicato nel 2011 indicava proprio nei laboratori che producono i vaccini la causa della diffusione di questi virus, vaccini che, secondo il suo studio, almeno nel 30% dei casi contengono questi retrovirus di tipo gamma che entrano nella popolazione, in particolare nel vaccino trivalente MPR, e come una bomba ad orologeria possono causare diversi tipi di malattie, magari anche a scoppio ritardato, come alzheimer, SLA, ecc..

Era troppo: una notizia del genere poteva minare alle fondamenta un sistema molto redditizio e bloccare la diffusione di vaccini o, quantomeno, renderne la produzione molto più costosa, imponendo l’obbligo di controllare e purificare le produzioni.

E così, senza troppi complimenti, le viene chiesto di ritirare il suo studio, di modificare i dati, di firmare una abiura, cosa che lei non fa (e cita anche il dr.Thompson, quello del CDC che, a distanza di 10 anni, si è poi pentito ed ha dichiarato che in effetti sì, lui i dati li aveva modificati per nascondere la correlazione tra vaccini ed autismo, storia poi raccontata nei particolari del docufilm Vaxxed). Licenziata in tronco, le viene impedito di entrare nel laboratorio che dirigeva e, come se non bastasse, viene arrestata con l’accusa di aver rubato dei bloc notes dal laboratorio (accusa ridicola); viene rilasciata su cauzione, il marito paga 400.000 $ (vende la sua casa e impegna il suo TFR), ora vive disoccupata in afftto con la pensione del marito, ex dipendente statale.

Intervistata da Ty Bollinger, autore del documentario The Truth About Vaccines (l’ordine del tribunale di non parlare della sua storia è stato rimosso dopo 4 anni, l’anno scorso), confessa amaramente come la scienza e la medicina siano in mano ad una vera e propria mafia (medical mafia la chiama lei) che difende interessi di pochi, ad ogni costo e senza guardare in faccia a nessuno, incurante dei diritti di chi si trova sul percorso e, tantomeno, delle conseguenze catastrofiche sulla popolazione che certe scelte possono avere.

Il nostro dr.Gava, fresco di scomunica (radiato dall’ordine dei medici), può stare sereno: primo, è in buona compagnia; ma soprattutto (almeno finora) non è stato ancora incarcerato. Peggio ancora è andata al dottor Jeff Bradstreet, noto sostenitore della correlazione fra vaccini e autismo, stranamente “suicidatosi” con due colpi di fucile e poi -si dice – gettatosi in un un fiume.

E la causa di tutto è sempre il denaro, e ciò che gli uomini sono indotti a fare, per averne sempre di più. Come ha dichiarato uno dei tanti fuoriusciti dall’industria farmaceutica, Peter Rost, ricercatori, università, istituti di ricerca sono tutti col cappello in mano, a chiedere denaro, e le grandi multinazionali del farmaco sono le uniche che possono darglielo…. ovviamente scegliendo a chi e come darlo.

Alla faccia della ricerca scientifica e della ricerca del bene comune.


 


............................................

 

Quindici medici naturopati morti
“per caso” in cinque mesi 

Diversi sono stati assassinati, alcuni si sarebbero uccisi e altri colpiti da infarto. Per le autorità è solo una coincidenza capitata tra giugno e ottobre 2015, ma c’è chi accusa misteriosi killer al soldo di Big Pharma 

Articolo di Rino Di Stefano

Negli Stati Uniti è in atto una strage di medici naturopati. Solo nel 2015 ne sono stati uccisi quindici in diversi stati. Le modalità cambiano da caso a caso, per cui gli inquirenti non possono addebitare tutte quelle morti ad una sola mano. Sarebbe comunque singolare che qualcuno, perIl Dr. Jeffrey Bradstreet (Fonte: Facebook/AutismOne) ignote ragioni, potesse aver deciso di prendersela con medici che avevano la sola colpa di curare i loro pazienti nel modo più naturale possibile evitando, ovunque le circostanze lo avessero consentito, di insistere troppo col somministrare prodotti chimici particolarmente pesanti per l’organismo umano. Il fatto poi che questi medici stessero testando un nuovo metodo naturale contro il cancro e l’autismo, non può che suscitare una certa perplessità.

La mattanza dei medici è iniziata nel giugno scorso. Il primo a rimetterci la vita è stato il dottor Jeffrey Bradstreet, un noto naturopata della Florida. Bradstreet non era un medico qualunque. Dirigeva The International Child Development Resource Center (Il Centro internazionale per le risorse dello sviluppo infantile) a Il Dr. Bruce Eric HedendalMelbourne, in Florida, e praticava omeopatia in Georgia e Arizona. Tra le altre cose, era professore di Sviluppo infantile e Neuroscienze al Southwest College of Naturopathic Medicine a Tempe, in Arizona. Nel mese di giugno Bradstreet esercitava in Georgia e un bel giorno sparì e di lui non si seppe più nulla. Lo cercarono dappertutto, ma non lo trovarono. La polizia e la famiglia cominciavano a disperare, quando improvvisamente il 19 giugno del 2015 trovarono un corpo galleggiare nel Broad River della Ruherford County, in South Carolina. Era il suo. Un colpo di pistola sparato al petto gli aveva spaccato il cuore. Nonostante le proteste dei familiari, la polizia chiuse il caso come suicidio. La ragione: tre giorni prima della sua sparizione, le autorità governative erano andate a trovare Bradstreet nel suo studio imponendogli di interrompere le sue ricerche e impedendogli di curare ulteriormente i suoi pazienti con metodi naturali. Tali sistemi, sembra gli abbiano fatto capire, danneggiano gli interessi delle grandi compagnie farmaceutiche americane.

Lo sceriffo locale, dunque, non volle sentire ragioni e non prese La Dr.ssa Theresa Sieversin benché minima considerazione il fatto che il corpo del medico si trovasse in un altro stato, ben distante da casa, e Bradstreet non avesse avuto alcuna seria ragione per togliersi la vita. Era infatti evidente che, con molta probabilità, Bradstreet fosse stato ucciso e poi il suo corpo scaricato in un fiume. La tesi del suicidio, molto adottata negli Stati Uniti quando si vogliono evitare grane e complicazioni, è sempre la preferita dalla polizia locale. 

Qualcosa, però, non sfuggì agli osservatori scientifici. Infatti, in quel periodo, il dottor Bradstreet insisteva sul fatto che i bambini autistici avevano troppo piombo nelle vene. Egli stesso era padre di un bambino autistico e addebitava quella tragedia ad un vaccino che era stato somministrato al figlio quando aveva appena 15 mesi. Per lui non c’erano dubbi: esisteva una connessione tra il vaccino e l’autismo. E lo diceva pubblicamente ogni volta che poteva, lanciando pesanti accuse alle multinazionali che stavano dietro la vendita dei vaccini. Fino al giorno della sua scomparsa.

Quello che lo sceriffo della Ruherford County non sospettava davvero è che quello strano caso di “suicidio” sarebbe stato il primo di una lunga serie.

Due giorni dopo, infatti, a Boca Raton, in Florida, un improvviso infarto si portò via il dottor Il Dr. Patrick FitzpatrickBruce Eric Hedendal, medico chiropratico e nutrizionista, del quale si conosceva la passione sportiva e l’amore per il podismo. Padre di sei figli e nonno, Hedendal aveva 67 anni ed era noto per le sue terapie a base di ormoni naturali. Anche lui, del resto, non gradiva il massiccio uso della chimica in medicina.

Quello stesso giorno, nella città poco lontana di Jacksonville, sempre in Florida, un altro strano coccolone poneva fine alla vita del dottor Baron Holt, 34 anni, un altro medico noto per le il suo approccio olistico. Holt viveva e lavorava nel Tennessee, ma si trovava in Florida per alcune cure alla sua spina dorsale. Di fede cristiana, molto attivo nel sociale (diceva che il denaro non deve impedire che la gente possa curarsi liberamente), Holt esercitava la chiropratica con molto successo e nel 2012 aveva lavorato anche con la squadra olimpica statunitense a Londra. Essendo così giovane, nessuno si aspettava una morte improvvisa. La madre Janis Dixon sperava nell’esito dell’autopsia, ma in definitiva non fu possibile accertare con precisione quale fosse la causa che aveva bloccato il cuore in quel modo.   

La quarta vittima della serie è stata la dottoressa Theresa Sievers, 46 anni. Il 29 di giugno la dottoressa Sievers è stata trovata uccisa a martellate nella sua casa di Bonita Springs, in Florida. Molto nota per l’indirizzo naturopata delle sue terapie, la Sievers aveva una copertura assicurativa di 4,4 milioni di dollari, in caso di morte accidentale. Agli inquirenti non ci è voluto molto per associare il notevole importo dell’assicurazione con colui che ne avrebbe usufruito, cioè il marito Mark Sievers. Inoltre, le indagini hanno portato all’arresto di due uomini del Missouri, Jimmy Rodgers e Curtis Waine Wright Jr., i quali avrebbero ucciso la donna dietro compenso del marito (10 mila dollari). Tra l’altro, Waine Wright è risultato essere un amico di vecchia data del marito, cresciuto anche lui in Missouri. Il processo è ancora in corso.

Il 3 luglio ci spostiamo in Montana, nella parte settentrionale degli Stati Uniti, dove scompare La Dr.ssa Lisa Marie Rileymisteriosamente il dottor Patrick Fitzpatrick, 74 anni. L’ultima volta in cui fu visto, era il 2 luglio a Bozeman. La sua automobile, con roulotte al seguito, è stata trovata vuota nei pressi di Willow Creek nelle Three Forks, in Montana. Secondo il tenente Arlyn Greydanus dell’ufficio dello sceriffo di Gallantin County, nel veicolo abbandonato c’erano anche medicine che il dottor Fitzpatrick prendeva regolarmente per il cuore. E’ quindi escluso che egli possa essersi allontanato senza portarsele dietro. L’unica ipotesi plausibile è che il medico sia stato rapito e portato altrove. Di lui però si sono perse le tracce, per cui è da considerarsi a tutti gli effetti disperso. Anche il dottor Fitzpatrick era molto conosciuto per essere un naturopata.

Passa qualche giorno, e la sorte si accanisce contro un altro medico noto per l’indirizzo naturale delle sue terapie. Questa volta ci trasferiamo in Georgia, dove il 10 luglio la dottoressa Lisa Marie Riley, 34 anni, medico osteopata, è stata trovata uccisa con un colpo di pistola alla testa nella sua casa di Americus. A occuparsi del delitto è l’ufficio dello Sceriffo della Lee County. In un primo tempo le indagini hanno puntato contro il marito della Riley, Yathomas Lee Riley, 32 anni, un Il Dr. Ronald Oliver Schwartzpugile conosciuto con il soprannome di “Terrible Thomas the Punisher”  (Tomas il terribile, il punitore). Tre anni prima era stato assolto dall’accusa di aver tentato di uccidere a colpi di pistola la sua fidanzata del momento. La motivazione: proscioglimento per insufficienza di prove. Questa volta, però, è stato incriminato per l’uccisione della moglie, anche se sussistevano motivi per far pensare ad un suicidio. Il caso è dunque controverso.

Il 19 luglio muore un altro medico, anche questo in Florida. Si tratta del dottor Ronald Oliver Schwartz, 65 anni, residente nella Jupiter Farms di Palm Beach, sulla costa orientale della Florida. Teri Barbera, portavoce della polizia locale, afferma che Schwartz è morto per un colpo di pistola al petto e non ci sono sospetti per il delitto.

Il 21 luglio è un giorno particolarmente sfortunato per i medici naturopati. La prima morte strana è quella del dottor Nicholas Gonzales, 68 anni, con studio a Flushing, nello stato di New York. Pare che il Il Dr. Nicholas Gonzalesdottor Gonzales fosse considerato il più famoso esperto di cure alternative per il cancro al mondo. Sua opinione era che gli enzimi pancreatici che il corpo genera per difendersi dal cancro, possono essere usati per curare il cancro. Le sue teorie erano rigettate dalla comunità scientifica e il New York State Medical Board lo aveva censurato e posto per due anni in “libertà vigilata”. Anche nel caso del dottor Gonzales, non sono state accertate con precisione le ragioni dell’infarto.

La stessa diagnosi venne fatta per il dottor Hakeem M. Abdul-Karim, 41 anni, colpito da un infarto letale mentre faceva jogging a Winterville, in North Carolina. Lo hanno trovato morto, alle 10 del mattino, riverso lungo la Vernon White Road. Abdul-Karim era un dentista naturopata ed era molto ben voluto in città. Anche in questo caso, vista l’età, nessuno si sarebbe mai aspettato una morte simile. Ma accadde.

Passa un altro giorno e la mattanza fa un’altra vittima. Siamo al 22 luglio e questa volta si tratta del dottor Jeffrey Whiteside, 63 anni, pneumologo e naturopata, Il Dr. Abdul Karimper oltre trent’anni stimato specialista di Sturgeon Bay, nel Wisconsin. Whiteside è stato ucciso con un colpo di pistola calibro 22. L’arma è stata trovata vicino al corpo. Pare che il medico avesse litigato con la moglie Kathi e se ne fosse andato di casa. Il suo corpo è stato trovato circa tre settimane dopo, appunto il 22 luglio, nella proprietà disabitata di Town of Liberty Grove, dallo sceriffo della Door County. Alla fine, la morte di Whiteside venne dichiarata ufficialmente un suicidio.

E arriviamo così ad agosto, quando mercoledì 12 la dottoressa osteopata Mary Rene Bovier, 65 anni, viene trovata uccisa a coltellate nella sua casa di Sharon, in Pennsylvania. Inizialmente, gli inquirenti pensano di avere un sospetto, ma poi si accorgono di essere su un falsa pista. Anche alla polizia non sfugge che la Bovier era nota per aver abbracciato un metodo olistico diverso da quello proposto dalle droghe farmaceutiche e dalla chirurgia. Inoltre, la dottoressa Bovier era coinvolta in ricerche che avrebbero potuto colpire al cuore le grandi industrie farmaceutiche. Comunque sia, anche quello della Bovier resta un omicidio Il Dr. Jeffrey Whitesideirrisolto.

Saltiamo al 16 settembre quando il dottor Mitchell L. Gaynor, 59 anni, oncologo e autore di libri sui trattamenti clinici alternativi, viene trovato morto nei pressi della sua residenza di campagna a Hillsdale, New York. Secondo l’agente Kevin Skype, esperto investigatore dell’ufficio dello sceriffo della Columbia County, è stato un suicidio. E non fornisce altri dettagli. Gaynor diceva di avere scoperto che “noi siamo davvero ciò che mangiamo” e proponeva quindi metodi alternativi per curare in modo più naturale gli esseri umani. Nessuno ha mai scoperto perché avrebbe dovuto togliersi la vita in un periodo in cui era al culmine del suo prestigio professionale.

L’11 di ottobre un altro medico naturopata viene trovato ormai cadavere. Si tratta della dottoressa Marie Paas, 52 anni, di Sylacauga, Alabama, la cui morte, tanto per cambiare, viene sbrigativamente liquidata come suicidio. Di lei si conosce ben poco. Sappiamo che era una specialista in cinesiologia, pediatria e disintossicazione. Anche lei era convinta che La Dr.ssa Mary Rene Boviersiamo ciò che mangiamo, per cui auspicava una dieta diversa da quella classica americana (carne in varie forme, dalla colazione alla cena). Era, insomma, una specialista scomoda per chi voleva (e vuole) lasciare tutto così com’è. Tra l’altro, non si sa neppure come sia morta.

Veniamo così all’ultimo decesso poco chiaro del 2015. Parliamo del dottor Jerome E. Block, 77 anni, il quale avrebbe deciso di farla finita buttandosi nel vuoto dal suo alloggio del Central Park West Apartments a Tulsa, Oklahoma. L’unica cosa certa, però, è che è volato giù da una finestra. Block fondò nel 2007 la clinica Integrations Health Center ed era padre di otto figli. Un post pubblicato dalla clinica dice che il dottor Block “ha lasciato questo mondo troppo presto” e il lunedì successivo gli uffici sono rimasti chiusi in sua memoria.

Come si può notare, ognuno di questi medici ha avuto una storia diversa, per cui riesce difficile sostenere che siano stati tutti uccisi da qualcuno che voleva eliminarli. Tuttavia, alcuni particolari creano davvero grosse perplessità. Per esempio, è certo che molti fra questi medici si stavano occupando di un nuovo trattamento contro il cancro e l’autismo. Stiamo parlando del GcMAF, un acronimo Il Dr. Mitchell L. Gaynorche sta per Globulin component Macrophage Activating Factor (Fattore di attivazione dei macrofagi derivato dalla proteina Gc - Gc è una nomenclatura obsoleta per la DBP, ovvero la “vitamin D binding protein”). Secondo Foster Gamble, erede del fondatore della nota multinazionale Procter & Gamble ma anche fondatore egli stesso del Thrive Movement, un’organizzazione popolare internazionale che si occupa prevalentemente di teorie del complotto ed argomenti scientifici, il GcMAF è una proteina umana che il corpo produce naturalmente, ma molte persone ne hanno poca o nulla.

Premesso che l’efficacia del GcMAF è ancora controversa e non viene accettata dalla comunità scientifica internazionale, c’è da dire che alcune ricerche eseguite nel 1990 a Philadelphia dal professor Yamamoto sembrerebbero dimostrare la sua capacità di eliminare il cancro e altre malattie. In pratica, in tutto il mondo si stanno studiando gli effetti del GcMAF in diverse malattie e quei medici americani morti nel 2015 erano in prima linea per accertarne le possibilità. Facciamo un esempio pratico, descrivendo aLa Dr.ssa Marie Paas grandi linee il principio guida di questa sostanza. Prima di tutto, bisogna tenere presente che le cellule maligne e i virus secernono un enzima che viene chiamato Nagalase. Quest’ultimo attacca la proteina Gc rimuovendo lo zucchero necessario per produrre appunto i GcMAF. Leggete adesso che cosa scrisse nell’ottobre del 2011 il dottor Jeff Bradstreet, il primo dei medici naturopati uccisi nella mattanza del 2015: “Fino ad ora abbiamo visitato circa 400 bambini con autismo in termini di marcatore virus Nagalase. Dal mio punto di vista, questo è nel mio settore uno degli sviluppi più importanti nel trattamento clinico dei bambini, che ho vissuto negli ultimi quindici anni. In breve, in circa l’80% dei bambini con autismo che sono stati studiati, si è riscontrato un rilevante aumento del livello di Nagalase”.

Non c’è dunque dubbio che Bradstreet e i suoi colleghi stessero studiando l’effetto GcMAF e qualcuno potrebbe essere stato molto preoccupato dei loro eventuali progressi. Anche perché se il metodo GcMAF risultasse vincente, malattie come AIDS, Alzheimer, autismo, cancro, colite, morbo di Crohn, fibromialgia, Il Dr. Jerome E. BlockHIV, reni CKD, cirrosi epatica, Parkinson, psoriasi, infiammazioni e infezioni virali e batteriche potrebbero sparire dal nostro mondo.

Secondo Foster Gamble, se la maggior parte della popolazione non conosce i benefici del GcMAF è solo perché i media, controllati dai poteri forti che ne censurano la divulgazione, ignorano completamente l’argomento. Un chiaro esempio di questo modo di fare è il caso di Erin Elizabeth, una delle più note blogger che si occupa da sempre di problemi della salute. Ebbene la Elizabeth si è più volte messa in contatto con TIME magazine affinché si occupasse della morte dei medici naturopati, ma non ha neanche ricevuto risposta.
 

 FONTE: RINODISTEFANO.COM    
 

IL SOLITO COMPLOTTISMO?


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
24 FEBBRAIO 2018 - ROMA -MANIFESTAZIONE PER LA LIBERTA' DI SCELTA SUI VACCINI
15 - 16 MAGGIO 2018 - ROMA AUDITORIUM - ASCANIO CELESTINI - PUEBLO
08 APRILE 2018 - ROMA AUDITORIUM - FRANCO CARDINI: ISLAM - SUNNITI CONTRO SCITI
20 NOVEMBRE 2017 ARDEA (ROMA) - CONVEGNO - RICONOSCIMENTO E VALORIZZAZIONE DELLA FIGURA DEL CAREGIVER
17 - 24 NOVEMBRE 2017 MANZIANA (VT) - LABORATORIO DI TEATRO DELL'OPPRESSO SUL TEMA DELL'OBBLIGO VACCINALE
16 DICEMBRE 2017 ROMA - WORKSHOP DAI LUCE AI TUOI DESIDERI
18 NOVEMBRE 2017 FIRENZE - CITY BOUND. EDUCAZIONE ESPERIENZIALE ALL'ARIA APERTA IN CITTA'
24 SETTEMBRE DECIMA EDIZIONE FIDUCIA DAY - ROMA
21 SETTEMBRE ROMA EVENTO FIORIGIALLI - INCONTRO CON DAYA BAI
23 SETTEMBRE 2017 ROMA - INCONTRO CON DAYA BAY
27-29 OTTOBRE - INTRODUZIONE ALLA COMUNICAZIONE NONVIOLENTA
30 SETTEMBRE - 10 OTTOBRE - CAMBIARE VITA E LAVORO, ISTRUZIONI PER L'USO - (TR)
16-17 SETTEMBRE 2017 STRESA - CONVEGNO INTERNAZIONALE MEDICINA HILDEGARDIANA
20 - 21 MAGGIO 2017 - TERRA NUOVA FESTIVAL
19 maggio 2017 - Il bambino nel secondo settennio
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it