Dove c'è amore, c'è visione.
Richard of St. Victor

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
     edizioni
home chi siamo catalogo novità in preparazione offerte distributori foreign rights pubblica con noi eventi newsletter contatti
cerca  

Info
rilegatura: brossura
formato: 15 x 21 cm.
pagine: 144
ISBN: 978-88-6118-004-8
Editore: FioriGialli edizioni
Anno di pubblicazione: settembre 2006
Euro: 14.50
Approfondimenti
Prefazione di Satish Kumar
Indice
Sull'Educazione
Sulla Politica
Sulla Giustizia
Sulla Pace
Sulla Coscienza spirituale
Comunicato Stampa
Altri libri consigliati
Mahatma Gandhi:
il Profeta dell'Età dell'Acquario
Tu sei quindi io sono
Il Cammino è la Meta
Il sogno della non violenza
Notizie sull'autore
Cenni biografici
Altri libri di Vinoba Bhave

STAMPA
Sull'Educazione << torna indietro
L’importanza dell’educazione formale è stata esagerata in modo irragionevole; come risultato, i nostri metodi educativi sono ormai ridicolmente innaturali e dannosi. Un bambino dotato di memoria vispa e tenace è generalmente spinto all’apprendimento con troppa tenacia.

Genitori e insegnanti cercano di pigiare nella sua testa quante più informazioni possibili. Se il bambino è lento, sovente lo si trascura deliberatamente. Gli allievi più intelligenti riescono a raggiungere l’università, più avanti, tuttavia, molti di questi non riescono a procedere negli studi.

Se non perdono terreno all’università, sovente, questi studenti non riescono a compiere nulla di meritevole, nella vita. La loro mente immatura è costretta a sopportare un carico troppo pesante. Un cavallo vivace, che corre bene non ha bisogno di essere frustato. É ovviamente un bravo corridore: perché frustarlo? Quando si utilizza la frusta, sovente, il cavallo fa uno scarto e cade nel fossato trascinando con sé il cavaliere.

Questo metodo educativo è basato sulla forza bruta, e va assolutamente evitato. Se l’allievo inizia a pensare “Ora sto imparando”, significa che il sistema educativo non sta funzionando. Per i bambini, la miglior forma di addestramento favorevole allo sviluppo del corpo è il gioco. Quando il bambino gioca, il mondo esteriore cessa di esistere. Il bambino che gioca è completamente assorto nell’esperienza dell’unione.

I bambini non sono consapevoli né dell’agio, né del disagio; non provano né fame né sete, dolore o stanchezza. Il gioco è una gioia, non un dovere; è piacere, non addestramento fisico. Questo principio deve essere applicato a tutti i tipi di apprendimento. Anziché promuovere l’idea artificiale di una educazione come dovere, dobbiamo incoraggiare l’idea, ispirante e naturale, di una educazione come gioia.

La sensazione provata dai bambini in età scolastica, è che l’educazione è una punizione. Non appena le irrequiete energie del bambino si sviluppano, non appena si manifesta la tendenza all’indipendenza, la famiglia decide che è giunto il momento di rinchiudere il bimbo in una scuola. Il significato di scuola è: un luogo in cui rinchiudere i bambini! Gli insegnanti che lavorano per questo tipo di scuola sono simili a carcerieri. ...
torna su^