Il problema dell'umanità è che gli stupidi sono sempre molto sicuri,
mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi. (B. Russell)
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
     News
Ricerca libera
cerca
anno:
mese:
 

Calendario eventi
dal mese
dall'anno
 

piemonte e val d'aosta lombardia trentino alto adige veneto friuli emilia romagna liguria toscana marche umbria lazio Abbruzzo e molise abbruzzo e Molise campania puglia basilicata calabria sicilia sardegna
BOLOGNA   FIRENZE   MILANO   ROMA   INTERNAZIONALI  


ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail


Argomenti
NOTIZIE ED EVENTI
CORSI E SEMINARI
VIAGGI & VACANZE
CONVEGNI - INCONTRI
FIERE E MERCATINI
CONCERTI
MOSTRE D'ARTE
SPETTACOLI
ASSOCIAZIONI E SCUOLE
AZIENDE E NEGOZI
AGRITURISMI
MONDO BIOLOGICO
MEDICINA NATURALE
ECOLOGIA E AMBIENTE
SOCIETA' E SOLIDARIETA'
RICERCA SPIRITUALE
YOGA
ENERGIE RINNOVABILI
BIOEDILIZIA
VIVERE INSIEME
CERCO/OFFRO
SEGNALAZIONI
TERAPIE OLISTICHE
Cerca per area geografica
ABRUZZO E MOLISE
BASILICATA
CALABRIA
CAMPANIA
EMILIA ROMAGNA
FRIULI
LAZIO
LIGURIA
LOMBARDIA
MARCHE
PIEMONTE E VAL D'AOSTA
PUGLIA
SARDEGNA
SICILIA
TOSCANA
TRENTINO-ALTO ADIGE
UMBRIA
VENETO
BOLOGNA
FIRENZE
MILANO
ROMA
INTERNAZIONALI
Archivio Dossier
<< torna indietroArgomento NEWS: NOTIZIE ED EVENTI 5826 News in archivio
pagina precedente   Pagine totali: 32 [1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 ]   pagina successiva
NUOVA DELHI SULL'ORLO DEL COLLASSO NUOVA DELHI SULL'ORLO DEL COLLASSO data 22/07/2014

Inquinamento e traffico stanno portando New Delhi all'esplosione. Con 80 milioni di veicoli circolanti e mille nuove immatricolazioni ogni giorno, la rete stradale si sta rivelando completamente insufficiente nonostante la massiccia costruzione di sopraelevate degli ultimi anni New Delhi, seconda metropoli più popolosa al mondo con 25 milioni di abitanti è sull'orlo del collasso per gli enormi problemi causati dal sovraffollamento in termini di inquinamento, trasporto urbano inadeguato, scarsità idrica e l'assenza di pianificazione urbanistica.



RICICLO AL 70% ENTRO IL 2030 RICICLO AL 70% ENTRO IL 2030 data 22/07/2014

Riciclaggio del 70% dei rifiuti urbani e dell'80% dei rifiuti di imballaggio entro il 2030 e, a partire dal 2025, il divieto di collocare in discarica i rifiuti riciclabili. Questi i nuovi obietti proposti dalla Commissione Europea per ridurre l'impatto ambientale e le emissioni di gas a effetto serra nel vecchio continente. Viene proposto anche un impegno maggiore per la riduzione dei rifiuti marini e alimentari. Non si tratta solo di benefici ambientali, per Bruxelles le misure proposte “creerebbero 580 000 nuovi posti di lavoro, rendendo l'Europa più competitiva e riducendo la domanda di risorse scarse e costose”.



STAND-BY NON SIGNIFICA SPENTO STAND-BY NON SIGNIFICA SPENTO data 22/07/2014

dai dispositivi elettronici sprechi per 80 miliardi di dollari l’anno * IEA: ci sono già le tecnologie per risparmiare 600 TWh, quanto producono 200 centrali a carbone L’International energy agency (IEA), ha presentato il rapporto “More Data, Less Energy: Making Network Standby More Efficient in Billions of Connected Devices” secondo il quale «Oggi nel mondo ci sono 14 miliardi di dispositivi elettronici - come set-top box, modem, stampanti e console da gioco – che sprecano circa 80 miliardi di dollari all’anno a causa della tecnologia inefficiente». Un problema destinato a peggiorare entro il 2020, quando secondo l’IEA andranno sprecati 120 miliardi di dollari.



USA, PIU' GRANDE PRODUTTORE DI PETROLIO E GAS USA, PIU' GRANDE PRODUTTORE DI PETROLIO E GAS data 22/07/2014

Il D-day per la rivoluzione energetica americana è arrivato prima del previsto. Secondo i dati raccolti e diffusi oggi in un rapporto da Bank of America, una delle più grandi banche commerciali al mondo, gli Stati uniti hanno raggiunto la vetta dei produttori di energia fossile: nei primi 6 mesi dell’anno nessun’altro ha prodotto più petrolio greggio, neanche l’Arabia saudita. Un dato che, sommato all’altro record di produzione energetica (quello di gas naturale, conquistato già nel 2010) dà una prospettiva più chiara del successo economico che è tornato da tempo a contraddistinguere le performance americane.



AL VIA FINALMENTE IL PROGETTO VenTO? AL VIA FINALMENTE IL PROGETTO VenTO? data 21/07/2014

Lungo il Reno c’è una cicloturistica. Lungo il Danubio pure. Lungo il Po no. Se ne parla da anni, ma non se ne è mai fatto nulla. Adesso c’è qualcosa di più concreto, un progetto del Politecnico di Milano, dal nome attraente: “Vento“. Che non è il vento, bensì l’acronimo di Venezia-Torino. La ciclopista che congiungerebbe le due città transitando sulle sponde del fiume padano. In parte utilizzando percorsi esistenti, in parte adeguando strutture già in loco, in parte solo realizzando ex novo. Infatti, Vento costerebbe solo ottanta milioni di euro. Ottanta milioni di euro per realizzare la più lunga ciclabile italiana ed una delle più lunghe d’Europa.



INAUGURATA A PALERMO NUOVA LINEA DI TRAM INAUGURATA A PALERMO NUOVA LINEA DI TRAM data 21/07/2014

La mobilità di Palermo tira un sospiro di sollievo. E' stata inaugurata oggi la prima delle tre linee di tram-metro della città, finora vera e propria capitale del traffico urbano. Nei giorni in cui si festeggia Santa Rosolia, patrona della città, il sindaco Leoluca Orlando ha tagliato il nastro della linea 1 che collegherà il centro della città con Roccella. Per il momento saranno in funzione 4 dei 5,5 chilometri complessivi della prima linea di tram. Entro il 2015 verranno completate tutte e tre le linee in progetto per un totale di 30 chilometri di rotaie installate con il relativo risparmio in termini di traffico, smog ed emissioni di CO2.



INAUGURATO ORTO URBANO NEL CUORE DI TORINO INAUGURATO ORTO URBANO NEL CUORE DI TORINO data 21/07/2014

In un precedente articolo l’avevamo annunciato ed ora eccolo qui: l’orto urbano nel cuore storico di Torino è stato inaugurato. È “Cascina Quadrilatero”, l’orto recuperato da un giardino abbandonato in piazza Emanuele Filiberto. L’area, che da anni era trascurata e ricoperta da erba incolta, ha riavuto nuova vita e, ancora una volta a Torino, diventa uno spazio comune da poter condividere. «Tutti potranno prendere la verdura che vorranno» – spiega Davide Almondo, uno degli organizzatori. E l’idea parte proprio da lui e dal suo collega Marco Migliardi che a Venaria Reale e Borgaro gestiscono Garden chef, una serie di orti in cui coltivano verdura e ortaggi che poi rivendono ai locali di ristorazione del luogo. L’idea torinese è un po’ diversa.



LA BATTAGLIA PER L'INCENERITORE DI PARMA LA BATTAGLIA PER L'INCENERITORE DI PARMA data 21/07/2014

"Dopo le sentenze del TAR che hanno spalancato le porte alla partenza dell’inceneritore, e nonostante un filone giudiziario ancora aperto per situazioni non chiare riguardanti la sua costruzione, la nostra battaglia politica non ha mai conosciuto soste. Oggi intendo fare chiarezza dopo importanti risultati ottenuti dalla mia squadra di Giunta, soprattutto nei confronti dei miei concittadini e di tutti quegli attivisti che mi scrivono interessati e ansiosi di conoscere l’evolversi dei fatti. Ad oggi l’azione e gli sforzi si sono concentrati sul fronte dei controlli e sulla determinante riduzione dei rifiuti, che ha avuto il merito di affamare in modo irreversibile l’inceneritore.



LA CAVALLERIZZA REALE ALLA COLLETTIVITA' LA CAVALLERIZZA REALE ALLA COLLETTIVITA' data 21/07/2014

* “Da venerdì 23 maggio la Cavallerizza Reale è stata riaperta alla città…”. Così inizia l’appello difendiamo la Cavallerizza, pubblicato su change.org, che è possibile sottoscrivere on-line. Ma vediamo di riassumere in breve la vicenda (con tutti i rischi di imprecisioni che si possono correre in casi contorti come questo), inizialmente descritta dai media come una “tipica” occupazione di proprietà pubblica, ideata e diretta dai soliti gruppetti estremisti in cerca di gloria. In verità, venerdì 23 maggio un gruppo di abitanti di Torino ha sentito l’esigenza di far rivivere questo meraviglioso pezzo di territorio, occupandolo per evitare che la Cavallerizza Reale (parte del Palazzo Reale di Torino, Patrimonio dell’Unesco) finisca per essere svenduta a privati, interessati a trasformarla in appartamenti di pregio.



LA TRAPPOLA DELLA FLESSIBILITA' DEL LAVORO LA TRAPPOLA DELLA FLESSIBILITA' DEL LAVORO data 21/07/2014

Alla politica di moderazione salariale e alla crescente flessibilità del lavoro la risposta delle imprese è stata il disimpegno negli investimenti e nella ricerca. Nel 1930 scriveva Keynes che in quegli anni, alla nozione secondo cui «se si paga meglio una persona la si rende più efficiente», si andava sostituendo la massima più moderna «per cui se si paga meglio una persona si rende il suo datore di lavoro più efficiente, forzandolo a scartare metodi ed impianti obsoleti ... elevando così lo standard generale» ("The question of high wages", The Political Quarterly, 1930).



CONSIGLIO REGIONALE VOTA LEGGE AMMAZZA-FORESTE CONSIGLIO REGIONALE VOTA LEGGE AMMAZZA-FORESTE data 18/07/2014

È iniziato presso il Consiglio Regionale della Lombardia l’esame sul progetto di legge su foreste ed agricoltura, ribattezzato da un vasto movimento che va dal CAI a Legambiente la legge “ammazzaforeste”. Essa prevederà, se approvata, la modifica della precedente legge forestale regionale, dando di fatto la possibilità ai sindaci di autorizzare disboscamenti e manifestazioni con mezzi motorizzati su sentieri e mulattiere. Sono 621 mila gli ettari di suolo coperti da boschi e foreste in Lombardia: il 26% del territorio della nostra regione è rivestito da una coltre vegetale che svolge funzioni fondamentali per il benessere dei suoi cittadini, e non solo per godere di paesaggi in cui la natura è protagonista, ma anche per regolare il clima, offrire rifugio a flora e fauna selvatica, produrre aria pulita, prevenire frane ed alluvioni, disporre di materie prime, a partire dal legno, che le foreste in buone condizioni offrono se gestite con attente pratiche selvicolturali.



IL PALISSANDRO RUBATO DEL MYANMAR IL PALISSANDRO RUBATO DEL MYANMAR data 18/07/2014

La fame di legni pregiati dell’industria del mobile cinese sta portando il palissandro del Myanmar verso l'estinzione. Il boom del multi-miliardario settore cinese del mobile, si rifornisce di palissandro illegale per fornire alla ricca élite del paese moblii di lusso in stile Ming e Qing (assieme noti come 'hongmu’). Una pubblicazione recentemente pubblicata dall'Environmental Investigation Agency (EIA), Myanmar’s Rosewood Crisis mette in guardia sul rischio di estinzione delle specie più ricercate del Myammar, tamalan e padauk, se il trend attuale non sarà fermato. Un precedente briefing dell’associazione, Routes of Extinction (rotte dell’estinzione) documentava le conseguenze della caccia al palissandro in tutta la regione, dal Siam alla Thailandia.



INDONESIA BATTE BRASILE 2 A 1 INDONESIA BATTE BRASILE 2 A 1 data 18/07/2014

L’Indonesia batte il Brasile nel campionato della deforestazione. Secondo un nuovvo studio, l’Indonesia ha perso 840.000 ettari di foresta nel 2012 rispetto ai 460.000 ettari perduti in Brasile. Secondo un alto funzionario incaricato della gestioni dei dati sulla deforestazione, l’Indonesia avrebbe riportato dati sulla deforestazione molto più bassi rispetto all’entità reale del fenomeno. Secondo l’ONU, sulla base die dati forniti dal governo indonesiano, il paese asiatico ospita la terza più grande foresta pluviale, dopo l'Amazzonia brasiliane e il Congo.



NIENTE FORESTE AI TRIVELLATORI IN PENNSYLVANIA NIENTE FORESTE AI TRIVELLATORI IN PENNSYLVANIA data 18/07/2014

Centinaia di manifestanti si sono riuniti questa settimana chiedendo al governatore Tom Corbett di imporre una tassa ai trivellatori per aumentare le entrate, invece di cedergli le foreste e i parchi naturali per espandere l’estrazione di gas naturale. Secondo i manifestanti, le risorse naturali non hanno prezzo, e il piano del governatore è un pessimo investimento a lungo termine. Il governatore Tom Corbett dice il leasing potrebbe generare 70 milioni dollari per contribuire a colmare il deficit di bilancio. "Penso che sia veramente stupido rovinare le foreste e parchi, per necessità di denaro", ha detto uno dei leader dei manifestanti, Wendi Taylor. "Saranno molto più preziosi in futuro."



PERU': ALLA POLIZIA LICENZA DI UCCIDERE PERU': ALLA POLIZIA LICENZA DI UCCIDERE data 18/07/2014

Sono passati cinque anni da quando nel nord del Perù è stata repressa in maniera violenta una protesta pacifica degli indigeni Awajùn e Wampis contro alcune leggi che avrebbero facilitato lo sfruttamento delle risorse naturali nei loro territori da parte delle compagnie estrattive. Leggi che rispondevano alle disposizioni introdotte dall'accordo di libero commercio tra Stati Uniti e il Paese andino. Gli indigeni avevano bloccato un'autostrada vicino alla città di Bagua ma, nonostante un accordo preso con la polizia secondo cui il sit in si sarebbe esaurito nello spazio di alcune ore, le stesse forze dell'ordine hanno attaccato gli indigeni, sparandogli contro. Una scintilla che ha scatenato una vera e propria “battaglia”, con 20 morti (10 poliziotti e 10 dimostranti), oltre 200 feriti (80 centrati da pallottole).



RICHIAMI ILLEGALI RICHIAMI ILLEGALI data 18/07/2014

In Italia ogni anno decine di migliaia di uccelli migratori vengono mutilati, accecati e segregati in micro-celle legalmente per farne esche vive per la caccia. “La cattura dei piccoli uccelli è vietata dalla direttiva Comunitaria, ma che l’Italia ha continuato a catturare oltre 1 milione di merli, allodole, tordi” spiega Mamone Capria, di Lipu-BirdLife. I richiami vivi sono piccoli uccelli migratori la cui esistenza di natura, viaggio e libertà viene bruscamente interrotta da una rete che li cattura e da una gabbia di pochi centimetri che li tiene prigionieri per tutta la vita. Un abominio, contro natura e contro le regole del buon senso, che ha spinto 50mila italiani a firmare in poche settimane la petizione della Lipu e successivamente centinaia di migliaia di persone ad aderire alla richiesta di abolizione.



TURCHIA: 125 ETTARI DI BOSCO MEDITERRANEO IN FUMO TURCHIA: 125 ETTARI DI BOSCO MEDITERRANEO IN FUMO data 18/07/2014

Un enorme incendio appiccato il 28 nei pressi di Adrasan Bay, nella provincia meridionale del distretto Kumluca di Antalya, in Turchia, ha completamente distrutto 125 ettari di foreste. La Adrasan Bay è rinomata per le sue spiagge, e le fiamme hanno colpito anche l’area turistica, distruggendo quattro alberghi, un ristorante e un negozio. I vigili del fuoco spediti verso la zona - supportati da squadre provenienti dalle province limitrofe di circostanti - solo a malapena riusciti a controllare l’incendio prevenendone l’ulteriore espansione. S’econdo i funzionari, l’incendio è stato probabilmente innescato da braci di barbecue. Molti hotel di Adrasan sono stati evacuatie durante l'incendio, e l'esplosione delle bombole di gas in un ristorante incendiato ha causato il panico.



UNESCO: SI ALLE FORESTE PROTETTE UNESCO: SI ALLE FORESTE PROTETTE data 18/07/2014

Il Comitato del patrimonio mondiale dell'Unesco ha respinto la richiesta del governo liberale di Tony Abbott di togliere il prestigioso status di "patrimonio dell'umanità"alle foreste della Tasmania. La riunione del comitato tenuti a Doha ha impiagato appena solo sette minuti per esaminare e bocciare la proposta. Nessun paese membro si è espresso in favore dell'offerta di depennare dall'elenco 74,00 ettari di foresta, proposta che secondo l'Unesco indebolirebbe la Tasmanian Wilderness Mondiale Heritage Area. La Colombia e la Germania hanno sostenuto il rifiuto della proposta, e il delegato del Portogallo ha insistito sul rischio dei un indebolimento dello stesso sistema del Patrimonio Mondiale.



VISIONE GLOBALE SULLA CARTA PER UN MONDO SOSTENIBILE VISIONE GLOBALE SULLA CARTA PER UN MONDO SOSTENIBILE data 18/07/2014

La carta viene ancora prodotta distruggendo preziosi ecosistemi, eppure potrebbe essere un prodotto ecologico e pienamente sostenibile. Come? Lo spiegano le associazioni ambientaliste di tutto il mondo, con la Visione Globale sulla Carta, un documento sottoscritto da oltre 120 gruppi, tra cui gli italiani WWF, Greenpeace, Terra!, Legambiente e Amici della Terra. “Siamo orgogliosi di svelare una nuova e potente Visione globale frutto di una miriade di voci, che sfida l'industria cartaria indicando pratiche più sostenibili” sostiene il comunicato stamp della rete Environmental Paper Network (EPN). http://www.environmentalpaper.eu/2014/06/17/our-new-global-paper-vision/



IL CASO MARIA GRAZIA BIAGINI IL CASO MARIA GRAZIA BIAGINI data 26/05/2014

Maria Grazia Biagini, ostetrica libera professionista, è stata sospesa per sei mesi dall'attività professionale, dal Collegio interprovinciale di Pisa Massa Carrara Livorno, suo collegio di appartenenza. La Commissione Centrale per gli Esercenti la professione sanitaria, avendo rigettato il suo ricorso, ha reso esecutiva la sanzione dal 28 aprile 2014. L'accusa è quella di aver violato il codice deontologico delle ostetriche, avendo contribuito alla formazione di figure di sostegno al percorso nascita quali le doule (definite in quella sede come “persone che possono creare danno alla salute della donna e del bambino”). Ne approfittiamo per segnalare che il codice deontologico delle ostetriche italiane prevede, tra le altre cose, che l'ostetrica contribuisca alla formazione di personale di supporto (art. 2.4).



pagina precedente   Pagine totali: 32 [1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 ]   pagina successiva

Invia le tue news ANNUNCI E PUBBLICITÀ FIORIGIALLI
Hai delle notizie interessanti?       Inviacele subito!       le migliori verranno pubblicate!

Mittente (e-mail)
Testo della news
 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it