"Apri il cuore e accontentati di quello che la vita ti concede. Siamo tutti invitati alla festa della vita,
dimentica i giorni dell'oscurità, qualsiasi cosa possa essere successa non è la fine"
  Augusto Daolio
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
I SENTIERI DELL' ESSERE
Le mille Vie della Spiritualità
I SENTIERI DELL' ESSERE
LA PRATICA DA SEGUIRE
Un monaco chiese a Dong-Shan:
C'è una pratica che le persone debbano seguire?
Dong Shan rispose:
quando diventi una vera persona c'è una tale pratica.
Sai essere freccia, arco, bersaglio?
<b>Sai essere freccia, arco, bersaglio?

Sai essere freccia, arco, bersaglio?
Conosci la sequenza delle costellazioni?
La fusione dell'idrogeno in elio?
Sai misurare la tua integrità?
Se rispondi
Avrai l'immortalità.

Laura Scottini

MEDITAZIONE TAOISTA
<b>MEDITAZIONE TAOISTA </b>





 

Chiudi gli occhi e vedrai con chiarezza.
Smetti di ascoltare e sentirai la verità.
Resta in silenzio e il tuo cuore potrà cantare.
Non cercare il contatto e troverai l'unione.
Sii quieto e ti muoverai sull'onda dello spirito.
Sii delicato e non avrai bisogno di forza.
Sii paziente e compirai ogni cosa.
Sii umile e manterrai la tua integrità.

 

IL VUOTO CHE DANZA
IL VUOTO CHE DANZA










di H.W.L. Poonja


Rimani ciò che sei ovunque tu sei.
Se fai così, saprai immediatamente
di essere Quello che hai cercato
per milioni di anni.

Non c'è ricerca,
perchè si cerca solo qualcosa che si è perso.
ma quando niente è andato perduto
non ha senso
cercare qualcosa.

Qui semplicemente Stai Quieto.
Non formare nemmeno un pensiero nella mente.
Allara saprai
Chi sei realmente.

per tre motici la ricerca e la pratica
sono follie fuorvianti
sono l'inganno della mente
per posporre la libertà.
Continua...

PAROLE SU DIO
PAROLE SU DIO Simone Weil
Non è dal modo in cui un uomo parla di Dio, ma dal modo in cui parla delle cose terrestri, che si può meglio discernere se la sua anima ha soggiornato nel fuoco dell’amore di Dio. … Così pure, la prova che un bambino sa fare una divisione non sta nel ripetere la regola; sta nel fatto che fa le divisioni.
Continua...
I BAMBINI
DAGLI OCCHI DI SOLE

I BAMBINI<br> DAGLI OCCHI DI SOLE

Ho visto i luminosi pionieri dell'Onnipotente
al confine dove il cielo si volge verso la vita,
scendere le scale d'ambra della nascita;
i precursori di una Divina moltitudine.
Essi venivano sul Sentiero della Stella del Mattino,
nella piccola stanza della vita mortale.

Li ho visti attraversare la penombra di una età
i bambini dagli occhi solari
portatori di una meravigliosa Aurora,
i grandi creatori dal calmo aspetto.

Li ho visti gli abbattitori delle barriere del mondo
i lottatori contro il destino nato dalla paura.
Li ho visti i lavoratori della Casa degli Dei,
i messaggeri di ciò che non può essere comunicato,
gli architetti dell'immortalità.

Li ho visti cadere nella sfera umana,
con i volti ancora luminosi della gloria immortale,
con voci che ancora parlavano con i pensieri di Dio,
con corpi resi splendenti dalla Luce dello spirito.

Portavano la Magica Parola, il Mistico Fuoco,
la dionisiaca Coppa della Gioia.

Li ho visti, i bambini che rendono l'uomo migliore,
coloro che cantano uno sconosciuto inno dell'Anima.
Ho sentito l'eco dei loro passi nei corridoi del tempo.
Ho visto gli alti sacerdoti della Saggezza,
della dolcezza, della Potenza e della Felicità Celeste,
i rivelatori delle vie solari della Bellezza,
i nuotatori delle acque tempestose dell'Amore,
i danzatori che aprono le porte d'oro del Nuovo Tempo.

Sono quì.
Camminano fra noi per mutare la sofferenza in gioia,
per giustificare la Luce sul volto della Natura.

Aurobindo 
IL SEGRETO DELLE STELLE CADENTI
IL SEGRETO DELLE STELLE CADENTI
di Maurizio Di Gregorio

Tutti cerchiamo qualcosa. Se lo cerchiamo nel mondo materiale pensiamo di trovarlo all’esterno di noi stessi. Se lo cerchiamo nel mondo spirituale siamo portati a credere di poterlo trovare all’interno di noi. Una massima dice: la risposta è dentro di te. Una battuta invece dice: la risposta è dentro di te, ma è sbagliata. Ambedue le affermazioni sono vere perché si riferiscono a due esseri diversi. Uno vero e l’altro falso. Come si fa a sapere quale é l’Io interiore che contiene tutte le risposte della vita? Dalla felicità. Nel primo caso si sa solo che si è felici, sia pure per un attimo, si è completamente, immensamente e interamente felici e più correttamente si dovrebbe chiamarla beatitudine. Nel secondo caso sappiamo solo, che a dispetto di ogni altra cosa, momentanea soddisfazione o eccitazione, non si è veramente felici. 
Aivanhov, definendo la natura umana, parla della coesistenza di una natura inferiore e di una natura superiore. All’interno di ognuno è una continua lotta tra due esseri (o stati di essere) in competizione che Aivanhov chiama Personalità e Individualità. “Persona “ è la maschera e in ogni incarnazione la maschera è diversa, “Individualità” è l’abitante della maschera, colui che non cambia, il vero Sé divino.Continua...
I SETTE ASPETTI DELLA NUOVA COSCIENZA
I SETTE ASPETTI DELLA NUOVA COSCIENZA
di Ervin Laszlo

Il grande compito, la grande sfida del nostro tempo è cambiare se stessi.
Questo elenco delle principali caratteristiche della nuova visione, della nuova coscienza, è scritto per stimolare la trasformazione, perché è possibile acquisire una nuova consapevolezza, perché tutti possono evolvere, tante persone l'hanno già fatto ed è diventata una conditio sine qua non della nostra sopravvivenza sulla Terra.
La prima caratteristica è l'olismo, la visione olistica, per contrastare la visione frammentaria, disciplinaria, atomistica, che separa tutto: la mente dalla natura, l'uomo e la società dalla biosfera, e tutti i campi della realtà l'uno dall'altro. La visione olistica è proprio quella comprensione Continua...
I FIGLI DELLA LUCE
I FIGLI DELLA LUCE




 


I Figli della Luce si nutrono di Pace, Libertà, Amore, Giustizia, Grazia, Benevolenza, Comprensione, Compassione, Generosità, Bontà, Luce, Verità, Positività, trasmettendo tutto questo intorno a loro. Le creature che vengono in contatto con i Figli della Luce percepiscono la Positività dell’operato della “Luce Amore” e uno stato di benessere entra in loro. Non sono consapevoli della fonte di questa Positività, ma stanno volentieri in compagnia dei Figli Luce dispensatori d’Amore.
Continua...
UNA SPIRITUALITA' ECOLOGICA
UNA SPIRITUALITA' ECOLOGICA
di Matthew Fox

L’ecologia e la spiritualità sono le due facce della stessa medaglia. La religione deve lasciar andare i dogmi in modo da poter riscoprire la saggezza del mondo.
Come dovrebbe essere una religione ecologica? Negli ultimi 300 anni l’umanità è stata coinvolta in una grande desacralizzazione del pianeta, dell’universo e della propria anima, e questo ha dato origine all’oltraggio ecologico. Saremo capaci di recuperare il senso del sacro? Continua... 
SULL'ANARCHIA BUDDISTA
SULL'ANARCHIA BUDDISTA di Gary Snyder

Da un punto di vista buddista, l'ignoranza che si proietta nella paura e nel vano appetito impediscono la manifestazione naturale. Storicamente, i filosofi buddisti non hanno saputo analizzare fino a che punto l'ignoranza e la sofferenza erano dovuti o favoriti da fattori sociali, considerando il timore e il desiderio come fatti intrinseci alla condizione umana. Così, la filosofia buddista si interessò principalmente alla teoria della conoscenza e la psicologia fu svantaggiata, per dare più spazio allo studio dei problemi storici e sociologici. Anche il buddismo Mahayana possiede un'ampia visione della salvezza universale, la sua realizzazione effettiva si è concretizzata nello sviluppo di sistemi pratici di meditazione per liberare a una minoranza di individui da blocchi psicologici e condizionamenti culturali. Il buddismo istituzionale è stato chiaramente disposto ad accettare o a ignorare le disuguaglianze e le tirannie sotto il sistema politico che vigeva. È stata come la morte del buddismo, posto che è comunque la morte che riesce a far comprendere il significato della compassione. La saggezza senza compassione non sente dolore.
Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

KARMA DHARMA VAIRAGYA



di Paolo Quircio 

Nelle filosofie dello Yoga e del Vedanta esistono dei concetti cardine, dei veri e propri perni intorno ai quali ruotano entrambi i sistemi filosofici. Uno di questi è certamente il Samsara, il ciclo di nascite e morti, spesso raffigurato con una ruota, a cui è incatenato il Jiva, l’individuo, composto da Atman, la parte divina, da cui Jivatman, e dalle Upadhi, i cosiddetti attributi limitanti - corpo, prana e mente - con cui il Jiva tende erroneamente ad identificarsi, dimenticando la sua vera essenza, che è divina. Nel mondo di Prakriti, la Natura, ogni cosa, sia essa una cellula, una pianta, un animale, un essere umano o l’intero Universo, nasce, si sviluppa, decade e muore. In questo andamento circolare, la ruota dell’esistenza, la morte non ha nulla di definitivo,  è semplicemente un cambiamento di forma.

Secondo la teoria del Samsara, quando una persona muore, il suo corpo fisico, composto dai cinque elementi, pancha bhuta, terra, acqua, fuoco, aria e etere, agli elementi ritorna. Il corpo astrale, che è composto di mente e prana ed è magazzino di tutte le esperienze accumulate nel corso delle varie vite, le quali contribuiscono a formare il carattere innato nella prossima vita, rimane in attesa per un periodo variabile, quindi torna nel corpo che meglio si adatta alle sue esigenze karmiche, per proseguire il percorso verso la fonte da cui tutti proveniamo, il Brahman, l’anima cosmica che tutto permea e a cui tutto appartiene.

Il modo in cui questo cammino si sviluppa e la velocità con cui il Jiva riesce a raggiungere Moksha, la liberazione dal ciclo di nascite e morti, dipendono da alcuni altri fattori fondamentali che cercheremo di capire meglio. Essi sono: la legge del Karma, il rispetto del Dharma e il conseguimento di Viveka, la capacità di discriminare il reale dall’irreale, e Vairagya, il distacco. Più che concetti di base, questi appena accennati sono delle leggi immutabili della natura in cui viviamo e a cui apparteniamo. Come è impossibile parlare e scrivere bene senza conoscere le regole della grammatica e della sintassi, o costruire un palazzo senza essere padroni delle varie leggi della fisica e della matematica, così è impossibile raggiungere il traguardo dell’emancipazione spirituale senza conoscerne le leggi. Swami Sivananda paragona il Jiva al comandante di una nave: solo chi conosce bene le regole della marineria e possiede una bussola affidabile può portare la nave in porto attraverso bufere e bonaccia senza correre rischi.
 
IL KARMA
La parola Karma proviene dalla radice sanscrita kri, fare, agire, e vuol dire ‘azione’. Secondo la legge del Karma, ad ogni azione corrisponde una reazione. Se al livello fisico è facile constatare la veridicità di questo principio, si preme l’interruttore e si accende la luce, al livello esistenziale, soprattutto se riferito non ad una singola vita, ma a molte, moltissime esistenze terrene, questo è un po’ più difficile e richiede un notevole impegno da parte del ricercatore spirituale. È anche importante sottolineare che quando parliamo di azione, non ci riferiamo esclusivamente a ciò che facciamo, ma anche a ciò che pensiamo e che diciamo.

Le parole a volte possono avere effetti più forti delle azioni, nel bene e nel male; ma, soprattutto, sia le parole che le azioni hanno la loro radice nel pensiero. Le intenzioni dietro a un’azione spesso sono più importanti dell’azione stessa. Sia un chirurgo che un assassino tagliano il ventre di un'altra persona, ma lo scopo del primo è di curarla, quello del secondo è di ucciderla, l’esatto opposto. “Siamo ciò che pensiamo”: il pensiero di  una volta, vritti, se ripetuto diventa abitudine, samskara, le abitudini formano i tratti caratteriali, vasana, e il carattere forma il destino, Karma. Nella Bhagavad Gita Krishna spiega con chiarezza l’importanza del pensiero rispetto alle azioni: “Colui che, trattenendo gli organi di azione, siede pensando agli oggetti dei sensi, egli, la cui comprensione è velata dall’illusione, è ciò che chiamiamo un ipocrita.” (B.G. III, 6).

Noi diremmo, l’abito non fa il monaco. Non basta astenersi dal godimento degli oggetti dei sensi ed apparire ascetici, la rinuncia è reale e dà i suoi frutti solo quando abbiamo domato anche  il desiderio. Conoscere  questa legge fondamentale rende più facile progredire spiritualmente. Ipocrita è una persona che fa una cosa e ne pensa un’altra, perché vuole sembrare migliore di ciò che è in realtà. Anche Gesù parlava dei ‘sepolcri imbiancati’, di coloro che facevano di tutto per apparire rispettosi della legge, ma in privato facevano ben altro. Ma se i ‘sepolcri imbiancati’ subiscono una dura condanna per questo loro atteggiamento, l’ipocrita della Gita ha la possibilità di migliorare: praticando lo Yoga, un po’ alla volta, con gradualità, e sempre se ha davvero la volontà di farlo,  egli riuscirà a controllare oltre al corpo anche i sensi, e dopo i sensi la mente, staccandosi sempre più dagli oggetti dei propri desideri.  

Secondo la dottrina del Karma ogni cosa che succede ha una sua causa profonda. Nulla accade per caso; la nascita di un filo d’erba o di un essere umano, una guerra, una catastrofe naturale, l’illuminazione di uno Yogi, tutto avviene perché in passato, di solito in una o più vite passate, sono state fatte delle cose che in seguito diventano causa di altre. Ogni effetto ha la sua causa e viceversa. Il seme è causa dell’albero e l’albero, a sua volta, è causa del seme.

Dovremmo sempre ricordare questa legge di causalità, soprattutto quando ci troviamo in situazioni sgradevoli o dolorose, malediciamo il destino e non capiamo perché si accanisce contro di noi. Tutto ciò che accade, sia buono sia cattivo, ha una causa precisa e per quanto riguarda noi umani, di solito la causa di quello che succede andrebbe cercata nelle nostre vite precedenti. Il modo e l’intensità con cui le cose causate da avvenimenti precedenti accadono sono determinati da una legge che tutti sperimentiamo nella vita, sia nel mondo fisico che in quello mentale: ad ogni azione corrisponde una reazione. Se tiriamo una palla sul muro, la stessa forza che abbiamo impresso alla palla la farà rimbalzare. Più forte è il tiro, più forte sarà il rimbalzo. Analogamente, poiché le azioni possono essere buone, cattive e miste, un po’ buone e un po’ cattive, le conseguenze nelle vite successive avranno le stesse caratteristiche.

La legge del Karma è tanto giusta quanto inesorabile. Chi commette il male e pensa di averne evitate le conseguenze eludendo la giustizia umana è in grave errore. Se così non fosse nessuno potrebbe imparare dai propri errori e non ci sarebbe alcuna giustizia nel mondo. Infatti, ogni avvenimento ha una sua compensazione: il seme che marcisce nella terra fa nascere una nuova pianta. Questa a sua volta darà un seme, e quando morirà sarà nutrimento per la nuova pianta. Nel fuoco il carburante si annienta, ma quel fuoco serve a scaldare chi ha freddo o a cucinare del cibo. Attraverso questo principio di compensazione il Karma mantiene tutto in equilibrio. È soltanto la nostra ignoranza che ci impedisce di cogliere il legame tra i vari avvenimenti. Riusciamo a vedere solo a breve distanza, e questo ci impedisce di percepire il disegno che muove ogni cosa. Se riuscissimo a vedere questo disegno, eviteremmo di commettere tutte quelle azioni che inevitabilmente ci porteranno una punizione.

Capiremmo che la qualità della vita che viviamo non è data né dal caso, né dalla fortuna, ma sempre e solo dalle nostre azioni liberamente compiute, anche se non nell’immediato. Si dice che la ricompensa di una vita ben vissuta è la stessa vita ben vissuta, e viceversa. Chi cerca di dare alla propria esistenza un valore spirituale, etico, in pace con gli altri e con la propria coscienza, in genere sarà ricompensato da una vita serena e spiritualmente intensa. Sarà inoltre in grado di affrontare le difficoltà che inevitabilmente gli si presenteranno con spirito di accettazione, senza maledire il cielo e gli dei per quello che gli tocca, sapendo che tutto quello che accade ha un unico responsabile: se stesso.


“Così come un uomo getta via i sui abiti consumati e ne indossa di nuovi, così anche il Sé incarnato getta via i corpi consumati ed entra in dei corpi che sono nuovi.” Bhagavad Gita II, 22.
Se smettiamo di identificarci con questo corpo mortale e capiamo che la nostra vera e profonda essenza, la nostra vera e profonda identità è quella dell’Atman che si è incarnato in questo corpo, come si è incarnato in altri innumerevoli corpi in precedenza, capiremo il senso di continuità e l’ampio respiro di questa dottrina.

È questo il principio fondamentale di tutta la dottrina del Karma. Chi pensa che sia una dottrina che induce al fatalismo, alla rassegnazione e alla deresponsabilizzazione è in errore. È esattamente il contrario. Nella diatriba tra libero arbitrio e predestinazione che ha occupato le menti dei filosofi occidentali per secoli, innescando polemiche e scontri a volte anche cruenti, la dottrina del Karma trova la giusta sintesi. Nasciamo in situazioni contingenti che appaiono casuali, ma non lo sono affatto. Il nostro corpo, la nostra mente, la famiglia in cui nasciamo e lo strato sociale di appartenenza sono conseguenza di ciò che siamo stati nelle vite precedenti, di ciò che abbiamo liberamente fatto. Il modo in cui viviamo questa situazione, le azioni che compiamo oggi in totale libertà e indipendenza sono quelle che determineranno i modi della prossima incarnazione.   
   
Nella dottrina dello Yoga si distinguono tre tipi di Karma: Sancita Karma, Prarabdha Karma e Agami o Kriamana Karma. Il primo è la somma di tutti i Karma che si sono accumulati nelle nostre vite precedenti. Sono tanti, tantissimi, e pertanto in ogni vita solo una parte di essi viene scelta perché possa essere esaurita, bruciata, per così dire. Questa parte del tutto è il Prarabdha. I Karma che creiamo in questa vita e che daranno i loro frutti nelle vite future, sono gli Agami. Da questa distinzione appare evidente come il nostro destino sia tutt’altro che una partita a dadi. Tutto, ma veramente tutto quello che siamo fisicamente e mentalmente è stato creato esclusivamente da noi. Per spiegare i tre diversi tipi di Karma viene spesso usato un’analogia: la faretra che contiene tutte le frecce è il Sancita, la freccia che è già stata scoccata è il Prarabdha, e la freccia che stiamo per lanciare è l’Agami Karma. Il Prarabdha è la freccia già partita e niente e nessuno può fermarla né richiamarla indietro.

Anche i Mahatma, le grandi anime, gli illuminati, hanno dovuto nella loro ultima vita godere, nel bene e nel male, dei frutti delle loro azioni passate. Quello che invece può bruciare in via definitiva sia i Karma passati che quelli futuri è la Brahma Jnana, la conoscenza del Divino, la realizzazione del Sé. Chi ha raggiunto questa profonda conoscenza ha superato l’erronea identificazione con le Upadhi, gli attributi mortali dell’Atman, per identificarsi con l’Atman stesso, immutabile ed eterno. Una volta acquisita questa conoscenza profonda, il Jiva non si considera più l’autore delle proprie azioni, che così smettono di produrre Agami Karma. La Brahma Jnana inoltre ha il potere di bruciare completamente anche il Sancita, lasciando esclusivamente il Prarabdha, che deve essere vissuto fino in fondo.           

Nella Bhagavad Gita Arjuna chiede a Krishna: cosa accade ad una persona che ha abbracciato lo Yoga, ma per qualche motivo non è riuscita a raggiungere Moksha, la liberazione finale? La risposta di Krishna non dà adito a dubbi: “Il Signore disse: "O Partha, non sarà mai perduto, in questo mondo o nella prossima vita. Chi si impegna in attività benefiche non farà mai una brutta fine. Dopo aver raggiunto i pianeti di coloro che sono virtuosi ed essere rimasto là per molti anni, chi è caduto dallo Yoga rinasce nella casa di persone che sono pure e benestanti. Può persino nascere in una famiglia di saggi yogi - certamente una simile nascita è estremamente rara in questo mondo. O discendente di Kuru, allora in quella vita recupera le realizzazioni della sua vita precedente, e ricomincia a sforzarsi verso la piena perfezione. Tutto ciò che aveva raggiunto nella vita precedente creerà certamente un'attrazione spontanea verso la perfezione, perché chi si sforza sinceramente nello Yoga trascende persino le regole delle scritture." B.G. VI 41-44.

Questa illuminante affermazione di Krishna ci spiega come la dottrina del Karma sia regolata dalle leggi di cui abbiamo parlato sinora, ma che queste leggi sono i modi attraverso i quali si snoda il percorso dell’Atman. Per andare da un punto a un altro si possono percorrere varie strade,  in modi diversi e a diverse velocità. Il cammino spirituale è quello che ci conduce dall’ignoranza alla conoscenza, dalle tenebre alla luce, dal grossolano al sempre più sottile, fino a trascendere anche lo stato più sottile, e quindi dall’umano al divino. Sarebbe impensabile che un percorso così profondo e complesso non abbia le sue regole precise. E queste regole sono appunto quelle della dottrina del Karma.

Un'altra cosa molto importante, che ci permette di capire meglio non solo quello che accade a noi, ma anche tutto intorno a noi, è che il Karma, con tutte le regole di cui abbiamo parlato sinora, non riguarda soltanto i singoli, né solo gli umani. Esiste un Karma delle famiglie, dei gruppi sociali, dei popoli, dell’umanità, della Terra e anche un Karma dell’Universo. Tutti questi Karma si incontrano, si incrociano e si intrecciano in maniera inestricabile. I Karma individuali convivono con quelli familiari e cosmici, ognuno di noi funge da agente karmico per le persone che ne  attraversano la vita. Ogni volta che due persone interagiscono è perché i rispettivi Karma li devono fare interagire, perché tra loro c’era qualcosa in sospeso. Molte anime vivono insieme per molte vite, con ruoli diversi, sessi diversi e così via. Krishna dice: "O Arjuna, io e te abbiamo entrambi conosciuto molte vite. Io le ricordo tutte ma tu no, o Parantapa." B.G. IV 5, ed è un bene non ricordarle.

Le memorie di una sola vita già creano tanti contrasti, rancori e miserie, figuriamoci se riconoscessimo in qualcuno colui che ci ha fatto del male, magari ucciso, tante vite prima. Sarebbe un inferno! Il mondo è tutta un’immensa recita in cui ci si scambiano i ruoli, ma con un unico scopo: l’evoluzione spirituale, quel lunghissimo cammino che, passando per tutte le forme della natura, aumentando costantemente il livello di consapevolezza di sé, ci porta all’aspetto umano e da questo a quello divino. Il nome che gli Indiani danno alle varie straordinarie avventure degli dei è Lila, che vuol dire ‘gioco’.

Anche noi umani partecipiamo a questa Lila, ma non ne siamo coscienti. Se ce ne rendessimo conto forse riusciremmo a prendere la vita con maggiore leggerezza e serenità, capiremmo che anche quelle cose che sembrano e che in effetti sono orrende, in realtà sono fasi passeggere di un mondo a realtà limitata. Di un grande sogno in cui noi siamo colui che sogna, il sogno e i personaggi del sogno stesso.
                                                                                                                               
Paolo Quircio
New Delhi - 03-12-2017

 
ARTICOLO CORRELATO SEGUENTE
 
© FioriGialli.Tutti i diritti riservati.
E' fatto divieto di pubblicazione sia totale che parziale in altra sede senza una ns. specifica autorizzazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge.


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Miti e Simboli
Le parole dei Maestri
Filosofie orientali
Filosofie occidentali
L'arte di vivere
Mente ed oltre
Psicologie transpersonali
Libri Consigliati
Iniziative ed incontri
Meditazione e Yoga
Chi è Chi
Sciamanesimo
Tao e Zen
Buddhismo
Esoterismo
Religioni ed ecumenismo
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:

Astrologia
Esoterismo 
Channelling

Divinazione
Radioestesia
Reincarnazione
Numerologia
Tarocchi

Buddismo
Sufismo

Taoismo
Yoga
Zen
Meditazione
Vedanta



Angeli
New Age
Cristalli
Findhorn
Reiki

Jung
Mitopsicologia

Transpersonale  
Ricerca spirituale

Testi sacri
Cristianesimo

Sciamanesimo
Popoli Nativi
Indiani d'America
Celti

Maestri spirituali
Aivanhov
Aurobindo 
Alice Bailey
Baker
Castaneda 
Daskalos
Gurdijeff

Krishnamurti
Osho
Pierrakos
Yogananda

Teosofia
Antroposofia
Massoneria
Rosacroce 
Martinismo
Templari
Ermetismo
Cabala
Magia

Alchimia

per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER, la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti ed offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
04 APRILE 2018 FIRENZE - RASSEGNA INCONTRI TRA ORIENTE E OCCIDENTE - 4
23 GENNAIO 2018 FIRENZE - RASSEGNA INCONTRI TRA ORIENTE E OCCIDENTE - 1
30 GENNAIO 2018 FIRENZE - VANDANA SHIVA - IL PROFITTO MULTINAZIONALE AVVELENA IL CIBO LA TERRA IL PIANETA
28 GENNAIO 2018 FIRENZE - LECTIO MAGISTRALIS - LA DEMOCRAZIA DELLA TERRA
15 MARZO 2018 2018 MILANO - IL TEMPO NELLA PSICOTERAPIA
28 - 29 APRILE 2018 RIMINI - IL PERDONO PER LA PURIFICAZIONE DEL KARMA
30 MAGGIO - 05 GIUGNO 2018 CASTELLO DI TITIGNANO ORVIETO (TR) - YOGA SCIAMANICO UN RITIRO PER CONOSCERLO
01 - 08 MARZO 2018 RISHIKESH (INDIA) - INTERNATIONAL YOGA FESTIVAL
05 FEBBRAIO 2018 MILANO - MEDITAZIONE RAJA YOGA
03 FEBBRAIO - 04 NOVEMBRE 2018 RECCO (GE) - CORSO ESPERIENZIALE IL PERCORSO DEL LOTO
03 - 04 FEBBRAIO 2018 MILANO - CORSO FORMAZIONE COSTELLAZIONI FAMILIARI
24 - 25 MARZO 2018 FIRENZE - RITIRO DI MEDITAZIONE
24 - 25 FEBBRAIO 2018 - LE DUE VERITA' E LA SCIENZA BUDDHISTA DELLA MENTE
20 - 21 GENNAIO 2018 FIRENZE - TARA L'ENERGIA ILLUMINATA DEI BUDDHA
19 APRILE 2018 CESENA (FC) - LA VIA DEL DISIMPARARE
24 - 25 MARZO 2018 TORINO - GUARIRE LE 5 FERITE EMOZIONALI - ABBANDONO - INGIUSTIZIA - RIFIUTO - TRADIMENTO - UMILIAZIONE
18 FEBBRAIO 2018 MILANO - IL CODICE DELLA REALTA' - COME DISEGNARE IL TUO DESTINO
04 MARZO 2018 PADOVA - IL CODICE DELLA REALTA' - COME DISEGNARE IL TUO DESTINO
20 GENNAIO 2018 CESENA (FC) - REGRESSIONE ALLE VITE PASSATE AD APPROCCIO IMMAGINALE
17 FEBBRAIO 2018 MILANO - IGOR SIBALDI - CIO' CHE HAI SEMPRE DESIDERATO
18 - 21 GENNAIO 2018 POMAIA SANTA LUCE (PI) - RITIRO DI DHARMA E MEDITAZIONE VIPASSANA
14 E 21 GENNAIO 2018 PESARO - LETTURE DALLA BHAGAVAD GITA
12 GENNAIO 2018 TORINO - IL FEMMINEO SACRO
11 E 25 FEBBRAIO 2018 TORINO - CORSO DI COMUNICAZIONE EFFICACE
23 - 24 GENNAIO 2018 MOLFETTA (BA) - COLTIVARE UMANITA’ EDUCARE GENERANDO COMUNITA'
27 GENNAIO 2018 BATTAGLIA TERME (PD) - GRUPPI DI STUDIO APPROFONDIMENTO ANTROPOSOFIA DI STEINER - LETTURA E COMMENTO DEL TESTO DI W. GOETHE LA METAMORFOSI DELLE PIANTE
10 E 24 GENNAIO 2018 BATTAGLIA TERME (PD) - GRUPPI DI STUDIO APPROFONDIMENTO ANTROPOSOFIA DI STEINER - COMMEMORARE I DEFUNTI
25 APRILE - 01 MAGGIO 2018 TOSCANA - RITIRO YOGA IN MAREMMA
05 - 06 - 07 GENNAIO 2018 FOSSOLI DI CARPI (MO) - SEMINARIO ESPERIENZIALE DI GUARIGIONE SPIRITUALE
16 - 17 DICEMBRE 2017 PONSACCO (PI) - SEMINARIO DI COUNSELING RELAZIONALE CON MARCO FERRINI
07 DICEMBRE 2017 BOLZANO - LECTIO MAGISTRALIS DI CLAUDIO NARANJO
03 DICEMBRE 2017 BOLOGNA - GRATITUDINE LA CHIAVE PER UNA VITA SERENA
04 DICEMBRE 2017 CENTRO EWAM (FI) - INTRODUZIONE AL BUDDHISMO E ALLA MEDITAZIONE
21 APRILE 2018 CITTADELLA (PD) - ATMOSFERE DEL CORSO DELL'ANNO ESTATE E SAN GIOVANNI
24 FEBBRAIO 2018 CITTADELLA (PD) - ATMOSFERE DEL CORSO DELL'ANNO PRIMAVERA E PASQUA
 Link
Auroville
Aria Nuova Associazione
Amma - Italia
Corso in Miracoli
Thich Nhat Hanh
Psicosintesiamo
Spiritualsearch
Lightworker
La stazione celeste
Est-Ovest
Meditazione nel Web
Federazione Italiana Yoga
Rosacroce
Istituto Lama Tzong Khapa
Tibet e Buddismo italiano
Monastero Zen Il Cerchio
Krishnamurti
Aurobindo: Yoga Integrale
Ex Sai Baba
Camaldoli Com. Monastica
Riflessioni
Lucis Trust-Alice Bailey
innernet
Unione Buddhista Italiana
Assoc. Zen Internazionale
Istituto Ricerche Cosmos
Lama Gangchen Foundation
Psicoterapeuta a Napoli
L'Airone centro ricerche
Zenhome
Alchimia
Buona Volontà Mondiale
RTSI Mondi Vicini
Giuliana Conforto
Esalen
Noetic Institute
alternativo
padmanet
La Meditazione come Via
Ispa Psicodinamica
Fraternity
L'arte di vivere
La Tartaruga
Yoga Wear Bindu
Luci dei Maestri
Associazione Culturale Amici del Tai ji
Reiki - La Città della Luce – Centro Studi Discipline Bionaturali
BabajCenter
Protagonisti del Cambiamento
Armata Bianca
Nuova Coscienza
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo

 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it