IDEE  E  PRODOTTI  PER  UNA  VITA  CONSAPEVOLE
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

ELEZIONI 2018: COME USCIRE DALLE SECONDA REPUBBLICA?



di Massimo Marino

Si dice che con il voto del 4 marzo siamo entrati nella Terza Repubblica. Quella dei Cittadini, aggiungono alcuni di area grillina, quella dei Populismi, sibilano preoccupati i sostenitori dei perdenti, quella degli Italiani sostiene la destra postfascista.

Per adesso non siamo entrati da nessuna parte, sostengo io, perchè l’unica cosa chiara è che è saltata non solo la possibilità di avere una coalizione vincente (in realtà mai esistita) ma anche il piano B, l’accordo Renzi-Berlusconi, tenuto di riserva in nome della governabilità e dei barbari alle porte.  PD e Forza Italia, per giunta senza gregari disponibili, non sono in grado di inventare un governo. Con un sistema in buona parte proporzionale semplicemente gli elettori gli hanno tolto i voti necessari. 

Non è solo il fatto, di per sé di scarso rilievo, che si è conclusa l’epoca di Berlusconi e di Renzi. Si trovano sempre nuovi attori per la prima fila. È l’alleanza sociale che occupava il centro della scena, che ho chiamato
la palude di centro, che di fatto li esprimeva, che sta dando segni di disgregazione. In quale direzione però è tutto da vedere. Per capire meglio è necessario conoscere esattamente come, con il preavviso del referendum costituzionale del dicembre 2016, il voto del 4 marzo 2018 ha chiuso un’epoca.  E capire quali scenari, belli o brutti, si possono aprire.

I risultati del 4 marzo
Per cominciare: nessuno ha sedotto il partito più forte, quello dell’astensione, che al contrario di quanto si crede è ancora aumentato rispetto al 2013. Nel 2018 gli aventi diritto al voto sono lievemente aumentati a 50,8 milioni totali di cui circa 4,2 all’estero. Con riferimento alla Camera hanno espresso una scelta per una delle liste presenti 33,9 milioni di elettori pari al 66,7% contro il 72% circa del 2013 (i dati ufficiali sono più alti perché conteggiano sempre  bianche e nulle e saltano il voto estero).  Partendo dal 2001 si tratta della quinta scadenza nazionale consecutiva dove il numero di votanti scende di almeno 3-4 punti ad ogni elezione. Siamo a quasi 17 milioni di astenuti. Che fino ad oggi sono stati la vera quinta colonna del sistema.

La coalizione di CDX (4 liste) è passata da 10 a 12,1 milioni di voti (circa il 37%). La coalizione di CSX ( 4 liste) è passata da 10 a 7,5 milioni di voti (circa il 22,8%). Il M5Stelle è passato da quasi 8,7 a 10,7 milioni di voti (quasi il 32,7%). E’ bene ricordare che era assente una coalizione formalmente “di centro” che nel 2013, molto sostenuta dai media , in nome dell’austerità aveva ottenuto 3,6 milioni di voti ( i montiani di Scelta civica) e poi era rapidamente scomparsa. Un megafono del momento utile alla burocrazia europea, con la faccia di Monti e della Fornero,  che in qualche modo è stato 5 anni dopo riproposto frettolosamente  con la lista +Europa della Bonino che, pur senza quorum,  si è guadagnata per la dodicesima volta un seggio in un Parlamento in cambio del regalo di  830mila voti al PD alla Camera e 700mila al Senato. Resta il mistero di chi ne abbia finanziato la costosa campagna elettorale.

Nessuno dei tre poli ha raggiunto il 51% degli eletti per il quale, come avevo già indicato nell’articolo citato servivano almeno 13-14 milioni di voti. Fuori dai 3 poli solo LeU ha superato, seppure di poco, il quorum del 3% (ma  l’obiettivo dichiarato da alcuni era il 10%) con 1,1 milioni di voti.  Potere al Popolo, come previsto, ha buttato al vento circa 700 mila voti totali nelle due Camere. Pochi di più di Casapaund rimasta al di sotto dell’ 1 %. 

Il Rosatellum, congeniato per permettere qualunque risultato  tranne che il successo del M5S,  in particolare utile per un nuovo patto di centro fra PD e Forza Italia, non è riuscito a sconfiggere le leggi della matematica. Nel 2013 la somma di PD e Forza Italia alla Camera era di 16 milioni di voti  (8,6 + 7,4) , ai quali secondo logica andrebbero sommati gran parte di quelli del centro montiano (3,6 mil) . Nel 2018 i due partiti, pur in assenza di una coalizione di centro,  sono crollati a 10,7 mil (6,1 + 4,6) cancellando qualunque ipotesi di rilancio del patto, ma soprattutto indicando  che il cuore  della vecchia alleanza sociale, con il conflitto simulato del bipolarismo CDX contro CSX, sembra essere stato rottamato dagli elettori attivi.

Le cose andranno per le lunghe. La scemenza che il giorno dopo il voto bisogna sapere chi governa, non per nulla fra le battute preferite di Renzi, può andare nel paese dell’islamofascismo di Erdogan o in un sistema peronista, non in una società complessa dell’occidente europeo. In Germania ci hanno messo sei mesi e non hanno discusso solo di poltrone. Il programma del nuovo governo è di 180 pagine e punto per punto tocca tutti gli aspetti della società tedesca.
I tre poli in cui i media ci presentano i risultati sono il risultato di  leggi elettorali del passato, non una  proiezione della società italiana dove non esistono affatto. Infatti il vero governo era da tempo “ la palude di centro”.

Il CDX si compone di tre pezzi tenuti insieme da un calcolo di matematica elettorale, siglato da qualche frettolosa paginetta, dove i diversi contraenti rappresentano strati sociali e culture anche divergenti. Il cosiddetto CSX è una cooperativa di interessi, non di idee, accomunati ormai solo dalla necessità di continuare a occupare lo stato per spartirsi i benefits possibili. Dopo il voto questi due poli non si sono formalmente disfatti solo perché fra tre mesi potrebbe esserci il bis. I 5stelle rappresentano segmenti i più diversi della società, si portano dietro un sacco di limiti, errori, ingenuità, ma in questo momento politico sono uniti e sostenuti in quanto aprono il varco per passare dalla seconda alla terza repubblica. Non è indispensabile amarli alla follia per sostenerli.

Il risultato del 4 marzo potrebbe chiudere davvero la seconda Repubblica, iniziata con Mani Pulite nel 1992, con l’imposizione del sistema maggioritario nel ‘94, con le leggi che hanno smantellato i diritti del lavoro (Treu ’97, Biagi ‘02, Fornero ’11, Renzi ’15) e con le leggi più recenti che hanno impedito l’avvio di una possibile conversione ecologica: potenziamento degli inceneritori, sviluppo delle trivellazioni petrolifere, ridimensionamento del settore delle rinnovabili a favore dei fossili, tutela del vettore auto nella mobilità e abbandono delle reti pubbliche, avvio della TAV e rilancio dell’ipotesi del Ponte dello Stretto.

Vizi privati e pubbliche virtù del Rosatellum
Che nessuno, lista o coalizione, abbia vinto le elezioni, nel senso di avere la maggioranza per governare, era abbastanza ovvio. E’ chiaro però chi ha clamorosamente perso (PD e Forza Italia), chi ha avuto un successo maggiore del previsto ( M5S e Lega), chi ha avuto un risultato deludente (LeU e lista della Bonino). Gli altri, da Potere al Popolo alla Lorenzin, dai socialisti-verdi-postdipietristi di Insieme fino alla quarta gamba del centrodestra di Italia-UDC erano fuori gioco dall’inizio. Perfino la Meloni, per quanto sovraesposta sui media in funzione anti5stelle, è stata ridimensionata.

Per quanto proporzionale solo per due terzi il Rosatellum ha funzionato bene, mostrando con chiarezza cosa hanno scelto gli elettori. Anche l’assenza delle preferenze, che continuo a pensare sia il male minore da scegliere, ha colto di sorpresa le cosche mafiose e ndranghetiste e in genere i venditori di clientele che non hanno potuto più di tanto organizzare pacchetti di voti e di preferenze. L’assenza delle preferenze al Sud è stata fondamentale nel depotenziare il voto di clientela. Ne è uscito un Parlamento un po’ più pulito. Con le preferenze sarebbe stato molto ma molto peggio. Non comprendo quei bontemponi presenti nella sinistra, compresi alcuni del fatto quotidiano e dei comitati referendari che continuano a dire che se si potesse scegliere con le preferenze fra 4 cloni scelti da Renzi, Berlusconi o Salvini invece delle liste bloccate, gli elettori “potrebbero scegliere.. “. Scegliere cosa ?  Mi sembra positiva anche la impossibilità di esercitare il voto disgiunto, altro meccanismo strampalato inventato qualche anno fa per poter scegliere di qua e di là liste e candidati divergenti fra loro. 

Confermo più che mai la mia opinione che il limite del 3% è troppo basso e sono convinto che con il 5% ci sarebbe stato un ben più serio percorso a sinistra e alla fine maggiori possibilità di successo con un'unica lista, sempre che non sia il solito cartello elettorale degli ultimi tre mesi.... Adesso invece ci trascineremo LeU e PaP per un bel po’ di mesi o magari 1-2 anni (si vota ancora  in 5 regioni nel 2018 e alle europee nel 2019) fino alla prossima invenzione pre-elettorale (arriva De Magistris, poi Pizzarotti e chissà chi altri..) .

Per intanto il Rosatellum ha dato il più giovane Parlamento mai avuto (media 44 anni alla Camera) e con il più alto numero di donne elette (35%). Da alcuni punti di vista il Rosatellum ha mostrato le sue pubbliche virtù e necessiterebbe quindi di poche correzioni: ridurre al 25% o eliminare la parte uninominale, alzare al 5% il quorum, eliminare le pluricandidature, allungare un po’ le liste delle  singole circoscrizioni  proporzionali, limare  le regole speciali per le province autonome e quelle del voto all’estero.

L’imbroglio del Rosatellum invece sta nel meccanismo delle coalizioni prevoto, che andrebbero semplicemente abolite perché sono una truffa verso gli elettori che pensano di scegliere all’interno di una coalizione che invece dalla sera del voto di fatto  non esiste più o comunque i coalizzati non hanno alcunché che li costringa a restare insieme. La logica delle coalizioni prevoto è simile a quella di una cosca malavitosa: tu vieni con me che sono il più forte e in cambio ti do o ti prometto qualcosa. Concluso l’affare e incassato il malloppo, ognuno va per conto suo e fa quello che gli pare.

Dubito che si riconosceranno le virtù e si correggeranno i vizi del Rosatellum. E’ da sperare che il M5Stelle mantenga la sua originaria posizione proporzionalista con gli opportuni correttivi, che è chiarissima, e non si faccia ammaliare dalle affascinanti  sirene del premio maggioritario, tantomeno del doppio turno.
Perché è  possibile che si rilanci il pericoloso ricatto della governabilità ritornando al peggio: premi di maggioranza, doppi turni, voti disgiunti, preferenze.  Tutti i meccanismi della casta saltellante fra destra, centro e sinistra degli ultimi 20 anni. Per altro si tratta proprio di un’illusione, nella più totale incertezza su chi alla fine nello scenario di oggi ci guadagnerebbe davvero. 

Superato il voto per i presidenti delle due Camere inizieranno le trattative per trovare un governo. I partiti sono costretti a fare in fretta, meno lo sono i 5stelle. E’ bene chiarire che il governo Gentiloni resta in piedi. E se qualcuno proponesse di portare al voto delle Camere o degli Uffici di Presidenza  nascenti il dimezzamento dello stipendio dei parlamentari o i vitalizi e magari qualche norma di emergenza anticorruzione? Un simulacro di attività parlamentare sotto gli occhi dei cittadini: reggerebbero i vecchi poli ? 
 
Quando si tornerà al voto, che ritengo probabile a giugno o a ottobre, comunque tutti riconosceranno che rispettando il voto degli elettori è fattibile dopo le elezioni  formare le maggioranze possibili costruendo alleanze serie. Dove ci si confronta e si cerca una convergenza sul programma delle cose da fare, sulle riforme vere che servono al paese. Lo fanno normalmente in altri paesi. Gli elettori saranno liberi di scegliere. Il sistema politico si adeguerà. O verrà definitivamente travolto. 

La terza Repubblica  può essere sorprendente o deprimente
I risultati a sorpresa  del voto sono una conferma della incapacità di tutti noi di comprendere cosa avviene nel profondo della società italiana. Dei sondaggi non dico nulla per pietà.  Nella campagna elettorale i media hanno sottolineato il ritorno trionfale di Berlusconi come leader indiscusso del CDX (invece, superato da Salvini, Forza Italia ha perso altri 2,8 milioni di voti). Si sosteneva la possibile tenuta del PD renziano dato sempre di qualche punto appena sotto i 5stelle (è finita 18 a 32 ).

Hanno massacrato per un mese i grillini per le mancate donazioni di alcuni, per i candidati massoni, per la supposta insostenibilità del reddito di cittadinanza etc... ma parte degli elettori ha letto, per fortuna, il messaggio esattamente al contrario: i grillini fanno subito fuori quelli non in regola mentre gli altri se li tengono stretti, propongono un reddito-salvagente per quei 5-10 milioni di persone che, specie al sud, non sono in grado di galleggiare invece dei bonus preelettorali, non rubano e comunque fanno rispettare le norme etiche che si sono dati, etc. ...

E così hanno votato di conseguenza. In 8 regioni del Sud il M5S ha superato il 40% (Sicilia, Sardegna, Calabria, Puglia, Campania, Basilicata, Molise, Abruzzo) e stravinto nella gran parte dei corrispondenti collegi uninominali. In 5 regioni ha superato comunque il 25% (Lazio, Marche, Emilia R., Liguria, Piemonte). E’ stato appena al di sotto del 25% in 4 (Toscana, Veneto, Friuli, Val d’Aosta).  Soltanto in Lombardia e Trentino AAST si è fermato intorno al 20%. Al contrario del 2013 si tratta di un voto molto differenziato fra sud e nord del paese, sovrapponibile in pieno ai diversi livelli di reddito da sempre noti.

Il successo del CDX, sopra il 40%, si è confermato nelle tre regioni del nordest (Lombardia, Veneto, Friuli) ma l’espansione della Lega è arrivata inaspettata anche in Piemonte. La proposta della flat tax, nella versione della tassa unica al 23% (Forza Italia) o al 15% (Lega) al posto dell’IRPEF, per quanto confusa è di fatto l’esatto contrario del reddito di cittadinanza: tutela ricchi e  ceti medio alti, ma insieme al leghismo intollerante contro l’immigrazione, ha trovato nuovi, provvisori, sostenitori.

Il PD ha superato il 30% soltanto in Toscana ed Emila R. Al governo ha prodotto numeri incerti sull’occupazione e una manciata di bonus preelettorali (dal bebè all’anziano d’annata). Uno studio della UIL ne ha identificati 19 per un totale di 12,2 mld cioè circa i due terzi del costo della proposta dei 5stelle ma tutti provvisori in funzione platealmente preelettorale.
Alla Camera il M5S ha ottenuto il 36% dei seggi, poco meno al Senato. E’ un fatto che, al di là del risultato, i grillini hanno imposto di gran lunga tutti i propri temi all’attenzione sia durante la campagna elettorale sia dopo il voto.

Il reddito di cittadinanza visto come  soglia minima  di sopravvivenza dignitosa, a cui si affiancano inevitabilmente e non si contrappongono le problematiche del lavoro (precarietà dei contratti, salario minimo orario, automazione e orario di lavoro) può riaprire dopo 25 anni una stagione di dibattito sulle riforme (quelle vere, non le controriforme delle ultime 6 -7 legislature).  E’ evidente che la riforma per un reddito minimo (20 mld almeno all’anno) presuppone una diversa ridistribuzione della ricchezza prodotta nel paese, una nuova concezione dei centri per l’impiego, la cancellazione del clientelismo, del lavoro nero, di quello schiavizzato e sottopagato. Per le risorse necessarie, circa l’1% di quelle totali,  non si tratta di appellarsi al taglio degli sprechi, che non esistono nel bilancio dello Stato.  Gli sprechi sono in realtà risorse distribuite malamente per tenere insieme un sistema di alleanze sociali attraverso una ingiustificata distribuzione di reddito o di progetti e investimenti per regalarlo.

Nella scia degli altri partiti purtroppo minore è stata l’attenzione dei 5stelle ai temi ambientali, in particolare alla crisi del traffico e dell’inquinamento nelle aree del Nord. Che presuppone una elaborazione chiara di proposte di lungo periodo su mobilità e fonti energetiche che metterebbe inevitabilmente in discussione tutto il ciclo dell’auto, la qualità dell’urbanistica e degli stili di vita. Questioni su cui il Movimento 5Stelle è incerto e decisamente indietro pur avendole nei titoli principali del proprio programma. A me sembra una delle cause della “assenza” nella campagna elettorale in vaste aree del Nord e del conseguente risultato.  

Sempre più si chiarisce che il M5Stelle nella nuova versione Di Maio si colloca al centro dello schieramento politico, esprime un riformismo radicale incerto ma sincero ed al momento resiste alle aggressioni ed ai tentativi di normalizzarlo per renderlo “uguale agli altri”. E’ quello di cui abbiamo bisogno ma non è affatto detto che riesca. Se dalle trattative dei prossimi mesi ne uscisse malamente, con l’idea di un governo con chiunque ed a tutti i costi dove contenuti e spirito riformatore vengono un po’ alla volta messi da parte, si tornerebbe al voto in autunno lasciando il varco al radicalismo sovranista nella versione Lega. La terza Repubblica invece che sorprendente potrebbe diventare deprimente.

La questione è stata perfettamente sintetizzata da Grillo: “Adesso la responsabilità di tutti è dare all’Italia una visione per i prossimi vent’anni. Governare è affrontare il futuro con chi condivide una visione, non dividere le poltrone e poi scoprire di non avere una visione, tantomeno comune... l’Europa deve rimettersi insieme, ma in modo nuovo. Il problema non è lo spazio comune, ma il modo in cui viene interpretato. Noi siamo un po' democristiani, un po' di destra, un po' di sinistra, un po' di centro. Possiamo adattarci a qualsiasi cosa. A patto che si affermino le nostre idee... “
  
Massimo Marino
Torino,18 marzo 2018
 
  © FioriGialli.Tutti i diritti riservati.
E' fatto divieto di pubblicazione sia totale che parziale in altra sede senza una ns. specifica autorizzazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge.


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
24 FEBBRAIO 2018 - ROMA -MANIFESTAZIONE PER LA LIBERTA' DI SCELTA SUI VACCINI
15 - 16 MAGGIO 2018 - ROMA AUDITORIUM - ASCANIO CELESTINI - PUEBLO
08 APRILE 2018 - ROMA AUDITORIUM - FRANCO CARDINI: ISLAM - SUNNITI CONTRO SCITI
20 NOVEMBRE 2017 ARDEA (ROMA) - CONVEGNO - RICONOSCIMENTO E VALORIZZAZIONE DELLA FIGURA DEL CAREGIVER
17 - 24 NOVEMBRE 2017 MANZIANA (VT) - LABORATORIO DI TEATRO DELL'OPPRESSO SUL TEMA DELL'OBBLIGO VACCINALE
16 DICEMBRE 2017 ROMA - WORKSHOP DAI LUCE AI TUOI DESIDERI
18 NOVEMBRE 2017 FIRENZE - CITY BOUND. EDUCAZIONE ESPERIENZIALE ALL'ARIA APERTA IN CITTA'
24 SETTEMBRE DECIMA EDIZIONE FIDUCIA DAY - ROMA
21 SETTEMBRE ROMA EVENTO FIORIGIALLI - INCONTRO CON DAYA BAI
23 SETTEMBRE 2017 ROMA - INCONTRO CON DAYA BAY
27-29 OTTOBRE - INTRODUZIONE ALLA COMUNICAZIONE NONVIOLENTA
30 SETTEMBRE - 10 OTTOBRE - CAMBIARE VITA E LAVORO, ISTRUZIONI PER L'USO - (TR)
16-17 SETTEMBRE 2017 STRESA - CONVEGNO INTERNAZIONALE MEDICINA HILDEGARDIANA
20 - 21 MAGGIO 2017 - TERRA NUOVA FESTIVAL
19 maggio 2017 - Il bambino nel secondo settennio
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it