forestiero che vai cercando la pace al crepuscolo, 
la troverai alla fine della strada. (F. Battiato)

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
L'ECOLOGIA IN PRATICA
UNO STILE DI VITA NATURALE
PER SE' E PER IL PIANETA
L'ECOLOGIA IN PRATICA
Sono la natura
sono la terra.
i miei occhi sono il cielo,
le mie membra gli alberi.
Sono la roccia,
la profondità dell'acqua,
non sono qui per dominare
la Natura.
Io stesso sono la Natura.

Indiani Hopi

Questa terra é sacra
<b>Questa terra é sacra</b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
ONDE DI CRESCITA INTERIORE
ONDE DI CRESCITA INTERIORE La crisi ecologica - ovvero il principale problema di Gaia - non è l’inquinamento, i rifiuti tossici, il buco nell’ozono o qualcosa del genere. Il principale problema di Gaia è che un numero non sufficiente di esseri umani si è sviluppato ai livelli di coscienza postconvenzionali, planetari e globali in cui sarebbero spinti automaticamente alla cura per il globale comune. E gli esseri umani sviluppano questi livelli postconvenzionali, non imparando la teoria dei sistemi, ma passando attraverso almeno una mezza dozzina delle principali trasformazioni interiori, che vanno dall’egocentrico all’etnocentrico al mondocentrico, punto in cui e non prima, possono risvegliarsi a una profonda e autentica cura per Gaia. La prima cura per la crisi ecologica non consiste nell’imparare che Gaia è la Rete della Vita, per quanto vero ciò sia, ma nel promuovere queste numerose e ardue onde di crescita interiore, nessuna delle quali viene indicata dalla maggior parte di questi approcci del nuovo paradigma.
Continua... 
UN'ALTRA ITALIA E' POSSIBILE
UN'ALTRA ITALIA E' POSSIBILE 1 L’Italia vive l’anomalia di un nuovo Medioevo. Più che in altri paesi, è visibile in Italia l’emergenza ecologica, il degrado sociale e la crisi di fondamentali valori etici; permangono aree vaste di ignoranza, incapacità, ingiustizia. Meno facilmente che altri paesi, l’Italia quindi può affrontare la conversione ecologica delle attività economiche, il risanamento ambientale e morale del paese, la partecipazione diretta delle persone alla attività sociale ed una effettiva realizzazione di una sana cultura dei diritti e dei doveri che dovrebbero regolare ed ispirare la vita sociale collettiva. 2 Sia in Europa che nel resto del pianeta, vi è una tripla crisi :a) economica e finanziaria (causata da un modello di crescita superato) b) ambientale conseguente, c) socio-culturale. Tre grandi crisi che non trovano più risposte adeguate dal sistema della politica: non dai partiti socialdemocratici in crisi dappertutto e neppure dall’egoismo sociale e dall’indifferenza ambientale dei vari partiti conservatori. Solo un modello sociale e produttivo eco-orientato ed eco-sostenibile, che all’idea di una crescita senza limiti sostituisca un idea di sobrietà, che non escluda anche l’utilità di avere aree di decrescita virtuosa e felice, può essere in grado di affrontare le difficoltà del presente. ...Continua...
IL BENESSERE ANIMALE E' BENESSERE UMANO
IL BENESSERE ANIMALE E' BENESSERE UMANO di Maneka Gandhi

Mangiare carne è una delle maggiori cause della distruzione ambientale. Ogni specie non solo ha il diritto di vivere, ma la sua vita è essenziale per il benessere dell’umanità. Ciò che chiamiamo sviluppo, cioè la sterile città nella quale portiamo i nostri cani al guinzaglio, non è vita. Ci abituiamo così velocemente al malessere, alla tensione, alle carestie e alle alluvioni che pensiamo che i pezzi di carta che teniamo in tasca possano sostituire un corpo sano e una mente gioiosa. Scegliamo di non sapere che, praticamente tutte le nostre malattie sono causate dalla mutilazione e dall’uccisione di animali: dai 70.000 acri di foresta pluviale del Sudamerica abbattuti ogni giorno – che in gran parte servono per far pascolare il bestiame – fino al virus Ebola, proveniente dalle scimmie strappate dal loro habitat naturale in Africa allo scopo di fare esperimenti. Abbiamo ottenuto più cibo uccidendo i lombrichi con le nostre sostanze chimiche o abbiamo ottenuto più malattie? Abbiamo ottenuto una salute vigorosa allevando forzatamente bestiame per il latte e la carne, o abbiamo piuttosto ottenuto emissioni di gas metano che hanno contribuito enormemente all’effetto serra, mettendo in pericolo la vita del pianeta? Continua...

LA RIVOLUZIONE AMBIENTALE
LA RIVOLUZIONE AMBIENTALE

di Lester Brown

Per creare una economia sostenibile bisognerà sostenere una rivoluzione ambientale, come è avvenuto per quella agricola e industriale. Alla fine del libro Piccolo è bello, Schumacher parla di una società che violenta la natura e danneggia gli esseri umani e, da quando queste parole sono state scritte, diciotto anni fa, abbiamo potuto vedere con maggiore evidenza i modi con i quali la nostra società agisce proprio in quella direzione.Mi trovavo all’aeroporto di Dulles e presi una copia del US News and World Report, che conteneva un editoriale di David Gergen, un alto funzionario dell’Ufficio Stampa di Reagan alla Casa Bianca. L’articolo descriveva quello che stava accadendo oggi alla società americana e l’autore affermava che, in un certo senso, abbiamo perso la strada. Continua...

RISPETTA LA (TUA) NATURA
<b>RISPETTA LA (TUA) NATURA </b> Michele Vignodelli

Il nostro corpo e la nostra mente sono meraviglie naturali in pericolo, da difendere come le foreste, i fiumi, il mare e le montagne. Sono continuamente aggrediti dal sistema tecnologico ed economico che ci governa, proprio come il resto del mondo naturale.
Non potremo mai rispettare e vivere veramente la suprema bellezza e armonia della natura esterna se non cominciamo da noi stessi. Eppure esiste una spaventosa ignoranza sulla nostra natura interna, che fa pensare a una congiura del silenzio.
Negli ultimi anni sono emerse abbondanti prove dell’esistenza di
Continua...
RICORDO DI IVAN ILLICH
RICORDO DI IVAN ILLICH


di Giannozzo Pucci *

Il primo libro di Illich, pubblicato alla fine degli anni '60, riguarda appunto la Chiesa nel processo di trasformazione della società moderna (The Church, change and development).
Il secondo, del 1970, intitolato "Celebration of Awareness (Celebrazione della consapevolezza": un appello alla rivoluzione istituzionale), è contro le certezze delle istituzioni che imprigionano l'immaginazione e rendono insensibile il cuore.
Poi, nel 1971, esce "Descolarizzare la società", che è stato al centro del dibattito pedagogico internazionale con la tesi che la scuola produce la paralisi dell'apprendimento e danneggia i ragazzi, educandoli a diventare meri funzionari della macchina sociale moderna. Convinto che il sistema educativo occidentale fosse al collasso sotto il peso della burocrazia, dei dati e del culto del professionalismo, combatteva i diplomi, i certificati, le lauree,
Continua...

LA VENDETTA DI GAIA
LA VENDETTA DI GAIA

di James Lovelock

La vendetta di Gaia : assediati dall'inquinamento e dalle crescenti anomalie del clima, siamo al punto di non ritorno. Lo sostiene uno scienziato di fama mondiale.
Per millenni abbiamo vissuto con la strategia del parassita, ai danni dell'organismo vivente che ci ospita. Ora, assediati dall'inquinamento e dalle crescenti anomalie del clima, siamo al punto di non ritorno. Lo sostiene uno scienziato di fama mondiale.
Il parassita e' un essere che vive a spese di un altro organismo. Se ne nutre, cresce, si riproduce e prospera. Eppure, la sua non e' una strategia lungimirante. Le energie dell'organismo ospite diminuiscono giorno per giorno, ora per ora, minuto per minuto. Finche' un giorno accade l'inevitabile: l'organismo ospite si avvia a una fine certa. E il parassita, senza risorse, e' destinato a scomparire. Questa immagine e' la perfetta metafora della storia della specie umana. A dimostrarlo sono i fatti. Migliaia di anni di occupazione del pianeta hanno provocato distruzione degli habitat, estinzione di molte specie, emissioni record di gas serra in atmosfera e nubi di polveri sottili nell'emisfero nord e sulle metropoli. Un'aggressione prolungata alla quale la Terra ora reagisce innescando una lunga serie di disastri naturali, quali inondazioni e uragani, sempre piu' numerosi e violenti, ed eventi climatici estremi, come estati torride e punte di freddo anomalo. Il pianeta che abitiamo non ha piu' anticorpi per difendersi. E allora attacca.
Lo sostiene a gran voce uno scienziato autorevole e indipendente, James Lovelock, nel suo nuovo libro, The revenge of Gaia (La vendetta di Gaia) in uscita il 2 febbraio in Gran Bretagna! . Il nostro mondo, afferma, potrebbe avere superato il punto d! i non ritorno: la soglia oltre la quale non possiamo fare piu' nulla per evitare che, entro la fine del secolo, i cambiamenti causati dall'attivita' umana distruggano la nostra civilta' Continua....
Versione Stampabile << torna indietro

DATI 2017: 197 AMBIENTALISTI ASSASSINATI



di GreenReport

Nel 2017 un massacro senza sosta di ambientalisti: 197 assassinati nel mondo. Il Paese più pericoloso per i difensori della terra sono la Filippine, il continente l’America Latina,
Global Witness e The Guardian hanno pubblicato il nuovo rapporto “The defenders –  197 environmental defenders have been killed in 2017 while protecting their community’s land or natural resources” che rivela  che nel 2017 nel mondo sono stati assassinati 197 ambientalisti che stavano lottando contro governi e imprese che rubano le terre e danneggiano l’ambiente dove vivono comunità indigene e locali e che hanno denunciato le pratiche corruttive e illegali che lo permettono. Nel 2002 gli omicidi di ambientalisti erano 4 volte di meno.

Global Witness sottolinea che «Questi attivisti sono sulla linea del fronte di un campo di battaglia globale. Dalla lotta spietata per la ricchezza naturale in Amazzonia, fino ai guardiaparco che proteggono le riserve naturali della Repubblica democratica del Congo, i volti dei/delle difensori dell’ambiente attraversano continenti, Paesi e regioni. Eppure, le minacce che affrontano sono le stesse». Ben Leather, senior campaigner per Global Witness. ha detto a The Guardian: «La situazione rimane critica. Fino a quando e comunità non saranno davvero coinvolte nelle decisioni sull’uso della loro terra e delle risorse naturali, coloro che parleranno continueranno a subire vessazioni, incarcerazioni e minacce di omicidio».

Il nuovo rapporto presenta tendenze ormai tristemente familiari: nel 2017 il continente più pericoloso per gli ambientalisti e i difensori della terra è stato ancora una volta l’America Latina, il Paese più pericoloso per il Defenders si sono confermate le Filippine  con 41 morti.

Nelle Filippine la causa dell’aumento degli assassinii degli ambientalisti ha un nome e cognome: quello del presidente della Repubblica, il fascista Rodrigo Duterte, Il rapporto racconta la storia degli 8 difensori della terra e dei diritti umani massacrati dai soldati di Duterte il 3 dicembre a Limad, sulle sponde del lago Sebu, strage che il governo attribuì subito a uno scontro a fuoco con i ribelli, ma i compagni degli attivisti dicono chde in realtà sono stati uccisi per essersi opposti a una miniera di carbone e una piantagione di caffè che si vorrebbero realizzare sulla loro terra ancestrale.

I conflitti minerari hanno causato 36 omicidi, molti dei quali legati alla crescente domanda globale di materiali da costruzione. In India nel maggio 2017 sono stati assassinati tre membri della famiglia Yadav: Niranjan, Uday e Vimlesh,  che stavano cercando di impedire l’estrazione di sabbia dal fiume che attraversa il loro villaggio di Jatpura. In Turchia sono stati abbattuti a colpi di arma da fuoco nella loro casa due pensionati, Ali e Aysin Büyüknohutçu, che avevano vinto una battaglia legale per far chiudere una cava di marmo che forniva blocchi per hotel di lusso e monumenti.

Le miniere hanno trasformato le Ande in una “zona di guerra” con conflitti violenti come quelli tra gruppi indigeni e i proprietari della miniera di rame di Las Bambas in Perù e della miniera di carbone di El Cerrejón in Colombia.

Nel rapporto 2017 c’è una novità: ormai l’agro-industria ha superato l’industria mineraria come  attività più pericolosa per la vita degli ambientalisti e insieme queste due industri rappresentano il 60% degli omicidi conosciuti degli attivisti. L’agro-business è diventato il principale fattore di violenza a causa dell’aumento della domanda di soia, olio di palma, canna da zucchero e carne proveniente da supermercati occidentali e cinesi che ha fornito un incentivo finanziario per installare piantagioni e allevamenti e scacciare dalle loro terre ancestrali i popoli autoctoni e ad appropriarsi di altre terre comunali.

In Brasile, dopo il golpe istituzionale che ha deposto la presidente Dilma Rousseff, con il nuovo governo di destra è ripartito l’assalto all’amazzonia e alle terre indigene – con 46 uccisioni – confermando il Brasile come il Paese più letale per i difensori della terra. Ma nei più piccoli Paesi amazzonici confinanti e nel resto dell’America Latina, fatte le proporzioni di territorio e popolazione, le cose vanno ancora peggio.

In Colombia nel 2017 ci sono stati 32 morti, in gran parte a causa di un aumento dei conflitti territoriali e degli assassini dopo l’accordo di pace del 2015, che ha lasciato un vuoto di potere nelle regioni precedentemente controllate dai guerriglieri delle Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia – Ejército del Pueblo (Farc-Ep). Una delle vittime più note è stata Efigenia Vásquez, una giornalista della comunità di Kokonuko, uccisa durante una protesta “per liberare la Madre Terra”. Global Witness fa l’esempio dell’organizzazione colombiana Comunidades Construyendo Paz en los Territorios (Conpaz),che lavora per creare aree libere dai guerriglieri marxisti-leninisti dell’Ejército de Liberación Nacional (Eln)  e che denuncia i soprusi delle milizie neo-paramilitari fasciste. La leader del Conpaz, Emilsen Manyoma, che documentava assassinii e desaparecidos è stata prima duramente attaccata dalle imprese che costringevano la gente ad abbandonare la loro terrra e poi assassinata in un agguato mortale insieme a suo marito, Joe Javier Rodallega.

Il Perù è stato teatro di uno dei peggiori massacri del 2017: a settembre 6 agricoltori sono stati uccisi da una gang che voleva impossessarsi a basso prezzo delle loro terre per rivenderle a caro prezzo alle imprese dell’ olio di palma.

Con 15 vittime, il Messico è diventato uno dei 4 Paesi più pericolosi per i difensori della terra e dell’ambiente (prima era al 14esimo posto). All’inizio del 2017 è stato assassinato Isidro Balenegro López,  un attivista messicano vincitore del Premio Goldman per l’ambiente, colpevole di criticare apertamente il taglio illegale dei boschi della sua regione, già in mano a bande violente e ai cartelli della droga, che in realtà vogliono appropriarsi di territorio e risorse naturali grazie alla corruzione dilagante. López  è stato il secondo vincitore del Premio Goldman  ad essere stato assassinato dopo l’hondureña Berta Cáceres,  uccisa dai killer 12 mesi prima. In questi giorni l’Honduras vive una profonda crisi politica dopo le elezioni vinte con la frode dalla destra nel cui governo siedono probabilmente i mandanti politici dell’omicidio Cáceres.

A sua volta, la difesa dei Parchi Nazionali continua ad essere uno dei lavori più pericolosi del mondo con 21 ranger e defenders uccisi. In Africa, la più grande minaccia  viene proprio dai bracconieri e dal commercio illegale di specie selvatiche, in particolare nella Repubblica democratica del Congo, dove a luglio sono stati uccisi in un imboscata 4 ranger e una guida. Ma la vittima più nota è stato certamente Wayne Lotter, un influente ambientalista che si batteva contro il commercio illegale dell’avorio in Tanzania: era stato minacciato più volte di morte per il suo lavoro per proteggere la fauna selvatica e alla fine è stato assassinato nell’agosto del 2017.

Global Witness ritiene che molti altri omicidi non vengono denunciati e sottolinea che «L’assassinio è solo una delle tattiche utilizzate per ridurre al silenzio gli ambientalisti, che normalmente devono affrontare un arsenale di minacce di morte, violenza sessuale e cause legali aggressive». I defenders vengono anche picchiati, criminalizzati, minacciati o molestati .per esempio, l’attivista forestale ecuadoriana Patricia Gualinga ha  denunciato di essere stata aggredita da persone che hanno tirato pietre contro i vetri della sua casa e urlato minacce di morte contro di lei.

L’Environmental Justice Atlas finanziato dall’Ue segnala oltre 2.335 casi di tensioni per l’acqua, il territorio, l’inquinamento o le industrie estrattive, e i ricercatori dicono che il numero e l’intensità stanno crescendo.

Il problema è che raramente il killer degli ambientalisti finiscono davanti alla giustizia perché spesso sono al soldo di potenti uomini d’affari o politici, mentre i difensori dell’ambiente di solito appartengono a comunità povere o indigene, vengono criminalizzati e presi di mira dalla polizia o dai vigilantes privati delle multinazionali. Quando vengono uccisi, le loro famiglie non riescono ad accedere alla giustizia e i media spesso ignorano questi omicidi.

Ma ci sono anche progressi; in alcuni Paesi  come l’Honduras e il Nicaragua, dopo l’assassinio di ambientalisti molto noti, i governi stanno mostrando una maggiore attenzione, anche se gli attivisti restano  vulnerabili. Anche i gruppi della società civile e le istituzioni internazionali si stanno mobilitando sempre più: a dicembre 116 organizzazioni delle Filippine hanno lanciato una petizione nella quale si dichiara che «Non è un crimine difendere l’ambiente» e le comunità indigene sono riuscite ad avere finalmente un ruolo nei colloqui climatici dell’Unfccc.

Dopo essere stata duramente criticata per aver sostenuto il progetto idroelettrico dell’Honduras legato all’omicidio di Berta Cáceres, la Dutch Development Bank ne è uscita, dichiarando la sicurezza dei difensori dei diritti umani è un fattore essenziale per le sue future decisioni di investimento. Leather commenta: «Per sempre più investitori è giunto il momento di intensificare e adottare misure che garantiscano che il loro denaro non stia alimentando gli attacchi contro gli attivisti».

Il relatore speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani e l’ambiente, John Knox, ha esortato i governi ad affrontare la cultura dell’impunità e ha affermato che i media hanno un ruolo importante nel promuovere la trasparenza: «Gli ambientalisti sono  a rischio da molti anni, ma l’intera portata della crisi globale è diventata evidente solo grazie al lavoro di Global Witness e del Guardian per identificare ogni difensore ambientale ucciso a causa del suo lavoro. Di conseguenza, è possibile vedere più chiaramente le cause e i fattori di rischio sottostanti, compresi i fallimenti dei governi nel proteggere questi difensori dalle minacce e dalla violenza. Penso che ci siano alcuni segnali che i governi stiano iniziando a rispondere alla crescente attenzione internazionale per questi casi, ma c’è ancora molto da fare».

Global Witness  conclude: «Il monitoraggio in tempo reale degli assassinii delle persone che difendono l’ambiente ci ha permesso di dimostrare che il numero delle morti si è stabilizzato per la prima volta in 4 anni consecutivi. Mentre la comunità internazionale sta ferma e ascolta queste storie nascoste, bisogna fare maggiore pressione sulle imprese e sugli investitori perché si assumano più responsabilità e perché ci siano indagini più approfondite da parte dei governi che hanno permesso che coloro che uccidono la facciano franca. Collocando queste uccisioni su una mappa e facendo campagne perché i governi, le imprese e gli investitori salvaguardino e consultino le comunità colpite, speriamo che il nostro lavoro  aiuti a porre fine all’impunità che ha incentivato gli autori della violenza ai quali, nella maggioranza dei casi, è stato permesso, letteralmente, di cavarsela per i loro crimini».

GreenReport,
7/02/2018



Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Casa ecologica
Ecologia domestica
Consumi consapevoli
SPECIALE TRASPORTI
Ambiente e Territorio
Natura e Wilderness
Iniziative e incontri
Tecnologie Dolci
Libri Consigliati
Chi é Chi
SPECIALE RIFIUTI
SPECIALE NUCLEARE
ECOLOGIA E POLITICA
SPECIALE ACQUA
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:

Agricoltura e giardino 
Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Medicine naturali
Alimentazioni naturali
Etologia
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Nord-Sud


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
ECCO LA NEWSLETTER FIORIGIALLI 186
19 APRILE 2019 ROMA - GRETA THURNBERG AL FRIDAYS FOR FUTURE DI ROMA
05 - 06 - 07 APRILE 2019 MONTE PISANO (PI) - FARSI FORESTA PER FARE FESTA - XVIII EDIZIONE
22 - 23 GIUGNO 2019 TREIA (MC) - INCONTRO BIOREGIONALE COLLETTIVO ECOLOGISTA
04 - 05 MAGGIO 2019 GALBIATE (LC) - WEEKEND YOGA E NATURA
18 - 22 APRILE 2019 CASOLE D ELSA (SI) - EASTER DANCE 2019
25 - 28 APRILE 2019 SAN SEPOLCRO (AR) - IL SACRO CORPO DELLA TERRA - IL RISVEGLIO DEL LEOPARDO
16 e 24 MARZO 2019 CAPEZZANO PIANORE (LU) - ECOLOGIA INTERIORE - LABORATORIO ESPERIENZIALE
02 - 03 MARZO 2019 MODENA - VERDI PASSIONI E ANIMALI DAL MONDO
SFIDA ECOLOGISTA ALLO STATO FRANCESE
NULLA DI FATTO ALLA COP24, FALLITO L'INCONTRO SUL CLIMA DI KATOWICE
REGALO A CHI INQUINA E' LEGGE
GROENLANDIA: IN 4 GIORNI SCIOLTO META' DEL GHIACCIO, ORA QUASI TUTTO
IN GERMANIA STANZIATI 32 MILIARDI PER USCIRE DAL NUCLEARE
711 ECOLOGISTI UCCISI NEGLI ULTIMI 10 ANNI
SOLAR IMPULSE AEREO A ENERGIA SOLARE
LA NUOVA BICI A IDROGENO
100 KM CON 1/2 LITRO D'ACQUA

 Link
Envirolink Network
Natura Network
Feng Shui Consulting
Aduc Ass.Consumatori
Adiconsum Ass.Consumatori
Lega dei Consumatori
Codacons Ass.Consumatori
Unione Naz.Consumatori
Studio Arch.Bernardini
Ecofeminist
Lipu Protez.Uccelli
La voce dell'albero
Greennet
Greenpeace Italia
Legambiente Convento S.Giorgio
Italia Nostra
Natura Nostra Italia
INBAR Ist.Bioarchitettura
ANAB Ass.Bioarchitettura
Promiseland
Critical Mass
Paea progetti Energia
Consorzio Pannello Ecologico
CarBusters
Amici della Bici
Gruppi Acquisto Solidali
Thank-Water
Stile Biologico
Bioteca Associazione - Udine
IRIS strategie per l'ambiente
Wilderness
World Watch Institute
Wilderness in Italia
Fiera delle Utopie Concrete
Ecoage
Yoga Wear Bindu
OLO - conslulenti nel biologico
AMICI della Terra
Ecoistituto delle Tecnologie Appropriate di Cesena
Parchi italiani
Bioedilizia
ECO-ECOBLOG
EcoRiflesso.org
Verdi del Trentino
Associazione Torino Viva
TERRA NEWS
TERRANEWS
Officina Naturae
Artimestieri - Cooperativa Sociale
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it