Là dove é il tuo amore, un giorno sarai anche tu

home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
     Libri e riviste
ricerca avanzata
Elenco Autori
Elenco Editori
CATEGORIE
DVD e Video
Cantautori
Commedie
Concerti e Musicali
Controinformazione
Documentari
Drammatici
Ecologia
Fantasy
Musical e musicali
Video Manuali
Video vari Film
Visioni della Anima
GUIDA ALLA CONSULTAZIONE
In questa sezione trovate migliaia di testi selezionati e continuamente aggiornati.
Nella colonna centrale sono evidenziate alcune delle novità che riteniamo più interessanti.
Le altre novità le trovate selezionando i vari argomenti sulla colonna a sinistra.
Gli ultimi libri inseriti sono i primi che trovate quando chiamate un argomento
e pertanto li visualizzate già in ordine di uscita: i primi di ogni lista sono gli ultimi inseriti
(Continua...)
ELOGIO della SEMPLICITA'

vivere creativamente nella società dei consumi

CREA IL LAVORO CHE AMI
Crea il lavoro che ami è una guida interiore per rendere il proprio lavoro qualcosa di sacro, si occupa cioè dell'anima del lavoro. Un lavoro che comporti integrità, passione e significato, è il sentiero della vocazione personale, qualcosa di differente da un miglioramento di se stessi. Un libro straordinario...
MASARU EMOTO
Con la sua scoperta, Masaru Emoto è riuscito a rendere visibile ciò che da sempre le persone particolarmente sensibili sapevano e gli omeopati utilizzavano da molto tempo: grazie alla fotografia dei cristalli d’acqua è ora evidente che l’acqua accoglie informazioni di tipo diversissimo – persino un pensiero influisce sull’acqua e la modifica
novità carrello condizioni d'aquisto
 

La Felicità Domestica

Traduzione di Clemente Rebora

di: Lev Tolstoj
editore: SE
€ 16.00 € 15.20 (-5%)

Pag. 148 
Formato: 13 x 22 cm. 
Anno: 2012 
ISBN: 978-88-7710-942-2 
DISPONIBILITÀ IMMEDIATA Nuova Edizione Novità
La Felicità DomesticaTraduzione di Clemente Rebora
Questo breve romanzo fu scritto da Tolstoj tra il 1856 e il 1859, anni di grande crisi morale e spirituale, determinata da una serie di fattori ed aggravata dalla morte del fratello Nikolaj.

È nello stesso periodo che T. allaccia una relazione - mai culminata in un autentico fidanzamento - con Verija Vladimirovna Arsen'eva; la fanciulla, orfana di entrambi i genitori, era sotto la tutela legale di T., che esercitava questo ruolo proteggendola, guidandola, educandola, fino alla rottura finale - avvenuta tramite una lettera - voluta da Tolstoj. "Tu hai riflettuto, hai riflettuto tanto, ma mi hai amato poco" dice Masa a Sergej, nella scena finale del romanzo: la felicità di un tempo è tramontata per sempre. C'è un nuovo, più assennato, calmo, costruttivo sentimento, ci sono i figli, la casa, la balia, il tè, l'ordine: ma è questa la felicità? Il tema delle incomprensioni, dei difficili equilibri di coppia, dei rapporti che mutano - dalla piena sintonia ai malintesi, agli equivoci, alle incrinature è stato affrontato da Tolstoj in molte opere, da "Guerra e pace" a "Anna Karenina". Qui l'autore lascia aperta la questione, quasi volesse lasciare al lettore la risposta, o forse la ricerca di una risposta.

Dall'analisi di alcune lettere che T. - in quel periodo - inviò a Verija si evincono i prodromi del pensiero Tolstojano: la donna vista principalmente come moglie e madre, la concezione di una vita a contatto con la natura, la vera felicità che consiste nel rifuggire la vita in città, la mondanità, la gioia del vivere in campagna. Temi ripresi in seguito nelle varie opere: i Cosacchi con l'esaltazione di questa vita primitiva e vera, Anna Karenina dove alla mondanità dei vari personaggi, viene continuamente contrapposta la filosofia di vita di Levin, ostile alla città e sereno solo nei suoi boschi, in mezzo ai suoi contadini, con i quali condivide, senza risparmiarsi, anche il lavoro nei campi.

Queste idee, il rapporto con Verija, le sue concezioni sulla vita, sull'amore sono presenti anche nel romanzo oggetto di analisi: "La felicità familiare".

I due protagonisti, Masa e Sergej, ricordano proprio Verija e T.: anche Masa vive in campagna, è orfana di entrambi i genitori - il romanzo inizia proprio nel periodo immediato alla morte della madre - e Sergej è il suo tutore; però, a differenza della vera relazione tra V.e T. Masa e Sergej dopo essersi innamorati si sposano, ma il loro matrimonio risulterà essere tutt'altro che felice; la felicità del titolo si rivelerà solo una mera chimera. La storia viene interamente narrata da Masa, quindi il punto di vista per tutto il romanzo sarà sempre il suo. Dalla narrazione sembra quasi che l'acme della felicità siano stati pochi attimi durante l'innamoramento, quei pochi, intensi, sublimi attimi in cui sembra quasi che le anime dei due innamorati palpitino all'istante, la realtà esterna non esista più, ma l'unica verità tangibile e reale è la presenza dell'uno per l'altra.

A fare da cornice al racconto, in maniera quasi ossessiva si parla e si analizza la felicità, e le condizioni climatiche che assumono una forte valenza metaforica.
Nel primo capitolo della prima parte, Masa racconta lo stato di desolazione psicologica nella quale si trova dopo la morte della madre: da un lato un senso di abbandono, di dolore per questa perdita così grave, considerata anche la giovanissima età della protagonista; dall'altro un senso di angoscia, uno svuotamento interiore causato dalla noia di giornate sempre uguali, tutte trascorse in campagna, giornate dove non accade nulla, dove i rari visitatori parlano sottovoce per rispettare il periodo di lutto. E giorno dopo giorno Masa sente la sua giovinezza sfumare, prova amarezza per la sua bellezza sprecata. Lei vorrebbe andare a Pietroburgo, essere introdotta in società, ed invece, a causa di questo lutto tutto è rimandato, tutto deve essere sottoposto al vaglio di Sergej, il suo tutore legale.

"La perdita della mamma era stata per me un gran dolore, ma devo confessare che al di là di questo dolore sentivo pure che ero giovane, bella, come tutti mi dicevano, e che, ecco, sciupavo già il secondo inverno inutilmente nella solitudine, in campagna. Verso la fine dell'inverno, questo senso di angoscia della solitudine, e semplicemente di noia, si accrebbe a tal segno che non uscivo dalla camera, non aprivo il pianoforte, non prendevo un libro in mano."

Questo capitolo si svolge interamente in inverno, e le condizioni climatiche vengono continuamente descritte, ripetute, analizzate: il gelo, il freddo, l'inverno, la neve, non sono delle descrizioni ambientali fini a se stesse, ma sottolineano lo stato d'animo di Masa.

Non è azzardato supporre che l'inverno, il freddo, il gelo - soprattutto il gelo - perdono la loro funzione semantica, per assumere il significato di morse che imprigionano Masa. L'anima di Masa è completamente avvolta dal gelo, completamente intorpidita.

"Trascorremmo un inverno freddo e triste nella nostra vecchia casa. Il tempo era freddo, ventoso, tanto che i cumuli di neve salivano più su delle finestre; i vetri delle finestre erano quasi sempre incrostati di gelo ed opachi."

In entrambi i brani vi si leggono una serie di parole che hanno un comune denominatore: perdita, dolore, sciupavo, solitudine, angoscia, inverno, noia, freddo, triste, ventoso, neve, opachi; il primo brano si chiude con una serie di negazioni: "non uscivo", "non aprivo", "non prendevo".

La situazione si capovolge con l'arrivo di Sergej - il tutore - la sua visita è attesa per una questione meramente pratica: la situazione economica è gestita da lui, quindi, sarà lui a dover stabilire, in base alle condizioni patrimoniali, se è possibile lasciare la campagna per andare in città. Il suo arrivò acquisterà un'ulteriore significato: oltre che "dispensator
e" di buone notizie circa il patrimonio, la sua presenza porterà anche gioia e felicità: "Era come se, ad un tratto, la nostra vecchia e cupa casa di Pokrovskoe.si fosse colmata di vita e di luce".

Sergej sprona Masa a superare la propria apatia, a scuotersi dall'indolenza tenendosi occupata con la musica, le ripetizioni alla sorellina, la lettura.

A primavera, quindi col bel tempo, quando il calore ha sciolto il gelo, e metaforicamente l'anima di Masa dal torpore, Sergej ritorna.

Da qui si dipana la vicenda, seguendo una trama breve e poco articolata: Masa e Sergej, nonostante la grande differenza d'età, si innamorano e si sposano.

Ma come in tutte le opere di T. gli stati d'animo sono descritti dettagliatamente, Masa, personaggio tendente all'introspezione, scandaglierà la sua coscienza, fino a leggere in se stessa con grande ed enorme chiarezza. Finalmente Masa è contenta: Sergej la stima, l'apprezza, l'ascolta, la sprona a studiare e migliorarsi sempre più. Ma Sergej è un uomo rigido, severo, governato da regole morali estremamente ferree, e Masa intuisce che per piacergli deve curare la sua anima, la sua interiorità, perché l'aspetto estetico, come tutto ciò che è legato ai beni materiali e mondani è estraneo ed indifferente all'etica di Sergej.

Masa inizia a fare suoi i rigidi valori di Sergej: è sempre meno interessata al suo aspetto, legge moltissimo, inizia a vivere per gli altri dimenticando se stessa.

In realtà Masa continua a vivere per se stessa perché per ogni minima attenzione dedicata agli altri, prova un forte autocompiacimento, il suo io non è dimenticato, semmai esaltato da questo "gioco". Fino a quando, dopo il matrimonio, Masa inizia a sentire sempre più forte la noia di una vita ritirata, dove ogni ora della giornata è scandita da un rituale, dove ogni decisione è delegata alla suocera, presenza incombente e temuta. Masa inizia a sentire sempre più pressante il desiderio di vita, di mondanità, di ammirazione. Al riguardo mi sembra significativo il seguente brano:

"Nel mio gabinetto, arredato dalle cure diligenti di Tat'jana Semenovna, erano i mobili migliori, di diversi secoli e forme differenti e, fra l'altro, un'antica specchiera nella quale da principio non potevo guardarmi senza provare un senso di timidezza, ma che, in seguito, mi divenne cara come una vecchia amica."

Lo specchio è la metafora della vanità umana, esso ci consente di vederci, contemplare la nostra figura, ammirare la nostra bellezza.

Masa, all'inizio della sua vita matrimoniale, quando ancora era presa dalla contemplazione della sua anima, prova timidezza all'idea di contemplare se stessa, la sua bellezza, ma nel momento in cui viene lusingata dalla vita mondana, cambia atteggiamento anche nei riguardi dello specchio, visto come un amico nel quale guardarsi ed attraverso il quale amarsi.

Ma Sergej non segue Masa in questa evoluzione della sua anima e della sua personalità, l'idea di frequentare la società gli rimane estranea, non gioisce dei successi della moglie, spesso quando sono all'estero addirittura si separano frequentando località diverse.

Masa spesso si chiede cosa ne sia stato di quell'amore che sembrava così forte, così speciale, mentre ora sente solo vuoto e rimpianto anche se apparentemente non è cambiato nulla.

(Giovanna Nobile) fonte: www.letteratour.it
inserisci il prodotto nel carrello
Altri libri nella categoria: Vita in campagna
Altri libri dell'autore: Lev Tolstoj
Altri libri dell'editore:

Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




SCONTO 5% !!!
35.000 titoli
di 470 editori
con sconto 5%
!
SCONTI ON LINE
Spedizione Gratuita 
su ordini sopra 35 euro
e ancora Sconto 5%
per quasi tutti i titoli
NOVITÀ
L'Ultima Donna
Romanzo
L'Inglesa
Nutrirsi Meglio
La consapevolezza di perdere peso
Siamo Passi sul Mare
Le sette chiavi per ritornare all'unione
Franco Battiato
Niente è come sembra - Simbologia dei testi
Riflessologia Plantare Emozionale Integrata Metodo Debora Selmi
Manuale pratico
Una Vecchiaia Attiva e Brillante con la PNEI
Approccio naturale anti-aging
Tantra Oro
Energia sessuale e guarigione
Le Religioni e il Folklore dell'Europa Orientale
Da Zalmoxis a Gengis-Khan
Gustavo Adolfo Rol - L'Uomo oltre l'Uomo
Con lettere e diari inediti
Dolce Nanna
Comprendere e favorire la nanna del nostro bambino
La Dieta del Metodo Kousmine
Rafforzare il sistema immunitario per prevenire e combattere le malattie autoimmuni
La Storia del Mago Merlino
Un Invito alla Libertà
Risveglio immediato per tutti
Shippai - Cadi Sette Volte - Rialzati Otto
La via giapponese al fallimento positivo
L'Umano Universale
Come creare nuova consapevolezza e autentico potere
Conosco la Tua Password
Manuale di autodifesa informatica
Simbologia di Urano
Le energie sottili e la grande connessione
Simbologia di Marte
Affermazione e difesa personale
Simbologia di Mercurio
Il folletto dello Zodiaco
Simbologia di Giove
Il ponte verso il transpersonale
L'Uomo Capriolo
Vivere il bosco come scelta di vita
Ucraina - Dal Donbass a Maidan
Cronache di una guerra annunciata
La Pace Interiore
Liberarsi dall'ansia, dalle paure, dai pensieri negativi
Un Mondo Senza Email
Ripensare il lavoro nell'era del sovraccarico informativo
Costruiremo Insieme Qualcosa di Grande
10 semplici passi per vivere un amore puro
Svezzamento e Allattamento
Dall'introduzione dei cibi solidi al termine dell'allattamento
Il Destino in Fondo al Cuore
Ascolta te stesso e trova il tuo sentiero
Da una Vita all'Altra
Fine - Inizio
Edizione essenziale di La Fine è il Mio Inizio
altre novità
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

Terra Anima Società
volume 2

Terra Anima Società<br>volume 2
vedere le cose nel loro insieme
Terra Anima Società
volume 1

Terra Anima Società<br>volume 1
vedere le cose in connessione
Bellezza
senza Tempo

Bellezza <br>senza Tempo
Il mondo sarà salvato dalla bellezza
Satish KUMAR
una via attiva per l'armonia tra terra anima e società
Jean VALNET
Lo Yoga Integrale di Sri Aurobindo e Mere
Ansia e Depressione
Alexander Lowen e la bioenergetica
Ken Wilber
Alan Watts
La terapia delle costellazioni familiari
Thich Nhat Hanh
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: [email protected] - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it